Quaderni di Traduzioni (III)

39__Lora-Totino_-_La_biblioteca_di_Babele

Quaderni di Traduzioni
III. Settembre 2009


L. Calogero/S. Golisch

 

______________________________
Lorenzo Calogero – Gedichte/Poesie
______________________________

 

***

Annunci

13 pensieri riguardo “Quaderni di Traduzioni (III)”

  1. Passato, caro Francesco! Oggi ho passato tutta la giornata assieme a questo grande poeta, un poeta che come capirai bene ho sentito immediatamente vicino, e mi dico, quando succedono queste cose, che no, non può essere una semplice coincidenza, ma il convergere di un comune sentire verso la luce di parole che hanno davvero senso per noi. Parole che ci danno forza. Grazie allora di questo grandissimo dono!

  2. Un quaderno che ci ” condanna” a credere ancora nella poesia.

    Una condanna per chi non lo ha compreso. Grazie Lorenzo, qui starai bene!

    Stefanie, Francesco, siete impareggiabili, vi abbraccio.
    jolanda

  3. “Ci levighiamo colla speranza sottile
    di conoscere le cose a fondo”

    Eppure alla fine e quasi sempre penso sia il contrario: ci accorgiamo di non sapere veramente, di non conoscere. Non lo diciamo, ma perchè ne siamo spaventati, confusi.

  4. Carissimi,

    devo dire che sono davvero commossa dalla partecipazione e dal consenso espresso nei vostri commenti. Un grazie di cuore!

    Anche per me, LC è stato un amore a prima vista; sinceramente avevo più intuito che non già compreso le sue poesie, così oscure e lucide allo stesso tempo. Comunque, ho quasi subito iniziato a tradurle, o tentare di tradurle. Credo che sia più che altro un work in progress che Francesco Marotta ha accolto nei suoi bellissimi quaderni, una possibilità di traduzione che, con il tempo, potrebbe modificarsi, approfondirsi…

    Per me significa davvero tanto poterle pubblicare in questa cornice. Significa, non per ultimo, rassicurarmi che da qualche parte esistono altri individui che condividono la mia stessa passione . Che nulla va perso. Che non era inutile occuparmi per un’intera estate a questo lavoro che dedico, naturalmente, a Lorenzo Calogero , il quale si è fatto morire nello stesso anno in cui io sono venuta al mondo….

    Ho letto il suo ” Per favore non seppellitemi vivo” come se fosse rivolto a me personalmente….

    Credo che in questi “finsteren Zeiten”, il nostro compito è di tenere viva, in ogni caso e a qualsiasi costo, la memoria di tutti coloro che hanno resistito. (“Wer spricht vom Siegen, überstehen ist alles!”) Per non naufragare nella banalità più totale nella quale si galleggia allegramente come lattine vuote, bottiglie bevute, immondizia del presente….

    Un caro saluto a tutti e un grazie grande a Francesco Marotta, anche per la sua eccellente traduzione del mio articolo introduttivo, che, ovviamente, era rivolto al lettore tedesco.

    Stefanie Golisch

  5. Un grazie immenso a Stefanie per il dono immenso che ha fatto a noi tutti traducendo in tedesco i versi incomparabili di Lorenzo Calogero. Un lavoro magnifico. Grazie a Francesco per queste perle rarissime e bianchissime.

  6. ‘siamo legati alla vita / da sottilissime vene’: è una pagina importante quella che Stefanie Golish ci restituisce, anche attraverso il lavoro di traduzione. Un poeta che occorre recuperare, per la sua forza, per la bellezza delle soluzioni, per la sua autenticità. Ricordo di averne letto una scelta anni fa su ‘Poesia’, poi nulla. Un vuoto editoriale imbarazzante. Speriamo che questo coraggioso lavoro di una sensibilissima Golish, solleciti la curiosità, e la coscienza, di qualche editore. Grazie, da lettore, per questa bella proposta.

  7. Un saluto e un grazie a tutti. Sono lavori come questo di Stefanie che danno un senso a un blog letterario.

    @ Fabio Teti

    Se ti leggesse mia moglie si metterebbe a gridare: “Non sia mai, uno basta e avanza!” :-)

    Grazie di cuore, sei veramente gentilissimo.

    fm

  8. per informare che tutta l’opera di Lorenzo Calogero (edita ed ampiamente inedita) è stata di recente catalogata e scansionata presso l’università di Cosenza.

  9. Caro Pietro Calogero, ti ringrazio per l’informazione e spero che l’iniziativa risvegli l’attenzione editoriale e critica nei confronti dell’opera di uno degli autori cruciali del Novecento.

    Mi piacerebbe anche che nei futuri repertori bibliografici fosse citata questa esemplare e organica traduzione di Stefanie, che presenta le poesie di Calogero a un pubblico, quello di lingua tedesca, sicuramente più attento alle cose della poesia.

    Un cordiale saluto.

    fm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.