Poesie di Maria MARCHESI

Fu quando apersi gli occhi e vidi l’alba
e conobbi il principio dell’azione
che vidi il mio corpo in agonia
e l’anima separata dai miei occhi.
Mi soccorse la parola, la sola ombra
che ha sangue e carne,
mi dette la pietà che occorreva.

Continua a leggere sul blog di Stefano Guglielmin, preceduti da una preziosa nota introduttiva, altri testi di questa eccellente, dimenticata poeta.

***

Annunci

10 pensieri riguardo “Poesie di Maria MARCHESI”

  1. ….Il mio ventre/non sentiva aromi, né sussurri, era/un davanzale di pietra e aveva tanto sonno.

    Hai detto bene, Francesco, una poeta eccellente, versi che inondano.
    Io non so se senza la dolorosa esperienza manicomiale questi testi sarebbero venuti alla luce, però forse si.
    Mi piacerebbe leggere qualcosa anche dell’altro volume e intanto ringrazio te e Stefano per questa proposta davvero coinvolgente.

    un caro saluto a entrambi
    jolanda

  2. Vorrei proprio leggere questo libro. Mi sembra coinvolgente e aspro. Chiedo a Stefano e a Francesco: come posso procurarmelo?
    Ciao
    ME

  3. Grazie Francecso per aver irradiato la malattia della parole (per parafrasare un altro poeta amico ad entrambi).

    A Marco Ercolani: come ho scritto nei commenti di Blanc, i due libri li ho trovati alla fiera del libro a palazzolo formigaro. Credo che l’editore ne abbia ancora alcune copie.

    un saluto anche a Lucetta.

  4. Grazie per questi ragguagli, Stefano, e grazie soprattutto per l’impagabile lavoro di diffusione della poesia che porti avanti col tuo blog.

    Grazie anche a Jolanda, Marco e Lucetta (sono pienamente d’accordo con te).

    fm

  5. questo bellissimo libro mi fu regalato dalla mia vicina che lo aveva raccolto dal cestino della redazione di un giornale locale dove lavora come inserviente, da come le pagine si presentavano si capiva che non era stato mai neanche sfogliato.
    Mi disse: Lucia al giornale i libri non li legge nessuno, ne arrivano tanti e finiscono quasi tutti nei cestini! Te lo regalo: so che almeno tu lo leggerai!
    Mai dono mi fu più gradito. Ciao Lucia

  6. questa storia che racconti, cara Lucia, è la storia della cenerentola-poesia dei nostri giorni, una storia triste, tristissima.

    (la voglio riprendere nel mio prossimo post)

  7. Stefano, mi hai preceduto di pochi attimi: stavo per scrivere più o meno le stesse cose.

    Grazie, Lucia, il tuo ricordo vale più di un saggio.

    fm

Rispondi a marco ercolani Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.