Le ultime poesie di Michele RANCHETTI

Come può il segno
di un corpo sopravvivere
entro il corpo di un altro
senza lederne il corso
e della mente, anzi proteggerlo
dai frammenti di morte in vita?
Mai più forte
la promessa amorosa
ti sillaba il vivere.

***

Uscita postuma con il titolo «Poesie ultime» la terza raccolta dell’intellettuale fiorentino, scomparso lo scorso febbraio, esalta le discontinuità della vita, rivelando quanto fosse proficua l’inattualità dei suoi interessi verso la religione, la psicoanalisi, l’editoria…
(Marco Pacioni, da Il Manifesto del 21 maggio 2008)

Continua a leggere qui.

***

Annunci

2 pensieri riguardo “Le ultime poesie di Michele RANCHETTI”

  1. ultime e uniche poesie mi verrebbe da dire. quasi mi innestano pensarne il pensiero (senza averne letto ovivamente i confini, ma solo intuito il taglio) nella stessa forma di cesure, cesoie, cicatrici.
    molter grazie ancora ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...