Bevendo il tè con i morti – di Livia CANDIANI

emilio merlina

Livia Candiani, Bevendo il tè con i morti, Prefazione di Vivian Lamarque, Milano, Viennepierre Edizioni, 2007.

Bevendo il tè con i morti

Un morto con una risma di fogli in mano
invita il vecchio ciliegio del giardino
a muovere i primi passi
fuori dalle radici Continua a leggere Bevendo il tè con i morti – di Livia CANDIANI

Annunci

Tutti i poeti sono in esilio – di Antonio PRETE

(Relazione di Antonio Prete al Convegno di studi, tenutosi a Roma dal 10 al 12 marzo 2005, presso l’Università “La Sapienza”, sul “Tema dell’esilio, della migrazione e del “dispatrio“, organizzato da Silvia Tatti e Franca Sinopoli in collaborazione con il Dipartimento di Letteratura italiana.)

Tratto da www.zibaldoni.it – II serie, 4 aprile 2005

Tutti i poeti sono in esilio

Per la poesia l’esilio non è un tema, e spesso non è neppure una condizione del poeta, è il nesso tra esistenza e lingua, è quel che porta la lontananza a farsi parola, la separazione ritmo. Ospitalità del perduto, e dell’irreversibile, nella lingua. La terra da cui il poeta è in esilio può avere l’abbagliante trasparenza della luce – alla quale “gli uomini preferirono piuttosto le tenebre” – o la fuggitiva inconsistenza delle nuvole, cioè della forma in continua metamorfosi. Continua a leggere Tutti i poeti sono in esilio – di Antonio PRETE