Linee d’ombra – di Stefano Guglielmin

La linea d’ombra, l’ultimo importante racconto di Joseph Conrad, ci descrive il travaglio che ciascuno di noi deve compiere per crescere, per essere capace di decisione; lo stesso motivo spinse l’Alighieri ad attraversare la «selva oscura» e l’intero imbuto del male, così come portò San Paolo all’inferno, Enea e Ulisse nell’Ade: l’ombra, qui, è crogiolo alchemico in cui necessariamente sprofondare, per rinascere soggetti capaci di incamminarsi verso una meta salvifica, luminosa, dove fondare città e famiglia. Eppure, di perpetuo, nell’esperienza non incontriamo che l’eliotiana terra desolata («quali radici s’abbarbicano, quali rami crescono / su queste macerie?»), in cui il confine radioso si sposta, irraggiungibile.

[Continua a leggere qui…]

***