Palori aschi e maravigghi – Marco SCALABRINO

Marco Scalabrino
Antologia poetica

Papuzzana

Satarii
murritii
ti fissii
strulluchii a leta cera cu mia.
Bedda
ogni jornu chiù
leggia e sapurita
farfalla.

Chiù tardu …
quannu poi pigghi volu
e ti ni vai
ricordati di sta staciuni persa
di stu sularu di li maravigghi
di stu carduni allaccarutu e sulu
e torna
siddu poi
di tantu in tantu.

[Farfallina

Saltelli / cincischi / ti pavoneggi / farfugli di buona lena con me.
Bella / giorno dopo giorno più / lieve e leggiadra / farfalla.

Nel tempo … / quando avrai preso il volo / e te ne sarai andata
ricordati di questa stagione perduta /
di questo solaio delle meraviglie /
di questo cardo rinsecchito e solo /
e torna / se puoi / di tanto in tanto.
]

***

CANZUNA
DI VITA, DI MORTI, D’AMURI

*

Petru

siddu nasci
masculu

ti chiamu
figghiu.

*

Nna li jidita di na manu
fazzu lu paru e ziparu

grattu li facci niuri
cu lu bianchettu

e cui acchiana acchiana
mi ni futtu

e vinciu.

*

E parru.
Senza fila.
E mi ni mpipu.
Chì ssa sputazza
a mia mi fa campari
e arrunzu li bulletti nna lu stipu.

*

A st’ura

su’ stranii, celi
ciauri
quarteri

e scogniti, facci
palori
fatti.

*

Battaria, di mari
e munti
e timpi

addiddì
cu cazzusa
pasta a furnu
miluni.

Cenzimentu, di varchi
surci
errami e scintini

a senzu d’iddi
agghiri cca
p’arrinesciri.

*

La diffirenza?

Mischinu mia!

Na scoppula
chi ti sagna la vita.

*

No pi cosa,
ma lu roggiu accabbau

e la festa
macari.

[CANZONE
DI VITA, DI MORTE, D’AMORE

*

Pietro / se sarai / maschio / ti chiamerò / figlio.

*

Sulle dita di una mano / faccio il pari e dispari
gratto le facce nere / col bianchetto
e chiunque prevarrà / me ne infischio / e vinco.

*

E parlo. / Senza fili. / E me ne frego.
Sarà perché il consumar saliva / mi fa sentire vivo
e ammasso le bollette nello stipo.

*

Oggi / mi sono estranei, cieli / odori / quartieri
e sconosciuti, volti / parole / fatti.

*

Sarabanda, di mari / e monti / e valli
in vacanza / con gazzosa / pasta a forno / anguria.

Censimento, di barche / sorci / miserabili / dalle nostre parti
col miraggio / di un avvenire.

*

La differenza? / Caspita!
Una batosta / che ti segna la vita.

*

Non per polemizzare, / ma il tempo è finito
e la festa / anche.
]

***

Sicilia ci cridi

Marini suli coppuli lupara
bagghi templi canzuni marranzanu
cuscusu pisci pupi petra-lava …
facissivu bonu a scurdarivilli !

Curcatu nna la storia d’un paisi
unni sparti un cumuni patrimoniu
di sangu di lingua e di civiltà
c’è un populu chi sonna di scuddarisi
lu jugu rancitusu chi l’appuzza.

Nun la svigghiati cu la scusa: – E’ tardu ! –
Sicilia accomora cridi a li sonni.

[Sicilia ci crede
Marine sole coppole lupara / bagli templi canzoni marranzano /
cuscus pesce pupi pietra-lava … / fareste bene a scordarveli ! /
Adagiato sulla storia d’un paese / del quale condivide un comune
patrimonio / di sangue di lingua e di civiltà / c’è un popolo che
sogna di affrancarsi / dal giogo ignominioso che lo asservisce. /
Non la svegliate con la scusa: – E’ tardi ! – / Sicilia adesso crede
ai sogni.
]

*

Siddharta
(da H. Hesse )

Respiru
lu ciumi
chi scinni
eternu
e ascutu
sirenu
li soi
milli
vuci.

Sgriciu
la pirfizioni.

[Respiro / il fiume / che scende / eterno
e ascolto / sereno / le sue / mille / voci.
Sfioro / la perfezione.
]

***

PALORI

Certi palori sunnu duri
duri chiù di autri
a ncrucchittari.

Ntantu mi sconcicanu
mi cunnucinu manu manuzza
m’ammustranu mari
e munti
e universi trascinnenti
e poi
addimuranu
s’annacanu tutti e scialanu
si siddianu e l’aju a prijari.
E quannu nfini
comu iddi vonnu
n’attrappu un paru …
s’ammuscianu di bottu
li curtigghiari
comu ddi veli
abbuturati di bunazza.

Unni è lu truccu allura
mi dumannu
e comu ponnu
e a cui fannu scantari
cristalli raciuppati nna li stiddi
minni amurusi di matri
ciarameddi
trazzeri addumati di libirtà
tozzi di paci
virità:
palori.

[PAROLE
Certe parole sono dure / dure più che altre / ad aggregarsi. / D’un canto mi stuzzicano / mi conducono per mano / mi mostrano mari / e monti / e universi trascendenti / e appresso / si attardano / si danno delle arie e si sollazzano / si infastidiscono e mi tocca implorarle. / E quand’anche, talora / si concedono / e ne agguanto un paio … / ecco di botto s’afflosciano / quelle pettegole / come le vele / trafitte dalla bonaccia. / Dove sta l’inghippo allora / mi domando / e come possono / e a chi mettono paura / cristalli racimolati tra le stelle / seni amorosi di madre / cornamuse / viottoli illuminati di libertà / tozzi di pace / verità: / parole.]

*

PETRI
(a Silvio Benedetto )

Allavancu.
Allavancu.

Senza fini.

*

Mill’anni e chiù
camiannu
la muntagna:

Oh,
rinesciri
vastedda!

*

Musica
musica
e ciauru
ciauru di rosa
e celi
celi di luci
e luci
di sempri
e pi sempri.

[PIETRE
Dirupo. / Rovina. / “Senza fine.” /*/ Mille anni e più / riscaldando / la montagna: / “Oh, / diventare / pane!” /*/ “Musica / musica / e profumo / profumo di rosa / e cieli / cieli di luce / e luce / da sempre / e per sempre.”]

*

DAMMILLI A MIA

Zoccu n’accanzi chiù
di l’occhi toi rifardi
lu jornu chi di bottu
sgabbillisci e attranti?

Vittiru li stiddi
lu mari li muntagni
sappiru la strata
la puisia la scienza
pottiru lu chiantu
la fantasia l’amuri …
ma tannu su’ scucivuli
vasci ntamati nugghi.

Avissiru statu virdi
azzoli o niurincioli
dammilli a mia ssi brinnuli
avanti chi s’astutanu;
a mia pasciutu a l’ummira
a mia chi campu scuru.
Dammilli !
Chì ancora ponnu cerniri
strucchiuliari, ridiri.
Dammilli; p’un miraculu.

[REGALAMELI
Che ne farai più / degli occhi tuoi malandrini / il giorno che d’un tratto / la morte, ti coglie? / Avranno visto le stelle / il mare, le montagne / conosciuto la strada / la poesia, la scienza / potuto il pianto / la fantasia, l’amore / … ma quel giorno saranno inespressivi / bassi, allampanati, spenti. / Siano essi verdi / azzurri o neri / regalali a me i tuoi cristalli / prima che si spengano; / a me cresciuto nell’ombra / a me vissuto nel buio. / Regalameli! / Perché ancora possano scegliere / adoperarsi, ridere. / Regalameli; per un miracolo.]

*

Quannu ti parru …

Tu nun ascuti

pirchì nun m’accordi lu tempu
nun dicu di ncrucchittari na frasi
o di ncucciari dui palori
ma di grapiri la vucca macari
chi ti l’aggarri arrè
comu si, pi la to spirtizza
o cui lu sapi quali autra virtù
ci smurfiasti già ogni filu e signu
di zoccu ju avia ancora in menti
di spiccicari e nun potti, pirchì

tu nun ascuti a nuddu

ti piaci la to zurra vuci
sciali cu l’ecu di li toi bavorni
ti preji si supra un pinzeri to
ripitutu però di mia paraggiu
ti cuntrapigghi
ti fai appellu e cassazioni
avvocatu judici e testimoniu
pirchì, ora ci voli

tu nun ascuti a nuddu fora-tia
e mancu sparti, forsi.

[Quando ti parlo…
Tu non ascolti / perché non mi concedi il tempo / non dico di formulare una frase / o di pronunziare due parole / ma di aprire la bocca addirittura / che te lo riprendi / come se, per la tua perspicacia / o chissà quale altra virtù / tu avessi già inteso per filo e per segno / quanto io mi accingevo / a dire e non ho potuto, perché / tu non ascolti nessuno / ti piace la tua voce rauca / ti sollazzi con l’eco delle tue smargiassate / ti diverti se su un pensiero tuo / ripetuto però da me identico / ti contraddici / ti fai appello e cassazione / avvocato giudice e testimone / perché, questo è il tuo caso / tu non ascolti nessuno tranne te stesso / e forse neanche.]

*

Scinnu

Siddu nun curri
vucii
vinci

e nun hai facci
aremi
santi

si nun si’ primu
unu
lu megghiu …

nna stu munnu unni
siddu nun pari
nun esisti

scinnu, a li voti
a raciuppari
li mei scagghi.

[Scendo

Se non corri / gridi / vinci
e non hai faccia tosta / denaro / santi in paradiso
se non sei il primo / il numero uno / il migliore …
in questo mondo dove / se non appari / non esisti
scendo, alle volte / a racimolare / ciò che di me resta.
]

***

CODICE INTERNAZIONALE – IL SICILIANO
in TEMPU di Marco Scalabrino

Il progetto che emerge dalle pagine di TEMPU sembra subito chiaro: il tentativo di rendere intelligibile anche in altre lingue la forza e la comunicabilità del codice linguistico siciliano. Marco Scalabrino innesca così un’operazione biunivoca nella sua attività poetica, cioè ha tradotto testi dall’inglese e dall’italiano in siciliano (1) ed ora fa tradurre le poesie di TEMPU dal siciliano in inglese, spagnolo, tedesco, francese, latino (2), italiano (3).
Le traduzioni sembrano selezionate per temi sicché risultano sottolineati in tale scelta l’esprit francese (la sua leggerezza e tendenza ad una galanteria quasi settecentesca), lo spagnolismo cupo, l’apprezzamento dei tedeschi nei confronti delle bellezze naturalistiche ed archeologiche della Sicilia e la tendenza alla metafisica (cfr. Siddharta), il globalismo della standardizzazione linguistica della lingua inglese. Sembra, però, stravagante ed altamente provocatrice la traduzione in latino di quattro testi, ma l’attenta esplorazione del codice linguistico di TEMPU ci consente di legittimare una scelta così radicale. Alla base dell’organizzazione morfo-sintattica del discorso poetico di Marco Scalabrino si scopre una tramatura linguistica unitaria, una specie di koinhv linguistica. Se ne esaminiamo la semantica ben pochi elementi rivelano una trapanesità (4) di testi: solo una trentina di termini lessicali sono strettamente trapanesi e circa 120, invece, si possono rintracciare in altre aree linguistiche siciliane. Quasi tutti, per esempio, li ho riscoperti nell’area messinese (compresa l’area eoliana, generalmente considerata più eccentrica). Non esistono nel testo termini italianizzati. L’armatura che sorregge il codice linguistico siciliano, anzi la sua anima, è proprio un’anima romanza, che deriva dal latino ed è il fondamento di tutte le lingue neolatine, come anche affermava l’Avolio (5). Così si potrebbe spiegare la traduzione dal siciliano in latino di TEMPU. L’affermazione dell’esistenza di una lingua unitaria in Sicilia e di una sua storia unitaria segna una svolta decisiva nella ricerca dialettologica siciliana e sembra contraddire quanto dichiarato da Salvatore Di Marco in “Dialetto siciliano e scrittura letteraria: il senso inevidente di una scelta radicale”, che scrive: “E cioè che il dialetto siciliano non è una realtà omogenea così come omogenea non è la storia linguistica della Sicilia. Gli studiosi, almeno dai tempi di Corrado Avolio per giungere fino ai nostri giorni, ce lo hanno spiegato benissimo” (6).
Senza sottilizzare sul termine “omogeneità” si può benissimo affermare che una storia unitaria ci fu e, quindi, anche una lingua (eccezion fatta per alcune aree linguistiche particolari come quelle albanesi o gallo-italiche), anche se apparentemente disomogenea per l’uso diverso chiaramente interconnesso con la diversa economia settoriale e locale. Le radici di un popolo (7) e il suo riconoscimento come tale (dichiara Scalabrino) si fondano appunto sull’identità di lingua, di storia, di civiltà, di etnia (e non possiamo non pensare al popolo curdo e a quello ebreo o a quello palestinese) (8) ; “Curcatu nna la storia d’un paisi//unni sparti un cumuni patrimoniu//di sangu di lingua e di civiltà//c’è un populu chi sonna di scuddarisi//lu jugu rancitusu chi l’appuzza” (cfr. Sicilia ci cridi).
Eppure questo popolo oggi è sottomesso da un giogo (jugu), e dell’entità di tale giogo scrive Scalabrino: mafia, disoccupazione, droga, Aids. Nessuno spiraglio. Neanche la bellezza della natura con i suoi effluvi può cancellare l’odore del sangue delle morti eccellenti: “Matri//sapi d’addauru//zorba//malvasia//lu ciuri spajulatu a la to sciara//e lu ciauru//di li naschi//lu sangu//lu senziu//nun si lava chiù”. Per Scalabrino i siciliani credono ancora ai sonni, immersi in quel sonno millenario da cui non amano risvegliarsi perché, come dice Tomasi di Lampedusa (9), si credono dei.
Per procedere al riscatto, ad una nuova speranza, anche se miracolistica (“un ancilu//m’addiccò//fu na vota e pi sempri,//a li soi ali”), bisogna cancellare determinati clichè più o meno folkloristici in cui la Sicilia è stata racchiusa come in un’icona: la mafia, le canzoni popolari suonate sul marranzano, le bellezze naturali ed archeologiche, le curiosità gastronomiche, i tratti arabi. “Marini suli coppuli lupara//bagghi templi canzuni marranzanu//cuscusu pisci pupi petra-lava//facissivu bonu a scurdarivilli!” (cfr. Sicilia ci cridi).
Non basta l’oblio degli errori e il desiderio di ricominciare, ma bisogna trarre vigore dalle proprie radici, rituffarsi nel tempo. Ed ecco lì pronto Marco Scalabrino ad aprire un’inusitata bottega (putia), ad avviare una compravendita allettante: “Accattu e vinnu tempu//tempu vecchiu”.
È un tempo passato che vivifica il presente: è il tempo della storia e della lingua passate che continua e dà vita al presente: non è possibile al pavnta rJei del fiume della vita annullare la propria sorgente. Anche il sottotitolo Paroli aschi e maravigghi induce ad interpretare così la poesia Tempu ed il titolo del libro.
La scelta della lingua siciliana (che il poeta parla e che è espressione della comunità in cui vive) non è, quindi, un revival folkloristico o un tentativo di restaurazione né un recupero memoriale come per alcuni poeti che hanno scritto in altri dialetti (Marin, Pierro), né una protesta contro il naufragio della cultura contadina (Tonino Guerra) né sperimentalismo (Zanzotto). Come per Ignazio Buttita (10) il siciliano è una lingua espressiva, che ha la sua fonte nel latte materno; è una lingua comunicativa perché è la lingua dell’impegno e della ricerca esistenziale.
La parole, infatti, sono luminosi cristalli strappati alle stelle, seno amoroso di madre, cornamuse, viottoli accesi di libertà, tozzi di pace, verità: tutto. “Cristalli raciuppati nna li stiddi//minni amurusi di matri//ciarameddi//trazzeri addumati di libirtà//tozzi di paci//virità: palori” (cfr. Palori).
Tale lingua affonda le radici in una storia lontana che dà alla Sicilia una tessera di riconoscimento internazionale. “Sulu tri pilastri//ncucciati cu puzzulana d’amuri//e tennu ‘n-pedi//un munnu” (cfr. Aschi e maravigghi di Sicilia). Secondo Scalabrino, infatti, la Sicilia è fondamento del mondo. Quale sia la motivazione di tale affermazione, è sicuramente da riportare a li ràdichi cioè radici. Fondamento delle civiltà di tutto il mondo è stata la Grecia, di cui la Sicilia è stata magna pars come Magna Grecia e patria più o meno transitoria di artisti, poeti, filosofi, tragediografi. Tale civiltà ha influito sui tratti caratteriali dei siciliani: la causidicità, la tendenza al rovello della ricerca esistenziale ed alla sofistica, come vediamo nel teatro di Pirandello.
Anche Goethe (11) affermò che “la Sicilia è la chiave di tutto”, come ribadisce Matteo Collura nell’epigrafe di In Sicilia (12).
Tuttavia, al di là dell’apporto fondamentale della civiltà greca, credo che si possa rintracciare soprattutto in un altro momento storico la fondamentalità della missione storico-linguistica della Sicilia nella storia del mondo.
Mi riferisco a Federico II (chiamato Stupor mundi per la sua cultura e la vasta conoscenza delle lingue, il latino, il greco, l’arabo, l’ebraico, il germanico) e alla sua corte presso cui confluirono artisti provenienti da tutto il mondo allora conosciuto (bizantini, ebrei, arabi, occitanici, provenzali, germanici, latini, ecc.) e soprattutto alla Scuola poetica siciliana, crogiolo di artisti e di popoli, che creò un codice linguistico nazionale (il volgare italiano) e internazionale (il volgare), fusione di lingue neolatine, anglosassoni, arabe, ebraiche. Credo che a tale codice linguistico (al siciliano illustre) voglia fare riferimento Scalabrino quando chiama la Sicilia fondamento del mondo cioè l’isola che tiene ‘n-pedi//un munnu, ma soprattutto quando realizza il progetto di far tradurre il siciliano nelle lingue anglosassoni e in quelle neolatine. Sono escluse solo l’arabo e l’ebraico.
Se lo scenario è questo e questa è la lingua, la poesia di Scalabrino, che con tale lingua si interseca, conosce la disperazione di un popolo abbandonato, la dolcezza dell’immersione nella natura, il rapimento dell’amore, l’attesa della trasformazione delle pietre in pane e della perfezione della bellezza Musica//musica//e ciauru//ciauru di rosa//e celi//celi di luci//e luci//di sempri//e pi sempri” (cfr. Petri), la tensione verso l’assoluto in Siddharta “Sgriciu la pirfizioni”, l’osmosi della natura con l’epifania dell’amata “E tu//fusti rigulizia//alaò di ciaramedda//basula//pi junciri//’n-pizzu a la muntagna//cu crivu di tè//e viscotti”, la contestazione della società dell’apparenza, la riflessione sulla morte (Disiu la fini//lu risettu, la redenzioni).
Così si muove tra pubblico e privato la poesia di Marco Scalabrino in questo poemetto di venticinque lasse: dolente, a volte sospesa in volo, lussureggiante in versicoli composti anche di una sola parola, secondo un ritmo attento ad un’armonia interna, che corrisponde alla ricomposizione interiore di un’armonia discors, essenza di una ricerca linguistica, che è ricerca scientifica sulle orme dello strutturalismo, della dialettologia, della sociolinguistica, ma è anche ricerca d’identità individuale e collettiva e atto d’amore.
(Mirella Genovese)

Note

(1) Marco Scalabrino ha tradotto in siciliano Nat Scammacca e pubblicato POEMS PUISII (Arti grafiche Corrao, Trapani, 1999), le sillogi Okusiksak e Leone Assiro di Enzo Bonventre pubblicate in POESIE SCELTE (Palma editrice, Cecina LI 2000) e testi scelti di Duncan Glen pubblicati in THREE TRANSLATORS OF POEMS by Duncan Glen (Akros Publications, Scotland 2001).
(2) Gaetano Cipolla, Nat Scammacca, Stanley H. Barkan e Nina Scammacca, Peter Russell hanno tradotto i testi in inglese; Settimo Albanese in francese; Vita Rita Auci in latino; Gladys Ramos e Maria Emanuele in spagnolo; Tina Martusciello e Ingrid e Domenico Terrana in tedesco.
(3) Sono solo quattro i testi tradotti in lingua italiana da Maria Pia Virgilio e da Enzo Bonventre. Marco Scalabrino contravviene così allo standard dell’esclusiva traduzione dal siciliano in italiano.
(4) Marco Scalabrino è poeta, saggista, traduttore, dialettologo trapanese.
(5) Corrado Avolio, Introduzione allo studio del dialetto siciliano, p.35, Edizioni della Regione siciliana, 1984.
(6) Salvatore Di Marco “Dialetto siciliano e scrittura letteraria: il senso inevidente di una scelta radicale” in Cosmo o caos, p. 154, Salvatore Sciascia editore s.a.s., Caltanissetta-Roma, 2006
(7) Così Ignazio Buttitta canta: “Un populu// mittitilu a catina// spugghiatilu// attuppatici a vucca;// è ancora libiru//livatici u travagghiu// u passaportu// a tavula unni mancia// u lettu unni dormi// è ancora riccu.// Un populu diventa poviru e servu// quannu ci arrobbanu //a lingua addutata di patri://è persu pi sempri.//Diventa poviru e servu,// quannu i paroli non// figghianu paroli// e si manciunu tra di iddi.// Mi nni addugnu ora,// mentri accordu a chitarra du dialettu//ca perdi na corda lu jornu” (da “Io faccio il poeta”, Feltrinelli, Milano, 1973, prefazione di Leonardo Sciascia).
(8) Lo storico Santi Correnti definisce la storia di Sicilia come la storia del popolo siciliano (cfr. Santi Correnti, Storia di Sicilia come storia del popolo siciliano, Brancati, Catania, 1995).
(9) Giuseppe Tomasi di Lampedusa “Il Gattopardo”, Feltrinelli, 2005, Milano.
(10) Ignazio Buttitta “Nuàtri l’avevamu a matri,//nni l’arrubbaru;//aveva i minni a funtani//di latti//e ci vippiru tutti,//ora ci sputanu..” (da “Io faccio il poeta”, Feltrinelli, Milano, 1973).
(11) G.W. Goethe, Viaggio in Italia, in “I meridiani”, Mondadori, Milano.
(12) Matteo Collura “In Sicilia”, ed. Longanesi, Milano, 2005.

***

Marco Scalabrino è nato nel 1952 a Trapani. Lo studio del dialetto siciliano, la poesia siciliana, la traduzione in Siciliano e in Italiano di autori stranieri contemporanei, la saggistica sono tra i suoi principali interessi culturali.
Ha pubblicato Palori (Documenta 2000, Palermo, 1997), poesie in dialetto siciliano; ha tradotto in Siciliano Nat Scammacca e pubblicato Poems Puisii (Arti Grafiche Corrao, Trapani, 1999); ha tradotto in Siciliano le sillogi Okusiksak e Leone Assiro di Enzo Bonventre (Poesie Scelte, Palma Editrice, Cecina, 2000); ha tradotto in Siciliano testi scelti di Duncan Glen (Three Translators of Poems by Duncan Glen, Akros Publications, Scotland, 2001); ha tradotto in Italiano Feast of the Dead di Anthony Fragola (Festa dei morti e altre storie, Coppola Editore, Trapani, 2001); ha pubblicato Tempu Palori Aschi E Maravigghi (Federico Editore, Palermo, 2002) poesie in dialetto siciliano con traduzioni in Francese, Inglese, Italiano, Latino, Spagnolo, Tedesco; ha scritto il racconto breve in dialetto siciliano A Sua Disposizioni, tradotto in Francese da Jean Chiorboli e pubblicato in Francia (Albiana – CCU, 2002); ha tradotto in Italiano Eu vivo só Ternuras di Nelson Hoffmann (Io Vivo di Tenerezze, Arti Grafiche Corrao, Trapani, 2002); ha tradotto in Italiano Bagunçando Brasília di Airo Zamoner (Scompigliare Brasilia, Editora Protexto, Brasile, 2004); ha pubblicato Canzuna Di Vita Di Morti D’Amuri, Samperi Editore, Castel di Judica, CT, 2006) in dialetto siciliano, con traduzioni in Inglese, Italiano, Portoghese; ha tradotto in Italiano Parto di Inês Hoffmann (Parto, Samperi Editore, Castel di Judica, CT, 2007).
Collabora con diversi periodici culturali, cartacei e in rete, nazionali e internazionali.

11 pensieri riguardo “Palori aschi e maravigghi – Marco SCALABRINO”

  1. La parola, prima del verso. Una parola essenziale e insostituibile: quella di un mondo che non può confondersi e omologarsi; capace, per tanto, di farsi carico della storia e dell’immaginario di una comunità, nei suoi esatti cromatismi e suoni e sapori. Ogni parola – semanticamente, evocativamente – è, dunque, quel mondo, che intuiamo da lettori (non siciliani) agrodolce e puntuto come le vocali chiuse che completano molte parole del suo lessico. La contrazione e la verticalità dei versi – anche di un solo sintagma – sembra favorirne la cantabilità.

    Bella sorpresa trovarti qua, Marco. Un saluto a te e a Francesco.

    Giovanni

  2. Dici bene, Giovanni: “Una parola essenziale… quella di un mondo che non può confondersi e omologarsi”. Con il recupero, sotto traccia, di una radicalità umana che è, immediatamente, profondità di orizzonte etico.

    Per me è un piacere avere qui uno studioso e un poeta del valore di Marco Scalabrino.

    Un caro saluto ad entrambi.

    fm

    p.s.

    Giovanni, se passi da queste parti mercoledì sera, troverai qualcosa che ti interessa “molto da vicino”…

  3. Ringrazio sentitamente Francesco per l’amplissimo spazio che ha generosamente concesso al mio lavoro e Gianni, che ancora una volta non ha mancato di mostrarmi stima ed affetto, interamente da parte mia ricambiati. A tutti i lettori un caro saluto, Marco Scalabrino.

  4. Anch’io ammiro forza della parola e forza etica, in quella mia prima lingua che periodicamente riscopro.

    Grazie a Francesco e a Marco

  5. Scrivevo questo in una breve mail indirizzata a Marco Scalabrino:

    “C’è una delicatezza e un accarezzare le cose che solo il dialetto sa fare. Anche le parole sono reinventate e risignificate completamente. Mi riferisco sia a Palori che a Libirtà. Aschi e maravigghi di Sicilia riesce ad unire il fatto sociale con la storia privata… e l’odore finale della mamma, ricordo che non scompare, è veramente pregevole.”

    Ribadisco il livello notevole di queste liriche, che possono vantare nello stesso tempo una freschezza di dettato e un inabissamento nella riflessione. Doti rare.

  6. Giorgio, nella tua lingua scrive anche un altro bravissimo poeta siciliano: Nino de Vita, di Marsala, quindi prossimo ai luoghi di Scalabrino, ma distante dalla tua Sicilia orientale. ;)

  7. Giusto, Luigi, conosco e apprezzo anche Nino De Vita. Nel mio recente viaggio in Sicilia ho preso qualche libro di qualche poeta delle mie parti, sempre in lingua siciliana, ne riferirò dopo aver letto.

  8. ho avuto il grande piacere di ricevere da marco un paio di raccolte che mi sono goduto..
    Ho sempre trovato la poesia dialettale ‘intraducibile’. Ogni tanto ci provo con l’inglese e va un po’ meglio perche’ non e’ una lingua verbosa come l’italiano e si presta a strappi ed ellissi ..
    Buon anno a tutti voi ed in particolare a francesco – ma dove trovi il tempo di postare cosi’ tanta bella roba?

  9. Auguri anche a te, Luca, e ben tornato da queste parti.

    L’intraducibilità della poesia dialettale, molto probabilmente, è il sigillo della sua assoluta refrattarietà all’omologazione e alla canonizzazione: i.e. della sua libertà e del suo esserci in quanto corpo altro.

    *

    Bastano alcune ore di lavoro, in un giorno di festa, per preparare una decina di post: li inserisci nel timer e sei libero da ogni altra incombenza, in quanto “fa tutto” la macchina.
    E poi, considera che i miei ospiti mi danno una validissima mano…

    Un caro saluto e un grazie per quel graditissimo “bella roba”.

    fm

  10. Avevo letto in altra occasioni alcune interessanti considerazioni di Marco Scalabrino sulle particolarità del siciliano, linguaggio nel quale ogni parola è storia stratificata.felice di continuare a farlo qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.