De arzènt zù (D’argento scomparso) – di Ivan CRICO

de_arzent_zu_l

De arzènt zù lis fòiis dei aulìu
del fond de la not in tèlis ciàmbris
dola leuàrse e sauerse aimò uìa.

D’argento scomparso le foglie degli olivi / dal fondo della notte nelle camere / dove svegliarsi e sapersi già via.

 

 

crico-ivan

[…] L’autore riprende un antico dialetto dell’area ladina, del quale dice di avere subito la fascinazione, leggendo e rileggendo il libretto dell’abate Mainati I dialoghi piacevoli in dialetto tergestino.
Si tratta di un idioma perdutosi da almeno due secoli e mezzo, parlato a Trieste nel segno di una continuità linguistica che legava il Friuli a parte dell’Istria, lungo un ponte del quale i cariati piloni si riconoscono ancora oggi nel bisiàc e nel muglisano. Esso appare nobile, solenne, parsimonioso nel suo lessico eppure totalmente esaustivo a fronte dei moti dell’animo e dei movimenti del pensiero, ricco di armonici gravi e sapido di esperienza materiale e morale, prerogativa della gente di mare e di monte che lo usava nella sua quotidianità operosa e concreta. […]

[…] Crico ha sentito il tergestino come il mezzo che gli avrebbe permesso di entrare nei sedimenti del passato, ripristinando un rapporto profondo con la comunità, con il paesaggio, rompendo la crosta di un presente reso banale da un affastellarsi frenetico e incongruo di fatti e appiattito da una comunicazione veicolata in una lingua lisa e frettolosa; ha capito che per suo tramite avrebbe potuto intrecciare nostalgie e delusioni, dire dei morti e dei vivi, confessare i suoi mancamenti di uomo che si misura con il nulla e con il vuoto, sottesi all’esistere, e farlo con un rigore e con una dolcezza mai prima sperimentati.
Ivan Crico si muove in consonanza con alcuni grandi poeti del Novecento che hanno avvertito la necessità di ritagliarsi o di farsi o di andare a raccogliere una lingua che nella sua estrema particolarità consentisse loro di sentirsi pienamente integrati con l’universo interiore ed esteriore che volevano rendere e che apparisse quale verbo originario e costitutivo dell’essere: così il friulano rustico e calligrafico di Pier Paolo Pasolini, il gradese mondato e melodico di Biagio Marin, così il petèl, infantile balbettio, e il veneto di nicchia solighese dei filò di Andrea Zanzotto.
Fernando Bandini indica in questo modo la fonte alla quale attinge, quando tocca la sua corda più segreta e domestica:”Sta lingua la xe quela / che doprava me nona stanote / vardandome da dentro la soàsa”. Ivan Crico procede oltre: con i testi in tergestino diventa un esploratore del sottosuolo del dialetto, potenziando di riflesso il valore di difesa dalle spersonalizzazioni, di argine alle omologazioni che la scrittura poetica nei più disparati dialetti ha ormai storicamente assunto nella letteratura italiana contemporanea. Le parole ricondotte alla luce, non più fioche per secolare silenzio, tornate reattive in un parlante vivo, danno contorni certi alle perplessità della coscienza, raccolgono nel loro guscio i movimenti della vita interiore, dichiarandosi insieme vetuste e attuali, preziose come tesori dissepolti e fresche e trepide nel tracciare il diagramma tutto moderno dell’inquietudine e dello spaesamento. […]
(Dalla Prefazione di Gianfranco Scialino)

 

TESTI

[Da: Ivan Crico, De arzènt zù (D’argento scomparso), prefazione di Gianfranco Scialino, nota di Paolo Merkù, Trieste, Istituto Giuliano di Storia, Cultura e Documentazione, 2008.]

 

Aurìl

Perzè nò xe plùi liòk, nò s’au
memoria del am, e l’àga che la s’ciampa uìa
l’au mietù ledrìs de fred in tòl crìstàl
dei mess de imuiàr, al uòut auiàrt
de l’aria inlò lis paràulis che fauèlem li auzièi
le da segn de l’arìu, incalmàde de la nòua
stajòm imfrà el cacabùs auàr, de lis jàrbis
zòuem de aurìl…

                       In tòl negro cialìzem
del òglo saluàdik, sora l’ark de lis alis
sòue de color zenerìm se brùsem sòlis
aimò com drento um fok de pòluer,
imfrà um blank relèuo de uìs, uìlis e glesiis
fima le montàgnis in tòla colma de boi
del sol, salìnis de gniént.

                              Siènteme. Chilò dola jera
un àrbol grand atòr aimò el plòu
– spaligà del tièmp, del fond uèc’
dei aign – lontàm de lis fòiis uiàrs
inlò ch’el xe zu a fornì el dì, in tòl uod
còlis nòm trasplantà, um clar fok distrùt.

[Aprile.
Perché non c’é più luogo, non rimane / memoria dell’anno, e l’aqua che fugge via / ha messo radici di gelo nel cristallo / dei mesi d’inverno, nella volta aperta / dell’aria dove le parole che dicono gli uccelli / annunciano l’arrivo, innestate dalla nuova / stagione tra l’argilla avara, delle erbe / giovani d’aprile… // Nella nera caligine / dell’occhio famelico, sull’arco delle ali / cenerine si bruciano sole / ancora come dentro un incendio di polvere, / tra un bianco rilievo di vigneti, paesi, chiese / fino alle montagne nella marea rovente / del sole, saline di niente. // Ascoltami. Qui dov’era / un albero grande ora attorno piove / – sparso dal tempo, dal fondo antico / degli anni – lontano di foglie verso / dove finisce il giorno, nel vuoto / con i nomi strapiantato, un chiaro fuoco distrutto.]

 

Uiàrs el mar

Dopo se tirèua sù riènt la muràja
de la zità in tòl gniènt liziér de l’aria
tiènera de maj – l’arzent atòr dei aulìu
impizà – e com chèla pièra inzalida
ficiàda in tòl mur chèlis tòue
paràulis de drènto mai fauelàde (fauelàdis?).
Se zièua uiàrs el mar. Clar el claméua
de lontam, im fond del troz blank,
la nauàda luèngia dei àrboi im flor.
L’àga duta la impegnèua chèl tièmp.

[Verso il mare.
Poi si proseguiva costeggiando la muraglia / della città nel niente leggero dell’aria / tenera di maggio – attorno l’argento degli ulivi / acceso – e come la pietra ingiallita / incastrata nel muro quelle tue / parole mai dette dentro di te. / Si andava verso il mare. Chiaro chiamava / da lontano, in fondo al sentiero bianco, / la navata lunga degli alberi in fiore. / L’acqua tutta riempiva quel tempo.]

 

Stràngia

Quànti aign sarà che l’hau auzàda im pèi
la stràngia uèchia de flor riòsa de piarsik
zùdi riént el pontàr rat ch’el uàu uiàrs el mont.
S’cialìm de pièris. Uanèzis. Grùèssis ledrìs
che se plàntem imfrà aumouemiènt
blànk im tòl fond de la tiàra rùzem
de uéss, samenade (samenadis?) relìquis de uèra.

                                              ’Suòla
la fàuz del sol imfrà lis jàrbis, ciàze contra
la scuàrza negra de lis zarièsis mastruzàdis.
Le impronte dei dì che sònem in tòla mèja
presènzia che deuènta intòl uod ram nòu.

[Barriera.
Da quanti anni avranno alzato / la barriera vecchia di fiori rosa di pesco / scomparsi lungo l’erta salita che porta al monte. / Scalinate di pietre. Manegge. Grosse radici/ che affondano tra movimenti / bianchi sotto la terra rugginosa / di ossa, seminate reliquie di guerra. // Vola / la falce del sole tra le erbe, cade contro / la scorza nera delle ciliegie infrante. / Le orme dei giorni nella mia presenza / che diventa nel vuoto ramo nuovo.]

 

Nouembèr

Uàrla inlò in tiàra, dauànt l’ùltima
ciàsa de chèlis dola che una uòlta
in tòl uod l’imuiàr col sòuo pùngol
al butèua drènto òu de fred, la fuèja

muàrta, la scuàrza che aimò la se fau
plùi scura, e fòra de chei tai el uem
um sug fis de dì che no se uèd.
Chièba auiarta de ramis ciajùda.
De la ciàmbra l’òglo el se puàrta

aimò de fora, in telis campàgnis,
rotis lis cordis che lo tegnèuem
– com a chel ch’el xe zù – al nouèmber
s’ciauà imfrà lis foze (fòzis?), uèi, de l’ària.

[Novembre.
Vedi là in terra, davanti all’ultima / casa di quelle dove un tempo / nel vuoto l’inverno col suo aculeo / deponeva uova di gelo, le foglie / morte, la scorza che ora / si scurisce, e fuori da quei tagli fuoriuscire / un umore denso di giorni che si tenevano nascosti. / Gabbia aperta di rami caduta. / L’occhio dalla camera si porta / ancora di fuori, verso la campagna, / rotte le corde che lo tenevano / legato come a ciò che é scomparso al novembre / scavato tra le forme, oggi, dell’aria.]

 

Per chel troz

Uà la zò per chel troz. Ciataràsto
plena la calùsa. Dopo uòltete atòr
e la uedaràsto de l’aria che la plòra,
in tòl ram inlò ch’el dì se inciantèua
a bèue, la stajòm che la ciàze, maràuèja
sùbit lauàda del rìde de lis màmulis.
Um clar de pièra el te diràu, zòijs
de spietà imfrà li narìdulis quand che jera
sècia. Aimò, ham fat salizà chesta plàza
chilò, che prima no la jera, trauamènt
gruèssi contra el sol de teiàtri, fràbighis
impègn de um autàr àut de nojàris,
sussùr de zugn. Ham desfàt chest tiemplo;
l’hau durà pok. Quest che aimò se uèd
no xe àutro che la zéla de chèlis zude (zùdis?)
ciàusis che inuochèua (?) el gniènt clar,
l’imàgina tòua scuendùda intòl istà.

[Per quel sentiero.
Scendi per quel sentiero. Troverai / la cisterna colma dell’acqua. Vòltati poi attorno / e la vedrai dall’aria che piange, / nel rame dove il giorno si tratteneva / a bere, la stagione che cade, stupore / presto lavato dal riso delle ragazze. / Una luce di pietra ti dirà, ghirlande / d’attesa tra le conchiglie durante la bassa // marea. Adesso, hanno lastricato questa piazza / qui, che prima non c’era, travature/ spesse contro il sole di teatri, fabbriche / in luogo di un altare alto di noci, / sussurri di giugno. Hanno abbattuto questo tempio; / è durato poco. Questo che ora si vede / non è altro che la cella di quelle scomparse / cose che invocavano il niente chiaro, / la tua immagine nascosta nell’estate.]

 

Per lis stradis

Lis paràulis no pòs distìngue scritis
sora lis pièris ruinadis, el disengn
debòt proferì del mond. L’àu galufà
el spietà ch’el tem uìua in tòl gram
fred, la clara tiàra sècia, la ladrìs
descouiàrta del recòrd. Al miràcol
plùi inlò impègn se fàu, incontra i liòk

auiàrt del mar, dei prim flor in tòl ross
scussà de lis ramis. Botòm de un àutro
tièmp in tòl prim sol dola che som, lontam
del clar che men’pensèu. Se fa dei mur nòu,
che clàmen el fok blànk de lume de ròcia
de agost. Ziènt, insù, uistùda de fièsta
per lis stràdis. Xe squasi fora el mes.

[Lungo le strade.
Non posso distinguere le parole incise / sulle pietre in rovina, il disegno / appena apparso del mondo. Li ruba / l’attesa che mantiene viva nel freddo / intenso, la chiara terra bruciata, la radice / scoperta del ricordo. Il miracolo / più in là invece si compie, verso i luoghi // aperti del mare, dei primi fiori sul rosso / sbucciato dei rami. Gemme da un altro tempo / nel primo sole in cui sono, lontano / di luce che immaginavo. Si costruiscono muri nuovi, / che chiamano il fuoco bianco d’allume / d’agosto. Gente, più oltre, vestita a festa / lungo le strade. E’ quasi finito il mese.]

 

Del fond

Uegnarài ància mì. Atòr sora el ciàf
el sègn gruèss de tièmp ciatìui, la frès’cia
rìua de jàrbis de dola che sèm uignùdi.
De chèla uolta in ca no uagh mai plui
per chela banda la sota in chèlis
ciàsis. Inlò lontam brusèm fiùris
mastruzàdis de memoria. Stradis
che no se arìua mai.
                          Ti asto de zì.
Fima chi del fond de (che o ze?) ògli riuàda.
No faulém de l’età. Del negro zù
cum noiàltri che i frutàr, che àm
c’iaùà fora, i fièuem in tòl sièk trist
de agost de drìo de ciàsa tòua.

[Dal fondo.
Verrò anch’io. Attorno sopra il capo / il segno forte di tempi cattivi, il fresco / declivio di erbe da cui siamo arrivati. / Da quella volta in poi non vado più / da quella parte là sotto tra quelle / case. Là lontane bruciano figure / morte di memoria. Strade / che non si arriva mai. // Tu devi andare. / Fin qui dal fondo di quali occhi arrivata. / Non parliamo dell’età. Del buio scomparso / con noi che gli alberi da frutto, che hanno / sradicato, facevano nell’arsura feroce / di agosto dietro alla tua casa.]

 

Altris liòk

Lis alis penteglàdis de color zal
e negro, alis ch’el taièua el curtièl
de lontam arzènt de l’ària. Farfalis
fora de la puàrta de la ciàsa antìghia
de mièu fràre: imfrà la tièla blància
dei linziòi, el liet plam de jàrbis e, plùi
de là, lis colonis del puént cum i ark
sòui, riliquiàri auiàrt de ’suòi. No jera
àltra strada per zì, altris liòk per l’agn
de proferìsse. Ier màmol, el castìg de l’aga
sofiéua plèna de tema la lènga de le riòse.(lis riòsis?)

[Altri luoghi.
Le ali variegate di color giallo / e nero, ali che tagliava il coltello / lontano d’argento dell’aria. Farfalle / fuori oltre la porta della casa antica / di mio fratello: tra la tela bianca / delle lenzuola, il letto piano di erbe e, più / in là, le colonne del ponte con le sue / arcate, reliquiario aperto di voli. Non c’era altra strada per andare, altri luoghi per l’anno dove / mostrarsi. Ero ragazzo, il castigo dell’acqua / soffocava la lingua impaurita delle rose.]

 

De inlò

De là de lis tàulis che le couiàrz i mur
de la glèsia, el ’suòl sepelì dei ànzol,
de drio de la butèja pìzula im fond
che fàu ciantòm, de inlò el clar del di
me ciàta, el sbrissa imfrà li ciàsis
per chèla contradùza de aria che uèi
siènt mèja com quand che hai scognù
cum ti del fok de chèi aign ciazàla uìa.
Jerem dei ort fòrs, me recòrd, el Colèj.
Feriàde in tòl negro per là che bisognèua
zì incontra el palàz. La s’cialinàda luèngia.
Àu batù tant tièmp la puàrta. La rosàda
imbriajèua la poluèr muàrta dei salìz.

[Da là.
Oltre le tavole che ricoprono i muri / della chiesa, il volo sepolto degli angeli, / dietro la piccola bottega in fondo / all’angolo, da là il chiarore del giorno / mi trova, scivola tra le case / per quella contrada d’aria che oggi / sento mia come quando ho dovuto / con te dal fuoco di quegli anni allontanarla. / C’erano degli orti, forse, il Collegio. / Inferriate nell’oscurità, attraverso cui si doveva / passare, davanti al palazzo. La scalinata lunga./ Ho bussato tanto alla porta. La rugiada / ubriacava la polvere morta dei selciati.]

 

In tòl blànk

No fauelaràsto cussì, se par uèr
cognossaràsto fìntanemài dola
ch’el rìua a implantàlo in tòl cor
de àga dei dì el fok. Squasi
duta l’aulìa ciàze per tiàra prima
che la se madurìss.

                          Couiàrta sota
tièi de fred la stajòm l’àm
fat maurì. Se làssem cussì
sempre, senza mai plùi
tociàle, lis ciàusis. Culà fora

arnàsis gràndis se tegnèm
al sol, a la rosàda. Ze dòncia
ghe mància? Lèj
in tòl blànnk de ti
i sègn ch’àu lassà la sèra
che in tèlis man, com cristàl, se ronpèua.

[Nel bianco.
Non parleresti così, se veramente / conoscessi fin dove arriva / a piantarlo nel cuore / d’aqua dei giorni il fuoco. Quasi / tutte le olive cadono a terra prima / ancora di maturare. // Coperta sotto / teli di gelo la stagione / le hanno fatte morire. Si lasciano così / sempre, senza mai più / toccarle, le cose. Là fuori // grandi anfore d’olio si tengono / al sole, alla rugiada. Dunque cosa / manca? Leggi / nel bianco di te / i segni lasciati dalla sera / che nelle mani, come cristallo, si rompeva.]

 

Reléui

L’àm trasportàda dola che aimò ghe dìsem
la duàna uècia, chilò dola che porteuèm
de là del cunfìm a uènde dutis lis robis.
Le fazàde che xem reléui de l’imuiàr.
Imuìt a zì. Ancia se uòi no m’auèi
dit chesta roba ca. Douaréi dòncia
abandonà el disèngn ch’ài fat? No dic
plui gniènt. L’ài uidùda inlò de band, àu
sentì fauelà cum el negro ch’el riuèua
plam de la sèra. Mi uolarèss sauè aimò
com, ze gauarèss de fa. Pòdem del mes,
podém cum i ràm la màmula che xe stàda.
Ciadènis i linziòi. Chièbe lis ciàmbris,
el clar dei zesendèi. Culà fora diuiàrs
com im tùm altro tièmp, sigìl ultim
de l’istà, auziéi clari in tòl auiàrt. Troz
che credéu per noiàltri sempre uìui
in tòl uod che de mi ghe uèm im amiènt.
Ze xe per chèst? Destrièue, fei prèst.

[Rilievi.
L’hanno portata da quelle parti che chiamavano / della dogana vecchia, là dove passavano / il confine per andare a vendere le loro cose nei mercati. / Le facciate che sono rilievi d’inverno. / Invito ad andare. Anche se non dite / questo. Dovrei forse / abbandonare il disegno che ho fatto? Non dico / più nulla. L’ho vista messa da parte, ho sentito / parlare con il buio che arrivava / piano della sera. Vorrei sapere adesso / come, cosa si deve fare. Potano dal mese, / potano con i rami la ragazza che è stata. / Catene le lenzuola. Gabbie le camere, / il chiarore delle lampade. Là fuori diversi / come in un altro tempo, sigillo ultimo / dell’estate, uccelli chiari nell’aperto. Sentieri / che pensavo per noi sempre vivi / nel vuoto che mi ricorda. / Che importa? Sbrigatevi, fate presto.]

 

Uòut

Perzé nei tièmp passà l’àm ruinàdis
no te sauarèss dì justa quand che l’àm
frabicadis. Xem uòut toronzà del tièmp,
tìr de mortal. Per chel che me par disèuem
sol de uìta ància se la fiùra squasi desfàta
de culìa che la xe depènta chilò, el net
disèngn de l’aurègla, la fàza, i dèi
li màgna l’àga de l’autuno che la uèm
drènto del drap rik de gànz de òr uèi
taià de la nauàda. Aga com asèi
ch’el brusa fèminis coi drap, lontam
in tòl fond, che le uèm del potòk. Clàpe
de ciauàl sora el troz, i deuoti
còlis torzis impizàdis. No xe lèzitu
zì plùi inlò. El pinèl sutìl còlis man
de chèl che lo tegnèuem l’àu lassà de cui
sàu quanti agn i mur, la pièra che intrèja
de inlà fima chi la tem el sòuo uède.

[Volte.
Perchè nei tempi passati le hanno rovinate / non saprei dirti bene quando le hanno / costruite. Sono volte scheggiate dal tempo, / dai colpi di mortaio. Per quel che mi sembra parlano / solo di vita anche se la figura quasi dissolta /di quella che è qui dipinta, il puro / disegno dell’orecchio, il capo, le dita / li corrode l’acqua dell’autunno che entra / dal broccato d’oro ormai / làcero della navata. Acqua come aceto / che brucia donne con la biancheria, lontane / sullo sfondo, che ritornano dal torrente. Impronte di zoccoli / di cavallo sul sentiero, devoti / con le torce accese. Non è lecito / andare oltre. Il pennello sottile assieme alle mani / di chi lo teneva ha abbandonato da chi / sa quanti anni i muri, la pietra che intera / da allora fin qui trattiene il suo sguardo.]

 

Disnou agn

E po sùbit se uoltèua, e se zièua
a tràze in cianòua. Perzè la sarèss
de nòu tornàda imfrà le spacadùre
de la stajòm, sauèum, l’angunìa
de lis ciàusis descouiàrtis com i mur
de chèlis ciàsis squartàdis. Massa prèst
passà el liuèl. Uìm blànk ch’el ciolèua
sora la tàula de lègn el negro uistù
dei òmis che uigniuèm drènto contra
el sol fred de la matìna, inciantàdi
dauànt de la intràda, àut in tòl fond
sora el mont el ciastièl. Che sbateuèm
la puàrta depènta. No jera ajut. Repar
a lis fùriis del uènt. Squasi disnou agn.
Lontam de dì indormenzàdi in tòl mar.

Disnou agn

E po sùbit se voltèva, e se zièva
a tràze in chianòva. Perzè la sarèss
de nòu tornàda imfrà le spacadùre
de la stajòm, savèum, l’angunìa
de lis chiàusis descouiàrtis com i mur
de chèlis chiàsis squartàdis. Massa prèst
passà el livèl. Vìm blànch ch’el chiolèva
sora la tàula de lègn el negro vistù
dei òmis che vignivèm drènto contra
el sol fred de la matìna, inchiantàdi
davànt de la intràda, àut in tòl fond
sora el mont el chiastièl. Che sbatevèm
la puàrta depènta. No jera ajut. Repar
a lis fùriis del uènt. Squasi disnou agn.
Lontam de dì indormenzàdi in tòl mar.

[Diciannove anni.
E poi subito si girava, e si andava / a prendere il vino nella cantina. Perchè sarebbe / di nuovo rientrata attraverso le fenditure / della stagione, sapevamo, l’agonia / delle cose nude come i muri / di quelle case sventrate. Troppo presto / passato il livello. Vino bianco che raccoglieva / sopra la tavola di legno il nero vestito / dagli uomini che entravano contro / il sole freddo della mattina, fermi / sull’entrata, alto in fondo / sopra il monte il castello. Che sbattevano / la porta dipinta. Non c’era aiuto. Riparo / alla furia del vento. Quasi diciannove anni. / Lontani di giorni addormentati nel mare.]

 

Dassèm, crèdisto, chèsta la xe um altra
manèstra. Diuèrsa sempre de chèl
che posto pensà. Sarài gniènt, uòda l’àga
che la se messèda col cacàbus ross
in tòla rìua. Sora chèsti uèr i uiènt
greghi de nòu descouiàrzem uerità
sepelìdis. Ligàdis zà im òr de mess
inciantàdi drènto del passà. Sònem
ciampànis. No se cognòss debòt auànt
ze che sèis, i colòr atòr, uìui, del di.

[Davvero, credi, questa è tutta un’altra / cosa. Diversa sempre da quello / che potresti pensare. Sarò niente, vuota l’acqua / che si mescola all’argilla rossa / sulla riva. Sopra questi vetri venti / di grecale scoprono verità / sepolte. Legate in oro ormai di mesi / fermi nel passato. Suonano / campane. Non si conosce quasi davanti / cosa vi sia, i colori attorno, vivi, del giorno.]

 

Sul mol

Cussì uers lis undis oris. Uàm plam,
del negro fis del mar zuzàdi, òmis
a pes’cià lis sardèlis. L’ài uidùdi
ciaminà imfrà el clar senza uigòr,
com de candilìer zùdi, inlò sul mol

uoud, de là del puènt levadòr. Àm
sbarà, po, un mortàl. No l’ham ciatàdi.
Chèl e nància i di indrìo. Im fond
de la sèra, in chèla màndula de uèss
sieràdi. Cussì uers lis undis oris.

[Sul molo.
Alle undici circa. Vanno piano, / dal nero fitto del mare succhiati, uomini / a pescare sardine. Li ho visti camminare tra il chiaro senza vigore, / come di candelieri quasi finiti, là sul molo // deserto, oltre il ponte levatoio. Hanno / sparato, poi, un mortaletto. Non li hanno trovati. In quello e nei giorni seguenti. In fondo / alla sera, quella mandorla d’osso / rinchiusi. Alle undici circa.]

 

______________________________
Nota dell’autore

Dopo aver letto un delizioso libretto dell’abate Giuseppe Mainati, “I dialoghi piacevoli in dialetto vernacolo tergestino”, pubblicati a Trieste nel 1828, nel marzo del 1998 ho scritto di getto, in poco più di una settimana, questa breve raccolta di poesie. Alcuni versi, come noteranno gli studiosi, sono dei veri e propri “collage” di espressioni riportate su quelle pagine. Ma, per motivi misteriosi, non posso non sentirli meno miei di altri che ho composto in questi anni. Le poesie sono state state scritte (o, forse, si sono scritte) in tergestino, un’antica parlata friulana scomparsa nei primi anni dell’Ottocento per lasciar posto al moderno dialetto triestino. Una parlata di cui esistono pochissime testimonianze scritte e mai, a quanto mi risulta, più ripresa da nessuno come è accaduto, invece, per il muglisano. Leggendole, alla sorpresa di scoprire che nella vicina Trieste si impiegava un tempo una parlata di tipo friulano, si aggiunse la sorpresa ancor maggiore che molte delle parole più particolari di questo dialetto (come “nòu” o “vìu”) sono parole che io ho avuto modo di sentire moltissime volte e che ancora mi capita di impiegare a casa mia, a Pieris e negli altri paesi del monfalconese, dove si parla un originale “sermo rusticus” di tipo arcaico veneto detto “bisiàc”. Parole che sono evidentemente le tracce preziose, miracolosamente sopravissute nella mia lingua madre, di un perduto comune sostrato. In “bisiàc”, inoltre, scrivo di solito le mie poesie. Ed è forse anche per questo, che mi sono ritrovato tempo fa per un momento della mia vita senza quasi volerlo, come rapito da quel mondo estinto eppure ancora misteriosamente vibrante e vivo, a scrivere impiegando questo dialetto, per me, lontano e vicino al tempo stesso. Come se quegli uomini, quelle donne assieme alla loro parlata cancellata dalla storia, di cui praticamente oggi quasi tutti ignorano l’esistenza, mi chiedessero, per un momento ancora, di poter parlare attraverso le mie parole, di far sapere al mondo che sono esistiti.
Una sorta di “passaggio attraverso l’oblio”, secondo le parole di Jabés, “verso la memoria ricostituita” nell’alveo di una parola che ancora testimonia un’aderenza piena al paesaggio in cui è sorta, il Carso, il mare, e ne rimane la prima, dimenticata anche se mai in fondo spossessata, voce.

______________________________
Nota biobibliografica

Ivan Crico, nato a Gorizia nel1968, ha iniziato gli studi artistici nel 1981 diplomandosi in pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia.
A partire dal 1983, ha iniziato ad esporre in numerose collettive in Italia e all’estero. Dal 1995 ha iniziato ad interessarsi anche alla decorazione antica e al restauro, lavorando in seguito a grandi lavori di ricostruzione di affreschi in prestigiose ville e palazzi storici. Dal 2002 è stato invitato a tenere dei corsi d’alta decorazione all’Istituto Statale d’Arte di Gorizia.
Dopo essersi inizialmente segnalato come poeta in lingua, nel 1989 ha cominciato ad impiegare il nativo dialetto “bisiàc”, Suoi testi poetici e saggi critici sono apparsi, a partire dal 1992, sulle maggiori riviste italiane come “Poesia”, “Lengua”, “Diverse Lingue”, “Tratti”, “Frontiera”. Nel dicembre 1997 ha pubblicato Piture, a cura di Giovanni Tesio, per l’editore Boetti di Mondovì e nel 2003, per il Circolo Culturale di Meduno, con prefazione di Antonella Anedda, Maitàni (“Segnali di mare”). Nel 2006, per le edizioni del Consorzio Culturale del Monfalconese è uscita la plaquette “Ostane” (“Germogli di rovo”) e nel 2007 la raccolta “Segni della Metamorfosi” per le edizioni della Biblioteca di Pordenone. Nel 2008 ha pubblicato la raccolta “De arzent zu”, scritta nell’antica ed estinta parlata friulana presente un tempo a Trieste, per l’Istituto Giuliano di Storia e Documentazione di Trieste.
Della sua poesia si sono occupati i maggiori critici e poeti italiani da Brevini a Tesio, da Villalta a D’Elia, dall’Anedda a Benedetti.
Per diversi anni ha organizzato, nell’antica chiesa di Santa Maria in Monte a Fogliano (GO) incontri di poesia con poeti italiani, esteri e in dialetto accompagnati da importanti musicisti. Figura tra i nove autori selezionati per l’antologia “Tanche giajutis” curata da Amedeo Giacomini, che comprende i poeti più significativi nei dialetti e le lingue minori degli ultimi decenni del Friuli Venezia-Giulia, ed è stato invitato dal poeta e critico Achille Serrao a comparire all’interno dell’antologia, di prossima pubblicazione, che comprenderà i maggiori poeti della poesia neodialettale italiana.

______________________________
Su Absolute Poetry un interessante articolo, testi da altri libri e note critiche di/su Ivan Crico.

Qui, qui e qui i blog e i siti in rete da lui gestiti.
______________________________

 

***

13 pensieri riguardo “De arzènt zù (D’argento scomparso) – di Ivan CRICO”

  1. Sono contento che fm, grazie alle sue attentissime orecchie, abbia dato spazio qui a Ivan Crico. Frequento Ivan da diversi anni ormai, ma la mia conoscenza si è approfondita lentamente nel tempo, passo dopo passo. Ed allo stesso modo ho compreso lentamente le motivazioni ed i mezzi della sua ricerca sui dialetti, che è un’operazione condotta con umiltà e pazienza dal punto di vista di chi cerca di dare (ri-dare) dignità non solo ad una parlata, ma attraverso di essa ad una terra e alle persone che la abitano.

    Complimenti e un caro saluto a Ivan, e un abbraccio come sempre al padrone di casa.

    Francesco t.

  2. Grazie di tutto, Francesco. Colgo l’occasione per invitare allora i lettori del FVG nel borgo di Colloredo di Soffumbergo, il 21 giugno alle 19.00, dove presenteremo alcuni brani tratti dal libro, circondati da un paesaggio tra i più belli d’Italia, con boschi e colli incoronati da ulivi e vigneti, e dov’è possibile incontrare, tra l’altro, anche diversi produttori di prodotti biologici preparati dalle famiglie del luogo nelle aie e sotto i portici delle loro case secolari di legno e pietra. A presto.

  3. Sono in assoluto tra le liriche più belle che abbia letto negli ultimi tempi e ospitato qui nella Dimora.

    Ogni testo è frutto di un sapiente lavoro di artigianato: puoi immaginare la mano, paziente, che cura ogni minimo dettaglio, come chi leviga o intaglia pietra e legno, attenta a ogni variazione di timbro e colore nella risonanza dei colpi, capace di saggiare finanche la consistenza dell’aria, pur di permettere a ogni “profilo” di stagliarsi nell’unità dei lineamenti che gli danno nome e voce.

    L’opera ha la pregnanza e la consistenza delle “cose” necessarie: la “necessità del sogno” che si fa atto di ri-nominazione e ri-scrittura del mondo, una scrittura che non lascia altra traccia, altra memoria, che non sia quella che fa rifiorire nel passaggio, nel solco d’inchiostro: atto che contiene la consapevolezza, etica prima di ogni altra connotazione, che solo attraversando il “deserto” (il richiamo jabèsiano della nota dell’autore è oltremodo rivelatore) è possibile assistere al miracolo di veder brillare una costellazione di doline tra le sabbie: “in tòl blànk”: il riverbero della vita nel colore del nulla.

    Grazie a voi. Un caro saluto.

    fm

  4. il dialetto dà ai versi una forza che sembra uscire direttamente dalle viscere della terra, ho tentato di capirle senza leggerne la traduzione, cogliendone il suono, la potenza e la dolcezza, ma purtroppo mi sono dovuta arrendere e per coglierne pienamente il senso ho dovuto buttare l’occhio alle – tra l’altro – bellissime traduzioni.

    si, tra i più bei testi della dimora.

  5. Testi molto belli, come rilevato dai commentatori.
    Un lavoro di cui si sente la cura con cui è stato fatto e l’autenticità.
    Complimenti.

  6. Versi di uno splendore diamantino, talmente fruibili da poterne assaporare tutta l’atmosfera presente, da respirare quell’aria che si insinua tra gli alberi e le cose, un recupero di una lingua che non è solo parola, ma memoria di un significato più fondo, quando alla parlata delle radici, corrispondevano valori quasi del tutto assenti nell’odierna contaminazione che la parola assorbe dalla frenesia di un presente poco attento.

    Complimenti a Ivan Crico e sempre grazie a Francesco

    jolanda

  7. Affascina e chiama sé la lingua dialettale, come non riesce a fare la lingua ‘pulita’.
    Apre la scorza con un colpo secco di accetta.
    Volano schegge e odore vivo di cose.
    E’ una nudità di sguardo che in questo caso coglie non le cose stesse, ma il pensiero delle cose, il loro passo che accompagna il gesto.
    E fa luce.

    Non so perchè ma più dei testi in lingua, il dialetto chiama voce.

    Molto.

  8. “E’ una nudità di sguardo che in questo caso coglie non le cose stesse, ma il pensiero delle cose, il loro passo che accompagna il gesto.”

    Perfetto.

    Grazie, Iole.

    fm

  9. Tra l’altro, visto che non ci sente/vede quasi nessuno, posso pure confessar(ve)lo: ho letto degli inediti di Ivan anche superiori (per molti versi) ai testi qui raccolti… (il che è tutto dire).

    fm

  10. Ho iniziato ad impiegare le mie prime parole in lingua italiana alle elementari. E in casa mia (ancor oggi) parliamo solo nel nostro idioma bisiac. Parole che nascono dal contatto diretto, senza alcun filtro culturale o quasi, con le cose. Come se le cose si fossero autonominate, attraverso misteriosi suggerimenti, scegliendo per sé, da sé il loro nome. Ora questo mondo va scomparendo ma ancora in molti, come me, sono nati in quel mondo e, di quel mondo, con amore e con la severità dell’amore che non contempla falsificanti nostalgie, vediamo con chiarezza i limiti ma anche i tanti, tantissimi pregi. Che, ovviamente, un mondo massificato e massificante cerca di ridicolizzare, cancellare dalla memoria. Il consumatore deve poter vivere in un mondo indifferenziato e potersi riconoscere ovunque. Ma noi sappiamo, invece, che solo orientandoci verso ciò che non conosciamo possiamo riconoscere ciò che non sappiamo di noi e, quindi, ampliare i nostri orizzonti. Queste lingue non sono in sé nè migliori né peggiori di tutte le altre lingue: forse conservano, più di quelle ufficializzate, le tracce di un contatto diretto con ciò che nominano, come il profumo dell’erba che penetrava nella pelle, per ore, quando mio padre ci chiedeva di andare a raccoglierla lungo i fossi, nei sacchi grezzi di iuta, per i conigli.

  11. E’ un vero piacere comunicare ai lettori del blog che con questo libro Ivan Crico ha vinto, ex aequo con Piero Marelli, il primo premio al “Biagio Marin”, il più prestigioso concorso italiano dedicato alla poesia dialettale.

    Complimenti Ivan, e grazie per essere qui.

    fm

  12. A Jole:
    ” SA LIMBA JAMA BOGHE! ” -Il dialetto chiama voce-
    E la VOCE delle Lingue, dimenticate o ricordate ed ancora in uso nel Parlato…..
    \ rimbalzano
    e precipitano
    come innocue slavine-
    dall’ alto delle montagne carsiche-
    sino al nostro mare isolato-
    per poi fondersi in un abbraccio
    di azzurro
    con acqua
    e nuvole. *A medas annos, Ivan Crico!*
    E grande Francesco Marotta
    marlene

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.