Manifesto per un teatro poetico – di Ida TRAVI


(Immagine fotografica di Marzia Poerio)

MANIFESTO
per un
TEATRO POETICO

teoria e forma d’un teatro trasparente

FARE POESIA La poesia si fa camminando, lavorando, mangiando, dormendo, sognando. Solo alla fine si può scrivere. La poesia di parola si fa vivendo in quel teatro naturale e trasparente ch’è il mondo visto dall’interno.


IL TEATRO TRASPARENTE è dunque l’immensa scena naturale in cui ci si ritrova a leggere, comprendere e restituire poesia. Nel TEATRO POETICO la recita non è la finzione teatrale, ma il solo re-citare, il dire nuovamente, in attenta posizione di corpo, di spirito e di mente.

LA PAROLA, IL GESTO Il teatro trasparente è un teatro di parola e azione poetica.
Al teatro poetico non serve altro che la grande forza evocatrice della voce e del gesto : si tratta di qualcosa che è sempre sul nascere.

IL LUOGO del teatro poetico è un luogo comune. E’ un luogo ricreato dalla sola voce, dalla presenza del corpo nello spazio. Il luogo del teatro poetico è un luogo qualsiasi, è là dove si porta poesia. Il luogo poetico è dappertutto, fuori dal teatro ma anche nel teatro.

IL POCO O NIENTE Di fronte al ‘troppo’ mondo che capovolge in miseria a questo teatro di poesia serve poco: poche luci, pochi oggetti, poca scena se non quella che già c’è.

LE PERSONE che aprono un libro la sera e si mettono a mormorare le stesse parole nel buio sono persone che hanno già alzato il sipario trasparente dietro il quale la parola poetica aspetta d’essere pronunciata. Le persone che non aprono un libro la sera perché non ce la fanno, quelle che si addormentano sulla pagina, le persone che cercano qualcosa e non si ricordano cosa, quelle che guardano un vecchio film con la bocca aperta, quelle che guardano le figure che si muovono: a quelle persone pensa il teatro poetico nel suo farsi.

LA LETTERATURA è un immenso copione in fieri. Su quel copione in fieri si impara ad avere a che fare con la storia e col ‘poco’ che ci resta, si diffida della parola incorniciata. Si impara a togliere tutto quello che non serve e a tenere solo il necessario.

L’ABITO Forse a un certo punto servirà un abito. Forse. Una cosa che cambia, qualcosa che ci rappresenta.

***

Nota dell’autrice

Il Manifesto per un Teatro Poetico è frutto della riflessione che ho portato avanti negli anni a partire dal saggio L’aspetto orale della poesia, Anterem 2000 e rieditato nel 2007 da Moretti&Vitali. Si tratta di linee teoriche che si ricollegano direttamente al mio modo di intendere la poesia stessa.

Nel 2007 il Manifesto Teorico è stato condiviso da Daria Anfelli, attrice, e Giuliana Urciuoli, coreografa, per avviare in pratica un progetto artistico teatrale in forma di teatro di poesia. Il Manifesto teorico ne traccia un primitivo profilo.

La corsa dei fuochi’, opera senza cornice (tratto dalla omonima raccolta poetica edita da Moretti&Vitali nel 2007 ) è stato rappresentato all’interno di questo progetto di teatropoesia
(Teatro Camploy , Verona 26 / 27 febbraio 2008.)

(Ida Travi)

*

2 pensieri riguardo “Manifesto per un teatro poetico – di Ida TRAVI”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.