Vicino alle nubi sulla montagna crollata

(Dalla prefazione di Luca Ariano e Enrico Cerquiglini)

Il mondo è non è più lo stesso che i nostri antenati hanno conosciuto. Un secolo di tecnologia ha cambiato il volto di ogni cosa: lavoro, cultura, economia, città, campagne. Questo cambiamento, così repentino e spietato, sta rimuovendo il Passato. Ne cancella con cura certosina ogni traccia che non può essere tradotta in denaro. Si salva solo ciò che può essere utilizzato per creare business e quindi nientificato nel suo essere. […]

(Continua a leggere qui, insieme a notizie sugli autori e le ragioni dell’opera.)

*

Leggere variazioni di rotta

E dove altro credi possibile la mia presenza
se anche la mia terra è contro? Non rimane niente altro
che la cancellazione ripeteva un dirsi presenti

anche senza il luogo. Adesso conta diceva
fai la somma dei rimasti. Sottratti gli urti i lampi
i sacchi senza nome o le cataste di arti e bocche colme
di vuoto avrai la misura del rimanere, l’innominata ampiezza.

(Fabiano Alborghetti)

*

Ogni ulteriore notizia sull’opera, sui curatori e gli autori, si può leggere su Liberinversi e su Blanc de ta nuque.

Un grazie riconoscente a FABRIZIO BIANCHI.

*