IQBAL MASIH – Il profumo della libertà

IL PROFUMO DELLA LIBERTA’

“Non ho paura del mio padrone;
ora è lui ad aver paura di me.”

Il 16 aprile 1995, a 12 anni, Iqbal viene ucciso, vittima di un colpo di fucile, sparato da un assassino rimasto ignoto. Il “sindacalista” dei bambini viene fermato, ma non la sua causa!! Quando fu ucciso correva in bicicletta: forse pensandosi libero di essere soltanto un bambino.

Annunci

4 pensieri riguardo “IQBAL MASIH – Il profumo della libertà”

  1. Grazie, Francesco, non conoscevo Iqbal… purtroppo una di quelle storie necessarie, ma che ci fanno desiderare che in un futuro prossimo possano non esserlo più.

  2. Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro.
    Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell’umanità.
    [Toro Seduto]

    E tremi in eterno chi tocca i bambini! QUESTA COLPA non ha assoluzioni!

    Un abbraccio Francesco
    e Grazie

    Chiara

  3. Venerdì scorso ho visto uno spettacolo bellissimo, che narra una storia simile a questa, anche nella conclusione: l’attore si chiama Roberto Anglisani, lo spettacolo è “Giungla” e lo consiglio vivamente, se dovesse essere replicato da qualche parte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.