Verità e giustizia per Francesco Mastrogiovanni

Caso Mastrogiovanni
I giudici dispongono il giudizio immediato

I giudici del Tribunale di Vallo della Lucania, completati gli interrogatori, hanno disposto il giudizio immediato per il personale sanitario (medici e infermieri) oggi imputati per il sequestro e la morte del maestro anarchico Francesco Mastrogiovanni, deceduto nel reparto di psichiatria dell’Ospedale San Luca di Vallo della Lucania il 4 agosto 2009, a soli 58 anni, per edema polmonare conseguente ad un TSO ed alla contenzione illegittima durata circa 80 ore, senza alcuna possibilità di movimento e senza adeguate cure sanitarie e appropriata alimentazione. Il codice di procedura penale consente al PM di chiedere il giudizio immediato solo in presenza di prova evidente e, in questo caso, la prova è insita nel video shock registrato nel reparto lager di psichiatria dell’Ospedale cilentano, tempestivamente sequestrato dai giudici e allegato agli atti processuali. I familiari e i componenti del “Comitato verità e Giustizia per Franco” nell’esprimere apprezzamento per l’operato della magistratura inquirente di Vallo della Lucania, invitano alla mobilitazione popolare in occasione dell’inizio del processo che si terrà, presso il Tribunale di Vallo della Lucania (SA), il 28 giugno 2010. Affinchè non accada mai più!

Angelo Pagliaro

***

Sangue del suo sangue

Roberta Borsani

Toscana, un pomeriggio qualunque: Gretel, una bambina di 8 anni, al rientro dalla palestra viene rapita da uno sconosciuto. Mesi dopo, sulle caviglie di Alice, la gemella, compaiono come stimmate segni di catene. Come è possibile? Per “simpatia”, dice qualcuno: un fenomeno che si verifica spesso tra gemelli. Ma questo significa che Gretel, che tutti danno per morta, è ancora viva. È chiaro che i tradizionali metodi di investigazione non bastano. Così Leone, ispettore dalla mente aperta, si rivolge all’amica sensitiva che già in passato ha collaborato con la polizia. Manuela è una donna ferita, che sta lottando per uscire dalla depressione, ma si lascia coinvolgere. Forse per curiosità o per senso di giustizia. Forse perché l’amicizia con Leone sta diventando qualcos’altro. Continua a leggere Sangue del suo sangue