L’immaginario occhio di Dio – Giampiero NERI

Natura, storia e memoria nella poesia di Giampiero Neri

Ho conosciuto la poesia di Giampiero Neri nel 1980, nel volume Poesia Uno curato da Maurizio Cucchi e Giovanni Raboni e pubblicato da Guanda. I testi che vi leggevo, presentati col titolo di Villa Nena, assolutamente spiazzanti rispetto all’idea di poesia che avevo maturato nel corso dei miei studi, sarebbero confluiti poi in Liceo (Acquario – Guanda, 1982), il suo secondo libro dopo L’aspetto occidentale del vestito (Guanda, 1976), opera che l’aveva fatto conoscere, suscitando immediatamente l’attenzione della critica, allora sicuramente più libera e ricettiva, e il concreto interesse del pubblico dei lettori. In seguito ha dato alle stampe, oltre a qualche plaquette o a testi su riviste, una produzione distillata negli anni con grande parsimonia (Dallo stesso luogo, Coliseum, 1992) e confluita, in una sorta di primo resoconto generale, in Teatro naturale (Mondadori, 1998). Continua a leggere L’immaginario occhio di Dio – Giampiero NERI

Annunci

Giustizia per Federico ALDROVANDI

All’alba del 25 settembre 2005 il diciottenne Federico Aldrovandi muore ammanettato a faccia in giù, in una pozza di sangue durante un controllo di polizia. Federico era solo, disarmato e incensurato. La Questura di Ferrara all’indomani dei fatti fornisce diverse versioni, ambigue e contraddittorie. Federico viene descritto come un tossicodipendente, un autolesionista, un violento. Nessuna delle tre definizioni corrisponde al vero. Dopo alcuni mesi di estenuante attesa, la madre di Federico decide di aprire un blog per trovare le risposte che la Questura non aveva ancora dato. Da quando la vicenda diventa nota, attraverso i giornali ed Internet, in Italia e all’estero, le versioni contrastanti crollano una dopo l’altra. In Parlamento l’ex ministro Giovanardi ammette che due manganelli sono andati rotti durante la colluttazione. Vengono rese pubbliche le foto di Federico dopo la morte che dimostrano inequivocabilmente la violenza da lui subita. Parte finalmente una vera e propria inchiesta e i quattro agenti coinvolti vengono iscritti nel registro degli indagati. Le peggiori ipotesi di pestaggio suscitate dalle fotografie sembrano trovare conferma nei racconti dettagliati di testimoni oculari.

Continua a leggere Giustizia per Federico ALDROVANDI