Dalle ceneri (III) – di Tahar Ben Jelloun


(Francesco ZizolaIraq, 27.03.2003. Profughi iracheni)

“… Una volta che si è stesa una coperta di sabbia e di cenere su migliaia di corpi anonimi, si coltiva l’oblio.
E’ allora che la poesia si solleva. Per necessità. Diventa parola urgente nel disordine in cui la dignità dell’essere viene calpestata.”

 

Continua a leggere Dalle ceneri (III) – di Tahar Ben Jelloun

Annunci