În angul, geumetrii, citâ di matt.. – di Franco LOI

loi15n06

Se scriv. Per chi? perchè? Se scriv per l’aria,/ che là nel vent se sperden i paroll,/ paroll di òmm in nott sensa speransa,/ vus mort che sensa dìss pàren scultàss,/ gràm gent che van nel mund sensa creansa,/ marüm che se desperd cun la pietâ.

Si scrive. per chi? perché? si scrive per l’aria,/ che là nel vento si sperdono le parole,/ parole d’uomini in notti senza speranza,/ voci morte che senza dirsi sembrano ascoltarsi,/ genti che vanno nel mondo senza creanza,/ marame che si disperde con la pietà.

 

           Franco Loi – Dieci poesie rare e introvabili.

 

În angul, geumetrii, citâ di matt..
Lüs giald, e quj stralüsc che par la nott
di auto, i palass mort, vita de merda..
..se va tra i sentirö.. una stradina..
ulìv fâ pulver e tocch gram de prâ..
Due che la vita se restreng a vita
i strasc e l’umbra û pruâ a ciamà..
E lì û tucâ ‘l mund. Lüna de aria,
ferma nel temp la vus de la citâ..
Uh che bèj nüver smort, m’în largh i prâ,
secrèta l’è la storia de la vita
e nient ghe resta in cör nel dessedàss.

[Sono angoli, geometrie, città di pazzi../ Luci gialle, e quei lampi che sembrano la notte/ di auto, di palazzi pallidi, vita di merda../ ..si va tra i sentieri.. una stradina../ ulivi fatti polvere e grami pezzi di prati../ Dove la vita si restringe alla vita/ gli stracci e l’ombra ho provato a chiamare../ E lì ho toccato il mondo. Luna di aria,/ ferma nel tempo la voce della città../ Oh che belle nuvole sbiadite, come larghi i prati,/ segreta è la storia della vita/ e niente ci rimane in cuore nel destarci.]

 

*

 

Passa el tò cör tra j òmm, nissün le sa.
Sent cume curr el trenu in mezz i câ!
Nüm rivarèm la nott ne la sutürna,
là due nissün ghe spèta, due se sa..
Uh nott, t’û ‘ista scend per mia paüra,
e seri sul, cume l’è sul un can,
e seri lì che me scundevi a l’aria
e l’aria me cercava, e l’era mì.
la nott l’era la nott, lüna la lüna,
e mì piasevi ai stèll suda de mì.

[Passa il tuo cuore tra gli uomini, nessuno lo sa./ Senti come corre il treno in mezzo alle case!/ Noi arriveremo la notte nella malinconia,/ là dove nessuno ci aspetta, dove sappiamo../ Oh notte, ti ho vista scendere per mia paura,/ ed ero solo, com’è solo un cane,/ ed ero lì che mi nascondevo all’aria,/ e l’aria mi cercava, ed ero io./ La notte era la notte, luna la luna,/ e io piacevo alle stelle sopra di me.]

 

*

 

Sì, mì sù no chi sun, e quèl che sun
l’è no quèl che ve par, mia brava gent,
che quèl sun mì che l’aria me fa vèss,
nèbia d’un sògn che l’òm el s’è scurdâ,
la nustalgia d’un temp che cum’un spegg
de giuentü reciama a serietâ
o el sens d’una natüra ch’èm perdü
e mì nel mè pensàm mövi nel cör..
E în penser? o la mia frunt, j öcc?
la furma smentegada de la vita
che trèma al mund e cerca veritâ?
Sun dent al bèl de mì e amô ve vardi
nel sass che spèta el sègn luntan del sû.

[Sì, non so chi sono, e quel che sono/ non è quel che vi pare, brava gente,/ che io sono quello che l’aria mi fa essere,/ nebbia d’un sogno che l’uomo ha dimenticato,/ la nostalgia d’un tempo che come uno specchio/ di gioventù richiama a serietà/ o il senso di una natura che abbiamo perduto/ e io nel mio pensarmi muovo nel cuore../ E sono pensieri? o la mia fronte, gli occhi?/ la forma dimenticata della vita/ che trema al mondo e cerca verità?/ Sono nel meglio di me e ancora guardo/ nel sasso che aspetta il segno lontano del sole.]

 

*

 

Quan’ che ven sera speri che la nott
sia amisa de l’amur, che a mì me pias
sta sveli e sensa sogn ne la strachessa.
Ma lé, la nott, la passa tra i fenester
tra quj penser d’amur che se fan mör,
e uh che sigh! siren ne la vergogna,
e strad che van tra i câ due nun se vör.
Gh’è mai silensi e mai ‘na lüna ciara
tra quj fenester che fan presun al cör.
Uh che pagüra che me fa la nott!
paüra la citâ che urmai la mör.

[Quando vien sera spero che la notte/ sia amica dell’amore, che a me piace/ star sveglio e senza sogni nella stanchezza./ Ma la notte passa tra le finestre/ tra quei pensieri d’amore che si fanno morire,/ e uh che gridi! sirene nella vergogna,/ e strade che vanno tra le case dove non si vuole./ Non c’è mai silenzio e mai una luna chiara/ tra quelle finestre che fanno prigione al cuore./ Uh che paura che mi fa la notte!/ paura la città che ormai muore.]

 

*

 

Mì vedi el nient, el vardi, e me vègn denter
la malagogna del diu che m’à creâ..
deserta giuèntü, spersa la vita,
tanta vergogna, amur pien de viltâ..
..me ciapa quèl silensi che m’inferna,
preghi la nott, me raspi, me remèni,
ghe giunti anca l’assogn.. Respund el verna,
e de luntan rümur d’una quaj machina
che porta per Milan l’aria suverna.
Uh tì, cacca del dìss, lengua de l’ànema,
pàrlum de lü, ‘na volta dì ‘n quajcoss,
che mì me sun malâ de l’aria eterna,
paüra de la nott nera de foss.

[Io vedo il niente, lo guardo, e mi viene dentro/ la maledizione del dio che mi ha creato../ deserta gioventù, spersa la vita,/ tanta vergogna, amori pieni di viltà../ ..mi prende quel silenzio che m’inferna,/ prego la notte, mi raspo, mi dimeno,/ ci perdo anche il sonno.. Risponde l’inverno,/ e da lontano i rumori di qualche macchina/ che porta per Milano l’aria sotterranea./ Oh te, cacca del dirsi, lingua dell’anima,/ parlami di lui, una volta dì qualcosa,/ che io mi sono ammalato dell’aria eterna,/ paura della notte nera di fosso.]

 

*

 

Se scriv. Per chi? perchè? Se scriv per l’aria,
che là nel vent se sperden i paroll,
paroll di òmm in nott sensa speransa,
vus mort che sensa dìss pàren scultàss,
gràm gent che van nel mund sensa creansa,
marüm che se desperd cun la pietâ.

[Si scrive. per chi? perché? si scrive per l’aria,/ che là nel vento si sperdono le parole,/ parole d’uomini in notti senza speranza,/ voci morte che senza dirsi sembrano ascoltarsi,/ genti che vanno nel mondo senza creanza,/ marame che si disperde con la pietà.]

 

*

 

Mì scrivi in milanes, e lur me dìsen
che sun arius o che capìssen no..
Pö, giunten che ‘l dialètt l’è per gent bassa
e sarìa mèj giüstal cun l’italian.
De quèl che parlen mai l’è la puesia
che par sia fada per i ciall e i mort.

[Io scrivo in milanese, e loro mi dicono/ che sono arioso o che non capiscono../ Poi, aggiungono che il dialetto è per gente bassa/ e sarebbe meglio acconciarlo con l’italiano./ Ciò di cui non parlano mai è la poesia/ che sembra fatta per gli sciocchi e i morti.]

 

*

 

Gh’în òmm che pénsen semper la puesia
‘na mezza riga sura al sentiment,
e svègnen per i mort, per i puèta
ch’àn scrìtt, che àn furcâ, ma, per piasè,
ch’àn tirâ i büsch, urmai in cartulina..
Che bèj paesàgg el Göte! e che bèl ciel!
L’à scrìtt el Fuscul.. E chì gh’è stâ el Leupard..
E che bèj donn! e quanti amur! che òmm!
Ma quèl truàssel lì, in carna e oss,
un pòr puèta che gh’èm de supurtà
cuj sò caghètt e la malincunia,
e cun quèl vissi de vìv de desperâ..

[Ci sono uomini che pensano sempre la poesia/ una mezza riga sopra il sentimento,/ e svengono per i morti, per i poeti/ che hanno scritto, che hanno fatto, ma, per piacere,/ che han tirato le cuoia, ormai in cartolina../ Che bei paesaggi il Goethe! e che bel cielo!/ L’ha scritto Foscolo.. E qui c’è stato Leopardi../ E che belle donne! e quanti amori! che uomini!/ Ma quel trovarselo lì, in carne e ossa,/ un povero poeta che dobbiamo sopportare/ con le sue caghine e la malinconia,/ e con quel vizio di vivere da disperato..]

 

*

 

Treba, ne treba (1), tüta la puesia,
dònn, l’è ‘na pissa che se spand per l’aria
e che la tèra bév sensa savé,
e la fa mal aj òmm d’ideulugia,
pien de gran merda e de faccia unest,
ché l’òm l’è can a l’òm per malatia,
per cacca de l’urgòli, per viltâ,
inscì la pest le venc, e la puesia
treba ne treba la se pissa in man.

[Serve, non serve, tutta la poesia,/ donne, è una piscia che si spande per l’aria/ e la terra beve senza sapere,/ e fa male agli uomini d’ideologia,/ pieni di gran merda e dalla faccia onesta,/ ché l’uomo è cane all’uomo per malattia,/ per cacca dell’orgoglio, per viltà,/ così la peste vince, e la poesia/ serve non serve si piscia in mano.]
[(1) Treba ne treba: romeno. Appartiene ai versi del poeta Lucian Blaga.]

 

*

 

Che scrìven in dialètt o in italian
gh’è mai puesia che la vègn de lur.
Ne fan ‘na storia de lengua e de lenguagg
ma l’è storia de vita e de resun:
l’è l’ànema che lur àn refüdâ
per grama sciensa e minga religiun.

[Che scrivano in dialetto o in italiano/ non c’è mai poesia che venga da loro./ Ne fanno una storia di lingua e di linguaggi/ ma è storia di vita e di ragioni:/ è l’anima che loro han rifiutato/ per grama scienza e nessuna religione.]

______________________________

Copertina_3_Premio_MezzagoArte_rid

I testi di Franco Loi sono tratti da: AA. VV. (a cura di Luigi Cannillo), Questo dolore che mangia, Antologia del III Premio MezzagoArte, Sasso Marconi (BO), Le Voci della Luna, “Cantiere”, 2009.

______________________________

 

***

Annunci

4 pensieri riguardo “În angul, geumetrii, citâ di matt.. – di Franco LOI”

  1. Per comprendere, ancor di più la grandezza poetica e umana di Loi, vorrei condividere con voi queste parole, tratte da una lettera che mi inviò nel 1997 e che, da allora, continua a farmi riflettere: ” Ho scritto molto questa estate. Ma non ho fatto le mie solite vacanze al mare e ora ne risento non poco. Dovrei anche ridurre i miei viaggi. Ma penso siano necessari per tanti giovani sparsi in Italia che non sentono mai parole di speranza.
    Non sono immodesto. So che è un mio compito”.
    Ecco, anche questo è Loi, maestro e amico sincero, tra le voci più alte – da sempre – della nostra poesia.

  2. noi che cerchiamo cure
    e non abbiamo più cuore
    noi che guardiamo intorno e non guadiamo
    lo specchio dell’io che in tutti ci riflette e ci moltiplica
    noi generazione di generati
    che degeneriamo la sostanza della vita.

    Spigolosa,acuta e dolorosa attenzione in questa poesia, che sembra voler rallentare su ciò a cui di solito non si attribuisce valore, sopra cui si passa senza riguardo alcuno
    ferni

  3. Ho avuto il piacere, grandissimo, di conoscere Franco Loi di persona e non posso non concordare con voi: l’eccellenza del poeta è lo specchio dove rifulgono le qualità dell’uomo.

    Grazie per i commenti.

    fm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.