Quattro poesie di Alberto Da Costa E Silva

Eram belas as vozes
de que fui o segredo

e que ouvi, longe em mim,
a contar-me o que cedo

ao órfão, ao desditoso,
ao coberto de fezes

– alguém que vai profundo,
sendo êxtase e beijo,

no corpo que me serve,
e me vê no que vejo.

Elegia

Sofrer esta infância, esta morte, este início.
As cousas não param. Elas fluem, inquietas,
como velhos rios soluçantes. As flores
que apenas sonhamos em frutos se tornaram.
Sazonar, eis o destino. Porém, não esquecer
a promessa de flores nas sementes dos frutos,
o rosto de teu pai na face do teu filho,
as ondas que voltam sobre as mesmas praias,
noivas desconhecidas a cada novo encontro.
As cousas fluem, não param. As folhas nascem,
as folhas tombam longe, em longínquos jardins.
Em silêncio, vives a infância de teus olhos
e, morto, és tão puro que te tornas menino.

Elegia

Soffrire questa infanzia, questa morte, questo inizio.
Le cose non si fermano. Trascorrono, inquiete,
come vecchi fiumi gorgoglianti. I fiori,
appena sognati, si mutarono in frutti.
Maturare, questo il destino. Ma non dimenticare
la promessa di fiori nei semi dei frutti,
il volto di tuo padre nello sguardo di tuo figlio,
le onde che ritornano alle stesse spiagge,
spose sconosciute ad ogni nuovo incontro.
Le cose trascorrono, non si fermano. Le foglie nascono,
poi cadono lontano, in remotissimi giardini.
Vivi in silenzio l’infanzia dei tuoi occhi,
e, morto, sei così puro da ritornare bambino.

ELEGIA

Giulìr de éssar putei, de sto murìr, de sto prinzìpio.
Le robe mai le se ‘ncanta. Le sbrissa, senza mai padìn,
como vèce àque che le sbrundùla. I fior, cunpéna
insuniadi, i s’à mudà in fruti. Madurar, sto culì ‘l distìn.
Ma no state desmentegar la promituda dei fior
ta le samenze dei fruti, la faza de to pare ta’l vardar
del to fiol, le onde che le torna ta spiaze conpagne,
nuvìze scugnussude ogne volta che le se cata. Le robe
le córe no le se ‘ncanta. Le foie le nasse, despò le caze
lavìa, drento de zardìni luntanóni. Ti vive in zidìn
‘l vìvar putel dei oci tovi e, mort, cussì net de nóu
te torne de doventar de nóu ‘l garzón che te iere.

(Traduzione in lingua bisiaca di Ivan Crico)

(da: O Parque / Il Parco, 1950-52)

*

O Espaço Vazio

Quem fez de tua corola
a boca que não responde
e se verga à brisa e corta
nosso espanto e nossa fome?

Qual a fonte que te banha,
que não mana, nem se esconde
entre as ramas, e na fronte
os cabelos nos derrama?

De que és feita, de que asa
sem inércia e vôo, ausente,
mas que embalam, nas sacadas,
os leques? O rio que mente,

que oculta seu curso e praias,
teu segredo também cala.
Que escondes, ó flor? Desmaia
em nosso olhar tua cor

de ar sem céu, sem perfume,
sopro que morre na flauta,
cornamusa muda, ovelha
sem lã, aprisco e pastor.

Por entre a mão frágil, fina,
que dobra a haste sem trama
vegetal, que não te liga
nem à terra, nem ao drama

do meu sonho, ó inesistente
que em pura beleza existes,
por que foges? De que chama
nasce e morre o breve ausente?

Vences a sombra… A lembrança,
ó languido quartzo, ó nada,
mentira de vergel mansa,
è uma rede imaculada,

pois morres sem ver os dias
no teu exílio sem tempo,
sem que recebas a herança
dos jarros das madrugadas.

Ó vertigem, claro ente
de um paraíso feroz,
sal e carne dessas ondas
que as tarrafas nunca prendem,

que raízes tens na tarde
dividida pelo sol
e o seu prenúncio lunar?
Por que ficas, puro e só,

centauro de flor e ar,
que inventas a nostalgia
de ser eterno, não sendo
martírio de um raro olhar?

Lo spazio vuoto

Chi fece della tua corolla
la bocca che non risponde
e si piega alla brezza e spezza
la nostra paura e la nostra fame?

Quale fonte ti bagna
che non sgorga, non si nasconde
tra i rami, e sulla fronte
i nostri capelli scompiglia?

Di che sei fatta, di quale ala
senza quiete e volo, assente,
ma che i ventagli stringono
sui balconi? Il fiume che mente,

che occulta corso e rive,
tace anche il tuo segreto.
Cosa nascondi, fiore? Stinge
nel nostro sguardo il tuo colore

d’aria senza cielo né profumo,
respiro che nel flauto muore,
cornamusa muta, pecora
senza lana, ovile e guida.

Dalla mia mano fragile, sottile,
che piega lo stelo senza trama
vegetale, che non ti lega
né alla terra, né al dramma

del mio sogno, o inesistente
che in pura bellezza vivi,
perché fuggi? Da quale fiamma
nasce e muore la breve assenza?

Tu vinci l’ombra… La memoria,
o languido quarzo, o nulla,
menzogna d’umile giardino,
è un filo immacolato,

e muori senza vedere i giorni
nel tuo esilio senza tempo,
senza ricevere il lascito
delle anfore aurorali.

O vertigine, chiaro essere
di un feroce paradiso,
sale e carne di quelle onde
mai intrappolate dalle reti,

quali radici hai nel tramonto
diviso dal sole
e dal suo annuncio lunare?
Perché rimani, puro e solo,

centauro di fiore e aria,
tu che inventi la nostalgia
di essere eterno, non essendo
martirio di uno sguardo raro?

(Da: O Tecelão / Il Tessitore, 1953-1959)

*

Poema de aniversário

Foge o homen para o centro do deus que o persegue
e risca na própria pele a beleza da morte,
o provado desenho de una infância, estas formas
que a minúcia do olhar recompõe na cegueira.

Já não sente os cavalos, nem recorda o que cerca
a sozinha indolência que revê no destino
de estar, rosto na relva, eterno e antigo, vindo
do sol sobre as clareiras para a limpa tristeza.

Segue os céus que repartem, entre o certo e o difuso,
o sonhar exilado do que breve lhe fica,
do que traz sobre os ombros, como achas, a vida,
só istante e distância, pobre húmus sem uso.

E joga o ser chorado e o que foi (recolhido
na sobra do menino que lhe fala ao ouvido)
sobre o colo e o abandono do deus que flui, calado,
entre muros de cinza, solidão e cansaço.

Poesia di compleanno

Fugge l’uomo tra le braccia del dio che lo perseguita
e sulla sua pelle s’incide la bellezza della morte,
il disegno in rilievo di un’infanzia, le forme
che lo sguardo minuzioso ricompone nella cecità.

Più non sente i cavalli, non ricorda che cosa stringe
la solitaria indolenza che rivede nel destino
di ritrovarsi, il viso nell’erba, eterno e antico,
congiunto dal sole sopra le radure alla pura tristezza.

Segue i cieli che ripartono, tra il certo e il vago,
il sognare esiliato di ciò che breve gli rimane,
della vita che, come legna, porta sulle spalle,
istante soltanto e distanza, povera terra in disuso.

E affida l’essere pianto e ciò che è stato (raccolto
sul ciglio del bambino che all’orecchio gli parla)
al grembo e all’abbandono del dio che fluisce,
muto, tra muri di cenere, solitudine e stanchezza.

O Poeta, Ao Poeta

E tinha de ser eu
um ser ausente a tudo,

um enviado da terra,
reduzido a cansaço,

quem apenas diria
o que fora ditado,

posto só no escuro,
pelo céu o acaso.

Entre a sombra e o lume
de seu tempo desfeito,

voltaria de mim
para a espera, que anulo,

deste deus que não fui
no menino, que, preso

nos seus gestos de então,
recompõe no mais puro

exílio, toda a febre,
a carne que lhe deram,

a palavra e o choro,
as sobras do infinito,

o seu sonho partido
entre o dormir e o medo.

Eram belas as vozes
de que fui o segredo

e que ouvi, longe em mim,
a contar-me o que cedo

ao órfão, ao desditoso,
ao coberto de fezes

– alguém que vai profundo,
sendo êxtase e beijo,

no corpo que me serve,
e me vê no que vejo.

Il poeta, al Poeta

Dovevo essere io,
quello che a tutto è assente,

un inviato della terra,
ridotto a consunzione,

che avrebbe detto appena
quanto già fu dettato,

posto da solo al buio,
dal cielo o dalla sorte.

Tra l’ombra e la luce
del suo tempo disfatto,

a me ritornerebbe
per l’attesa, che annullo,

di questo dio che non fui
nel bambino, che, preso

nei suoi gesti di allora,
ricompone, nell’esilio

più puro, tutta la febbre,
la carne che gli diedero,

la parola e il pianto,
le briciole d’infinito,

il suo sogno diviso
tra dormire e paura.

Erano belle le voci
di cui sono stato il segreto,

udite in me, lontane,
a narrarmi quanto lascio

all’orfano, al derelitto,
all’uomo coperto di feci

– qualcuno che s’inoltra,
fatto estasi e bacio,

nel corpo che mi serve,
che mi vede in tutto ciò che vedo.

(da: As Linhas Da Mão / Le Linee Della Mano, 1967-1977)

***

12 pensieri riguardo “Quattro poesie di Alberto Da Costa E Silva”

  1. Le traduzioni sono di qualche anno fa, e avrebbero bisogno di una mano di vernice (anche se a me piacciono molto i “semilavorati” e le pareti un po’ scrostate).

    “Poema de aniversário”, invece, l’ho tradotta nel marzo scorso, il giorno del mio compleanno, ascoltando il trio Gismonti/Haden/Garbarek in un vecchio disco dei primi anni Ottanta e immaginando che stessero suonando per me, per festeggiarmi…

    fm

  2. Caro Francesco, le poesie mi sono piaciute così tanto che ho sentito il bisogno di tradurne subito una nella mia parlata bisiaca. Un dono per me e per chi passerà da queste parti (il rumore dolce e senza tempo delle cicale che entra dalle finestre aperte con la luce intensa, azzurra del pomeriggio credo abbia avuto un ruolo non insignificante in tutto questo…).

    ELEGIA

    Giulìr de éssar putei, de sto murìr, de sto prinzìpio.
    Le robe mai le se ‘ncanta. Le sbrissa, senza mai padìn,
    como vèce àque che le sbrundùla. I fior, cunpéna
    insuniadi, i s’à mudà in fruti. Madurar, sto culì ‘l distìn.
    Ma no state desmentegar la promituda dei fior
    ta le samenze dei fruti, la faza de to pare ta’l vardar
    del to fiol, le onde che le torna ta spiaze conpagne,
    nuvìze scugnussude ogne volta che le se cata. Le robe
    le córe no le se ‘ncanta. Le foie le nasse, despò le caze
    lavìa, drento de zardìni luntanóni. Ti vive in zidìn
    ‘l vìvar putel dei oci tovi e, mort, cussì net de nóu
    te torne de doventar de nóu ‘l garzón che te iere.

  3. Sole e tristezza…un binomio che fa pensare,in fondo la vita e’ tutta li’,in un verso o nell’altro…
    per fortuna i cieli ripatono anche se si tratta di un sogno esiliato.
    L’attimo fuggente da rapire in un lampo e’ espresso in tutto cio’ che esiste “sul ciglio del bambino che parla in un orecchio” e nell'”abbandono del dio che fluisce muto…tra solitudine e stanchezza”
    Indovinato il mix con la musica meravigliosa che sono andata ad ascoltare e introduce direttamente nell’atmosfera delle poesie.
    Grazie a Francesco per queste proposte di poesie piene di una saggezza amica
    AnnaMaria

  4. Versi che leggerei all’infinito, talmente tanto mi sono entrati nel sangue.

    Complimenti a te,Francesco, e a quanti conoscono le lingue.

    jolanda

  5. Bellissimi, straordinari versi. Ammiro la tua traduzione, Francesco, e quel disco che ascoltavi – beh, inutile dirlo – è tra i miei preferiti, chissà perché. Molta voglia di leggere ancora questo brasiliano luminoso e malinconico. Un abbraccio.

  6. mi fa piacere questo vostro entusiasmo verso le poesie di alberto da costa e silva. e la bontà delle vostre traduzioni.
    vi consiglio di cercare il libro Le linee della mano, edito da scheiwiller editore, con traduzioni di luciana stegagno picchio, giuliano macchi e ..mie.
    buon lavoro
    adelina a.

  7. Ringrazio di cuore Adelina Aletti.
    Il libro è introvabile, per quante ricerche abbia fatto, e non credo sia stato mai ristampato. Io ho lavorato sui testi contenuti in una antologia.

    Giadep, concedimi una piccola parentesi di narcisismo, tanto non fa male a nessuno e, soprattutto, non costa niente, tanto meno se ne ricava “qualcosa”: Alberto Da Costa E Silva è uno dei tanti poeti “sconosciuti” portati in rete da fm via Rebstein…

    fm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.