Tra el lusch e’l brusch di Francesco PISCITELLO nella lettura di Adele DESIDERI

daemmerung-2001.jpg
(Alice Czech, Dämmerung, 2001)

Francesco Piscitello, Tra el lusch e’l brusch, Edizioni Nuove Scritture, Abbiategrasso (MI), 2007.

“Io son solo poeta di silenzi.//” (“mì son domà poètta de silenzi.//”, pag. 15), scrive Francesco Piscitello in questa sua nuova raccolta di poesie. E da poeta sa accostarsi al non detto con il giusto tatto. Nell’incavo della coscienza crepuscolare, tra il lusco e il brusco, mentre il giorno muore ed il suo sguardo visionario abbandona la razionalità per immergersi nel dormiveglia, egli transita nel crocevia creativo, magico, della rêverie. Allude, musica il senso, fa tacere la volgarità della parola quotidiana e permette alla metafora di volare alto.

Il termine “lusco” è un termine arcaico “risalente a Boccaccio, (… e indica) «una persona che, per difetto della vista, è costretta a guardare stringendo gli occhi e aggrottando le sopracciglia». È proprio quello che si fa di sera, quando, lontani (…) dalle luci cittadine, le cose non si vedono bene, ma in fondo si presagiscono, perché c’è attesa, presentimento, immaginazione. (… Il poeta tedesco) Novalis attribuisce al passaggio dal giorno alla notte il colore azzurro, il colore del crepuscolo e dell’alba, il colore della transizione, ma nello stesso tempo quello della fusione e della compresenza. Da notare che dämmerung, in tedesco, significa entrambe le cose, cioè alba e crepuscolo. In più, è di genere femminile” (1). Ed il femminile in questo libro appare, non a caso, come una lanterna, un faro, una luce nell’oscurità. Ma il femminile è anche, in molte tradizioni religiose, parola. (Per esempio, nell’induismo la Dea Sarasvati è anche nominata Dea Vac, ovvero Dea della Parola. A lei sono dedicati diversi inni vedici. Essa è il simbolo del Verbo divino, è protettrice della sapienza e della musica. La sua potenza dà ordine alle cose.) Nell’identità di parola-femminino-presentimento Piscitello, quindi, crea la sua poesia. Poesia di riflessione. Poesia di meditazione. Poesia di sospensione.

L’autore scrive in dialetto milanese. Utilizza una lingua morbida, musicale, intrisa di malinconia. Adopera un linguaggio semplice, quello della gente comune. Recupera i valori della tradizione orale, vicina alla cultura antica e primordiale del popolo. Si pone così in quel filone di poesia dialettale che oggi, nel nostro paese, tenta di recuperare, attraverso l’uso della loquela dei padri, l’origine e l’identità culturali delle diverse regioni. Un’operazione degna di stima e di rispetto. Specialmente se si considera quanto ormai il gergo utilizzato dai media – un italiano scompaginato e appiattito nelle sfumature semantiche e stilistiche, infarcito di inglesismi più o meno corretti – omologa non solo la parola, ma addirittura il pensiero di molti.

Come un marinaio esperto, dopo la buriana, attraversa l’oceano guardando con fermezza l’orizzonte e sa che questo è solo una linea immaginaria e che il bel tempo non durerà a lungo, così il poeta si pone nei confronti del suo futuro: le illusioni sono pericolose, gli auspici imperscrutabili. Gli anni passano inesorabilmente ed il tempo a disposizione è limitato. Il viaggio, inoltre, non prevede il ritorno: ”Al mio funerale/ verrà poca gente/ e non so quante lacrime ci saranno:/ però un gran vento/ porterà un diluvio/ di violette, margherite e papaveri.//” (“Adree al mè funeral/ vegnarà pòca gent/ e soo nò quanti làcrim ghe sarann:/ però on gran vent/ el portarà on diluvi/ de violètt, margaritt e popolann.//”, (pag. 23). Allora, quando il “… cielo triste …/” (“… ciel soturno …/”, pag 10) si scurisce per la pioggia che “… par quasi malata/” (“…la par quasi malada/”, pag. 10), l’anima del poeta è “… inzuppata.//” (“… masarada.//”, pag. 10), il suo “… cuore.//” (“… coeur.//”, pag. 11) è pieno di “… lividi…/” (“… morèi …/”, pag. 11).

E la sua memoria – lucida ed ironica al tempo stesso o, altrove, accorata e mesta – si fa parola. Così la poesia diviene una melodia, una ballata nostalgica. Il milanese, d’altronde, ben si presta ad esprimere la mestizia del poeta, il senso di fragilità che egli avverte. La fragilità di un uomo che sa ancora amare, sa vibrare di desiderio per un’altra creatura. È esposto, rischia. E, nel rischio, a volte gli pare di vivere “nell’acquitrino dell’anima distratta.//” (“in del pantan de l’ànima svagada.//”, pag. 25). Allora scrive: “… quando ha scelto/ il mio corpo,/ l’anima ha sbagliato.//” (“… quand l’ha cattaa foeura/ el mè còrp,/ l’ànima l’ha sbagliaa.//”, pag. 40). Ecco perché il poeta della memoria, Piscitello, dedica, per contrasto, il libro ad un bambino del Madagascar, Germain, simbolo dell’infanzia tradita, vessata, maltrattata. La fanciullezza, infatti, è l’età in cui la vita è ancora tutta da scoprire. È l’età in cui il campo della possibilità è più vasto di quello del realtà. È l’età in cui i ricordi sono pochi e le speranze ancora molte, anche quando si è già sofferto tantissimo.

Le poesie di Piscitello sono icone delicate ed eleganti. Sono semplici ed armoniose. Raccontano il senso della vita, l’amore, il dolore. Il poeta ha uno sguardo distaccato, paziente, sarcastico e saggio nei confronti della sofferenza. La conosce bene e ne scrive, tuttavia non se ne lascia sommergere. Anche se a volte egli appare quasi cinico. Tristemente cinico. Coscientemente cinico. Teneramente cinico: “Venite avanti, donne,/ coraggio, venga signora,/ che forse mi è avanzato ancora qualcosa/ in fondo al cuore!/ …/ … come/ al supermercato/ si prende tre e si paga solo due./ Però fate in fretta, donne, su, svelta, signora,/ che manca poco all’ora/ di disfare la baracca e chiudere.//” (“Vegnì innanz, dònn,/ coragg, la vègna, sciora,/ che fòrsi m’è vanzaa ancamò on quaicòss/ in fond al coeur!/…/… compagn/ che in del supermercaa,/ se toeu su trii e se paga domà duu./ Però fì in prèssa, dònn, su svèlta, sciora,/ che manca pòcch a l’ora/ de disfà la baracca e sarà su.//”, pag. 39). La sua voce è comunque sempre nitida, senza sbavature. Le immagini paiono disegnate al tratto. Realizzate con una matita dalla punta sottile, che, sulla pagina bianca, crea forme esatte, compiute, danzanti.

“Ma adesso che è tornato ancora il freddo/ a me è venuta una gran malinconia:/ sono marciti i fiori che erano solo boccioli/ come poveri bambini morti nella culla.//” (“Ma adèss che al frècc l’è tornaa indree ancamò/ a mì m’è vegnuu adòss on gran magon:/ gh’è marscii i fior ch’eren domà botton/ compagn de pòer ninitt mòrt in la cuna.//”, pag. 34). “Magone”, “malinconia”, derivano da “mago” (magus in latino, màgos in greco). Il mago crea inquietudine attorno a sé perché altera il filo della razionalità, sovverte le regole, scompagina il senso comune, crea stupore e toglie certezze. Tra el lusch e’l brusch è un libro che teorizza il turbamento come esperienza essenziale della vita. Come accadimento necessario all’amore. Come quel quid che dà senso all’esistenza.

(Adele Desideri)

Note

(1) Lorella Zauli, Tra il lusco e il brusco. Breve viaggio semantico attorno al crepuscolo
www.istruzionefc.it/uopsa/art_visualizza.asp?ID=122

***

Testi

LA NÒTT

Citto, fa’ nò frecass e ten el fiaa.
Sara sù i oeugg.
L’è adree a vegnì la nòtt!
Lassa che la se pòggia
pian pian
in su i nòster còrp stracch
del tant vèsses amaa,
e poeù làsset andà
al sògn in d’i mè brasc.
Domàndom minga se te voeuri ben
perchè son minga bon de dì paròll:
mì son domà on poètta de silenzi.

LA NOTTE

Taci, non far rumore e trattieni il respiro.
Chiudi gli occhi.
Scende la notte!
Lascia che si posi
pian piano
sui nostri corpi stanchi
da tanto essersi amati,
e poi lasciati andare
al sonno tra le mie braccia.
Non mi domandare se t’amo
perché non son capace di dir parole:
io son solo poeta di silenzi.

*

MAGG

De la passion che l’è mòrta
quèlla nòtt de magg
gh’è restaa domà on regòrd scigaa
in del pantan de l’ànima svagada.

MAGGIO

Della passione morta
quella notte di maggio
è rimasto solo un ricordo annebbiato
nell’acquitrino dell’anima distratta.

*

L’OGGIADA

D’i vòlt me par de pèrdess
in del celèst
fond d’i tò oeugg
che fann vegnì celèst anca i penser!
Ma poeù on’oggiada
la bòrla in sul tò sen,
in sui tò fianch pien, tond e ben formaa.
L’è allora che capissi
che quand l’ha cattaa foeura
el mè còrp,
l’ànima l’ha sbagliaa.

LO SGUARDO

A volte mi pare di perdermi
nel celeste / profondo dei tuoi occhi
che rendono celesti anche i pensieri!
Ma poi uno sguardo / cade sul tuo seno,
sui tuoi fianchi pieni, tondi e ben formati.
È allora che comprendo
che quando ha scelto / il mio corpo,
l’anima ha sbagliato.

*

L’IMBONIDOR

Vegnì innanz, dònn,
coragg, la vègna, sciora,
che fòrsi m’è vanzaa ancamò on quaicòss
in fond al coeur!
On quaicòss de spend pòcch,
ròba d’on quai baiòcch,
ròba a bon mercaa,
compagn d’i fond de magazzin
quand finiss la stagion.
Passion a prèzzi strasciaa!
Amor in liquidazion!
Su, avanti, dònn, coragg:
i basitt hinn in omagg,
i carèzz hinn scuntaa!
Avanti, su, ’se spetii?
L’è ona vera occasion,
profitéves che g’hoo de smaltì
quel pòcch che rèsta,
profitéves de quèsta
giornada per fà on affaron!
Chi me compra on quaicòss
el spend pòcch o nagòtt
e gh’è foo anca un regal
per soramaròss.
Andèmm, coragg: compagn
che in del supermercaa,
se toeu su trii e se paga domà duu.
Però fì in prèssa, dònn, su svèlta, sciora,
che manca pòcch a l’ora
de disfà la baracca e sarà sù.

L’IMBONITORE

Venite avanti, donne,
coraggio, venga, signora,
che forse mi è avanzato ancora qualcosa
in fondo al cuore!
Qualcosa da spendere poco,
roba da qualche baiocco,
roba a buon mercato,
come i fondi di magazzino
a fine stagione.
Passione a prezzi stracciati!
Amore in liquidazione!
Su, avanti, donne, coraggio:
i baci sono in omaggio,
le carezze sono scontate!
Avanti, cos’aspettate?
È una vera occasione,
approfittate del fatto che devo smaltire
quel poco che resta,
approfittate di questa
giornata per fare un affarone!
Chi mi compra qualcosa
spende poco o niente
e gli faccio anche un regalo
per sovrappiù.
Andiamo, coraggio: come
al supermercato
si prende tre e si paga solo due.
Però fate in fretta, donne, su, svelta, signora,
che manca poco all’ora
di disfare la baracca e chiudere.

*

DOMÀ ON DÌ

L’alter dì sont andaa a trovà i mè vècc
al cimiteri, e in del vegnì via
hoo vist ’na tomba noeuva, piscinina.
Su la lastra de màrmor gh’era scritt
nòmm e cognòmm e poeù, on poo pussee sòtta,
ona data, quèlla d’on quai dì prima.
L’è scampaa domà on dì, ma l’è staa assee
per fà tutt quèll che se pò fà in la vita:
nass e poeù piang e, dòpo on poo, morì.

SOLO UN GIORNO

L’altro giorno sono andato a trovare i miei vecchi
al cimitero, e nell’uscire
ho visto una tomba nuova, piccolina.
Sulla lastra di marmo c’era scritto
nome, cognome e poi, un po’ più sotto,
una data, quella di qualche giorno prima.
È vissuto solo un giorno, ma è stato abbastanza
per fare tutto quello che si può fare nella vita:
nascere e poi piangere e, dopo un po’, morire.

*

LA BARBÒNA

Ier l’hoo vista ancamò, quèla barbòna.
L’è ona vegètta che la sta de cà
in vial Certosa, sora ona banchètta,
vesin a la fermada
del quatòrdes, el tram che va a Musocch.
In tèrra gh’era tutta la mobilia
(duu sachètt grand de plastica celèsta)
con dent quèi quater strasc d’i sò vestii,
on tòcc de spècc,
on pèttin, on biccer
e d’i alter barlafus.
Per divid el sò pan cont i pivion,
quèi ingord de pivïon del giardinètt,
la spantegava in tèrra d’i freguj.
Ògni tant la alzava in alt el coo
per vardà el ciel
cont i ogitt dolz, che domà lor hinn bon
de vedè el vol d’i angiol, sconfonduu
con quèll d’i ronden.

LA BARBONA

Ieri l’ho vista ancora, quella barbona.
È una vecchietta che abita
in viale Certosa, sopra una panchina
vicino alla fermata
del quattordici, il tram che va a Musocco.
In terra c’erano tutti i mobili
(due sacchetti grandi di plastica celeste)
con dentro quei quattro stracci dei suoi vestiti,
un pezzo di specchio,
un pettine, un bicchiere
ed altre carabattole.
Per dividere il suo pane coi colombi,
quegli avidi colombi del giardinetto,
spargeva per terra delle briciole.
Ogni tanto alzava in alto la testa
per guardare il cielo
con gli occhietti dolci, che soli sono capaci
di vedere il volo degli angeli, confuso
con quello delle rondini.

Annunci

1 commento su “Tra el lusch e’l brusch di Francesco PISCITELLO nella lettura di Adele DESIDERI”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.