Omaggio a Ferruccio MASINI

scan0003
(Ferruccio Masini / Salins, Il presagio dei rami, 1983)

Da: Ferruccio Masini, La mano tronca, Bari, Dedalo Libri, “Collana Bianca”, I ed., 1975.

Mio giorno
che ti disseti nell’ombra tagliente del pietrisco
nella vertigine delle più alte torri
sei quel poco che mi fu concesso
per elevarmi fino alla mia statura
e scavare la terra e far crescere il grano Continua a leggere Omaggio a Ferruccio MASINI

Annunci

Duecentocinquantamila volte grazie…

… E duecentocinquantamila auguri a tutti i lettori, i visitatori e gli autori del blog. Con la speranza, spero e credo condivisa, che il nuovo anno porti una salutare inversione di marcia nella corsa al degrado e all’abbrutimento etico, politico e culturale che caratterizza e segna profondamente il nostro paese.

Per ringraziarvi, tutti, della costanza, dell’attenzione e dell’amicizia con le quali seguite le “vicende” della dimora (l’unica ragione, ci si creda o meno, per la quale le sue porte sono tuttora aperte, anche se non so per quanto tempo ancora), ho pensato di farvi un dono, mi auguro gradito: ripubblicare, debitamente aggiornato, e arricchito del contributo di altri testi dello stesso autore comparsi sempre qui in un momento diverso, il post più letto in assoluto nei sedici mesi di vita del blog.

So di non fare un torto a nessuno, perché si tratta, solo e unicamente, di un atto di omaggio a un grande, da una parte, e di condivisione della gioia di vedere, nel corso del tempo, migliaia e migliaia di lettori aprire direttamente le pagine che lo riguardano: dall’Italia e, in eguale misura, dall’estero.

Il post è qui, fu pubblicato il ventuno maggio scorso. Tra un paio d’ore comparirà la nuova versione che ho il piacere di dedicarvi.

A U G U R I   D I   C U O R E   A   T U T T I.

***