Il biglietto da visita

IERI DALLA CAMERA, DOMANI DA…

“Oggi è una giornata memorabile, epocale: finalmente è stata spazzata via dal parlamento la FECCIA dei Caruso, dei Luxuria, dei Pecoraro. Era ora!”

*

La dichiarazione, di ieri, rilasciata dopo le prime proiezioni sui dati della Camera dei deputati, è opera di un futuro ministro della repubblica, da sempre additato come un “gentiluomo liberale” (sic!)…

E quando scenderanno in campo i “gentiluomini” (sic!) con piscio di maiale al seguito?…

10 pensieri riguardo “Il biglietto da visita”

  1. Cosa ci attende? Una lotta dura. Condivido pienamente i due post: resistenza, memoria, radici, diversità, questo è ciò che bisogna fare, questo è ciò che bisogna coltivare, e non cadere nella trappola di farci sopraffare dal senso della sconfitta, non bisogna arrendersi mai. Ciao Lucia

  2. Davide,ho letto,ti dico che uno sventolio di bandiere rosse dal 25 aprile al primo maggio è un’ottima idea,premetto che quel rosso ha ancora per me un significato molto pregnante. Mi chiedo,però,per quanti lo è davvero,visto che quel rosso negli anni si è sbiadito in colori-significati molto fragili. Mio padre,morto il 17 aprile 1998,si starà rivoltando nella tomba e forse è meglio che non abbia visto lo scempio di queste ultime farse. Ed ora mia figlia,25 anni,dice che,solo a poterlo,se ne andrebbe via dall’Ialia per mai più ritornare.
    un caro saluto
    jolanda

  3. Scusate la mia sbadataggine, ma nei tentativi di riprendermi dallo shock (che credo mi durerà 5 anni buoni) mi sono perso questa perla di bon ton: chi ne è l’autore? Se penso che la mia giovinezza è passata e finirà di passare sotto l’insegna dei governi di Lega+Forza Italia+AN mi viene una tristezza che non vi dico.

  4. Animo! Su con il morale! E’ bello vedere che c’è un risveglio e voglia di andare nelle piazze. Bisogna ritrovare luoghi di aggregazione e di confronto. Usciamo dalle case e in questi giorni di ricorrenze decisive, identifichiamoci con un segno (bello il colore rosso e i colori della pace). Diamoci un puntello nelle piazze (Milano ad es.) e incontriamoci : Jolanda, Lucia, Davide, Francesco ecc. Di dove siete? Mi viene in mente il verso di Ungaretti: “Di che reggimento siete fratelli?” Un po’ a sproposito, perchè fortunatamente il dono della pace nella nostra realtà, lo stiamo vivendo ed è una grande opportunità..

  5. Cara Paola,io vivo al sud,reggio calabria. Non commento neanche,ci vorrebbe almeno un paio di settimane per dire.La gente è strana,non solo i partiti.
    un caro saluto visto che ogni tanto ti incrocio su lpels
    jolanda

  6. Cara Jolanda, grazie per il tuo sano richiamo alla realtà. Vorrà dire che ci sarà almeno una vicinanza ideale. ciao

  7. Grazie a tutti per il contributo di idee. Mi spiace solo di non poter essere presente come vorrei, ma qualche problema i tiene lontano dal computer.

    Un caro saluto.

    fm

    p.s.

    Andrea, l’autore di quella “perla” è il pagliaccio che faceva il ministro della difesa nel precedente governo dell’Innominabile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.