Un grande atto d’amore

Un grande atto d’amore: la restituzione del corpo di Eluana alla terra, all’abbraccio materno di tutto ciò che vive.

giilet0pic1820081114
(Enzo Apicella, da Liberazione del 14 novembre 2008)

Annunci

7 pensieri riguardo “Un grande atto d’amore”

  1. Dici bene, Paola: “benvenuta libertà”.

    Con un abbraccio immenso, senza parole, a chi ha subito gli attacchi più umilianti e ingiuriosi sulla propria pelle e nel più totale disprezzo del proprio dolore: i genitori e i familiari di Eluana.

    Basta dare un’occhiata all’immonda stampaglia di regime di oggi, agli alti e rabbiosi “lai” di chi da sempre gioca sugli affetti e la memoria dei morti, sull’ostentazione e la mercificazione della sofferenza, per rendersi conto di quale grumo incancrenito è diventato lo spirito di questo paese: con e senza benedizione apostolica.

    fm

  2. In casi come questi la scienza e la tecnica dovrebbero cedere il passo a ciò che le trascende. Il mondo scientifico dovrebbe schierarsi apertamente contro il determinismo di alcuni, riaffermando il giusto metodo scientifico in relazione ai fatti e alle condizioni. Giungere ad un sintesi in cui la morte possa essere anche una soluzione. Strumentali, meschine e perfide le critiche e i giudizi nei confronti di un padre costretto a preferire la morte della figlia. Tutti quei commentatori, detentori di verità assolute dovrebbero chinare il capo davanti alla sofferenza di quest’uomo (e famiglia) e starsene in doveroso silenzio.

  3. “Sospendere idratazione e nutrizione significa sospendere le funzioni vitali di una persona, al di là della sua situazione fisica e di salute. Quindi queste funzioni non possono essere assolutamente considerate delle terapie, dei farmaci invasivi o straordinari”.
    (Sua “eminenza” cardinal Bagnasco)

    “Sarebbe una sconfitta per l’Italia se non si trovasse nessuna struttura disposta ad accogliere Eluana e si dovesse trasferirla all’estero”.
    (Il neurologo che dal 1995 ha in cura Eluana)

    “Eluana è stata portata in quello stato in una clinica e con l’aiuto di una clinica deve uscire da quella condizione”
    (il padre di Eluana)

    (Da un articolo su repubblica.it)

  4. Quando si parla di dolore è come entrare in un tunnel di cui non si conoscono i contorni . Difficile comprendere ogni singolo individuo, entrare nelle maglie segrete della sua anima.

    Niente giudizi,dunque. Solo la libertà di scegliere per tutti, mettendo da parte, se le abbiamo, le nostre intime convinzioni.

    jolanda

  5. Su Repubblica.it ho trovato una poesia di Guido Ceronetti su Eluana.

    La ballata dell’angelo ferito
    di GUIDO CERONETTI

    Urlate urlate urlate urlate.
    Non voglio lacrime. Urlate.
    Idolo e vittima di opachi riti
    Nutrita a forza in corpo che giace
    Io Eluana grido per non darvi pace

    Diciassette di coma che m’impietra
    Gli anni di stupro mio che non ha fine.
    Una marea di sangue repentina
    Angelica mi venne e fu menzogna
    Resto attaccata alla loro vergogna

    Ero troppo felice? Mi ha ghermita
    Triste fato una notte e non finita.
    Gloria a te Medicina che mi hai rinata
    Da naso a stomaco una sonda ficcata
    Priva di morte e orfana di vita

    Ho bussato alla porta del Gran Prete
    Benedetto: Santità fammi morire!
    Il papa è immerso in teologica fumata
    Mi ha detto da una finestra un Cardinale
    Bevi il tuo calice finché sia secco
    Ti saluta Sua Santità con tanto affetto

    Ho bussato alla porta del Dalai Lama.
    Tu il Riverito dai gioghi tibetani
    Tu che il male conosci e l’oppressura
    Accendimi Nirvana e i tubi oscura
    Ma gli occhi abbassa muto il Dalai Lama

    Ho bussato alla porta del Tribunale
    E il Giudice mi ha detto sei prosciolta
    La legge oggi ti libera ma tu domani
    Andrai tra di altri giudici le mani.
    Iniquità che predichi io gemo senza gola
    Bandiera persa qui nel gelo sola

    Ho bussato alla porta del Signore
    Se tu ci sei e vedi non mi abbandonare
    Chiamami in cielo o dove mai ti pare
    Soffia questa candela d’innocente
    Ma il Signore non dice e non fa niente

    Ho bussato alla porta del padre mio
    Lui sì risponde! Figlia ti so capire
    Dolcissimo io vorrei darti morire
    Ma c’è una bieca Italia di congiura
    Che mi sentenzia che non è natura

    E il mio papà piangeva da fontana
    Me tra ganasce di sorte puttana.
    Cittadini, di tanta inferta offesa
    Venga alla vostra bocca il sale amaro.
    Pensate a me Eluana Englaro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.