Vocài dal caìvo – di Fabio Franzin

vite senza casco, senza paracadute / intànt che se casca drento ‘sto burón / scuro, fra boéte che sóea come fòjie / de un ‘utùno da luto: ‘e man come / forche butàdhe de nòt drento ‘l pozh.
vite senza casco, senza paracadute / mentre precipitiamo in questo burrone / buio, fra bollette che svolazzano come foglie / di un autunno da lutto: le mani come / forche gettate di notte dentro il pozzo.

Fabio Franzin, Vocài dal caìvo / Vocali dalla nebbia,
(inedito, 2009)

(Nel dialetto Veneto-Trevigiano dell’Opitergino-Mottense)

Cachi e schiti

Tut chel pestìzh de cachi marzhi
là, longo a ranpa de cimento largo,
cascàdhi dae rame che spiove alte
sora ‘a paeàdha de confìn fra l’ort
de Aldo e ‘l magazìn del mobiìficio,
pestàdhi dae ròdhe basse dei muéti,
ciapàdhi a speazhàdhe dai camionisti
strachi de sbrissàr te chel paciòt dolzh,
de netàrse ‘e scarpe drio ‘a muréta.

Oh Veneto, tèra mia, senpre manco
tèra e sempre pì vento che para via
memoria e natura; carica, carica i tó
container, conta i tó schèi, ‘scondìi
benón, là, tea cort, rovèsseghe sora
cariòe de ciàcoe e bestéme, i rosari
e i santini mìe volte pregàdhi e diese-
mìe tradìdhi, i venchi e ‘e fòjie grande
dei morèri, ‘a góndoea e’l león co’e àe,
‘a forca e ‘a calièra. ‘Àsseme sol chel
cachèr, el dispèt de chee burèe rosse,
past de vèci senza denti e de oseéti,
‘i só schiti grisi tel griso dei capanóni.

[Cachi e guano
Tutto quel pacciume di cachi sfatti / lì, lungo la vasta rampa di cemento, / caduti dai rami che spiovono alti / sopra la rete di recinzione a confine fra l’orto / di Aldo e il magazzino del mobilificio, / pestati dalle tozze ruote dei carrelli, / presi a calci dai camionisti / stufi di scivolare in quella fanghiglia dolciastra, / di pulirsi le scarpe contro il muro. // Oh Veneto, terra mia, sempre meno / terra e sempre più vento che porta via / memoria e natura; carica, carica i tuoi / containers, conta i tuoi soldi, nascondili / bene, lì, nella concimaia, rovesciagli sopra / carriole di chiacchiere e bestemmie, i rosari / e i santini mille volte pregati e dieci- / mila traditi, i vincastri e le foglie ampie / dei gelsi, la gondola e il leone alato, / la forca e il paiolo. Lasciami solo quel / caco, il dispetto di quelle bocce rossastre, / pasto di vecchi sdentati e di uccelli, / il loro guano grigio nel grigiore dei capannoni.]

‘A caséta dea Checa

‘Dèss che ‘l Signor el se ‘a ‘à ciota,
chissà pa’ quant che ‘a starà ‘ncora
in pie, ‘a caséta dea Checa: quatro
pière e dó belcóni verdi, i geranii
rossi, mai mancàdhi, tii vasi sora
i davanzhài; caséta da fiaba ‘sconta
e sofegàdha in mèdho ai capanóni
e ‘a rotonda, fra ‘sfalto e ciminiere.

Caséta che dise: no, no’ vae via, ‘nde
in mona valtri, el progresso, i vostri
schèi schifosi, el piano regoeatór che
‘à mudhà ‘na bèa campagna in zona
industriàe. Mì da qua no’ me mòve.

Ma ‘dèss, ‘dèss che tì no’ te sì pì, no’
te sa, cara Checa, quant che i ‘à contà
chii tó dó geranii, e quant po’a tó lòta
stranba e inùtie, contro òni bon senso…

Mì le scrive tii tó nizhiòi grisi de fun
che soéa fra ’e tàjie bianche dee bédhoe
inveénadhe da vernise e segadhùre, ‘ste
paròe: pa’ dirte grazhie, grazhie de èsser
esistìdha, de èsser stadha cussì testarda,

tì, ‘e chea tó caséta restàdha là, tuta sóea
drento ‘l bosch griso, fra l’ànsio del fèro,
‘e sgnare infogàdhe del drago dal cuòr nero.

[La casetta di Francesca
Adesso che Dio l’ha chiamata a sé, / chissà per quanto rimarrà ancora / in piedi, la casetta di Francesca: quattro / mattoni e due balconi verdi, i gerani / rossi, mai mancanti, nei vasi sopra / i davanzali; casetta da fiaba celata / e soffocata in mezzo ai capannoni / e la rotonda, fra asfalto e ciminiere. // Casetta che dice: no, non me ne vado, andate / al diavolo voi, il progresso, i vostri / soldi schifosi, il piano regolatore che / ha mutato una bella campagna in un distretto / industriale. Io da qui non mi muovo. // Ma ora, ora che tu non ci sei più, non / sai, cara Francesca, quanto sono stati esemplari / quei tuoi due gerani, e quanto poi la tua lotta / anomala e inutile, contro ogni buon senso… // Io le scrivo nelle tue lenzuola grigie di fuliggine / che volavano fra i candidi tronchi delle betulle / avvelenate da poliestere e segature, queste parole: per ringraziarti, per dirti grazie di essere / esistita, di essere stata così cocciuta, // tu, e quella tua casetta rimasta lì, tutta sola / dentro il bosco grigio, fra gli ansiti dei macchinari, le froge sputa fiamme del drago dal cuore buio.]

*

(Passà ‘l sant, passà ‘l miràcoeo)
Proverbio Veneto

‘Dèss che del miràcoeo l’é restà
sol l’eco zhigà pa’ piazhe e bar,
e ‘l nord-est l’é ‘tornà a èsser
un grun de paesi persi tel caìvo
fra stradhe e capanóni stuàdhi

e ‘l sant l’é passà via ciamàndo
un brut nùvoeo nero da tenpesta
co’l só vècio pastràn da Pantaeón,
se ‘spèta i grani tea testa sperando
che Dio èpie remissión dee nostre

vite senza casco, senza paracadute
intànt che se casca drento ‘sto burón
scuro, fra boéte che sóea come fòjie
de un ‘utùno da luto: ‘e man come
forche butàdhe de nòt drento ‘l pozh.

[Ora che del miracolo è rimasto / solo l’eco urlato per piazze e osterie, / e il nord-est è tornato ad essere / un reticolo di paesi persi nella nebbia / fra strade e capannoni spenti // e il santo è passato via annunciando una brutta nuvolaglia nera da tempesta / col suo vecchio tabarro da Pantalone, / attendiamo la grandine sulla testa sperando / che Dio abbia remissione delle nostre // vite senza casco, senza paracadute / mentre precipitiamo in questo burrone / buio, fra bollette che svolazzano come foglie / di un autunno da lutto: le mani come / forche gettate di notte dentro il pozzo.]

*

‘E rame rote, ‘i ossi scavàdhi
fòra dal paltàn dee ciàcoe co’
badhìi de jazh, te ‘sto sècoeo
nat za bisèst, ‘a tenpesta nera
dei zero bàter tii cartonzhini
de plastica ben ‘sconti drento
el libro de curàme; ‘e rame
scavazhàdhe tel ‘brazhàrse,
fra cròi e frece-cifre tel santo
in mudhànde ligà co’e busìe
al pal dea cucagna, alti, massa
romài: saeàmi, vòvi e figadhèi

resta ‘i s.ciati duri de bròsa
da rancuràr indhenociàdhi.

[I rami rotti, gli ossi estratti / fuori dal fango delle chiacchiere con / vanghe di ghiaccio, in questo secolo / nato già bisestile, la grandine nera / degli zero picchiare sulle tessere / del bancomat ben celate dentro / il libro di pelle; i rami / spezzati nell’abbraccio, / fra tracolli e frecce-cifre nel santo / in mutande legato con le menzogne / al palo della cuccagna, irraggiungibili, / ormai: uova, salsicce e salami // restano reste dure di brina / da raccogliere inginocchiati.]

*

Parché ‘l sant caeà zó te ‘ste
bande ‘l vea ‘e zhate de ‘egno
bon, da cardenzha, ‘e spàe larghe
de trucioeàre, inbotìdhe, de pèe,
vidhe e cinière come i trasformer

de mé fiòl; el ‘ndea a stròzh
pa’i paesi a benedìr ‘e case.
El miràcoeo ièra piòva de schèi
pa’ cronpàr calche tòc, far su
reìchie da adoràr, tòe come altari

e tuti indhenociàdhi, ‘torno ‘torno
co’e scarpe nète, senza pì paltàn
o udhór de stàe, senpre pì distanti
da tèra e bestie, senpre pì lontani
dal presepio e daa stéa, dal sacro.

[Perché il santo calato in queste / lande aveva gambe di legno / buono, da credenza, le spalle ampie / di truciolato, imbottite, in pelle, / viti e cerniere come i transformers // di mio figlio; vagava / per i paesi a benedire le case. / Il miracolo fu denaro, a pioggia, / per acquistarne qualche pezzo, riempirsi / di reliquie da adorare, tavoli come altari // e tutti inginocchiati intorno / con le scarpe linde, senza più fango / o tanfo di stalle, sempre più distanti / da terra e bestie, sempre più lontani / dal presepio e dalla stella, dal sacro.]

*

Zhièse, e i siénzhi ‘sconti fra
fòjie e fii de ‘egno, storti, roe
che no’ le ‘é niancóra paròe,

ma che, sgrafàndome, ‘e se ‘à
scrit da lore soe, tea carne, crose
e rune, létare rosse de un alfabeto

de assenze. Oh passi mii persi
drio tròdhi e scuìne de ‘na tèra
tradìdha, oh òci, strachi, sì, ma

senpre vèrti a ‘sto paesàjo castrà,
a ‘sta pianura che romài fa rima
co’a paura, mì son ‘ncora quel

che ‘ndea a fonghe, tee vostre
zhoche ‘sconte. Son ‘ncora quel
che ‘à inpinìo el zhest de siénzhi.

[Siepi, e i silenzi celati fra / foglie e arbusti, storti, rovi / che non sono ancora parole, // ma che, graffiandomi, si sono / scritte da esse stesse, nella carne, croci / e rune, lettere rosse di un alfabeto // di assenze. Oh passi miei persi / lungo stradoni e fossi di una terra / tradita, oh, sguardi, stanchi, sì, ma // sempre aperti a questo paesaggio castrato, / a questa pianura che ormai rima / con la paura, io sono ancora quello // che andava a funghi nelle vostre / ceppaie appartate. Sono ancora colui / che ha colmato il cesto di silenzi.]

***

28 pensieri riguardo “Vocài dal caìvo – di Fabio Franzin”

  1. che fascino e che sapienza della parola – non sono mai riuscito a scrivere nella lingua della mia infanzia/adolescenza (il siciliano che si parla tra Messina e Taormina), se non cose di cui vergognarmi –
    ma il rapporto con questo paesaggio castrato lo sento anch’io, come una perdita in cui solamente si è veri – è davvero grande la forza dell’autenticità di questi tuoi spendidi testi

    CIAO, E.

    (non si finirà mai di ringraziare FM per le sue proposte)

  2. è straordinario quello che Fabio sa fare con la sua lingua, che gli fiorisce tra le dita svolgendo e svelando ogni piega segreta.
    Quell’amore disperato e caparbio per una terra che non fa che tradire e non capisce più il poeta, col suo cesto di silenzio…credo la possa comprendere chiunque abbia amato la propria terra radicandovi l’infanzia e l’origine del proprio sentire.
    Ciao a tutti
    grazie a Fabio e a Francesco
    roberta

  3. Per tutto l’affetto che ho per il Fabio uomo non dovrei dire niente sul Fabio poeta. Però la sua voce è ormai riconoscibile e sicura, si è scavata la propria identità anche quando, come qui, vive nel distacco fra una terra e chi negli ultimi decenni la ha trasformata fino a renderla irriconoscibile al proprio passato. Questa poesia non è più la poesia di Fabio Franzin, ma quella di una intera regione geografica, di un presente che ci appare già distante.

    Francesco t.

  4. Come anche in altri testi tuoi, che ho letto ultimamente Fabio, la tua voce è nella sua malinconica amarezza così sicura e tesa a farsi testimonianza che la si segue verso per verso lasciandosi attraversare dalle immagini e sentendoci sospesi – come il paesaggio che descrivi – e un pò perduti in questo tempo. Grazie e un abbraccio.

  5. Ringrazio, davvero di cuore Francesco Marotta per aver accolto e postato questi miei testi, e Liliana, Enrico, Roberta, Francesco T. e Nadia per le loro parole di stima che sono, per me, per l’affetto che ormai ci lega, uno stimolo e un grande onore. Un caro abbraccio. Fabio

  6. Conosco e riconosco in queste poesie di Fabio Franzin il Veneto “sempre meno / terra e sempre più vento che porta via / memoria e natura”.
    Sono versi amari, pregni di amore non corrisposto per una terra che è diventata cemento, odio, fame di “schei”. Si resiste come si può, come può fare la caséta dea Checa, ma l’impressione è che sia una Resistenza di pochi.
    Passato il santo, passato il miracolo: poteva essere l’occasione per ripensare un modello sociale ed economico devastante, avido, egoista. Così non è stato, non è.
    Fabio Franzin ci racconta della desolazione di una terra stanca, con un futuro incerto, e lo fa benissimo.
    Grazie a lui e a Francesco.
    ciao
    Stefania

  7. Grazie a tutti.

    La capacità della “lingua” di Franzin di costringere il tempo presente a dismettere le sue maschere e a mostrare il grumo di contraddizioni laceranti a cui è ridotto il suo volto, è prerogativa della grande poesia.

    fm

  8. Nello spolverare, nello scardinare, nel semplice respirare, nel toccare le ferite, nel dire di cose semplici, nel dire di cose complicate e assurde, trovo che la voce di Fabio sia di una lucidità estrema, una delle poche capace di far capire in che mondo viviamo.

  9. Sono ancora qui a ringraziarvi tutti, per il calore, per le parole, molto esagerate, ma così confortanti. Io sono e continuo a sentirmi solo un umile artigiano della parola; la mia estrazione sociale, la mia mancanza di studi lo certificano. Un grazie sentito a F. Marotta, per le parole e per aver creato questo luogo di incontro, per la cura e la perizia con cui lo sta facendo crescere per ciò che è: una delle poche, vere riviste di poesia e di critica oggi in Italia; Ivan Crico per l’amicizia e la stima che ormai ci legano, per essere, entrambi, ancorati a queste nostre lingue “minori” nonostante in molti sussurrino che è assurdo continuare, ora, ad esserne ancora legati, a crederci ancora; Michele Obit, infine, per ciò che ha detto, qui, per ciò che fa, e che è, per l’amicizia e il rispetto che sappiamo.
    Grazie, di cuore. Fabio

  10. Mi unisco a voi nell’abbraccio a un poeta che cresce il suo cuore nel prezioso ascolto della fatica di queso nostro tempo malato, che però conserva angoli preziosi di luce , mostrandoceli scavati dal buio eppure gravidi ancora di speranza.
    Grazie.

  11. Cara Iole, sono io che abbraccio te, il tuo cuore.
    E sono commosso dal vostro calore.
    p.s. prima mi sono dimenticato di ringraziare anche Stefania C., che forse non conosco, ma di cui ho molto apprezzato il suo commento.
    Un saluto a tutti. Con affetto. Fabio

  12. Fabio ha la straordinaria capacità di toccare con il quotidiano che viene maggiormente esaltato dalla lingua d’origine. Le sue immagini, sono così reali e vere, perchè vissute, con quella malinconia, di chi sa che quasi tutto è perduto, ma che non si rassegna. Ogni cosa, ogni terra, che è ricordo
    non è del tutto morta, per questo credo sia così importante la memoria
    e per questo sento così importanti, le sue poesie.
    Grazie a Fabio e a Francesco.
    vincenzo celli

  13. leggendo queste tue cose…. caro fabio…. mi convinco sempre più che sia necessario un altro sguardo su ciò che da sempre guardo…. per vedere ciò che è reso invisibile da ciò che penso visibile…. la tua lettura del paesaggio lo apre e lo dispiega e sono grata di questa poesia lucida che non ha paura del fango… mi associo a f.t. “questa poesia non è più la poesia di Fabio Franzin, ma quella di una intera regione geografica, di un presente che ci appare già distante.”….. invece è “i rami rotti….” la lettura che tra questa preferisco… mi fa sentire armata…. non già per combattere una guerra ma per tenere stretta tra le mani tutta la nostra forza…
    ciao fabio
    un abbraccio a te…. marotta!

  14. Sono qui a ringraziare Vincenzo Celli, la cara Renata Morresi e Antonella Foderaro per le parole di stima e di affetto, per la loro voglia di esser parte di un disagio “paesistico” che, sempre più, è un disagio desolante.
    Un grande abbraccio. Fabio

  15. Non sapendo leggerti in dialetto, ti leggo in traduzione italiana. Quanta potenza, quanta autenticità! Splendide e struggenti. Capisco, solo quando le poesie dialettali sono di questo livello, la loro “necessità”.
    Complimenti di cuore
    lucetta

  16. Cara Lucetta, ti ringrazio, davvero di cuore. Un grande onore, poi, ricevere questo attestato di stima da una come te, per il valore di ciò che ho potuto leggere, per la tua storia dentro la poesia.
    Grazie mille, davvero. Con affetto. Fabio

  17. … karo fabio… sono onorata di essere stata scambiata per antonella foderaro… ma io sono quella di topolò… e ti abbraccio con affetto….

  18. Perché il santo calato in queste / lande aveva gambe di legno / buono, da credenza, le spalle ampie / di truciolato, imbottite, in pelle, / viti e cerniere come i transformers // di mio figlio; vagava / per i paesi a benedire le case. / Il miracolo fu denaro, a pioggia, / per acquistarne qualche pezzo, riempirsi / di reliquie da adorare, tavoli come altari // e tutti inginocchiati intorno / con le scarpe linde, senza più fango / o tanfo di stalle, sempre più distanti / da terra e bestie, sempre più lontani / dal presepio e dalla stella, dal sacro.

    Purtroppo non riesco a leggerle nel tuo dialetto. Quella che ho riportato qui sopra è davvero bellissima.

  19. Cara Anto Bukovaz, mi scuso tanto, e ricambio il tuo abbraccio con l’affetto che sai. Stamani mi sono svegliato con una nevicata proprio da Topolò, e ho tanta nostalgia di quel nido di pietra, e di poesia.
    Ringrazio, di cuore, anche Natàlia, compagna in una importante antologia che oggi sarò a Trieste a presentare.
    Con affetto. Fabio

  20. le avverto molto materiche, certamente legate alla terra, permeate da una narrazione densa e commossa, non disgiunta da una lucidità cmq di sguardo-
    Il cielo, il cielo è quello del “santo” “calato” appunto sulla terra, un santo che incarna la speranza di un rialzo di pianura (rialzo di una natura, ivi compresa la comunità umana, che possa tendere all’aria, ancora prima che al cielo)
    di un santo che però caduto, rimane al max sospeso, certo iinvischiato (come in quel guano del caco)

    sono riuscita solo a leggerle in parte nell’originale in lingua, però se ha un senso usarla è proprio in questo tipo di narrazione
    che non è solo memoria, magari spacciata nostalgica -( in genere non credo del tutto al si stava meglioquando si stava peggio, non perché non sia magari vero, ma perché mi sembra un indulgere, spesso sterile, a volte addirittura compiaciuto, rispetto alle necessarie responsabilità e ‘azione sul quotidiano)
    ma diventa uno sguardo continuato e partecipato sul presente e profetico sul futuro.

    Molto bravo!
    ciao

  21. Ringrazio, di cuore, Margherita Ealla, per le sue parole che colgono il senso più profondo del mio dire, per nulla nostalgico, come si vuol credere, in genere, della poesia dialettale.
    Grazie. Con affetto. Fabio

  22. Il mio invito è ad utilizzare la traduzione in lingua solo dopo un’immersione completa nell’universo sonoro dei testi: la forza naturale dell’apparato fonè-matico, la struttura segnica di cui è il cuore pulsante, insieme a tutto il resto, fanno della scrittura di Franzin una delle più “radicali” dell’odierno panorama. Con buona pace, per non dire altro, di chi parla dell’inadeguatezza delle “lingue” dialettali ad esprimere uno sguardo critico e disvelante sul presente.

    fm

  23. Caro Francesco, ti sono immensamente grato per questa tua “postilla” sull’assunzione della mia lingua e per le tue parole, così importanti, per me, per tutta la mia storia, per la fede cocciuta e allo stesso tempo per la pesante cavezza di questo idioma che è l’unico che riesce a farmi dare il nome e il cognome alle cose, ai miei sentimenti.
    Grazie, di cuore, e un grande abbraccio. Fabio

  24. sono felice che la poesia di fabio susciti sempre grande interesse e attenzione, certamente lo merita. aggiungo che molta poesia dovrebbe avere come primo approccio da parte del lettore attenzione ritmico-fonetica, la chiave d’accesso alla ‘comprensione’ del testo passa di lì! scindere il significato dal senso complessivo di un testo poetico (suono-ritmo-immagine-significat) significa perderne la complessità e la ricchezza complessiva. bravo fabio, bravo francesco e un saluto a tutti per i loro interventi veramente di valore. roberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.