Pedro Páramo – di Juan RULFO


(Diego Rivera, The day of the dead, 1923-24)

[Juan Rulfo, Pedro Páramo, traduzione di Emilia Mancuso, Milano, Feltrinelli, “Le Comete”, 1960, pag. 5-10 (Pedro Páramo, México, Fondo de Cultura Económica, 1955)]

*

Venni a Comala perché mi avevano detto che qui viveva mio padre, un certo Pedro Páramo. Fu mia madre a dirmelo. E io le promisi che, dopo la sua morte, sarei andato a trovarlo. Le strinsi le mani per confermarle la mia promessa; stava per morire, e io, in quel momento, avrei fatto qualunque cosa. “Va a trovarlo, ti prego, non te ne dimenticare,” mi raccomandò. “Si chiama così e così. Sono certa che sarà contento di conoscerti.” Continua a leggere Pedro Páramo – di Juan RULFO

Lavoro da fare (I) – Biagio CEPOLLARO

luna.jpg

Da Versi nuovi (1998-2001), Oedipus Ed., 2004

www.cepollaro.it/vntest.htm

il piccolo e il grande  (1923, 1997)

                                       (tra Carlo, il padre e Carlo, il figlio)

   

il piccolo chiede perché c’è buio e perché

luce
Continua a leggere Lavoro da fare (I) – Biagio CEPOLLARO

Index vacuus – Nanni Cagnone

tommaso-cascella-corpo-damore-1998.jpg
(Tommaso Cascella, Corpo d’amore, 1998)

*

Testi da INDEX VACUUS

(Nanni Cagnone, Index Vacuus. Poems. Translated from the Italian by Richard Milazzo with the author, New York, Edgewise Press, 2004)

Giorni anneriti
e segnature d’infanzia.
Infine, questa stanza
oscuramente formata,
e oscura. Continua a leggere Index vacuus – Nanni Cagnone

L’acqua destinata alla nascita – Flavio ERMINI

magdalo-mussio-chiarevalli-monodico.jpg

(Magdalo Mussio, Chiarevalli Monodico)

FLAVIO ERMINI

Ur-Poema n. 4. Tra pensiero

01. Di Pietra

                        le braccia che danno forma alla morte per avere da essa parola, come l’acqua destinata alla nascita o il sangue duplicato nel volo, altro la morte non dà
Continua a leggere L’acqua destinata alla nascita – Flavio ERMINI

Il corpo vertiginoso dell’attesa – Ilaria SECLI’

enrico-zingaretti-riflessi-2005.jpg

(Enrico Zingaretti, Riflessi, 2005)

Da “D’indolenti dipendenze”, Besa, 2005

Verifica d’Impatto Umano

ma potrei metterci vasi di fiori
rossi
su questi fianchi larghi
inutilizzati
o bordarli di centrini tirolesi
o farne autostrade d’accoglienza
per poeti frustrati barboni puttane. Continua a leggere Il corpo vertiginoso dell’attesa – Ilaria SECLI’

La lingua plurale del senso – Antonio DIAVOLI

federico-federici-lalfabeto-tradotto-2007.jpg
(Federico Federici, L’alfabeto tradotto, 2007)

da Schemi dell’ombra

16 settembre 2007

Le cose nei loro nomi invisibili sono il mondo

muto, una cosa sola in esso, il mondo all’oscuro

di tutto, compreso solo al fuoco che divora di continuo
Continua a leggere La lingua plurale del senso – Antonio DIAVOLI

Apprendimento di cose utili (I) – Gennaro GRIECO

marionette-di-praga.jpg

FRA GLI ORTI SENZA UN NETTO DI CONFINE

(Erpicanti Erranti)

 

Al teatro muto dei figuranti
(Sotto i cieli di Torino)

Ma quale sarà il Nord su queste strade,

compagni miei che ancora seguitate,

dove sarà la tappa del riposo

o il miracoloso unguento che allevia

il passo – acqua fresca per le ferite?
Continua a leggere Apprendimento di cose utili (I) – Gennaro GRIECO

Oralità Poesia Scrittura (I) – Lello VOCE


(Silvio Merlino, Falena Amazzonica con mina anti-uomo, 1999)

Romance: i due passanti

(Da Lello Voce, I segni i suoni le cose, Manni editore, 1995)

[Ascolta il file .mp3 della regsitrazione del vivo della performance tenuta a Ginevra, nel 1994, nel corso di una serata per celebrare William Burroughs, nell’ambito del Festival de la Batie, diretto da Vincent Barras.]

*

sull’epa sull’epa dove posa il kore sulla sventraglia la parpaglia hic
i due passanti:quello distinto con il vestito grigio e quello distinto
con il vestito grigio
abbandonati a questa sterpaglia di sensazioni
alla mitraglia che raglia l’impiglia senz’alma né epa senz’occhi più
Continua a leggere Oralità Poesia Scrittura (I) – Lello VOCE

Jaroslav SEIFERT tradotto da Sergio CORDUAS

mozart_praha.jpg

Mozart a Praga
Tredici rondò su Praga

(Mozart v Praze. Třináct rondeaux o Praze, 1951)

I

Kdybych na flétnu umě hrát,
tak jako umím verše s rýmy!
[…]

Ah, se il flauto io sapessi suonare
come so fare i versi in rima!
La parola? Che vuoi che esprima
per colei che ha voglia di danzare
Continua a leggere Jaroslav SEIFERT tradotto da Sergio CORDUAS

Lettera aperta di Sante BERNARDI al Ministro della Salute Livia Turco

QUESTO BLOG E’ VICINO A SANTE BERNARDI NELLA SUA LOTTA CONTRO LA SLA E CONTRO UN SISTEMA OTTUSO E BESTIALE CHE NEGA LE PIU’ ELEMENTARI LIBERTA’ ALLA PERSONA, AD INIZIARE DA QUELLA DI CURARSI E DI VIVERE.

PER IL DIRITTO INALIENABILE DI OGNI ESSERE UMANO AD AVERE LIBERO ACCESSO, SE LO DESIDERA, AGLI ULTIMI RITROVATI DELLA SCIENZA.

PER IL DIRITTO DI TUTTI DI POTER VIVERE DIGNITOSAMENTE NON SOLO LA PROPRIA ESISTENZA, MA ANCHE UNA EVENTUALE MALATTIA E LA PROPRIA MORTE.

FORZA, SANTE.

Il libro di Egon – di Stefano ZANGRANDO

g-de-chirico-melanconia-1912.jpg

1

Egon Ventura atterrò a Berlino il 29 ottobre 2000, nel tardo pomeriggio. Aveva alle spalle venticinque anni di vita vissuta tra virgolette all’ombra di un monumento fascista, in tasca un’inutile laurea in lettere brillantemente conseguita quattro mesi prima e in banca un gruzzolo di proporzioni assai modeste, frutto di un’estate d’intenso lavoro come inserviente aggiunto in un autogrill dell’autostrada del Brennero. Uscì dall’aeroporto di Tegel trascinando il suo pesante bagaglio e salì sull’autobus 128, il quale, secondo le indicazioni della mappa contenuta nella sua nuovissima guida turistica, lo avrebbe portato alla più vicina fermata della metropolitana U6, quella il cui percorso era indicato dalla linea viola. Fiducioso, richiuse il libretto. L’autobus chiuse le porte e partì. Continua a leggere Il libro di Egon – di Stefano ZANGRANDO