L’etranger à Auxerre

Yves Bergeret

Les mots avancent sur les lignes des rides,
à pas alternés, sur les crêtes de la montagne
où l’on se salue, vifs, calmes, clairs.

Le parole avanzano sul filo delle rughe,
a passi alterni, sulle creste della montagna
dove ci si saluta, vivi, sereni, chiari.

Continua a leggere L’etranger à Auxerre

Compi una buona azione

IL 17 MAGGIO, IN OCCASIONE DELLA
GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA,
COMPI UNA BUONA AZIONE:
ADOTTA UN OMOFOBO,
NON LASCIARE DA SOLO AL SUO INFELICE DESTINO
UN TUO SIMILE AFFETTO DA UNA COSI’
DEVASTANTE PATOLOGIA!

 

NON FAR FINTA DI NIENTE,
DUNQUE, NON RIMANDARE.
E’ PIU’ FACILE
DI QUELLO CHE SEMBRA,
SOPRATTUTTO
SE VIVI IN ITALIA:
TI BASTA SOLTANTO
USCIRE DI CASA,
E NON HAI CHE L’IMBARAZZO
DELLA SCELTA.’


La terra del mio poema

Verde la terra del mio poema, verde e alta…
Mi appare dal fondo del mio abisso…
Sei straniero, nel tuo significato.
Ti basta essere là, solo, per diventare tribù.
Ho cantato per pesare lo spazio sprecato
nel dolore della colomba,
non per spiegare ciò che Dio dice all’uomo…

Continua a leggere La terra del mio poema

L’immagine sul muro

Ici se lève l’aube de l’écriture
qui est mouvement de la pensée vers le silence.

Qui spunta l’alba della scrittura,
che è movimento del pensiero verso il silenzio.

Continua a leggere L’immagine sul muro

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Blog su WordPress.com.