Duecentocinquantamila volte grazie…

… E duecentocinquantamila auguri a tutti i lettori, i visitatori e gli autori del blog. Con la speranza, spero e credo condivisa, che il nuovo anno porti una salutare inversione di marcia nella corsa al degrado e all’abbrutimento etico, politico e culturale che caratterizza e segna profondamente il nostro paese.

Per ringraziarvi, tutti, della costanza, dell’attenzione e dell’amicizia con le quali seguite le “vicende” della dimora (l’unica ragione, ci si creda o meno, per la quale le sue porte sono tuttora aperte, anche se non so per quanto tempo ancora), ho pensato di farvi un dono, mi auguro gradito: ripubblicare, debitamente aggiornato, e arricchito del contributo di altri testi dello stesso autore comparsi sempre qui in un momento diverso, il post più letto in assoluto nei sedici mesi di vita del blog.

So di non fare un torto a nessuno, perché si tratta, solo e unicamente, di un atto di omaggio a un grande, da una parte, e di condivisione della gioia di vedere, nel corso del tempo, migliaia e migliaia di lettori aprire direttamente le pagine che lo riguardano: dall’Italia e, in eguale misura, dall’estero.

Il post è qui, fu pubblicato il ventuno maggio scorso. Tra un paio d’ore comparirà la nuova versione che ho il piacere di dedicarvi.

A U G U R I   D I   C U O R E   A   T U T T I.

***

19 pensieri riguardo “Duecentocinquantamila volte grazie…”

  1. Caro Francesco, la tua DIMORA è, a mio avviso, uno dei “luoghi” più salubri da frequentare. Grazie sempre della ospitalità fra le sue mura e cordiali saluti e auguri, Marco Scalabrino.

  2. Francesco, lasciami dire che questa tua Dimora è per me fonte di nuova linfa a cui attingere a piene mani, luogo “sacro” della parola libera e calda, palpitante d’umanità e di memoria.

    Grazie a te, amico, con un forte abbraccio augurale.

    jolanda

  3. Ciao Francesco.
    Mi unisco a tutti quelli che amano questo luogo dove la parola è traccia di viva vita e anche io ti ringrazio.
    Un augurio di cuore a tutti quelli che non smettono mai di credere che insieme è meglio, che l’ascolto è movimento, la poesia mezzo, l’amore forma.
    A te e a tutti i tuoi cari un abbraccio che sia gioia.
    Iole

  4. Con Francesco ci siamo incontrati per la prima volta nell’aprile di quest’anno. Ma ci conoscevamo già bene, a Milano, quel giorno, s’è aggiunta emozione a emozione.
    Grazie Francesco, gli auguri più cari.

    Antonio

  5. Non posso che dirti grazie. Ieri, mentre guardavo in casa di mia madre, dove ho abitato per molti anni, ho trovato, quasi in prima fila, la bianca copertina de “La mano tronca”, che cercavo da anni. Misteri… Forse il libro ha risalito da solo le ultime file…
    Un abbraccio.
    Marco

  6. Caro Francesco, anch’io ti ringrazio per questo tuo blog che è un vero e proprio luogo del pensiero in un tempo dominato dallo scadimento delle coscienze e dall’appiattimento culturale…
    Un abbraccio e tanti cari auguri.
    Mauro

  7. mi unisco al coro di persone che hanno già scritto, solo per confermare tutto il bene che penso di te.
    grazie di tutto, e auguri anche da qui.

    francesco t.

  8. Credo di averlo già anticipato in qualche commento, ma rinnovo ancora l’invito a leggere domani la pagina-strenna che db ha voluto dedicare a tutti i lettori di questo blog. Vi lascio il piacere della scoperta…

    Mi permetto, inoltre, di rimandarvi alla “riflessione” natalizia di Marco Rovelli: per non dimenticare mai che prima di ogni arte e di ogni letteratura viene, sempre, la vita: il diritto inalienabile (ma quotidianamente negato) di ogni uomo ad esistere per quello che è.

    Mi piace pensare che apprezzerete. La dimora non offre altro. Perché è questo, e solo questo.

    fm

  9. Sto pensando…
    In fin dei conti…
    Ho sempre pensato, almeno dopo una certa età, che babbo natale non esistesse…
    Penso al Babbo della Coca Cola…
    Quello non esiste, ne sono sicuro…
    Penso invece a quel Santa Klaus delle leggende, alle prese con i regali e con i suoi elfi…
    Con tutti questi doni che Francesco ha impacchettato e regalato, mi sorgon dubbi spontanei: che sia lui, in realta, quel leggendario…

    Grazie per gli infiniti spunti, per le riflessioni e per le letture di questa confortevole e stimolante dimora…
    Auguri di cuore a Francesco, ai suoi cari e a tutti i suoi lettori e scrittori…

  10. Posso assicurare, Francesco è il vero Babbo Natale, come spieghereste in altri menti quella lunga barba bianca?
    Auguri a tutti, ma sopra tutti al nostro Francesco: evviva!

  11. Quale modo migliore per suggellare l’inestimabile attività annule di questo grande spazio di letteratura e civiltà, che riproporre i testi di questo autentico gigante della poesia, della filosofia, dell’arte, patrimonio, ahimè, fino ad ora trascuratissimo, della nostra più recente storia culturale?
    Grazie di tutto, Francesco!
    Un grandissimo augurio di cuore a te e a tutta la “Dimora”.
    francesco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.