Mòbii/Mobilità

Le voci della luna n. 44

Fabio Franzin

“Abbandonati”, così scrive Fabio Franzin in questi testi in cui racconta in versi, in un linguaggio che sembra andare oltre lo sconforto, un evento tragico come la perdita del lavoro senza forse la possibilità di trovarne un altro. Tutto è cambiato e per chi viene espulso dalle fabbriche, per chi fa l’operaio, le possibilità di ricominciare sono ancora meno in questi anni di precarietà e flessibilità. L’isolamento sociale e la paura del futuro ammorbidiscono gli animi degli operai e sembrano fare sì che si accantonino i vecchi rancori in una parvenza di solidarietà, che non è più solidarietà, è aggrapparsi gli uni agli altri perché più nulla rimane da fare. Impietosa la voce di Franzin nella sua amarezza, nel suo chiedere: “guardateci”. Come se un tempo durissimo finisse, ma solo per scavare più profondamente le ferite: come se non ci fosse più redenzione. – (Nadia Agustoni)

 

Fabio Franzin – Mòbii/Mobilita’
(Tratto da: Le Voci della luna, n. 44, luglio 2009)

 

(Nel dialetto Trevigiano dell’Opitergino-Mottense)

(Nel giorno del 2009 in cui a me e ai miei 83 colleghi è stata comunicata la chiusura dell’azienda in cui prestavamo la nostra opera)

 

I

Èco, vardéne: sen qua, tuti insieme
sot’a tetòia de eternit e lamiera drio
‘a segheria, un branco de pòri cristi
a l’onbrìa del silo; vardéne, ‘dèss
che quel del sindacato e ‘l diretór
dea fabrica i ne ‘à ‘assà là da soi

da soi òniun co’i só pensieri, ‘a só
ansia, el rabiosón; ‘dèss che forse
pa’a prima volta sen davéro tuti
compagni, cussì, ligàdhi aa stessa
sort. Vardéne: se ‘ven anca scanà
fra de noàntri, e sbarufà, se ‘ven

mandà a cagàr a volte, parché un
ièra un fià lechìn, el fea ‘a spia su
in ofìcio, o parché cheàltro tiréa
el cul indrìo, no’l capìa un ostia.
E ‘dess par squasi che se ‘vene
senpre vussù ben, che sene tanti

fradhèi ribandonàdhi da un pare.
Calcùn l’à sgobà insieme par vinti
àni, cómio co’ cómio, bestéma co’
sudhór; calcùn no’l voéa pròpio
savérghine de lavoràr in còpia co’
cheàltro, altri i ‘à vist el só ben

fiorìr drio ‘na fresa, basi robàdhi
fra un toc e ‘n’antro, i fiòi crésser
fra i turni e ‘l mutuo; un l’à vist
un déo sparìrghe via daa man, tut
a un trato, ‘n’antro se tièn duro ‘a
schena, co‘l lèva su daa carègha.

[Ecco, guardateci: siamo qui, riuniti / sotto la tettoia di eternit e onduline dietro / la segheria, un manipolo di poveri cristi / all’ombra del silo; guardateci, ora / che il rappresentante sindacale e il direttore / dell’azienda ci hanno lasciati soli, lì // soli ognuno con le sue preoccupazioni, la sua / ansia, il rancore; adesso che forse / siamo per la prima volta davvero / una classe, così, incatenati alla stessa / sorte. Guardateci: ci siamo anche scannati / fra di noi, e azzuffati, ci siamo // mandati a quel paese a volte, perché uno / era un po’ ruffiano, confidente / dei caporioni, o perché l’altro tirava / il culo indietro, non capiva un ostia. / E ora sembra quasi ci si sia / sempre voluti bene, tanti // fratelli abbandonati da un padre. / Qualcuno di noi ha sgobbato insieme per venti / anni, gomito a gomito, bestemmia a sudore; qualcuno non voleva assolutamente / saperne di lavorare in coppia con / l’altro, altri hanno visto il loro amore // fiorire accanto a una fresa, baci rubati / fra un pezzo e un altro, i figli crescere / fra i turni e il mutuo; uno ha visto / un dito sparirgli via dalla mano, tutto / a un tratto, un altro si tocca la / schiena, sollevando il suo corpo dalla sedia.]

 

II

Ribandonàdhi, là, tel lasco scuro
de chea paròea che ‘a sona dolzha,
squasi gemèa de chii mòbii che ‘ven
fat su, panèl dopo antina, asta dopo
travèrs; chel nome pers drento ‘na
storia altra, paréa, roba che capitéa

sol tea Fiat, pa’ esenpio, tee fabriche
massa grande, sgionfàdhe de operai,
de lòte sindacài… qua pì che altro
ièra sol da farse ‘l cul, a testa bassa,
fra rumór e spolverón, reclamàr co’
el contajozhe: ‘ché sbàtoea e dovér

no’ i ‘à mai fat rima in fra de lori
tel miràcoeo de ‘sto nostro nord
est, croeà ‘dèss, al tenpo dea crisi.
Ma vardéne, ve dise, vardéne intànt
che noàntri se vardén ‘e man vòdhe,
intànt che te ‘ste man, in fra i cài,

‘nden in zherca de ‘sta scrita che
‘é stat inpetà, co’ còea o spuàcio,
no’ so, ‘sta paròea nòva che vol
dir “a casa, a spasso” senza schèi
chissà fin quando. Vardéne, parché
sen quei che paga tuta l’ingordisia

dei potenti, ‘e só barche bèe lustre,
‘e só feste. Vardéne: un cuzhà drio
un cantón a piàndher, un che romài
le ‘à finìdhe tute quante ‘e bestéme,
‘n’antro che par che l‘ te varde e
invézhe l’à ‘i òci revessàdhi tel chissà.

[Abbandonati, là, nel vuoto buio / di quella parola che suona dolce, / quasi gemella della mobilia che abbiamo / costruito, pannello dopo anta, asta dopo / traverso; quel nome perso dentro una / storia altra, credevamo, evento che capitava // solo alla Fiat, per intenderci, nelle aziende / troppo grandi, gonfiate di maestranze, / di lotte sindacali… qui più che altro / era solo da farsi il mazzo, a testa bassa, / fra clangore e polverone, rivendicare con / il contagocce: ‘ché brontolio e dovere // non hanno mai fatto rima fra essi / nel miracolo di questo nostro nord / est, crollato, ora, nell’epoca della crisi. / Ma guardateci, vi dico, guardateci mentre / ci osserviamo le mani vuote, / mentre fra le stesse, intorno ai calli, // cerchiamo di scorgere l’epigrafe che / ci è stata impressa, con colla o sputo, / non so, questa parola nuova che vuol / dire “a casa, a spasso” senza salario / chissà fino a quando. Guardateci, perché / siamo coloro che pagano l’ingordigia // dei potenti, i loro yacht luccicanti, / le loro feste. Guardateci: uno accasciato dietro / un cantone a piangere, uno che ormai / le ha consumate tutte quante le bestemmie, / un altro che pare stia indagandoti e / invece ha lo sguardo rovesciato nel chissà.]

 

III

Sen qua, imatonìdhi come dopo
un funeràl, se sta, sfinìdhi come
se se ‘vesse lavorà; po’ un se dà
un sgorlón, e fando ciao co’a man
para zó ‘l só magón; altri, vardéne,
i dise de trovarse al bar, ‘na bira

tant pa’ continuàr ‘e ciàcoe, forse,
forse sol pa’ scanpàr via da là, pa’
‘scondér ‘a paura, in compagnia…
Vardéne ‘ncora, su, ‘ncora par poc:
se se ‘brazha, se sparìsse dal piazhàl,
sen in dièse, forse, ‘dèss, dei otanta

che ieréssi ‘stamatina; l’é tristézha,
sì, ma la ‘é ‘ncora massa fresca pa’
spunciàr, e ‘lora, vardéne, a un ghe
sbrissa fòra ‘na batùdha, la buta in
vaca, sul scherzàr: chissà che bruta
‘dèss ‘a vita, star coi cójoni in man

e po’l va via, anca lu, e sen restàdhi
sol in zhinque, ne vedhéo? sentàdhi
sora ‘e tòe de scarto, drio ‘a muréta;
altri dó i ne saeùdha, e sen restàdhi
sol in tre: dó che parla e scrive l’aria
co’e man, e cheàltro un fià pì in là.

Quel son mì, vardéme, ve preghe,
vardé co’là che a passi sòchi el se
incamìna verso ‘a machina, la vèrde,
el vòlta ‘a testa ‘n’antra volta parché
el deve disegnàrseo tut in tea só testa
‘sto momento, l’à da farlo testamento.

[Siamo qui, attoniti, come dopo / un funerale, stiamo, sfiniti come / avessimo lavorato; poi uno si / riscuote, e salutando con la mano / inghiotte il suo magone; altri, guardateci, / si danno appuntamento al bar, una birra // tanto per lasciar proseguire i discorsi, forse, / forse solo per fuggire via da là, per / occultare la paura, in compagnia… / guardateci, ancora, dài, ancora per un poco: / ci si abbraccia, ci si eclissa dal piazzale, / siamo in dieci, forse, adesso, degli ottanta // che eravamo stamattina; c’è sconforto / sì, ma è ancora troppo fresco per / scavare, e allora, guardateci, ad uno / scappa fuori una battuta, la butta in / vacca, sdrammatizza: chissà che brutta / ora la vita, stare con le palle in mano // e poi si allontana, anche lui, e siamo rimasti / solo in cinque, ci scorgete? seduti / sulle tavole di scarto, lungo il muro; / altri due ci salutano, e ora siamo / solo in tre: due che parlano fra loro e scrivono l’aria / con le mani, e l’altro un po’ discosto. // Quello sono io, guardatemi, vi prego, / guardate quello lì che a passi mesti si / incammina verso l’auto, apre la portiera, / volge indietro lo sguardo un’altra volta perché / deve disegnarselo tutto nella testa / questo momento, deve farne testamento.]

 

Co’e man in man

I

E cussì star qua, co’e man
in man, ‘a testa scontrarse
contro ‘a mura de ‘sto tenpo
scuro, massa lasco, i pensieri

far spiràe fra incùo e doman,
‘torno un ieri che ‘l par za
un passà senza ritorno romài.
Star qua, co’e man restàdhe

vòdhe, seràdhe su a pugno
come te un sgranf de rabia,
o a sofegàr l’aria che manca
ai suspiri de l’ansia; operai

sen, sì, quei che ‘e senpre stat
carne da mazhèo, quei che ‘à
da tàser, senpre, e basta, schèi
che no’ basta mai, tea busta,

sbassàr ‘a testa e ringrazhiàr
istéss co’a ne casca tee man.
Ma ‘dèss quant’eo che costa
‘a desgrazhia de ‘ste ore vèrte

e spòjie, de passi cussì, tant
parché ‘e ore passe, un caffè
al tavoìn del bar, el zhùchero
da cior su, piàn, co’l cuciarìn?

[Con le mani in mano
I. E così rimanere qui, con le mani / in mano, la testa sbattere / contro il muro di questo tempo / buio, troppo lasco, i pensieri // far spirale fra l’oggi e il futuro, / intorno a un ieri che sembra già / un passato senza ritorno ormai. / Stare qui, con le mani rimaste // vuote, chiuse a pugno / come in un crampo di rancore, / o a soffocare l’aria mancante / ai sospiri dell’ansia; operai // siamo, sì, quelli che sono sempre stati considerati / carne da macello, quelli che debbono / tacere, sempre, e basta, soldi / che non bastano mai, nella busta, // abbassare la testa e ringraziare / lo stesso quando ci cade nelle mani. / Ma ora quanto costa / lo spreco di queste ore aperte // e spoglie, di passi così, tanto / perché le ore passino, un caffè / al tavolino del bar, lo zucchero / da raccogliere, lentamente, col cucchiaino?]

 

II

O ‘ndar ‘torno pa’l paese,
fermarse a vardàr el fiume
passàr, dal pont, el cantièr
dea pàeazhina che i ‘é drio

butar su, là, drio ‘a piazha,
cussì, come vèci pensionati,
o come quei che no’à vòjia
de far nient – che si’i vardéa

fin ieri, fra disprèzho e un fià
de invidia, sen sinceri, noàntri
senpre de corsa, in afàno, tii
retàji del tenpo dopo ‘l lavoro

pa’ndar in posta a pagàr ‘a
boéta, ‘na docia veòce e via
pa’ no’ far tardi dal dotór, a
l’apuntamento co’l dentista –

e ‘dess sen qua anca noàntri
a farghe compagnia a chii là,
qua, anca noàntri, a caminàr
su e zó, a vardàr ‘e vetrine

dei negozi, a vardàr co’là,
quel co’e man in scassèa
serà drento ‘l viéro insieme
ae scarpe, a majie o siarpe,

co’là che ’l varda fiss un
calcòssa che no’ l’é, là, fra
‘i scafài, e nianca fra ‘l via
vai del zhentro; chel senpio.

[II. O vagare per il paese, / fermarsi a osservare il fiume / scorrere, dal ponte, il cantiere / della palazzina che stanno // edificando, là, dietro la piazza, / così, come vecchi pensionati, / o come quei fannulloni / – che guardavamo // sino a ieri, fra disprezzo e un po’ / di invidia, siamo sinceri, noi / sempre di corsa, in affanno, nei / ritagli di tempo dopo il lavoro // per andare in posta a pagare la / bolletta, una doccia veloce e via / per non far tardi dal dottore, / all’appuntamento col dentista – // ed ora siamo qui anche noi / a far loro compagnia, / qui, anche noi, a passeggiare / su e giù, a guardare le vetrine // dei negozi, spiare quello lì, / quello con le mani in tasca / prigioniero dentro il vetro insieme / alle scarpe, a maglie e sciarpe, // quello che scruta fisso un / qualcosa che non è, lì, fra / gli scaffali, e neppure fra il via / vai del centro; quel fallito.]

 

III

‘Na cica drio cheàlta pa’
sboìr el nervoso, ‘a paura
che ‘sta crisi ‘a sie longa
‘ncora, che catàr lavoro

devente ‘na chimera, troia
anca ea, come ‘sto marcà
fermo e chea càncara dea
globaizazhión, maedhéta.

E intant se sta de sbando,
sfojiàndo ‘l giornàl al bar,
sperando che fra ‘e pajine
sie scrit segnài de ripresa,

invezhe ‘e paròe dise de
fabriche che sèra, i tìtoi
grossi struca ‘a speranza
te un domàn che, zorno

dopo zorno el se ‘lontana
via slongando ‘l só nome,
e domàn deventa domanda
rota, romài, là, fra i palmi

e i cai de ‘ste man che no’
vòl pì nissùni. E sen come
bòce che mostre ‘a manina
coi tòchi ‘e suste de un robó.

Prova ‘ndarghe ‘dèss, prova
– magari parché te sì de nòvo
in zherca de un lavoro – farte
un giro drio i capanóni, ‘torno

‘sti labirinti de stradhèe drete
e ‘ste muréte… da videozògo.
Prova a vardàr tute chee tasse
de bancài rebaltàdhi, de nàili

verdi che sèra su scarti, ròba
che no’ va via, rùi o machine
da salvàr daa rùdhene, prova;
biìci, o motrice parchejàdhi

drio ‘e paeàdhe, fra ‘e spine
dee righe come mostri morti,
ribandonàdhi dae commesse ,
dai autisti; e sinti, come che

se ‘a snasa, te l’aria ‘sta crisi,
e come che ‘a se disegna, po’,
te ‘sti liòghi. ‘E carte che core
tel ‘sfalto, no’ le ‘é pì i schèi

che ‘à cronpà anca l’ànema;
tase ‘e vose che comandéa:
tel siénzhio che resta se passa
come in mèdho ai rovinàzhi.

[Una sigaretta dietro l’altra per / sbollire l’ansia, il timore / che questa crisi si allunghi / ancora, che trovar lavoro // diventi una chimera, troia / anch’essa, come questo mercato / fermo e quella nefasta della / globalizzazione, maledetta. // E intanto si sta allo sbando, / sfogliando il giornale al bar, / sperando che fra le pagine / ci sia notizia di segnali di ripresa, // invece le parole dicono di / fabbriche che chiudono, i titoli / in grassetto calpestano la speranza / in un domani che, giorno // dopo giorno si allontana / da noi, con l’eco del suo nome, / e domani diventa domanda / rotta, ormai, lì, fra i palmi // e i calli di queste mani che non / sono più richieste da nessuno. E siamo come / bimbi che mostrino la manina / coi pezzi le molle di un robot.]

[Prova ad andarci ora, prova / – magari perché sei di nuovo / in cerca di un lavoro – a farti / un giro lungo i capannoni, intorno // a questi labirinti di stradine dritte / e perimetri murarî… da videogame. / Prova a osservare tutte quelle pile / di pallet rovesciate, di teli // verdi ad avvolgere scarti, prodotti / non più richiesti, rulli o macchinari / da proteggere dalla ruggine, prova; / bilici, o motrici parcheggiate // lungo il recinto, fra le lische / delle righe come mostri morti, / abbandonati dalle commesse, / dagli autisti; e senti come // si avverte, nell’aria, questa crisi, / e come si disegna, poi, / in questi luoghi. Le carte che corrono / sull’asfalto, non sono più i soldi // che comprarono anche l’anima; / tacciono le voci che impartivano gli ordini: / nel silenzio che rimane si cammina / come sopra alle macerie.]

 

______________________________
Le Voci della Luna – Sommario n. 44
______________________________

______________________________
Qui una nota critica di Stefano Guglielmin su Fabrica, l’ultimo libro di Fabio Franzin. Da seguire l’interessante discussione avviata nel colonnino dei commenti.
______________________________

 

***

Annunci

30 pensieri riguardo “Mòbii/Mobilità”

  1. Pingback: Mòbii/Mobilità
  2. “Siamo qui, attoniti, come dopo / un funerale, stiamo, sfiniti come / avessimo lavorato”

    Un grande solidarietà a Fabio e agli operai che perdono il posto di lavoro, e un grande grazie a Fabio per aver espresso questa condizione, “che ‘ntender no la può chi non la prova”.

    Penso che l’opera di Franzin sia e rimarrà una delle più autentiche testimonianze dell’oggi.

  3. Caro Fabio, avendo una ditta (piccola, ma che mi permette di confrontarmi spesso anche con grandi imprenditori) mi fa ancor più arrabbiare questa tua testimonianza, pensando a quanti in questi anni si sono arricchiti, investendo in auto di lusso, immobili, infischiandosene di una possibile e più che prevedibile crisi, infischiandosene – soprattutto – dei propri dipendenti e delle loro famiglie. L’irresponsabilità di tante ditte, che hanno beneficiato spesso di notevoli contributi a fondo perduto, sta disseminando spine di dolore ovunque. Spero che tu possa trovare al più presto un nuovo lavoro e non so, veramente, come riesci a trasformare in canto ciò che stai vivendo. Anzi, lo so: perché sei un poeta vero ed un uomo vero.

  4. Trovo, in queste poesie, un’emozione affine a quella che provo leggendo Spoon River; c’ lo stesso senso di perdita, di abbandono, di morte dell’identità, e il tragico riconoscersi in altro da quello che si era sperato, o in cui si era creduto. C’è un’identica fine dell’Amore inteso come senso collettivo di giustizia, del dovere da parte di qualcuno verso l’uomo. C’è l’angoscia della disparità, dell’esclusione e del tradimento insieme alla consapevolezza che mai più si potrà “ricomporre” niente, neppure quel poco che forse nemmeno bastava.
    Non lo dico per far “pareggiare i conti”: soffre l’artista come l’uomo operaio, dunque spengiamo la forza lavoro nella vocalità poetica e siamo tutti fratelli nell’arte! Mai ho pensato all’arte poetica legendo Spoo River,
    come nelle poesie di Franzin non penso alla lirica(nonostamte la bellezza innegabile di questi versi) bensì a quale sia la vera disperazione senza
    belletti colti o gioco letterario dall’alto verso il basso. In queste poesie che non urlano, che non si contorcono nella rabbia nevrotica di certi poeti riversanti i propri gas tosici nel contenitore metrico, c’è la faccia del dolore motivato, perché imposto. Il più vero. La patologia si può curare, ci si può far sù anche una carriera d’artista. Ingigantisce pertanto l’identità, gratificata da questa specie di dolore “utile”. Qui si scopre invece l’assoluta, gratuita, inquitante verità che farebbe dire con ragione, a Franzin come a tutti i suoi compagni: “anche i poeti piangono”.

  5. Trovo che Cristina ha toccato un punto nevralgico e con la sua sensibilità va al dunque. Nella voce di Fabio Franzin la rivolta a un esistente, che cerca in ogni modo di togliere dignità, ha la nota dell’amarezza. Ma nulla toglie, perchè Franzin non è un rassegnato: guarda, osserva, racconta ciò che vede ed è desolante leggere di gente e luoghi di cui si fa fatica a comprendere/vedere il presente figurarsi immaginare il futuro. E l’Italia sta diventando terra degradata ovunque. E ovunque gente che non sa riconoscersi più in nulla. Un saluto a Fabio e a tutti.

  6. Sono qui a ringraziare, innanzitutto, chi ha deciso di postare o di far postare queste mie a mia (graditissima) insaputa. E quindi ringrazio Nadia per le note, Ivan per le parole e la condivisione di ciò che sa, Giorgio per le affermazioni senz’altro esagerate ma molto, molto care, e Marco che è ormai diventato una presenza fissa, un caro amico. Desidero spendere una parola in più per il graditissimo commento di Cristina Annino, un poeta che stimo molto: questo tempo che stiamo vivendo, cara Cristina, è davvero una Spoon River degli umili, e ti ringrazio moltissimo per l’accostamento, è il tempo dell’offesa verso gli onesti, verso chi, giorno dopo giorno, fatica a schiudere il sorriso che gli era stato dato in dono perché si scontra col sorriso scintillante dei falsi, dei trafficoni, di quella classe vincente che sta ruspando via ogni bellezza.
    Grazie, di cuore. Fabio

  7. Grazie a te, Fabio, alla tua speciale voce poetica, ma anche alla forza di ragione storica di tutti i tuoi compagni che rappresenti in questa- e non credo di essere retorica- disfatta.

  8. Questa è poesia civile! Mi congratulo con l’autore per la sua forza d’animo e per la sua coraggiosa poesia; per il talento con cui riesce a rendere testimonianza di un fatto così triste e gravoso come la Disoccupazione attualmente crescente nel nostro Paese.
    Bello il dialetto Trevigiano! Rafforza l’intensità della denuncia.

    Un cordiale saluto,

    Rosaria Di Donato

  9. Ripenso anche alla discussione sorta sul blog di Stefano Guglielmin, a cui si è accennato, ed in questi testi trovo un passo in una direzione diversa.
    Forse l’amarezza, il colpo subito con la cassa integrazione e la chiusura, ma mi sembra che Fabio abbia utilizzato una forma più diretta e dolorosa, immediata, istintiva. E che queste poesie parlino comunque un linguaggio della terra e lo dico in bene, è il linguaggio di Fabio che ho imarato ad apprezzare nel tempo, e ovviamente non solo io.
    Un passo oltre ed al tempo steso l’ennesima conferma di un poeta di valore assoluto. Spero che i miei figli possano studiarlo sulle loro antologie, forse aiuterebbe a capire l’importanza che la poesia può, oggi più che mai, avere.

    Francesco t.

  10. La poesia, per continuare a vivere, deve innanzitutto sopravvivere: all’immenso sciocchezzaio webbico, che sta demolendo e sommergendo, col tracimare quotidiano di melasse variamente assortite spacciate per versi, da una parte, e dall’altra per analisi critiche, la possibilità stessa di dare spazio e voce alle scritture di valore. Uno dei modi per sopravvivere può essere, in prima istanza, auspicare e far proliferare letture critiche come quella che Guglielmin ha dedicato a Fabrica di Fabio Franzin.

    Sta al poeta raccogliere la sfida (con se stesso, soprattutto), e mettersi a ricercare, all’interno della sua stessa voce, quanto resta ancora da esplorare, tutto ciò che gli serve per impedire al suo dire di farsi sostanza di maniera, istanza consolatoria e pacificata.

    Solo un critico/lettore serio e preparato può aiutare un vero poeta a crescere, a liberarsi dalla zavorra, dall’ansia di piacere a tutti i costi, dalle lodi sperticate che niente aggiungono alla risonanza effettiva dei suoi testi, dalla fisima perversa che il valore di un testo o di un’opera sia dato dalla quantità di premi e di riconoscimenti ricevuti (i premi che esaltano i “buoni sentimenti”, del resto, stanno alla poesia come l’anidride carbonica alla necessità vitale dei polmoni).

    Solo un critico/lettore serio e onesto può aiutare un vero poeta a capire che la pura rappresentazione del dato non è/non è ancora/non è sempre poesia; che un contenuto, avulso da un sistema formale capace di svuotarlo dei sedimenti della significazione usuale – nell’attimo stesso in cui gli dà voce ed esistenza – ha solo valore testimoniale, ma manca della sostanza capace di innervare sensi e prospettive altre (esattamente quello che la poesia dovrebbe sempre fare.

    E’ esattamente quello che è successo su “Blanc”, ovverosia l’auspicabile: perché Guglielmin è un critico/lettore serio e preparato; e perché Franzin è un ottimo poeta. E nessuno, ammesso che non abbia intenzioni altre rispetto alle aspettative del testo e, soprattutto, rispetto alle istanze etiche che guidano la sua analisi, dedica tempo e fatica a un’opera, se non riconosce nella mano che l’ha portata a termine la forza per scavare sul foglio (i.e.: nei giorni) solchi ancora più profondi.

    fm

  11. sono contentissima di poter leggere direttamente in dialetto queste poesie di denuncia. hanno una forza straordinaria. e hanno una forza doppia, poiché vengono da un’area geografica votata a quanto c’è di più penoso in termini di weltanshauung, che a volerla combattere, questa non-visione del mondo della piccola media industria del nordest che tira(va): anche di coca, c’è da perderci il senno. nel veneto non c’è – forse – mafia, ma mille piccole rosarno: fabbriche rette da chi vota lega, ma impiega operai extracomunitari, ora molti fuori. a chiedere la carità.
    intanto i padroni delle fabbrichette, dei suv, degli yacht, delle ville hanno scoperto da un po’ di anni lo scambismo del sabato sera, la messa di mezzogiorno della domenica mattina…

  12. Ringrazio ancora, e ormai mi mancano anche le parole, per gli interventi: Nadia, che non ho fatto in tempo perché l’abbiamo postato insieme; F. Tomada, ormai, fra noi, siamo come fratelli; Lucy e Rosaria, che non conosco, di persona, ma che ringrazio, di cuore.
    Caro Marotta, infine, caro immenso governatore di questa splendida casa: come sai, come ho detto, io non ho assolutamente travisato le intenzioni di Stefano, anzi, l’ho ringraziato, in privato e su Blanc, per aiutarmi ad aprire gli occhi dentro i miei segni, fra le mie parole; qui da me le lezioni sono sempre benvenute, qui da me le scuole sono sempre aperte (ho una moglie insegnante, peraltro…), so la perizia e l’infallibile capacità di Stefano di penetrare il testo, e sono onorato che si sia occupato dei miei.
    Un grande abbraccio a tutti. Fabio

  13. L’ho scritto su Blanc ed in privato, ma anche io sottoscrivo ogni parola del tuo intervento, caro fm.
    Il rischio dei blog, e lo sappiamo bene, è forse l’eccesso di buonismo, perchè ci si conosce, perchè ci si stima, per rispetto. Con il suo intervento Stefano ha dato prova ancora una volta (non che ce ne fosse bisogno) della sua profondità culturale e umana, come del suo coraggio.
    E’ questo che serve, e fa crescere tutti.

    ft

  14. Fabio, non stavo dando lezioni di nessun tipo, stavo solo facendo delle riflessioni di ordine generale, prendendo a pretesto il post di Stefano sul tuo libro: nel quale ho letto, tra le righe, una grande attestazione di stima nei tuoi confronti, per le ragioni che ho chiaramente esposte nel precedente commento. Una stima, tra l’altro, che (per quel che vale) non ho mai mancato personalmente di testimoniare ogni volta che ne ho avuto l’occasione, perché ti ritengo uno dei migliori e più autentici poeti italiani degli ultimi anni.

    Tu, secondo me, non hai nessun bisogno di sentirti dire “quanto” e “come” sei “bravo” – lo sei e basta. Hai bisogno di sentirti dire, invece, come esserlo ancora di più. E, visto che parliamo di poesia, il critico “vero” non può non invitarti a lavorare sullo “specifico” del tuo sentire: che non è il sentire in sè, ma quella manifestazione, unica, irripetibile, necessaria che, in quanto “forma”, gli dà esistenza di poesia.

    Per il resto, posso assicurarti che nessuno più di me può sentire il “peso”, il “morso”, la “ferita” di “quello” che dici: nell’universo che descrivi, infatti, io ci sono entrato per la prima volta a nove anni…

    Ma di questo, prima o poi, ti scriverò in forma privata.

    Ciao, un caro saluto.

    Buona serata a tutti.

    fm

  15. una boccata d’ossigeno questa pagina e i commenti, di cui fare tesoro, per me c’è sempre tanto da imparare.
    Ho letto diverse volte Franzin e ogni volta resto “impressionata” dall’autenticità con cui riporta senso e immagine su carta, che ne fa cogliere la spinta di dolore e sdegno e la premura nella denuncia.
    grazie a Nadia, Francesco e Fabio.
    n.c.

  16. grande e forte e drammatica poesia – rende la lingua nativa una lingua, della vita e della sua esaltazione, nonostante

    un abbraccio ed un saluto fraterno, enrico

  17. (innanzitutto un caro saluto a fm ((non ho dimenticato quella tua richiesta di mesi fa, ehmmm… ho i miei tempi…)) e a tutti…
    e ringrazio in particolare Fabrizio Bianchi di avermi invitato a questa lettura)

    C’è una sensazione che mi è arrivata dritta al cuore-cervello leggendo il trevigiano di Franzin qui, nel contesto di questa sua sofferta, e anche in un certo senso, brechtiano?, epica testimonianza:
    il dialetto qui ha un senso e un orizzonte, proprio dove tante vite lo smarriscono, come ha senso che uno scolpisca così bene per tutti queste parole sulla carta, fra le parole che in quella mattina del licenziamento sono finite all’aria

    ho la netta sensazione di trovarmi di fronte ad una strada potentemente aperta alla poesia dialettale sulla soglia del Terzo Millennio (tanto per stare con quest’espressione sulla breccia della retorica che ci circonda)

    ho perso il conto di amici e cugini miei che oggi sono negli stessi panni di Fabio
    nella percentuale però ci devo metter dentro anche un amico che è piccolo-imprenditore tessile, un giorno mi chiama “vediamoci a pranzo, ormai ho molto tempo libero… Figùrati, noi del tessile eravamo già a terra prima di questa crisi”
    scusate, non generalizziamo, non girano tutti col suv, c’è ancora qualcuno “all’antica” che “’l se càa ’l pà de boca per lasài mia a cà”, si toglie il pane di bocca per non lasciare a casa nemmeno uno dei suoi
    temo che l’immagine di certa gentaglia alla Edward Lewis (ricordate il finanziere spregiudicato ed esibizionista interpretato da Richard Gere in “Pretty Woman”? chissà perché si ricorda di più il nome di lei, Vivian, la prostituta alias Julia Roberts, che non di lui), temo che quell’immagine in questo frangente faccia molto ma molto comodo a chi vive (o finge di vivere, addirittura, in certi casi) di scatole cinesi, azzeccagarbugli, jet set, escort, ecc. – è l’unico “neo” che vedo in questo lavoro di Fabio, né oscura peraltro la vibrante forza dell’intreccio lingua-argomenti-immagini

    se è saltata la categoria storica del mondo operaio così come l’avevamo ereditata dagli anni del boom economico e dagli immediati sommovimenti sociali e politici degli anni Sessanta e Settanta, dobbiamo ora applicarci a sgretolare quella dei padroncini di cui il buon Silvio si propone come il-peggio-stereotipo

  18. in un giudizio spregiativo sui suv-comandanti è evidente che c’è un sorvolare sulla casistica di segno contrario: quei, rari, piccoli-medi imprenditori che si levano il pan di bocca etc. dalla mia visuale scorgo, però, gente messa a casa senza stipendio e senza la garanzia di recuperare stipendi arretrati. uno dice: ma il tuo padrone, perché di “padrone” si tratta, che fa? ha perso tutto? macché! ha messo in salvo le ville, gli schèi all’estero, che poi, quando vuole, li fa rientrare con una spesa minima: è in vacanza, e quando è qua, scorrazza col suv, tutto abbronzato, prende lo spritz in piazza dei signori. qualcuno del popolino lo odierà, ma molti, dello stesso popolino stenterello, lo ammirano “perché – e qui giù un bestemmione – così si fa, altro che!”.
    questo è il modello, e credo che ci sgretoleremo prima noi, flebili voci che gridano nel deserto.

  19. “tanto per lasciar proseguire i discorsi, forse, / forse solo per fuggire via da là, per / occultare la paura, in compagnia… / guardateci, ancora, dài, ancora per un poco”….ecco….questo volevo dire. Splendido, Fabio. Forse “Fabrica” era solo il prologo? ;) Un abbraccio, GTZ

  20. Lucy, sono d’accordo, quel mio raro amico putroppo non è il datore di lavoro delle altre numerose persone che mi stanno a cuore e che oggi si girano i pollici tra un curriculum e un colloquio, quando capitano – e spesso non solo per colpa, devo dirlo purtroppo, del capitalista miope, ma anche del sindacalista “lisciato” (come anche Fabio Franzin sembra suggerire non troppo velatamente)

    però le armi della poesia si spuntano quando si generalizza, si categorizza, ecc.

    i modelli possono provocare centinaia di esperimenti di successo, ma basta un caso dimostrabile di segno contrario per falsificare il modello nelle sue fondamenta – lo dice Popper, non lo dico io

    certo, storicamente si sono visti modelli sopravvivere nella prassi anche per decenni dopo la loro falsificazione, ma gutta cavat lapis e mi piace pensarli come guttae ‘sti poveri, isolati, schifati poeti, schifati anche dal più gran numero dei liber-espressivi versificatori a caccia di rimati encomii e laurei, che fanno crollare il gigante col loro minuscolo incidere nella pietra, nel lithos della litheratura, giorno per giorno, a scovare i casi provati che incuneino la contraddizione nel modello soddisfacente

    qui, per esempio, Franzin scova una crepa clamorosa, nella parte II, me la sono riletta e riletta, l’identificazione fattuale ma non sostanziale del licenziato col fannullone disprezzato e, magari, anche invidiato, è una crepa sottile dentro un sistema valoriale, né il poeta, sapientemente, vi contrappone un valore pregresso in funzione di recupero nostalgico, né vi ricama una morale appicciosa – semplicemente indica la crepa – grandioso quel “senpio” di chiusura, che risuona molto più che un “empio” biblico, risuona, come sdoppiandosi, al pari di “scempio” di un’epoca, epoca in cui scaricare la responsabilità addosso al bighellone di mestiere non funziona più, egli non è più, alla Brunetta, il catalizzatore di tensioni sociali che si appacificano riversandoglisi addosso, ma ne viene sottratto dal processo identificativo con l’altro che si trova costretto a bighellonare, e allora il gioco si riapre, la nemesi si riversa sui proprietari delle ferraglie industriali abbandonate, così come su chi fino a poco prima quelle ferraglie manovrava con competenza e incoscienza

    però qui Franzin anche si ferma (e con lui molti suoi lettori): già prima di “Fabrica” aveva avviato una lucida e impietosa revisione del sistema valoriale del lato “operaio” della tensione in atto, mentre la sua critica al lato “padrone” della medesima epochè si ferma alla facciata che lo stesso mondo padronale continua imperterrito a consolidare, a garantire e procrastinare nella sua convenienza identitaria-settaria

    così non si apre nessuna crisi sociale, non si presagisce nessun sovvertimento, non si inaugura nessuna revisione radicale dei modelli, delle reciproche culture, ma si avvia un processo ben più preoccupante, una sorta di harakiri di Arlecchino davanti alla cassaforte di Pantalone, di cui non conosceva la combinazione, perché “per principio” con l’ingordo Pantalone non si entra in confidenza

  21. Commosso dalla vostra partecipazione, dalla vostra solidarietà, sono qui a ringraziare, di cuore, Natàlia, Enrico, Giovanni, e Mario Bertasa, in modo particolare, per l’articolazione dei suoi interventi, qui, e in “Blanc de ta nuque”, per me molto, molto importanti e necessari anche, e soprattutto, per capire la temperatura delle mie parole, per il dibattito sorto intorno a questi miei testi operai e di crisi.
    Un carissimo abbraccio a tutti. Fabio

  22. caro franzin
    già nel tuo breve intervento alla serata paesologica di treviso avevo intuito il tuo spessore.
    ora questi versi me lo confermano, ti aspetto a sud, magari a cairano a giugno.

  23. Caro Arminio, a Treviso è stato, per me, un grandissimo piacere averti finalmente conosciuto, di persona, ascoltarti bacchettare, pur con la tua “creanza”, il modus vivendi del nord-est; l’unico dispiacere è stato dover scappare prima causa precedenti impegni, ma voglio sperare ci siano, fra noi, altre possibilità di confronto, perché ti seguo, come poeta e scrittore da “Viaggio nel cratere”, e sei, a mio avviso, una inquieta, e allo stesso tempo, serena realtà, hai aperto una strada, un modo di ascoltare e vedere il paesaggio, che ho sentito da subito importantissimo, un fare veramente “politico” nel senso più etimologico del termine, una scuola di senso e di amore verso quelli che De gregori indicava quando ha cantato “la storia siamo noi, nessuno si senta escluso”, perché ogni persona è un mondo a sé, e fermarsi ad ascoltarli è amore e arricchimento.
    Ti abbraccio, con affetto. Fabio

  24. Non riesco a dire tutto quello che le poesie di Fabio mi trasmettono.
    Difficile trovare un altro poeta tanto “civile”
    Una persona che vorrei sempre avere a fianco al mio tavolo per chiedergli cosa pensa su qualsiasi cosa e parlare anche solo di come sarà il tempo il giorno dopo.
    Grazie a tutti gli intervenuti in questo bellissimo post
    e grazie a Francesco per questo luogo incontaminato.
    vincenzo celli

  25. non ho potuto intervenire e partecipare ai bellissimi commenti. Concordo con Francesco Marotta, che qui saluto, per quanto riguarda la ‘questione’ Franzin-Guglielmin: credo che il rigore e l’ascolto, le sollecitazioni e i dubbi di Stefano G. possano solo aiutare Fabio nella sua crescita e nella acquisizione di consapevolezza.

    credo che oggi per chi scrive versi, sia un fatto rarissimo, nel silenzio generale, poter contare su lettori seri, su autentici confronti.

    quanto ai versi su Rebstein: che dire, se Marotta fosse un editor: metterebbe a segno un colpo molto significativo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.