10 Agosto 2007/10 Agosto 2009 – Ore 10.28

E che altro potevo opporre al nulla
se non questa dimora
nella quale ho voluto riunire
tutto ciò che mi era vicino?
(Danilo Kiš)

michele-guyot-bourg-1.jpg

Fino all’ultima sillaba dei giorni

scrivere è un destino covato dall’ombra delle ore
la spina amorosa di chi non lascia niente alle sue spalle
perché essere cenere, sostanza di vento
è inciso da sempre a lettere di fuoco
nelle pupille dei segni che trascina – un canzoniere
infimo, un breviario di passi senza orma
tracima sillabe d’innocenza e memoriali di sabbia
dalla brocca silente che disseta il labbro,
quando parole malate d’aria si staccano dalle mani
precipitano nell’impercettibile abisso
di una pagina –
scrivere è un’ora covata dal destino
la spina che costringe il corpo in reticoli d’albe in piena notte
e punge fruga ricuce orli slabbrati lacera la carne
fino a che sanguinano anche i sogni,
fino a che l’immagine fiorisce in echi di sorgente
gli alfabeti rappresi dentro un grido

(sono queste le voci che mancano a una pietra
per sentirsi un arco lanciato verso il cielo,
sono questi gli accenti
che scortano il seme alla sua tomba di luce – al precipizio ardente
dove la morte è presagio di stagioni,
oracolo dei frutti e del ricordo)

 

***

 

Poesie sono anche doni.
Doni per le creature attente.
Doni carichi di destino.
(fm)

 

sorgente5
Archeologia delle fonti

migrazione1
Icone del migrare

bernardoni%20soglie1
Da un’eternità passeggera

emilio merlina - take_some_of_my_water_07
Il dono di Eraclito

michele guyot bourg 1
L’arte dimenticata di morire

 

***