A Lingua ‘lla Bestia – di Stefanu CESARI


(Miquel Barceló, Plenilunio, 2003)

Da: Forme Animale / A Lingua ‘lla Bestia, Ed. Fior di Carta, 2008.

Culteddi sfaiati

Aghju postu
Contr’à tè
Culteddi sfaiati
è

cumpani

l’ubblivu ‘lli mani

Aspettu sta parola
chì sfarà in mè u gassu di l’acqua

Aspettu

L’ochja maturiscini ‘n a rughjina
‘n u farru

trosciu anch’ iddu da ciò ch’ ùn hè statu

*

Couteaux ouverts

J’ai posé tout contre toi
des couteaux ouverts
aussi
l’oubli des mains

J’attends cette parole
qui dénouera la boucle de l’eau
en moi

J’attends

dans la rouille
nos yeux changent
dans le fer

trempé lui aussi
de tout
l’inadvenu

*

(Ho rivolto proprio contro te
coltelli aperti
e anche
l’oblio delle mani

Aspetto la parola
che scioglierà il nodo dell’acqua
in me

Aspetto

nella ruggine
cambiano i nostri occhi
nel ferro

temprato anch’esso
da tutto ciò
che non è stato mai
)

***

Entra in panni di a Bestia
runzà a lingua di a Bestia
licà a tarra è cunnoscia u silenziu
à u pilamu
Calpistà in u sangu
una furesta carnali
sciuma à i labbra
è invaddulà si in l’ochji di l’acqua
par apra
a pantaniccia

*

Entrer dans la peau de la Bête
gronder dans la langue de la Bête
lécher la terre connaître
le silence
au pelage

piétiner dans le sang
notre forêt liée écume aux lèvres
se vautrer dans les yeux de l’eau
incise
de la boue

*

(Entrare nella pelle della Bestia
ringhiare nella lingua della Bestia
leccare la terra conoscere
il silenzio
nel pelame

calpestare nel sangue
la selva conosciuta
schiumare dalle labbra
rotolarsi nelle pupille d’acqua
della fanghiglia
incisa
)

***

Animali

Torra a to boci
chì mi parla in ossa
a to boci chì mi brusgia
è mi guvarna
suvetu l’ordini di curra in u tarrizzu
in a lamaghja meza viva
o morta
po spariscia in a puzza
in u sessu di a tarra,
animali sdrisgiatu mità paura è disiriu

*

Animal

Encore ta voix
qui me brise
encore ta voix qui me brûle
qui m’oblige à courir dans l’humus la végétation
morte vivante
à disparaître dans l’odeur sexuelle de la terre
entre les deux sentiments de l’animal
la peur le désir

*

(Ancora la tua voce
che mi parla nelle ossa
la tua voce che mi brucia
e mi costringe a correre nell’humus
nell’erba viva
o morta
a svanire nell’afrore sensuale della terra
animale sospeso
tra paura e
desiderio
)

***

A Quistioni

M’ ha’ dumandatu. Girasoli appincicatu, ghjà.
khol, tracci neri, sicchi, abbruchighji
u ghjornu.
M’ ha’ dumandatu. To ochja lucichighjani.
Fribbosi.
Calgu anch’ eu. Brusgiatu da a quistioni.
Hè vechju u me gestu. Torri a cinnara d’una parola.
Pulmona senza mimoria, guasgi.
Rispirgu ignuranti.

*

La Question

Tu m’as demandé. Tournesol endormi, déjà. Du khôl,
des traces noires, tu te fanes, tu achèves
le jour.
Tu m’as demandé. Tes yeux brillent.
De fièvre.
Je m’éteins aussi. Brûlé par la question.
Mon geste est vieux. Et ramène les cendres d’un mot.
Poumons presque sans souvenir.
Je respire ignorant.

*

(Tu mi hai chiesto – girasole assopito, ormai.
Polvere, tracce nere –
tu appassisci, porti a compimento
il giorno.
Tu me lo hai chiesto – i tuoi occhi brillano.
Febbrili.
Anch’io mi spengo. Consumato dalla tua domanda.
Vecchio è il mio gesto –
riporta le ceneri di una parola.
I polmoni quasi senza memoria.
Io respiro – ignaro.
)

***

Hè un padolu schilfatu d’animali è di rabbia
chì m’hà addivatu
sò ‘n andara i cavaddi morti
se tu i chjami venini
spirti manzi
hè frebba
hè virità

*

C’est un marécage foudroyé
de rage et d’animaux
où j’ai grandi
les chevaux morts errent
ils viennent
à ton appel
esprits dociles
c’est fièvre
c’est vérité

*

(E’ una palude folgorata di rabbia
e di animali
quella che mi ha cresciuto
cavalli morti vi errano
spiriti docili
che rispondono
al tuo richiamo
è febbre
è verità
)

***

Lampi una prima petra ‘n u silenziu ‘llu lavu
à l’immumentu
ciò chì t’hà pesu in tè faci i rivolti
nant’ à l’acqua
è ti riveni
più lebiu
sassi bianchi
sicreti
senza notti

*

Tu jettes une première pierre dans le silence du lac
à l’instant
ce qui pèse en toi fait des ricochets
et te revient
plus léger
galets blancs secrets
sans leur nuit

*

(Getti una prima pietra nel silenzio del lago
e subito
quello che pesa in te rimbalza
e ti ritorna
più leggero
bianchi ciottoli
segreti
senza la loro notte
)

***

Duranti chì tuttu cedi
ti cunturighji
da quinci
induva u focu hè senza pulmona
da quinci
induva l’umbri t’ani a so umbra
più spissa

senza viva
quì
vivi sempri

pustiendu l’artimìa
a certitudina
chì nisciun’ cori battia
più
à l’immumentu
ghjustu

*

Pendant que tout
cède
tu te replies

où le feu n’a pas de poumons

où les ombres ont une ombre
plus dense

sans vivre

tu vis encore

saisissant l’arythmie
la certitude
qu’aucun coeur ne
bat en cet instant précis

*

(Mentre tutto cede
tu ripieghi

dove il fuoco è senza polmoni

dove le ombre più densa
conservano l’ombra

senza vivere

tu vivi ancora

cogliendo l’aritmia
la certezza
che nessun cuore batte
in quel preciso istante
)

***

Testi inediti

A dalla nant’à u puzzu, in a rimigna.
L’acqua resa à a so inasistenza. evidenti.

Sò daret’à tè l’ochji grisgi. Se tu ci pensi, ùn li vidi micca.
solamenti in ‘ssa sintenza chì sona : “sè com’è Quiddu ch’ùn ci hè più.”]

Un ghjornu falta a mani, nanzi tuttu. eccu ti abbandunatu
un pedi ‘n a vadina, l’altru immaginighja a strada. a pulvariccia : a so lingua]
sin’à a casa in una longa parola sola. itinerariu. par siccà l’odori di i casciàpuli morti.]

U pantanaghju ‘llu Babbu. par lacà lu. è puri.
hè sempri a stessa acqua chì curri. ghjacciata. Evidenti.

*

La dalle du puits sous le chiendent
l’eau rendue à son inexistence. évidente.

Les yeux gris sont derrière toi. si tu y penses, tu ne les vois pas.
seulement dans cette phrase qui résonne : “tu es comme celui qui n’est plus (là).”]

Un jour la main faillit, avant tout le reste. te voilà abandonné
un pied dans la rivière, l’autre imagine la route. la poussière : sa langue]
jusqu’à demeure en un long mot. seul. itinéraire. pour secher l’odeur des feuilles mortes.]

la fondrière du père. pour la quitter. et même.
c’est toujours cette eau qui court. glacée. évidente

*

(La lastra davanti al pozzo, nella gramigna
l’acqua restituita alla sua inesistenza. evidente.

Sono dietro di te – gli occhi grigi. se ci pensi, non li puoi vedere.
solo in quella frase che risuona: “tu sei come colui che non è più là”.
]

Un giorno la mano cede, prima di tutto il resto. eccoti abbandonato.]
un piede nel rigagnolo, l’altro immagina la strada. la polvere: la sua lingua]
fino alla dimora in una parola lunga. sola. l’itinerario. per asciugare l’odore delle foglie morte.
]

il pantano paterno. per abbandonarlo. e neppure basta.
è sempre quell’acqua che corre. ghiacciata. evidente.)

***

Calchissia si ni mori
in a so carri si spinghji un pasciali
tanti bestii – à curra, à rummà in u filettu chi si faci chjamà sarpi
anziana pedi di a tarra
pà i loca : a tacca nera di u brusgiatu – risgioddi

troppu umidità
troppu notti

ancu puri à u pè ‘lli puddona cunnisciuti – ugnunu – cù lu so nommu]

a stodia si duvaria compia cussì : aparta nant’à un fiumu univirsali, fundala zippi di cannicci cù u ventu ]
à bulighju è certi aceddi d’illusioni : com’è una sola – unica – boci]

ti docu un bichjer’ d’acqua : t’hà un gustu di fanga. un antru spaziu nant’à i linzola bianchi.]

Da quinci vultemu sempri à u padolu – partìcula è nudda è sempri
‘ssa boci ch’ ùn asisti micca. In un bèvulu.

*

Quelqu’un meurt sous sa peau
un village s’éteint
des bêtes – courent et fouissent – dans la fougère, son nom de serpent]
l’ancienne peau de la terre
partout : la tache noire – les brûlis ? – s’étend

trop d’humidité
trop de nuit

au pied des grands arbres connus, chacun, par leur nom.

l’histoire devrait se terminer ainsi : s’ouvrant sur un fleuve universel, en contrebas les roseaux / le]
vent / certains oiseaux illusoires : comme une seule voix – unique.

je te donne un verre d’eau. elle a un goût de vase. elle a lieu – dans les draps stérilisés.]

somme toute : on revient au marais – particule et rien et toujours
cette voix qui n’existe pas / qui court.

*

(Qualcuno muore
nella sua carne un villaggio si spegne
tante bestie – corrono, fuggono – tra la felce che ha nome di serpente]
antica pelle della terra
dappertutto: la macchia nera – i campi bruciati? – si estende

troppa umidità
troppa notte

anche ai piedi di grandi alberi conosciuti, ognuno, dal loro nome.

la storia dovrebbe compiersi così: dischiusa su un fiume universale, a un livello inferiore i canneti /]
il vento / taluni uccelli illusori: come una sola – unica – voce.

ti offro un bicchiere d’acqua. ha sapore di fango. un altro spazio – tra le lenzuola bianche.]

tutto sommato: si ritorna alla palude – particella e nulla e sempre
quella voce che non esiste / un rivolo che svapora)

***

Stefanu Cesari, nato in Corsica nel 1973, insegna lettere e lingua corsa a Porto Vecchio, dove vive.
Ha pubblicato due raccolte:
Mimoria di a notti (Memoria della notte), Ed. Albiana, 2003
Forme Animale / A Lingua ‘lla Bestia (Forma animale / La lingua della Bestia), Ed. Fior di Carta, 2008
Gestisce un bellissimo spazio in rete che vi invito a visitare a questo indirizzo: http://gattivi-ochja.blogspot.com/

11 pensieri riguardo “A Lingua ‘lla Bestia – di Stefanu CESARI”

  1. Belle poesie, in una lingua suggestiva, molto simile a quella siciliana. Ho visto anche, sul blog dell’autore, delle belle traduzioni di grandi classici: a mio parere, il francese risulta la più debole delle lingue usate, rispetto al corso e all’italiano. Forse troppo morbido, per l’essenzialità di questa poesia.

  2. Ciao, Giorgio, grazie per il passaggio e per le impressioni di lettura.

    Stefanu è un poeta davvero molto bravo, che si esprime in una lingua radicalmente altra (anche rispetto al francese), essenziale e suggestiva, capace di inaspettate, naturali sublimazioni e traslazioni di senso. E il tutto, in quest’opera in particolare, a partire dalla presa d’atto di un presente e di una storia, individuale e collettiva, ridotti a palude: una “figura”, del resto, leggibile come “signum” di una estrema riduzione all’infimo e alla putredine e, nel frattempo, come ricerca, lenta e faticosa, nella quale comunque si cede sempre qualcosa di “nostro”, intorno a ciò che a quella estrema omologazione degradata degli “elementi” si rifiuta.

    Le traduzioni in francese sono sue: lui stesso mi ha detto della (intuibile) difficoltà di rendere in quella lingua il lessico e la sintassi segreta di un idioma (quello in cui scrive) che sembra emergere, con tutto il suo carico di detriti, di lampi e di anticipazioni, da un passato remoto, da una chiara e sostanziale matrice di oralità.

    Nell’approntare le versioni in italiano, mi sono servito dell’istinto e della risonanza interiore, rispetto alla prima; della ragione e della leggibilità per quanto riguarda la seconda. Necessitano sicuramente di una maggiore messa a punto (non solo formale), ma la mancanza di tempo da dedicarvi, almeno in questo particolare momento, mi ha spinto a tentare di farne emergere almeno qualche “latenza”. Mi piacerebbe, in seguito, tradurre tutto il libro, e non è detto che, prima o poi, non lo faccia.

    Spero che Stefanu, se ci segue, abbia tempo e voglia di intervenire, per dirci magari qualcosa di più sulle ragioni della sua scrittura e sulle sue scelte linguistiche.

    Un caro saluto.

    fm

  3. Non sapevo che le traduzioni in italiano fossero tue, Francesco, pensavo fossero dello stesso autore. Complimenti, allora, oltre che grazie per la proposta, mi sembrano rendere bene l’originale. Il francese, in effetti, ha un suono troppo distante rispetto questa poesia che sembra proprio venire “da un passato remoto”.

  4. Ma questo è corso? E’ la prima volta che mi trovo di fronte a questa lingua.
    Il rapporto tra bestia e lingua è ormai solo appannaggio dei dialettali, che sanno davvero raschiare il fondo del barile, pescare dove non sempre la lingua standard sa fare.

  5. un saluto à tutti
    grazie à tè, francesco, di ospitarmi nella tua dimora, e per le tue traduzioni, sensibili e giuste.
    ho letto con interesso il commento di Giorgio e la tua lettura.
    Scrivo in corso e in francese, visto che ho a disposizione queste due lingue, materne ambedue.
    Però è raro che il primo testo, la prima parola fosse in francese. Per maggior parte scrivo in corso, il scritto francese essendo, adattazione, traduzione, o pure anche un altro testo.
    I mei primi lettori, amici che parlono e leggono il corso, mi hanno gia detto di questa « distanza » che nasce tra il poema in lingua corsa e il suo alterego francese. Credo : una distanza irreduttibile. ( Che non esiste forse, per quanto so, tra dialetti meridionali e la lingua italiana « standard » (ma forse mi sbaglio ?) – leggendo Antonella Anedda che certe volte usa nella sua poetica il lugodureso, non sento le due lingue allontarnarsi, non sento frattura. Ma complementarità, continuazione della parola)
    Giorgio dice «il francese ha un suono troppo distante… » è interessante vedere la percezione che abbiamo ognuno delle lingue. Alcuni lettori francesi hanno risentito nelle poesie una rudezza che quelli che possono leggere il corso non vedono, non sentono. Al di là del aspetto fonetico, o anche formale, c’è il punto del « paesaggio mentale » che la parola, in una lingua data, fa nascere, dietro alle cose. Tradurre « bagnaghju » con « rosée » in francese per esempio non rende il senso anche se la realità è la stessa. L’immaginario è altro. Il salvatico della prima parola non si ritrova nella poesia della seconda, più dolce. Nel rapporto delle due lingue, per me , c’è la parola e il suo fantasma. Non la sua traduzione. E la parola del fantasma è diversa, deve essere sentita come diversa. Fa senso.
    Poi… perchè il dialetto tando, e non la lingua « standard » ? Giorgio diceva anche una poesia che sembra venire « da un passato remoto ». mi dico sempre, à proposito dei dialetti : lingua giovana. E vero, lo credo. Una lingua che hà detto poco, legata forse à un universo elementare. Una lingua da far bruciare nel fuoco. Un rapporto con la bestia, che non è altro che un rapporto al linguaggio. Calcosa che mi sembra di perdere, (una violenza giovanile, un adequazione al mondo, « le mie palude ») se la prima parola data non è in corso. Lo credo quando leggo Bressan, Mattiuzza, o Bernard Manciet per il francese.
    Intanto, un saluto à tutti
    Amicizia.
    Stefanu

  6. Caro Stefanu, grazie per essere intervenuto e per averci offerto elementi di riflessione che, pur partendo dallo specifico dei tuoi testi e del tuo rapporto con le lingue che padroneggi, finiscono per assumere un significato di ordine sicuramente più generale, inglobando aspetti che connotano profondamente tanto la scrittura creativa che la traduzione.

    Trovo molto interessante il discorso a cui accenni sulla “distanza irriducibile” tra le due lingue, quale nasce dalla percezione dei lettori: essa esiste anche nel rapporto tra la lingua italiana e parecchi idiomi dialettali (in taluni casi, anche più che tra francese e corso), e la minore “lontananza” che avverti deriva forse dal fatto che tanti scrittori dialettali adattano (anche inconsciamente) il loro dettato interiore e l’intera complessità e stratificazione poematica alla lingua letteraria, alle sue strutture e alle sue regole: in parole povere, finiscono per “tradursi”, in una sorta di “gioco” che non restituisce niente dell’immaginario e della “sintassi orale” dalla quale pure cercano di attingere.

    L’utilizzo cosciente della “prima” lingua madre, nel tuo caso, mi sembra – con esiti felicissimi – andare in una direzione opposta: infatti, io non noto nessun “adattamento” tra le due versioni, perché quella lingua che sembra venire da “un passato remoto” riscrive il mondo nelle sue coordinate e nel suo orizzonte di senso, dandogli sembiante di un reale visto con gli occhi delle origini: lingua bambina, quindi, potentissima e creatrice, come se nominasse per la prima volta tutto ciò che il suo sguardo “com-prende” (credo che a questo, in definitiva, alludesse anche Giorgio).

    Interessante, poi, anche ciò che dici sul “paesaggio mentale” che la parola fa nascere, e che diventa un “passaggio obbligato” (almeno per me lo è stato, nell’affrontare la traduzione) nella trasposizione in un’altra lingua.

    Rimanendo nell’esempio che fai, anch’io avevo tradotto, in un primo momento, “bagnaghju” con “roveto”, ma poi ho ripiegato su un più convenzionale “canneto”, anche in rispetto della tua “percezione” in francese di quello stesso termine. Non ho “osato” (la tentazione è stata forte in una decina di casi almeno) solo perché avrei dovuto avere l’intera opera sotto mano, per fare un’immersione completa nel “tuo” lessico e nelle varianti attraverso le quali si dispone “en poème”.

    Solo qualche riflessione sparsa, in questo frangente, con la speranza di poter affrontare questi temi anche in seguito.

    Un caro saluto a te, con l’augurio di averti ancora graditissimo ospite qui.
    Sei sempre il benvenuto.

    E ancora un saluto e un grazie a Luigi e a Giorgio.

    fm

  7. Forse non è del tutto esatto parlare di stessa realtà e senso diverso: “non rende il senso anche se la realità è la stessa”.
    Di fatto il dialetto ha una pregnanza maggiore rispetto alle cose e al referente concreto proprio perché riesce meglio a penetrare la realtà. In tal caso la realtà che vive attraverso il dialetto è una realtà diversa perché appartenente ad un contesto diverso (non solo linguistico: la lingua porta con sé una tradizione, una storia, una cultura, una memoria che favorisce una percezione altra, o addirittura meno alienante rispetto a quella che emerge dalla frizione con la lingua standard).
    La vicinanza maggiore del dialetto al reale è proprio dovuto a ciò che tu, Francesco, chiami lingua bambina (che non è solo lingua dell’infanzia, ma lingua che vive visceralmente in noi fin dall’infanzia: nel mio e tuo caso può essere il dialetto dell’agro nocerino sarnese), che quasi azzera la distanza tra segno e referente, perché è come se nascessero insieme, venissero da un unico impasto.

    Ad ogni modo ne approfitto per fare i complimenti al poeta: a tratti riesce davvero a graffiare e a toccare punte di alta lirica. Quando leggo il dialetto, puntualmente la mia reazione è un affondo all’addome, mai alla testa: prende letteralmente il corpo…

  8. bella, davvero, questa proposta – l’area mediterranea possiede antiche ed irriducibili consonanze – tra i poeti di oggi, mi sembra che la scelta di Cesari sia molto vicina alla poesia di Nino De Vita, poeta siciliano che ha operato delle scelte liriche a partire dalla “terraneità” del proprio cantare
    (la lingua corsa poi mi pare così vicina al siciliano, da far commuovere)

    grazie Francesco, ciao, e.

  9. Grazie a Luigi e ad Enrico.

    Prima o poi ritorneremo su questi argomenti, anche perché molte, e di notevolissimo valore, sono le proposte poetiche in chiave dialettale che sono emerse negli ultimi tempi nel panorama italiano.

    fm

  10. una vera sorpresa!
    notevoli le immagini e i testi.
    mi verrebbe da dire…un’immersione nella vita prima della vita.
    come questa:

    (Ancora la tua voce
    che mi parla nelle ossa
    la tua voce che mi brucia
    e mi costringe a correre nell’humus
    nell’erba viva
    o morta
    a svanire nell’afrore sensuale della terra
    animale sospeso
    tra paura e
    desiderio)

    complimenti al traduttore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.