Canto di tutti i canti – Ambar Past

past

Dedico este poema a la madre que busca a su hijo en el anfiteatro
entre otros poemas decapitados
A la que no puede decir cuál cadáver es el suyo
y se despide de cada uno con un abrazo

Io dedico questa poesia alla madre che cerca suo figlio all’obitorio
fra altre poesie decapitate
che non sa dire quale il suo corpo sia
e dice a ognuno di loro addio con un abbraccio

 

Testi

 

La Señora de Ur

Soy el museo más viejo del mundo
y me acaban de saquear.

Han quemado mis libros.
Estrellaron mi cara contra el piso.

Soy la mujer en la foto
a quien apunta el fusil.

Estoy tirada en el suelo,
mis manos esposadas atrás.

Quieren lo que nadie puede dar.

Alejandro Magno no ambicionó el petróleo.
Él alababa mis duraznos
cuando las huertas entre mis ríos
eran ya muy antiguas.

Soy el Jardín.

La primera mujer y el primer hombre.

Madre de la Escritura.

La primera ley.

La primera ciudad.

Soy el lugar a donde todos iban.

El alba y el punto de partida

Yo inventé el pan.

Creé el trigo.

La lana, el vino, la miel.

Soy arco y bóveda,

cera perdida de la fundición.

Canto de todos los cantos.

Yo era la Fe.

Soy todas las religiones.

En todas las guerras me han violado.

De mis senos arrebataron a mis hijos.

Estoy tirada en las baldosas.

Soy la Tierra.

Durante horas
desde que me desperté
he estado mirando
lo rojo de los mosaicos.

Ya me acuerdo de dónde soy.

Soy la sed.

Ahí vienen.

Oigo el eco de sus botas.

 

La signora di Ur

Sono il museo più antico del mondo
e mi hanno appena saccheggiato.

Hanno bruciato i miei libri.
Hanno gettato la mia faccia contro il pavimento.

Sono la donna nella foto
sotto il tiro del fucile.

Sto buttata in terra,
le mie mani ammanettate dietro.

Vogliono ciò che nessuno può dare.

Alessandro Magno non ambì al petrolio.
Elogiava le mie pesche
quando gli orti tra i miei fiumi
erano già molto antichi.

Sono il Giardino.

La prima donna e il primo uomo.

Madre della Scrittura.

La prima legge.

La prima città.

Sono il luogo in cui tutti andavano.

L’alba e il punto di partenza.

Io inventai il pane.

Creai il grano.

La lana, il vino, il miele.

Sono arco e volta,
cera perduta della fusione.

Canto di tutti i canti.

Io ero la Fede.

Sono tutte le religioni.

In tutte le guerre mi hanno violentato.

Dai miei seni strapparono i miei figli.

Sto stesa sulle mattonelle.

Sono la Terra.

Per ore
da quando mi sono svegliata
sono stata a guardare
il rosso dei mosaici.

Ora ricordo di dove sono.

Sono la sete.

Ecco vengono.

Sento l’eco dei loro stivali.

(Traduzione di Raffaella Marzano)

 

Incantations_400

 

Miss Guerra

La guerra ci chiamò
per offrirci una sveltina.
Lasciò un messaggio alla segreteria telefonica,
una macchia di petrolio sulla spiaggia.
Le mandammo dozzine di lunghe braccia.
Sacchi unghie.
Il viso di una madre.
Una poesia tradotta dal persiano
può costarti dieci anni
e mezzo milione.
La Guerra spende e spande,
ma non le interessa curare malati
né educare ciechi.
A malapena riesce a firmare assegni,
ma se la passa bene.

Apre le porte della sua impresa di pompe funebri.
Fa affari, mette su una catena
di succursali.
Perché preoccuparti?
L’importante è
stimolare il clitoride del Denaro
finché ti paghi.
Non spingere, ragazzo, ci sarà Guerra per tutti.

– Dammi una libbra di Guerra…
Dammela a credito, compare,
vendimela all’ingrosso.

Guerra civile?
Etnocidio?

– Quello che vuoi, mia Regina.

Siamo ai tuoi ordini
per qualunque occasione
ti si offra.

Passami la Guerra, per favore, babbino. Ce n’è ancora?
E’ già finita?
Comprane ancora
e ancora e ancora!
Quante guerre ti servono, tesoruccio?
La guerra ci offre le natiche.
Le afferriamo le tette.
La biblioteca arde in fiamme.
La scuola diventa caserma.
L’ospedale è un necrocomio.

Tuttavia (e qui il Generale fa una faccia di orgoglio),
stuprammo solo donne,
ispanici
e gay.

– Signore e signori: permettetemi di ricordarvi che siamo in Guerra.
Tutto ha un prezzo.

Un esercito obbedisce.
I soldati comprano
quando gli viene ordinato.
La Guerra è stata scelta
democraticamente
dai nostri clienti.

Hanno sempre ragione.

Signore signori:
è con noi
MISS GUERRA.

(Traduzione di Raffaella Marzano)

 

Incantations_400

 

Dedicatorias

Dedico este poema a los hombres que nunca se acostaron conmigo
a los hijos que no tuve
a los poemas que nadie escribió

Dedico este poema a las madres que no amaron a sus hijos
a los que murieron en hoteles
sin que nadie les acompañara

Lo dedico al autor de las pintas en los muros
al hombre y a la mujer
al torturado anónimo
al que nunca dijo ni su nombre

Dedico este poema a los que gritan de dolor
y también a las parturientas
a los que gritan en la terminal de autobuses
en los portales del mercado

Lo ofrezco a los suicidas
a los poetas
que viven olvidados en alguna antología
al que lava cadáveres
a las mujeres que se acuestan con todos
a los que siempre duermen solos
Destino este poema a las comadres y a los compadres
que hacen el amor y se convierten en piedra
a los que se bañan con jícara
en Viernes Santo y se vuelven peces
al hombre que quiso ser zopilote
a los que sueñan que pueden volar

Sacrifico este poema al Señor de la Noche Estrellada
a la Guacamaya de Fuego
al Llanto de las Moscas
a la Lluvia Verde
al que Guarda la Miel
a la Hermandad de los Hermanos Menores
al de la Máscara que Llora
al Rugoso Caracol de Tierra
al Vertidor de los Cuatro Rincones
a los Juntadores de Corteza para Preparar el Vino Ceremonial

Lo dirijo al que toca la flauta y el tambor
cuando van a lavar los paños en el ojo de agua
a la que chapotea en las cascada
y se moja el pelo con agua de lirios
a la que da el pecho a su hijo en el cañaveral
a los que buscan el arcoiris en el aceite de los charcos
a los remeros que inventan el canto con sus brazos
a los que lavan el nixtamal bajo la lluvia
a las que acarrean el agua en cántaros

A la niña viendo luciérnagas
a la niña con el candil en la mano
a los chamacos que saltan con el rastrojo en llamas
a los que corren sobre el fuego
entierran a sus muertos en la cocina
y cantan entre los escombros
al que engaña a su muerte
en las camas de los moribundos
al que baja de los cerros
para no quemarse con las estrellas
al que agarra la mano a la muerte y baila con ella
a las que tienen muchas nueras
y cargan iguanas en sus cabezas
a los colochos que venden nieve en tierra caliente
al que arremanga su camisa y pide un hacha
a la que vende tamal de bola, de mumu y chipilín
a los que cortan elote tierno para comerlo crudo
y amarran la pata del perro que roba pollo
a los que hacen las maracas y matan por amor
a los que se avientan al hoyo en el entierro de un amigo
al poeta que no puede bajar del techo
por estar tan enamorado
al que hace lo que puede

Consagro este poema a los que no frecuentan
cafés ni piscinas ni saben hablar por teléfono
a los que no entran en los bancos
ni salen en la tele
a las de la primaria vespertina
que reciben declaraciones de amor con faltas de ortografía
a los poetas que nunca empezaron a escribir

a los meseros que tragan su dignidad
a las viejas que lavan ajeno
a las que no se atreven a opinar
ni a levantar la voz
a las que no pueden estar felices sin el consentimiento del macho
a los que se tiran al suelo
y tragan su lengua entre la multitud
a las que duermen con sus delantales puestos
y piensan en qué hacer mientras sus maridos eyaculan
prematuramente
a las que se levantan a oscuras en galeras de palma
a las que tortean en jacales
a la que se quemó su pelo
y manchó de tizne su falda
a los que asolean chilcayotes en su tejado
y no tienen sillones

A los que arrullan a sus hijos en tzotzil
y traen mugre bajo las uñas
a los pepenadores
a los que chaporrean
a los que siembran nopales y comen tortilla con sal
al sereno que también trabaja de día
a la de la chancla rota
que tiende cien camas cada mañana
al viejo sin dientes que merca chicle en la playa
a los que viajan parados a la tierra del cacao
a las que traen las caras negras
y la cicatriz del llanto en su sordera

Ofrendo este poema al hombre encadenado
a los niños golpeados
a los hijos de alcohólicos
a las que cuidan a las criaturas de otros
y ven a las suyas cada quincena
a la que trapea en el colegio
y no sabe firmar su nombre
a las que comen en la mesa del hospicio
a los tullidos que se acurrucan junto al horno en alguna panadería
a los que atienden los baños públicos
y barren las callen al amanecer
a las que bailan en cabarets
y están hartas

Brindo este poema al amasador de adobes
que muere en la casa que construyó para otro
al poeta en su velorio con la boca cerrada para siempre
a los que se escaparon de noche
cuando el volcán sepultó su iglesia

a los vecinos que enterraron a sus hijos
uno tras otro como los años que pasan
a los que han tenido que vender a sus hijos
su sangre y su sexo
a los que nada tienen que perder

Propongo este poema a los peones acasillados
que invaden las tierras del patrón
a los que cavan túneles debajo del dinero
a los que prenden lumbre al ingenio
a los que no echan sombra
y sin luna contemplan los puentes
a los niños de trece años que se van arriba
y conocen mujer por primera vez en las montañas

Para los dos heridos, las pelonas,
el tacuatzín de Olga
A los chuchos apaleados
A los que nacen en países
donde la verdad está prohibida por ley
a los que han adoptado otro nombre
y llevan años sin saludar a la familia
a los que nunca durmieron en la misma cama
y comparten la fosa común

Dedico este poema a la madre que busca a su hijo en el anfiteatro
entre otros poemas decapitados
a la que no puede decir cuál cadáver es el suyo
y se despide de cada uno con un abrazo

 

Dediche

Dedico questa poesia agli uomini con cui non sono andata mai a letto]
ai figli mai avuti
alle poesie che nessuno scrisse

Dedico questa poesia alle donne che non amarono i loro figli
a quelle morte negli alberghi
senza nessuno ad abbracciarle

La dedico all’autore degli slogans scritti sui muri con le bombolette spray]
all’uomo e alla donna
al torturato anonimo
quello che neppure il suo nome pronunciò mai

Dedico questa poesia a quelli che gridano di dolore
alle partorienti
a coloro che urlano spaventati nelle stazioni degli autobus
e sotto le volte dei mercati

La dedico ai suicidi
ai poeti
che vivono dimenticati in qualche antologia
a quello che lava i cadaveri
alle donne che vanno a letto con tutti
a quelli che dormono sempre soli
Dedico questa poesia alle madrine
e ai padrini
che fanno all’amore e sono trasformati in pietra
a coloro che si lavano con una bacinella di zucca
il venerdì santo e sono trasformati in pesce
all’uomo che volle essere un avvoltoio
e a quelli che sognano di poter volare

Dedico questa poesia al Signore della Notte stellata
al Pappagallo di Fuoco
al Pianto delle Mosche
alla Pioggia Verde
al Guardiano del Miele
alla Fratellanza dei Fratellini
alla Maschera che Piange
alla Rude Lumaca di Terra
allo Scivolo dei Quattro Angoli
agli Unificatori di Corteccia per il Vino Cerimoniale

La dedico a coloro che suonano il flauto e il tamburo
quando vanno alla fonte a lavare i panni
alla donna che sguazza nelle cascate
e si bagna i capelli con acqua di iris
a quella che allatta il suo piccolo tra le canne
a quelli che cercano l’arcobaleno nella oleosa pozzanghera
ai vogatori che inventano il canto con le braccia
a quelli che lavano la farina di granturco sotto la pioggia
alle donne che trasportano l’acqua nei secchi
e camminano lungo la strada

Alla ragazzina che vede le lucciole
alla ragazzina con la lanterna in mano
ai ragazzini che saltellano con una torcia di stoppie
a quelli che corrono nel fuoco
e sotterrano i loro morti in cucina
cantando fra le macerie
all’uomo che imbroglia la sua stessa morte
nel suo letto di morte
a quello che scende dalle montagne
per non bruciarsi con le stelle
a quello che afferra la mano della morte per ballarci insieme
alle donne che hanno molte nuore
che portano iguane sulla testa
alle ragazze dai capelli ricci che vendono neve ai tropici
ai pescatori di gamberi che avvistano la cometa dell’alba
a quello che si rimbocca le maniche e chiede un’ascia
a quella che vende gnocchi di patate, di mumu e chipilìn
a quelli che tagliano pannocchie tenere e le mangiano nei campi
a quelli che legano la zampa del cane che ruba polli
ai ragazzi – ragazze che uccidono per amore
a quelli che si gettano nella fossa dove si seppellisce un amico
al poeta che non può scendere dal tetto
perché è troppo innamorato
e a quello che fa quello che può

Dedico questa poesia a queli che non frequentano
i caffè o le piscine
né sanno parlare al telefono
a quelli che non entrano in banca
né vanno in televisione
a quelli delle scuole serali
che ricevono lettere d’amore con errori di ortografia
e ai poeti che non cominciarono mai a scrivere

ai camerieri che inghiottono la loro dignità
alle donne in età che lavano i panni altrui
alle donne che non osano dire ciò che pensano
né alzare la voce
o essere felici senza il permesso di un uomo
a quelli che si gettano a terra
e ingoiano la lingua tra la folla
a quelle che dormono con il grembiule addosso
e pensano alle cose da fare
mentre i mariti vengono troppo in fretta
a quelle donne che si svegliano nel buio sotto tetti di palma
e fanno tortillas nelle capanne
a quella donna che si bruciò i capelli
sporcandosi la camicetta di carbone
a quelle che essiccano zucche su tetti di lamiera
e non hanno sedie

Agli uomini che cantano ai loro figli per addormentarli in tsotsil
e hanno le unghie sporche
agli spazzini
a coloro che falciano i prati con un machete
che seminano fichi d’India e mangiano tortilla con sale
al metronotte che lavora anche di giorno
a quella con le pantofole rotte
che rifà cento letti ogni mattina
al vecchio sdentato che vende gomma americana sulla spiaggia
a quelli che viaggiano in piedi verso le piantagioni di cacao
a quelle con le facce nere arse dal fuoco
e le cicatrici del pianto nella loro sordità

Io dedico questa poesia all’uomo incatenato
ai bambini maltrattai
ai figli degli alcolizzati
alle donne che accudiscono i bambini degli altri
ma vedono i propri ogni quindici giorni
a quella che lava i pavimenti della scuola privata
e non sa scrivere il suo nome
alle donne che mangiano alla mensa dell’ospizio
a quelli che dormono attorno al forno di una panetteria
agli uomini che puliscono i bagni pubblici
e spazzano le strade all’alba
alle donne che ballano nei cabaret
e sono stufe

Questa poesia è dedicata all’impastatore di mattoni
morto costruendo la casa di qualcun altro
al poeta con la bocca sigillata per sempre al suo funerale
a coloro che fuggirono di notte
quando la lava seppellì la loro chiesa

ai vicini che tempo fa sotterrarono i loro figli
uno dopo l’altro come gli anni che passano
a quelli che hanno dovuto vendersi i figli
il sangue e il sesso
e a quelli che non hanno più niente da perdere

Dedico questa poesia ai contadini senzatetto
che occupano le terre del padrone
che scavano tunnel sotto le banche
che danno fuoco alla sgranatrice
che non lasciano ombra
e fanno saltare i ponti senza luna
ai tredicenni che vanno alla guerriglia
e conoscono la loro prima donna da fuorilegge
tra i vulcani

Per i due feriti
le ragazze pelate
per l’opossum di Olga

Ai cani bastardi battuti coi bastoni
a quelli nati in paesi
dove la verità è illegale
che hanno preso un altro nome
e da anni non vedono la loro famiglia
a coloro che non hanno mai dormito nello stesso letto
e una fossa comune condividono

Io dedico questa poesia alla madre che cerca suo figlio all’obitorio
fra altre poesie decapitate
che non sa dire quale il suo corpo sia
e dice a ognuno di loro addio con un abbraccio

(Traduzione di Anna Lombardo)

 

______________________________

Nota biobibliografica

Discendente di un contadino della Polonia, che nel 840 fondò la dinastia dei re Piast, l’alchimista e poetessa Ambar Past nasce nel 1949 negli Stati Uniti ed acquisisce la nazionalità messicana nel 1985. Ha trascorso più della metà della sua vita in Chiapas, principalmente nelle zone rurali di Los Altos. Cominciò fin da bambina a realizzare i suoi libri e i suoi libri di artista sono stati premiati e sono esposti in musei e gallerie negli Stati Uniti, Austria, Italia e Giappone. Le sue prime pubblicazioni appaiono in Tsotsil Maya. Nel 1975 fonda la casa editrice maya tsotsil Taller Leñateros a San Cristóbal de Las Casas. Partecipa come fondatrice alla Sna Jolobil, una cooperativa di tessitrici maya, e alla Escuela de Tintes Naturales a San Andrés Larraínzr y de Sna Jtz’ibajom, Casa del Escritor Indígena. Nel 1980-81, su invito di Ernesto Cardenal, ministro della Cultura del Nicaragua, e patrocinata dall’Instituto Nacional Indigenista de México, tiene laboratori tra i sumos y miskitos della Costa Atlantica del Nicaragua. Nel 1980-1982 studia poesia con Jaime Sabines, traduce poesie del maestro in inglese. Nel 1993 rappresenta il Messico ad un Congreso Internacional organizzato dalle Nazioni Unite a Lucknow, India, dove presenta una relazione sulla tradizione e la poetica maya in Chiapas. Nel 2002 su invito della Casa de los Escritores en Lenguas Indígenas A. C. e della poetessa Briseida Cuevas Cob, tiene laboratori di traduzione di poesia a scrittori nahuas, ñañús, chontales, mayas e mixtecos a Tatahuicapan, Veracruz, e crea e pubblica una antologia dei lavori poetici prodotti durante la residenza, Memorial de Tatahuicapan. Nel 2003 insieme ad Elena Poniatowska è invitata speciale alla Conferenza Annuale sulla Letteratura Contemporanea alla Kennesaw University, Atlanta, Georgia. Su invito del Colegio de México (Colmex), presenta una relazione in omaggio a Elena Poniatowska. Recital poetico alla Feria del Libro del Nebraska, Creighton University, Omaha, Nebraska. Nel settembre del 2005 su invito della Casa della Poesia di Salerno, Italia, participa agli Incontri Internazionali di Poesia in Bosnia, Sarajevo. Per 30 anni ha lavorato alla compilazione e traduzione dei canti rituali delle donne tsotsil che sono pubblicati insieme a sue note e saggi nei libri bilingue, Conjuros y ebriedades e Incantations by Mayan Women, che fu presentato al Book Fest, New York, N. Y. e recensito dal New York Times nel maggio 2005. Ambar ha lavorato in un circo, donna di casa, maestra di colori naturali; è fondatrice e direttrice della rivista di arte e letteratura, La jícara, pubblicazione celebrata dalla stampa internazionale come «la rivista più bella del Messico». Scrive poesia, racconti e saggi in spagnolo, tsotsil e inglese e la sua opera è stata tradotta e pubblicata in giapponese, francese, italiano, tedesco, serbocroato e inglese.

______________________________

Qui altre notizie su Ambar Past e un video con testi tratti da Incantations. Songs, Spells and Images by Mayan Women, il primo libro maya dopo cinque secoli.

Qui una nota di Gianni Proiettis.

______________________________

 

***

19 pensieri su “Canto di tutti i canti – Ambar Past”

  1. Dopo la lettura di questi testi, rimani così, quasi spaesata, a riflettere. Sono davvero tanti gli spunti per la riflessione e sono spunti amari e dolorosi. Non conoscevo questa poetessa che, da ciò che ho letto, a parte il valore dei suoi versi, si è impegnata con passione anche in numerose altre attività.
    Grazie per la proposta. Piera

  2. bisogna sempre passare da rebstein per apprendere
    spettacolo!

    ma la anna lombardo è la stessa tradotta poi da Hirschman?

    ciao raffaella!!!!

    grazie a fm
    c.

  3. Ho avuto la fortuna di conoscere Ambar Past la scorsa settimana: dire che è una persona splendida è dire veramente poco.

    Anche i libri prodotti dalla sua comunità maya sono degli oggetti meravigliosi: vi assicuro che maneggiarli e sfogliarli è un’esperienza estetica e “fisica” unica.
    Di fronte alla bellezza di “Incantations” si rimane senza fiato: hai quasi l’impressione di essere in presenza delle mille e mille mani che hanno letteralmente costruito le pagine giorno dopo giorno. E magari, entro l’anno prossimo, *qualcuno* realizza il “miracolo” di una versione italiana.

    Sì, Anna Lombardo è “la stessa tradotta da Jack Hirschman”, che ha anche curato la versione di alcuni testi di Ambar.

    Grazie a voi, con un caro saluto.

    fm

  4. Queste poesie hanno grandissimo valore e vigore perché la surrealtà delle loro immagini si fa realtà prosciugata, violenta, durissima.
    Grazie, Marco

  5. La poesia più bella, secondo me, Ambar l’ha scritta il giorno in cui ha tagliato i ponti con la (molto presunta) civiltà ed è andata a intrecciare la sua storia e la sua vita con quelle delle donne maya.

    Ciao Stefania, bentornata.

    fm

  6. Sto leggendo I Sonnambuli e vagando in rete alla ricerca di materiale su Broch mi sono imbattuta di nuovo in questo bellissimo luogo che conoscevo ma che avevo dimenticato.
    Sono stata fortunata perchè ho trovato quello che cercavo e queste splendide poesie.
    Grazie

  7. Bello internet ma, pensa Francesco, sto preparando anch’io un libro fatto interamente a mano, illustrato da me e scritto da una mia amica americana, maestra di calligrafia. Ho bisogno di toccare un po’ dicarta, di assorbirne attraverso la penna la porosità, aspirarne il profumo di bosco diventato neve bianca e liscia… Grazie per queste poesie e per tutto il resto.

  8. ci sono parole che riuniscono il senso del cielo e della terra, dell’umano al divino, ci sono parole che nella loro semplicità restituiscono il pridumo della terra e fanno gustare il sapore del vero…

    qui io mi commuovo e vibro:

    Dedico questa poesia alle donne che non amarono i loro figli
    a quelle morte negli alberghi
    senza nessuno ad abbracciarle

    La dedico all’autore degli slogans scritti sui muri con le bombolette spray]
    all’uomo e alla donna
    al torturato anonimo
    quello che neppure il suo nome pronunciò mai

    Dedico questa poesia a quelli che gridano di dolore
    alle partorienti
    a coloro che urlano spaventati nelle stazioni degli autobus
    e sotto le volte dei mercati

    La dedico ai suicidi
    ai poeti
    che vivono dimenticati in qualche antologia
    a quello che lava i cadaveri
    alle donne che vanno a letto con tutti
    a quelli che dormono sempre soli
    Dedico questa poesia alle madrine
    e ai padrini
    che fanno all’amore e sono trasformati in pietra
    a coloro che si lavano con una bacinella di zucca
    il venerdì santo e sono trasformati in pesce
    all’uomo che volle essere un avvoltoio
    e a quelli che sognano di poter volare

    Dedico questa poesia al Signore della Notte stellata
    al Pappagallo di Fuoco
    al Pianto delle Mosche
    alla Pioggia Verde
    al Guardiano del Miele
    alla Fratellanza dei Fratellini
    alla Maschera che Piange
    alla Rude Lumaca di Terra
    allo Scivolo dei Quattro Angoli
    agli Unificatori di Corteccia per il Vino Cerimoniale

    […]

    Francesco, grazie!

  9. SCRIVE tra l’altro AMBAR: “Quando ho cominciato a conoscere le incantatrici degli Altos del Chiapas, nel 1974, mi impressionò moltissimo che queste donne tzotzìl, pur sopravvivendo in estrema miseria materiale, fossero costantemente circondate da poesia di loro invenzione. Che queste donne, le autrici di questo libro, hanno un canto o una fattura o una poesia per accompagnare ogni aspetto della loro vita quotidiana…” La poesia di Ambar è bellissima, il libro Incantesimi magico, ma davvero importante è il lavoro di Ambar nella cooperativa dei Taller Lenateros. Una grande donna, un’amica Vittoria R.

  10. è vero Ambar è una persona fantastica, una poetessa generosa e umile come se ne vedono poche nel nostro vecchio e civilizzato mondo; il suo lavoro merita di essere conosciuto. grazie francesco di questo pensiero che le farà molto piacere. proprio oggi Ambar mi ha scritto che è arrivata a San Cristobar e ci porta tutti nel suo cuore… dice una poesia Maja che lei ha raccolto in quei piccoli libricini che qualcuno a Sasso Marconi ha avuto la fortuna di vedere: il mio cuore è un libro.
    un saluto poetico
    anna l.

  11. rileggo qui questi testi molto belli e vi ritovo tutti emozionati a commentarli…
    segno del loro valore
    un caro saluto a tutti, francesco in particolare e ad Anna, che ringrazio qui, per la bella noticina ai miei testi…

    roberto ceccarini

  12. Francesco, non finirò mai di stupirmi per post come questo.
    Quando la poesia è lo specchio di un vissuto come quello di questa eccellente poeta, non rimane che inchinarsi e interrogarsi sempre sulla più vera essenza della vita.

    grazie davvero per queste ricche finestre sul mondo.
    jolanda

  13. Caro Francesco, grazie per la bellissima sorpresa di questo post, davvero inaspettato! E ne sono ancora più felice per il senso che l’incontro con Ambar può aver dato alla tua già graditissima presenza a Sasso Marconi, sabato scorso. Il ‘miracolo’ a cui accenni nel tuo primo commento [anche se continuo a sperare possa realizzarsi] dopo aver fatto un po’ di conti, credo vada un bel po’ oltre i ‘piccoli miracoli’ cui finora ci siamo abituati con l’avventura editoriale delle Voci. Questa volta servirebbe uno sponsor dalle spalle larghe e, per non tradire le intenzioni di Ambar, prettamente culturale, che non imponga la solita ricaduta pubblicitaria/promozionale sul suo marchio e i suoi comunque troppo miseri prodotti di consumo. Sempre più difficile, soprattutto in un momento di ‘cinghie strette’ come questo, nonostante gli annunci trionfalistici di chi ci s/governa [santo subito, così potrà finalmente dedicare i suoi consigli al Supremo Governo Universale, dimenticandosi della nostra minuscola Italia]. Però ci proveremo.
    Un saluto particolare a Roberto ‘Red’ Ceccarini, con cui non sono riuscito a scambiare un po’ di idee e impressioni, come avrei voluto. Lo ringrazio ora di essere venuto e dei suoi bei testi. E lo farò anche per mail, appena riesco a recuperarla dai files del Premio Giorgi.
    Fabrizio Bianchi

  14. Grazie della tua presenza qui, Fabrizio, e, soprattutto, grazie per il lavoro che svolgi a favore della poesia. Conoscendoti, so per certo che se anche avrai una sola possibilità di realizzare il *miracolo*, te la giocherai tutta, fino in fondo.

    L’incontro con Ambar, e con tutti gli amici presenti a Sasso Marconi l’altra settimana, è stato sicuramente la cosa più bella che mi sia capitata negli ultimi tempi. Grazie anche di questo.

    Ciao, a presto.

    fm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...