Repertorio delle voci (XII)

Manuel Cohen
Dina Basso

’nto dialettu
i puntini puntini
nun ci stanu:
nunn’è lingua ppi cu
nun sapa cca ffari.

Nel dialetto
i puntini di sospensione
non ci stanno:
non è lingua per chi
non sa cosa fare.

Dina Basso, Uccalamma (Bocca dell’anima)
Prefazione di Manuel Cohen
Sasso Marconi (BO), Le Voci della Luna
“Radici”, 2010

Quannu mi talìu i pedi,
sacciu ca sugnu a figghia ’e Bassu,
a niputi da signora Ddina,
chidda cco culu ’rossu.

Suddu mi talìu l’occhi virdi ’nto specchiu,
si vida ca sugnu a figghia d’a Bassetta,
chidda c’aviva i capiddi bbiondi e llonghi finu ’o culu,
beddu culu,
i cosi ggiusti.

Quannu mi talìu,
sacciu ca sugnu ’mmiscata,
arabi e normanni ca si junciunu,
tantu u culu
sempri culu è,
e a picca a picca,
n’angrossa (quasi) a ttutti.

Quando mi guardo i piedi, / so che sono la figlia di Basso, / la nipote della signora Dina, / quella col culo grosso. // Se mi guardo gli occhi verdi allo specchio, / si vede che sono la figlia della Bassetta, / quella che aveva i capelli biondi e lunghi fino al culo, / bel culo, /giustamente. // Quando mi guardo, / so che sono mischiata, / arabi e normanni che s’uniscono, / tanto il culo / sempre culo è, / e a poco a poco, / ci ingrossa (quasi) a tutti.

Quannu s’accapunu i balletti,
sulu i bbabbi restunu a ballari.
Quannu i sciura nun fanu cchiù çiauru,
sulu i bbestia nunn’jettunu.
Quannu veni a tussi forti,
sulu i cretini cuntinunu a fumari.

Ma ju ancora staju bballannu,
i sciura ancora m’i tegnu,
e di fumari ancora fumu.

Babba, bestia e cretina,
minn’aja dittu tri,
a tempu nenti.

Quando finiscono i balletti, / soltanto gli scemi restano a ballare. / Quando i fiori non fanno più profumo, / soltanto i bestia non li buttano. / Quando viene la tosse forte, / solo i cretini continuano a fumare. // Ma io ancora sto ballando, / i fiori ancora me li tengo, / e di fumare ancora fumo. // Scema, bestia e cretina, / me ne sono dette tre, / in un niente.

Ma cucina sucava
iaurieduci,
ddi ciura gialli,
ca nun si sapa si fanu fetu o çiauru;
mo matri mi diciva
ca ci pisciaunu i cani
e ca nun s’auna mmangiari.
E ju,
babbitta,
uora ca aju vint’anni
i vulissa tastari,
ma a Bologna nun ci su
– e macari ca ci fussuru
cch’avissuru pisciatu
i cani.

Mia cugina succhiava / agrodolci, / quei fiori gialli, / che non si sa se fanno puzza o profumo; / mia madre mi diceva / che ci pisciavano i cani / e che non si dovevano mangiare. / E io, / scemotta, / ora che ho vent’anni / li vorrei assaggiare, / ma a Bologna non ci sono / – e anche se ci fossero / ci avrebbero pisciato / i cani.

Aju na vina
ca sutta a carni nun ci vola stari:
suli nunn’i pò pigghiari
e idda,
buttana,
acchiana a picca a picca,
picchì vola a luci e u caudu.
Ju a chiamu “l’autostrata”,
e u dutturi ha dittu
ca ccon paru d’ignizioni
si nni cala n’atra vota;
ju però ma scantu:
e suddu fussa a vina poetica,
e ddopu nunn’a scrivu cchiù?

Ho una vena / che sotto la carne non ci vuole stare: / sole non ne può prendere / e lei, / puttana, / sale a poco a poco, / perché vuole luce e caldo. / Io la chiamo “l’autostrada”, / e il dottore ha detto / che con un paio di punture / si sgonfia un’altra volta; / io però mi spavento: / e se fosse la vena poetica, / e dopo non scrivo più?

Quannu, di nica,
m’ansignai a scriviri,
mi ittai subbitu ’nta poesia,
picchì mi pariva
l’unica manera,
ppi ffari e ddiri chiddu ca m’aspirava u cori,
ristanno ’nti mia,
facennumi maestra,
ccu tuttu c’aviva quattr’anni.

Picchì ’nti nuautri nun s’amparunu,
s’ansigninu i cosi,
quannu unu ’i capisci,
e ggià addiventa mastru;
macari ju,
da manovalanza di littri e accenti,
a picca a picca m’ansignai u misteri,
ca unu nun su scorda
mancu quannu è vecchiu,
mancu quannu mora.

Quando, da piccola, / mi sono insegnata a scrivere, / mi sono buttata subito nella poesia, / perché mi sembrava / l’unico modo, / per fare e dire quello che m’ispirava il cuore, / restando in me, / facendomi maestra, / con tutto che avevo quattr’anni. // Perché da noi non s’imparano, / s’insegnano le cose, / quando uno le capisce, / e già diventa mastro; / anch’io, / dalla manovalanza di lettere e accenti, / a poco a poco mi sono insegnata il mestiere, / che uno non se lo dimentica / neanche quando è vecchio, / neanche quando muore.

’st’anvirnata ha lassatu
sulu rannula
e aranci ’nterra
sutta i ma pedi.

Nun sacciu cchi gghiè
stu fetu ’i marciu
ca sentu quannu mi calu:
forsi,
a picca a picca
stamu murennu.

Quest’invernata ha lasciato / solo grandine / e arance per terra / sotto i miei piedi. // Non so cos’è / questo puzzo di marcio / che sento quando mi abbasso: / forse, / a poco a poco / stiamo morendo.

’o scuru nasciunu e s’abbersunu i cosi,
’o scuru crisciunu i capiddi,
e s’addummiscia ’u santu,
e s’arrusbigghia ’u spertu.

’o scuru ni spugghiamu,
e ni taliamu ’nte facci.

’o scuru i pedi parrunu cca ferrovia,
e bbabbiannu bbabbiannu fanu strada.

E a poesia bbisognu ’i lustru nunn’avi,
e mancu tu.
Picchì tantu i cosi ’ppinnuti
nunn’a stingiunu,
e tempu du jorna cch’a finisci
’i chioviri dintra i casi dà ggenti
macari picchì ju,
finu a quannu nun campu,
’ntenzioni ’i ricugghilli
nunn’aju.

Al buio nascono e s’aggiustano le cose, / al buio crescono i capelli, / e s’addormenta il santo, / e si risveglia il furbo. // Al buio ci spogliamo, / e ci guardiamo in faccia. // Al buio i piedi parlano con la ferrovia, / e scherzando scherzando fanno strada. // E la poesia bisogno di luce non ne ha, / e neanche tu. / Perché tanto le cose appese / non stingono, / e tempo due giorni finisce / di piovere dentro le case della gente / anche perché io, / fino a quando non vivo, / intenzione di raccoglierle / non ne ho.

E m’anturciuniu
circannu i paroli ppi diriti
ca di tia nun ma scordu,
ca i to scarpi su sempri ddà,
ca i to dischi sonunu macari ppi mmia
e i to libbra i ccarizzu comu fussunu i to manu
e ’i lliccu comu tutti i vasuna
ca nun t’aju datu mai.
E scrivu chiddu ca vogghiu
picchì tu diceutu ca nun sugnu ju ca cumannu,
ca è idda,
a poesia,
ca vena,
mi fa ’llampari,
si nni va,
torna,
e sempri e sulu comu vola e dici idda,
mai comu dicu ju.
E uora comu uora,
ju tempu nunn’aju assai,
sta finennu,
e m’aja spicciari,
picchì ’u tò s’accapau prestu,
ma forsi ’u mia
finisci macari prima,
forsi,
e tempu di perdiri nunn’aju, e ppi riurdariti
a missa nun ci vaiu,
e ciuri nun ti nni portu
e cannili nun ti nn’addumu:
ti portu i poesii,
ca nunn’a scaffitisciunu,
mai.
E scrivu ppi ttia,
ca uora,
ppiddaveru,
sulu nunn’i pigghi,
comu ddu fogghiu iancu di latti
ca era tò figghiu.
E tu,
allura,
si ’nta tutti i fogghi
c’accarrizzu e vasu,
ca mi cuccu,
ca m’ammogghiu,
e mi portu ccu mmia,
’nto sonnu
e ’nta sacchetta;
tu si na tutti i fogghi
ianchi di latti o niuri di pici
e si ’nta tutti i fogghi ca scrivu,
e tutti i paroli ti ll’ha pigghiari tu,
picchì su ppi ttia,
e u sacciu ca si modestu e riali nunn’i voi,
ma ju t’i dugnu,
macari ca mi scrivisti
ca nunn’aja scriviri sulu ppi riurdariti.
Ju stamatina ’u fici,
e ogni gghiornu t’arrialu i paroli,
e nun sulu chiddi supecchiu:
t’i dugnu tutti,
macari chiddi ca, ppi casu,
’nto fogghiu nun ci trasunu,
o nun ci volunu trasiri.

E m’attorciglio / cercando le parole per dirti / che di te non mi dimentico, / che le tue scarpe sono sempre lì, / che i tuoi dischi suonano anche per me, / che i tuoi libri li accarezzo come fossero le tue mani, / e li lecco come tutti i baci / che non ti ho dato mai. / E scrivo quello che voglio, / perché tu dicevi che non sono io che comando, / che è lei, / la poesia, / che viene, / mi fa spaventare, / se ne va, / torna, / e sempre e solo come vuole e dice lei, / mai come dico io. / E ora come ora, / io tempo non ne ho molto, / sta finendo, / e devo sbrigarmi, / perché il tuo s’è finito presto, / ma forse il mio / finisce anche prima, / forse, / e tempo da perdere non ne ho, e per ricordarti / alla messa non ci vado, / e fiori non te ne porto / e candele non te ne accendo: / ti porto le poesie, / che non ammuffiscono, / mai. / E scrivo per te, / che ora, / per davvero, / sole non ne prendi, / come quel foglio bianco di latte / che era tuo figlio. / E tu, / allora, / sei in tutti i fogli, / che accarezzo e bacio, / che mi corico, / che ripiego, / e che porto con me, / nel sonno / e nelle tasche; / tu sei in tutti i fogli / bianchi di latte o neri di pece / e sei in tutti i fogli che scrivo, / e tutte le parole devi prendertele tu, / perché sono per te, / e lo so che sei modesto e regali non ne vuoi, / ma io te le do, / anche se mi hai scritto / che non devo scrivere solo per ricordarti. / Io stamattina l’ho fatto, / e ogni giorno ti regalo le parole, / e non solo quelle che avanzano: / te le do tutte, / anche quelle che, per caso, / nel foglio non c’entrano, / o non ci vogliono entrare.

Ma matri mi diceva
ca nun m’ava vvestiri di niuru
ca è u culuri de morti,
do luttu,
de’ vecchi.
E ma matri comu sempri
aviva rraggiuni:
u niuru cosi bboni
nunn’ha purtatu mai,
ma ju mu mettu u stissu,
picchì è u culuri di cu ammazza
e macari di cui
u mortu
u chiancia.

Mia madre mi diceva / che non dovevo vestirmi di nero / che è colore dei morti, / del lutto, / dei vecchi. / E mia madre come sempre / aveva ragione: / il nero cose buone / non ne ha portate mai, / ma io me lo metto lo stesso, / perché è il colore di chi ammazza / e pure di chi / il morto / lo piange.

I morti e chiddi ca stanu luntani
i stipu ’nto stissu casciolu,
picchì su‚ chiddi ccu cu parru
e mentri ci parru
nunn’i vidu.

I morti e quelli che abitano lontani / li stipo nello stesso cassetto, / perché sono, quelli con cui parlo / e mentre ci parlo / non li vedo.

Prima era una sula,
uora nun ni cuntu cchiù
i vini blù e vvirdi
ca s’abbrancicanu
de jammi o pettu
– passannu ppa carina,
signannu a manu ca scriva.
Pp’aviri vint’anni
sugnu malacumminata:
ancora m’aja scriviri d’incoddu,
e ggià sugnu china d’errori
blu.

Prima era una sola, / ora non le conto più / le vene blu e verdi / che si arrampicano / dalle gambe al petto / – passando per la schiena, / segnando la mano che scrive. / Per avere vent’anni / sono combinata male: / ancora mi devo scrivere addosso, / e già sono piena di errori / blu.

***

Manuel Cohen
Dina Basso, Uccalamma, Il punto vivo del dare e del dire.

Pupara sono
e faccio teatrino con due soli pupi
lei e lei
lei si chiama vita
e lei si chiama morte

(Jolanda Insana, Sciarra amara, 1977)

Ch’io sia per te
terrestre e sconfinata
metà sognandoti
metà da te sognata

Carmela Fratantonio, Luna e laguna, 1984)

In una stagione in cui la poesia in dialetto non sembra ricevere quelle attenzioni che meriterebbe da parte della critica e dell’editoria, è necessario, di contro, segnalare la caparbia vitalità delle così dette lingue minori – minori rispetto a chi e a cosa, nessuno ha saputo bene indicarlo – e la qualità dei giovanissimi, ventenni e trentenni, in ascolto e in dialogo con culture che valicano lingue e confini, e che certamente non sfigurano in un confronto con i coetanei colleghi ‘in lingua’: la romagnola Annalisa Teodorani, l’emiliana Azzurra D’Agostino, il siciliano Rino Cavasino, il lucano Domenico Brancale, il laziale Pier Mattia Tommasino, per ricordarne alcuni tra i migliori. Ad essi, e alla rinnovata linfa del dialetto, si aggiunge oggi il nome di Dina Basso, la più fresca e giovane autrice, che approda a questo esordio in volume dopo il debito apprentissage e una crescita segnalata con buone anticipazioni su riviste cartacee, «La terrazza», «Le voci della luna», «Tratti», e nel web.

È innegabile il fatto che l’esordio di Dina Basso si carichi di significati e valenze che vanno anche e oltre l’esperienza del libro, e che meritano di essere quantomeno ricordate. Dina scrive adottando la parlata di Scordia, sua città natale, ‘la città delle arance rosse’, come recita il portale del comune, in provincia di Catania, confinante con Lentini: 17.000 abitanti, popolazione in aumento per la fuga dal grande centro limitrofo. Una parlata antichissima e naturalmente meticcia, figlia di influssi e colonizzazioni, figlia di continue contaminazioni. Dina scrive con una duplice eredità sulle proprie spalle, o meglio, sulla pancia e sul grembo: quella della poesia siciliana, uno dei ‘mille centri’ neodialettali del Novecento di pasoliniana memoria, con Vann’Antò, Ignazio Buttitta, Santo Calì, Nino De Vita, ceppo in cui si innesta il lavoro di autrici ‘in lingua’ dalle forti connotazioni sociali, a volte rivendicative, o di invettiva, in Dina in vero deprivate da istanze ideologiche d’antan, di difesa e tutela di diritti, di disamina della condizione della donna, anche in chiave di rapporti intersessuali: una su tutte, la messinese Jolanda Insana; o la ragusana, di Ispica, Carmela Fratantonio, accostabile per la natura dei motivi della perdita, l’elaborazione del discorso dell’amore luttuoso, che ravvisa il suoi archetipi nella lirica risentita di Saffo e nella lingua mortale d’ascendenza leopardiana; in Dina Basso, comunque, mitigati da una buona dose di ironia con cui affronta le situazioni, con qualche analogia con questi versi trapanesi di Flora Restivo: “A unu ci mpincìu / chi ci dissi ‘nun ci vogghiu’ / e l’affucau” (“a un tizio gli è andato di traverso / sentirsi dire ‘non ci sto’ / e l’ha strozzata.” Po essiri, Samperi, Catania 2008). Ironia segnalata anche dal ricorso al sermo merus, la cui trivialità irridente è comunque annullata dai contesti verbali, e nel dialetto, a differenza che nell’italiano, non sono connotati dall’osceno, come in questi esempi di prelievi lessicali: t’incazzi, bella minchiata, bastardu, buttana (termini comprensibili anche per il lettore in lingua); e di autoironia attestata ad esempio dal ricorso a frequenti epiteti: babba, babbitta, bestia, cretina (scema, scemotta, bestia, cretina). A ciò, si aggiunga il mandato dell’eredità domestica: Dina è infatti nipote, in quanto figlia della sorella, di Salvo Basso (1963-2002), prematuramente scomparso e mai dimenticato poeta artefice di una nuova e fervida stagione neodialettale siciliana, assieme a Renato Pennisi, Marco Scalabrino, Salvatore Paolo Garufi. I versi di Salvo, in exergo, ad apertura del libro, dicono di questa eredità, dicono di una origine, la pratica millenaria di oralità e scrittura, ma dicono anche della insorgenza di un destino che Dina ha fatto suo proprio: “a picca a picca m’ansignai u misteri / ca unu nun su scorda”, (“a poco a poco mi sono insegnata il mestiere, / che uno non se lo dimentica”). Sono elementi, i significati e le valenze, che la nostra autrice tiene in gran conto, ma da cui non si lascia intimidire, procedendo con un tratto già maturo e distinguibile, in una lingua del fare, dove ogni pratica anche domestica riallude al dire: “Poi mi votu e vidu / i libbra ca vogghiu leggiri / chiddi ca m’aja ‘nsignari, / i cosi caja ffari, / chiddi caja ddiri; // e mi veni a forza / d’impastari a pasta / ma pp’on pani sulu, / ca sulu ju n’aja nnangiari.” (“Poi mi giro e vedo / i libri che voglio leggere, / quelli che devo imparare, / le cose che devo fare, / quelle che devo dire; // e mi viene la forza d’impastare la pasta / ma per un pane solo, / che solo io devo mangiare.”).

Uccalamma, nel dialetto catanese è una parola composta che alla lettera significa ‘bocca dell’anima’. È una felice locuzione che sta a indicare, secondo un tipico traslato delle feconde lingue orali, che abbondano sempre e colpiscono per l’alto tasso di figuralità, la bocca dello stomaco, e precisamente, l’epigastrio, situato sotto lo sterno, nell’alto ventre e al centro stesso dello stomaco. E’ il centro esatto, il punto anatomico più intimo e fragile, il più soggetto alla violabilità e alla azione dannosa delle secrezioni acide che ingenerano ulcerosi e patologie gastroenteriche. Nella lingua popolare, è il luogo in cui si percepisce e si accoglie il mondo: qualcosa di simile al ‘sentire con la pancia’, e al ‘dire con la pancia’, eppure qualcosa d’altro: dalla ‘bocca dell’anima’ scaturiscono i pensieri, le parole, le emozioni dell’esperienza del mondo.

Uccalamma, bocca dell’anima, è un tropo, una metafora, attraverso cui Dina Basso riferisce e allude, è la chiusa che regola il rapporto del sé con l’altro da sé, il dentro e il fuori di sé, con cui filtrare la percezione fisica, spesso affidata alla corporeità, nella registrazione di un continuo riferimento a istanze fisiologiche del mangiare, assaggiare, succhiare, bere, nutrirsi, baciare, mordere, deglutire e ingerire, urinare, con relativa e ampia campionatura di lessico in frequenza, fino alle ingenerazioni psicopatologiche della bulimia: “Picchì su ddu na sira nun mangiu / nun m’arricanusciu, / e ficcarimi cosi di intra / è ll’unica manera / ppi sintiri ca ancora / campu.”, (“Perché se una sera non mangio / non mi riconosco / e ficcarmi cose dentro / è l’unico modo / per sentirmi ancora/ vivo.’); o dell’antropofagia venata d’ironia amorosa: “I muzzicuna / t’i dassa unn’ederè, / e a carni t’a strazzassa pezzi pezzi e senza pinseri, / e m’arrustissa.”, (“I morsi/ te li darei dovunque, / e la carne te la strapperei pezzi pezzi e senza pensieri, / me l’arrostirei.”). Ascoltare il corpo, nutrirlo. Nutrirsi fisiologicamente, nella intersezione dei piani o campi semantici del mangiare e dell’amare, del corpo-stomaco e dell’anima: couche di sentimento, alimentarla e ascoltarla.

Uccalamma, ci parla essenzialmente con il lessico dell’amore, attraverso la sua percezione fisica, corporea, e attraverso i sensi, vista, udito, olfatto, tatto, chiamati a percepire, a catturare. O, più propriamente, con la lingua inasprita dalla fine di un amore, non casuali e tutt’altro che oleografici i riferimenti alle arance di Scordia, segnalate in fase di disfacimento, ammaccate dal freddo (‘freddu ammacchia aranci’), abbandonate per terra nell’incuria, tanto da avvertirne l’odore marcescente (‘aranci ‘nterra’, ‘stu fetu i marciu’), Dina Basso traccia dell’amore un canzoniere minimo, in praesentia e in absentia, ductus da intendere pure come fabula, racconto diegetico, romanzo di formazione in versi per frammenti e flashback memoriali, con frequente ricorso ai tempi dell’imperfetto: un’unica sequenza di 53 testi senza titoli e non suddivisi in sezioni: testi a lunghezza variata e affidati a versi liberi, a strutture informali, legati tra loro da riferimenti interni di formularità, tematici e lessicali, che ne garantiscono la coerenza e sorreggono la struttura: il continuo riferirsi alla scrittura, che non presenta i consueti tratti manieristi o iperletterari, ma si lega alla fisiologia, meglio all’anatomia, corpo nel corpo, come accade nell’ottimo testo Aju na vina (Ho una vena) con l’ironico, quasi buffo, parallelismo tra la realistica vena del sangue che si gonfia e la figurale, analogica vena poetica, vena blu che torna in altro testo in cui il corpo umano è il luogo da scrivere, è il testo, in Prima era una sula (Prima era solo una); o il continuo confrontarsi con la morte, il lutto, il dolore, siano essi vissuti nella realtà o immaginati, siano essi momenti del quotidiano o dell’interiorità, su tutte, segnalo al lettore E m’anturciniu (E m’attorciglio); o i molti riferimenti alla famiglia, all’educazione, anche a una traccia cromosomica, come nei due testi che hanno per protagonista la nonna, e omonima Dina, la cui valenza emblematica, totemica, è confermata dalla posizione strategica, non casualmente all’inizio (il secondo testo), Quannu mi talìu i pedi (Quando mi guardo i piedi), e alla fine, “Ccu mmia e probblemi nunn’esistunu” (“Con me problemi non esistono”), a ribadirci la continuità, se non la fedeltà, di natura e cultura. Penso ai testi di questo libro come ai morsi e agli stigmi di un incontro, di un affronto con la vita e con la morte: alcuni, specie tra i più brevi, e non sono pochi, colpiscono per efficacia di sintesi, quasi per una rapida fluidità che coniuga essenzialità e visione, lampo di pensiero e sua immanenza o concretezza: Riminannu u sugu (Mescolando il sugo), ‘Nto dialettu (nel dialetto), I morti e chiddi ca stannu luntani (I morti e quelli che sono lontani), Nascìu sula (Sono nata sola), I muzzicuna (I morsi)…

Se le questioni e i temi sono quelli di tutti i tempi, il tono e lo stile, la quiddità, sono contrassegnati da una calibrata, asciutta medietà, di understatement dal gusto giovane, contemporaneo (Dina Basso, come molti tra le recenti generazioni di autori neodialettali, scrive nella lingua d’origine, pur vivendo attualmente a Bologna, dove studia, e praticando quotidianamente l’italiano: siamo dunque per lo meno in presenza di una diglossia), gusto privo tuttavia di vezzi giovanilistici e di compiacimenti formali, o, come acutamente suggerisce Sergio Rotino presentandola sulla rivista «Le voci della luna»: “Voce onesta fin quasi alla sfrontatezza, tenuta a bada da una ironia pacata. […] Voce che sembra sgorgare in modo naturale senza scadere nel naturalistico”. Sfrontatezza e naturalezza che si colgono nell’esercizio di mimesi, che si avvale di incursioni dialogiche, elencazioni, riferimenti al quotidiano, richiami concreti e popolari a usi e costumi (un universo domestico irredimibilmente declinato al femminile: lavare panni, cucinare) ma che non si risolvono in ‘realistici quadri privati d’una fimmina di Scordia, hanno la forza di aprire squarci su usi e costumi passati odierni e futuri’, come bene segnala Dome Bulfaro in Questo dolore che mangia (antologia della terza edizione del Premio MezzagoArte, Le voci della luna, Sasso Marconi 2009). Sono molte le frecce che ha nell’arco Dina Basso, mossa da una limpida motivazione a scrivere, quella che fece dire a Dante, il primo volgarizzatore italiano, nell’incipit della Vita nova: “Ed ebbi volontà di dire”. Una motivazione di chiarezza e verità, che sia un augurio e un viatico per la giovanissima poeta: “Nun serva a nenti cummighiarisi, / tantu quannu scrivemu / semu sempri’ a nura” (Non serve a niente coprirsi, tanto quando scriviamo / siamo sempre nudi”).

***

18 pensieri riguardo “Repertorio delle voci (XII)”

  1. GRAZIE Manuel per il tuo appassionato spenderti in favore di noi “poveri” dialettali. E GRAZIE a Francesco, generoso anfitrione. A tutti un cordiale saluto, Marco Scalabrino.

  2. E’ un libro davvero bello, secco, essenziale.
    Una scrittura che ha tutti i motivi per essere letta e ascoltata.
    Complimenti a Dina, e un caro saluto a Manuel e fm.
    Francesco t.

  3. Grazie a Manuel di aver citato uno dei miei più “difficili” versi, Si sa quanto ostica sia la parola in dialetto, quando entra in campi che, costituzionalmente” le sarebbero preclusi, specie se chi scrive è donna.
    Dinella, così la chiamo, per distinguerla dalla nonna, quella col ” culone”, che non è un culone, ma un bel culo di bella donna, ha davvero da reggere un’eredità pesantissima. La conosco da quasi dieci anni, era ancora una bimba quando Salvo combatteva quella tremenda battaglia che lo ha stroncato ed io lo sentivo al telefono sempre ironico, sempre e per sempre Salvo.
    Io le auguro, con tutto il cuore che i geni e il genio la sorreggano sempre e illuminino i suoi occhi di cielo, normanni o meno.
    Grazie Manuel, grazie Dinella.
    Flora Restivo.

  4. Ritrovo la “vena” di Marco Scalabrino ma anche quella di un autore pugliese come Vincenzo Mastopirro, e soprattutto il tratto sicuro di una poetessa essenziale e incisiva (senza puntini di sospensione ;))
    Grazie per la proposta e un caro saluto
    abele

  5. Grazie a Manuel che ce l’ha proposta, grazie a Francesco per averla ospitata,
    ma un grazie immenso, a Dina: la tua poesia tocca l’ Uccalamma.
    vincenzo celli

  6. Grazie a Francesco che ha ospitato i miei versi, a Manuel che ha capito perfettamente il mio libro, a Flora e a Marco che mi riservano tanta attenzione. E a voi che ancora non conosco, ma che apprezzate i miei versi. Essere letta da altri poeti con tanta comprensione mi riempie di gioia. Spero possiate leggere ancora qualcosa di mio molto presto.
    Un abbraccio,
    Dina

  7. Complimenti per questo scorrere così fresco, gorgogliante e vivo, come d’acqua illuminata e impetuosa, dei versi. Da anni si decreta la morte della poesia nei vari idiomi locali e regolarmente appaiono, invece, voci nuove: a testimonianza che ancora in molti luoghi questi linguaggi vivono o, a volte, almeno cercano, disperatamente, con una forza enorme e sconosciuta, di resistere ad un mondo sempre più uguale, indifferenziato, che li vorrebbe trasformare in silenzio. Complimenti, come sempre, anche a Manuel per tutto ciò che fa.

  8. Prima era una sula,
    uora nun ni cuntu cchiù
    i vini blù e vvirdi
    ca s’abbrancicanu
    de jammi o pettu
    – passannu ppa carina,
    signannu a manu ca scriva.

    Oh che Dialetto. Una neolingua.
    Brava Dina.
    PVita

  9. Scusate il ritardo, leggo solo ora e ringrazio innanzitutto Francesco per la cura, e tutti gli intervenuti per l’attenzione. Dina Basso è una giovanissima voce con molte potenzialità. L’ho scoperta quasi per caso credo proprio sul web. Le auguro un grande in bocca al lupo per tutto, per lei e per Fabrizio Bianchi che ha creduto fortemente in questo libro, augurandomi che ci sia più di un riscontro positivo, grazie a tutti.

  10. Sono molto felice che la poesia di Dina – così giovane, e forse per questo tanto limpida, con una vena scanzonata e capace di acuti fendenti – sia stata pubblicata. E lo sono in particolare che lo sia con Le Voci.

    Penso che questo libro darà grandi soddisfazioni all’autrice e anche a Fabrizio. Me lo auguro di cuore.

    un saluto a tutti!

    iole

  11. Avevo letto le poesie di Dina Basso (alcune le rileggo ora) su “Tratti” e quel numero della rivista l’avevo tenuto caro, avevo evidenziato il nome di Dina. Adesso la ritrovo qui, a conferma di una voce chiara e soprattutto già così sicura. Grazie Dina.

  12. Cari tutti, sono felice quando gli autori proposti dalle Voci raccolgono consensi ed entusiasmo. E qui, come sempre, va ringraziato soprattutto Francesco Marotta per la sua costante e meritoria attenzione alla buona poesia, chiunque la pubblichi e la proponga. Ancor di più se nuova e opera prima. Dina ci ha colpiti da subito, l’anno scorso alla sua partecipazione al Premio MezzagoArte: lì è arrivata seconda (come Andrea Longega quest’anno) solo perché al primo posto c’era una strepitosa e dolorosissima Assunta Finiguerra. E poiché non siamo un premificio dispensatore di coppe diplomi e medagliette, ma i nostri due concorsi (Mezzago e Giorgi) vogliono essere il modo più diretto per riconoscere le qualità degli autori, suggerirli al pubblico con la rivista e poi portarli alla pubblicazione, quando questo percorso si completa, come nel caso di Dina o di Iole Toini, siamo soddisfatti e certi di aver fatto un buon lavoro. A te, caro Manuel, riporto poi una notizia in anteprima, arrivata poche ore fa: l’opera prima di Iole, Spaccasangue, ha vinto il prestigioso (e ricco) premio Sertoli Salis ex-aequo con il libro Pronuncia d’inverno di Evelina De Signoribus introdotto proprio da una tua appassionata prefazione. I miei complimenti, quindi anche a Iole, a lei e a te. E che sia di buonissimo auspicio ad un’altra tua prefazione che attendiamo per uno dei nostri autori preferiti (e sicuramente molto amato)!
    Fabrizio Bianchi

  13. Caro Fabrizio, grazie mille per le tue parole e per il tuo lavoro. Molto contento per Iole ed Evelina… anche se haimè il prefatore non sono io ma un raffinatissimo Enrico Capodaglio. Io ho solo scritto una recensione su Marchecultura. A prestissimo per il resto!

  14. La poesia di Dina Basso è spontanea, autentica, viscerale; nel solco della migliore poesia in dialetto e non solo; un vero miracolo. Ma qui c’è da fare un grande elogio a Manuel Cohen per la cura e l’attenzione con cui segue ormai uno stuolo di poeti: è anche grazie a lui se certi valori alla fine emergono, hanno visibilità. Dell’editore, di Fabrizio Bianchi, ho già detto tutto il bene che penso; non credo vi sia in Italia un editore attento, generoso e presente come lui.
    Un caro abbraccio a tutti. Fabio

  15. Non sono un esperto di poesia in dialetto ma la freschezza e l’ironia scanzonata di Dina mi sembrano di ottimo livello, irriverenti quanto basta.
    Marco

  16. sempre ottimi i poeti che presenta Manuel!
    un augurio a questa poesia e alla sua autrice, e complimenti anche per la lettura di testi non così facilmente abbordabili.

    un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.