Il segno zodiacale della scorpione

Viviana Scarinci

La scorpione

              Novelli astri s’accendono
              a un mondo da tenui parti diviso.
              Seguivano non so quali rituali segni.
              (…) e si frastagliarono i giorni
              e non furono più che un pallido ritorno
              delle cose prime.

              Lorenzo Calogero

 

Adunca

Tu vieni dall’inizio
della morte data
diaria dei mie sensi
estremi, estremità raccolta
in un’antitesi, lascito
antesignano
di una scomparsa
che ti inizia, tu sei
dall’insorgere
di un dubbio frugale
cessata d’alimento
e spasmodica
dell’inedia canti
il mio male
adunco, pensatrice

 

Scorpione

Ridda più catastrofica
che mia a me veni
in virtù di solida
notte di scorpionica
latitudine e nasci
a questo scarso zodiaco
alla notte aguzza
che ti fece al baratto
non più nostra
della selva che cingeva
non più salva
dall’incetta di Orione
ma esposta
dalla tua smania
al vincere dell’assassino

 

Orione

L’oracolo non tace
il simbolo
che ti acceca
resti il padrone
della tua amniosi
il cieco che all’oscurità
rivolto non vede
che la sua menomazione
dover passare
per una rotta
per dirsi destino
e la rotta, l’oracolo
la indica a oriente
dove il sole viene
dall’acqua a dare
luce a tutte le larve
a te adulto
come il feto
che fosti a dover
nascere un volto
non più tuo
di quanto non lo sia
quello del padre
un grembo
non più grembo
di quanto non lo sia
il tuo

 

Costellazione

Non subito cielo amore
che dal mare vieni
alle sommità dei boschi
per gestarti costellazione
padrone delle mie alternanze
che intento barbagli
nella molecola autunnale
non subito cielo
perché lo scorpione viene
col veleno denso
di semi e il passo plurimo
della perversione

 

Malinconica

Non può ancora affondarti
nella cecità il pungolo
la malinconica
col nome di assassino
ma dovrà ucciderti
padre stagionale
della sua cova
per restituire
all’oscurità almeno
una manciata di stelle

 

Intermezzo

Le cose
si fanno ombra
Frenano.
Nulli materiali
terreni cuociono
il tuo veleno.
Trattienila, la cessione
e perdilo, il fuoco
nella vittima
per morire insieme

 

Abbruciata

Ma se un notte
ti pungessi come fai
e tornassi alla cecità
del mio grembo
antico animale suicida
la mescita di nascita
e morte sarebbe
la conquista esaustiva
quella che ci ultima
nell’abbruciante
macerazione
della nostra parentela

 

La puntura

Parente del tralcio
sospeso dell’ebrietà
come fosse femmina
l’ebbrezza fissata
in quel capo cocente
puramente violenta
e senza traccia
del sangue scambievole
dell’assassino
fingi il tuo vizio
volto all’amenità
e non ti sazi
creatura còlume

 

Sciarada

Fisionomia ansante
che ti perdi e smagrisci
l’alba in piombo, io
mi avventuro nel sonno
del giorno perché so
che la fonte inavvertita
del tuo soma
viene dal segno liquido
di questa luce
viene dalle false veglie
della mia insonnia
come fossi io
quello scorpione
che non ci dorme

 

Margine

Meglio la marginalità
meglio scalzarti di un grado
da questo mandala
quando mi oscuro
fino alla deriva
quando cado dagli occhi
per ammarare in un precipizio
scoordinato che impatta
senza capire di toccarti

 

Epilogo

Ortigia spirduta
12 dicembre
mezzanotte
Riguel divarica la via
della nascita
in un biancore di parto
Lucia aretusa
scaturisci
al non ritorno
dalla tua fonte
cieca te ne fuggi
scorpione ammala
il tuo pungolo
che la stella chiama
da un alluce di Orione
la tua infelicità
Artemide pare
che di tutto
sia la complice
resta il nesso
resta la mancanza

 

______________________________
Il segno zodiacale della scorpione è tratto dall’opera Improntitudini (2005-2010)
XII volume della Biblioteca di RebStein.
______________________________

 

***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.