Il lascito che vince la morte

Il testimone si confronta
solo col testimone e acquista
nel trasmettere un senso.
Non è una verità ma un lascito
ciò che da mano a mano
percorre l’esistente.
Nel dare si compone
il tempo delle mani.

Michele Ranchetti
(Milano, 1925 – Firenze, 2 febbraio 2008)

Grazie per quello che hai dato a chiunque abbia avuto la fortuna di conoscerti o si sia fermato, anche un solo istante, sulle tue pagine e sui tuoi versi. Sei parte della memoria vivente che rimane fino all’ultimo respiro dei giorni.

12 pensieri riguardo “Il lascito che vince la morte”

  1. Quando si leggono versi come questi si ha la sensazione di ‘capire’ il senso della vita.
    Li ho sentiti molto miei. ..più spesso ho bisogno di leggere in questi termini. Grazie, Francesco, per questo spazio di autenticità interiore espressa in modo sublime, che dà riscontro a spicchi di vita determinanti.

    Buona domenica
    rina

  2. Profondamente commosso…

    «Se mi tieni la mano non potrà
    accadermi la morte, che io esca
    dal creato vivente e resti fissa
    pietra il mio corpo fino alla sua cenere»

  3. Grazie di cuore, Francesco, per la sensibilità e tempestività nel darne notizia. Io sono ancora molto scosso, ma sempre più rafforzato nella convinzione che la grande poesia – come la sua – non basti solo amarla e stimarla. “Il testimone si confronta/solo col testimone”, appunto, “e acquista/nel trasmettere un ssnso.”

    Giovanni

  4. leggo solo ora: 2 febbraio 2008.. Sono profondamente partecipe. Il segno rimane indelebile ..perché ha saputo indicare la via. Un grazie riconoscente a Michele Ranchetti.
    rina

  5. Vorrei condividere con voi il privilegio grandissimo che la vita mi ha dato di conoscere una persona come Michele Ranchetti. Era – è – esattamente la poesia che si fa persona, carne, sangue e parola. Non dimenticherò mai la bellezza senza tempo del suo volto bambino, né lo stupore incredulo che la rendeva ancora più vera, se solo accennavi alla sua poesia o gli chiedevi di parlarne.

    Ieri abbiamo perso tutti qualcosa.

    fm

  6. Torno per dire che forse questa è la prova che la parola è importante ed eterna.
    Chiedo scusa per l’eccesso nell’intervenire, ma poche volte come adesso mi sento recettiva, compartecipe, innamorata di una parola balsamica ..e forse è questo che me la rende stupendamente insostituibile.
    Grazie ancora

  7. Sì, anch’io. Scrissi una cosa, una volta, quando muore un poeta, a proposito della morte di Paola Malavasi. E in questo caso vorrei leggere l’opera per esteso.
    Se c’è una Comunità, si deve vedere qui.
    Sebastiano

  8. Sebastiano, Michele Ranchetti ha scritto solo due opere poetiche (credo ne stesse preparando una terza): “La mente musicale”, un grande libro (trovi dei testi su lpels, postati da Giovanni Nuscis); e “Verbale”, un capolavoro, uno dei più grandi libri di poesia del Novecento.

    E’ una lettura che “ti devi”, soprattutto pensando che ha pubblicato il suo primo libro a più di sessanta anni, in punta di piedi, con estremo pudore, quasi chiedendo scusa a quel “mondo dei poeti” che aveva sempre amato, da grande studioso e (straordinario) traduttore.

    Oggi, a quanto sembra, se non pubblichi le tue (in genere) cazzate a vent’anni, non sei nessuno. Peccato manchi del tutto chi abbia (ancora) il coraggio di dirti che, tanto, non sei nessuno in ogni caso. Perché non è questo che conta. Non è, assolutamente, questo.

    fm

  9. ah, grazie Francesco, davvero un grande è stato Ranchetti, protagonista di un discreto, riservato – ma quanto potente! – culto della “humanitas” – a suo tempo “La mente musicale” fu la scoperta di una grande poesia, di quelle che riconciliano col mondo, mettendolo in discussione – ciao, enrico

  10. Ho scoperto l’opera poetica di Michele Ranchetti sulle pagine di “Linea d’Ombra” di Goffredo Fofi. Poi ho letto le due (introvabili, necessarie) raccolte pubblicate da Garzanti. EVVIVA LA POESIA!

  11. Sì, Francesco. Quando la smetteremo/ranno col discorso generazionale. Se sei giovane sei più bravo, più pimpante… Io recentemente mi sono occupato di De Palchi, un altro dimenticato. Oggi ho cercato VERBALE in libreria, ma chiaramente non ce l’hanno. Proverò in biblioteca.
    Ciao
    Sebastiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.