Æschylus, Agamemnon

Nanni Cagnone

Θεοὺς μὲν αἰτῶ τῶνδ’ ἀπαλλαγὴν πόνων, / φρουρᾶς ἐτείας μῆκος, ἣν κοιμώμενος / στέγαις Ἀτρειδῶν ἄγκαθεν, κυνὸς δίκην, / ἄστρων κάτοιδα νυκτέρων ὁμήγυριν, / καὶ τοὺς φέροντας χεῖμα καὶ θέρος βροτοῖς / λαμπροὺς δυνάστας, ἐμπρέποντας αἰθέρι / ἀστέρας, ὅταν φθίνωσιν, ἀντολάς τε τῶν…

“Questo è un teatro mnemonico, ove pretende ancora d’accadere il già accaduto, di far ritorno l’incompreso, e una necessità fa spreco del possibile. Perché questa genealogia dei dolori, questi sentimenti inferiori? Sudditi della Storia, siamo preceduti. Ricordiamo. E poiché ricordare invita in alcun modo ad obbedire, la memoria sarà la causa prima, e cosa ereditaria il nostro passato.”

 

Schicksallos, wie der schlafende
Säugling, atmen die Himmlischen […].
Doch uns ist gegeben,
Auf keiner Stätte zu ruhn,
Es schwinden, es fallen
Die leidenden Menschen
Blindlings von einer
Stunde zur andern,
Wie Wasser von Klippe
Zu Klippe geworfen,
Jahr lang ins Ungewisse hinab.

Senza destino, respirano i Celesti
come dormiente un neonato […].
Ma a noi non vien dato per riposo luogo alcuno;
vengono meno, dolenti cadono gli uomini
d’ora in ora ciecamente,
come acqua di scoglio in scoglio,
giú nell’incerto, lungo gli anni.

(Friedrich Hölderlin)

 

 

SUMPTIONES

– Il poeta sente la poesia come un invalido l’arto fantasma.
– Ecco, presentimento della cosa dopo la cosa, percezione senza percepito. Cose che il sonno insegnerebbe al risveglio.
– Poeta è colui che si oppone alle sue nozze. Senza capire, al modo del chiaro che segue lo scuro.
– Non c’è alcuna profondità in poesia. C’è, tremenda, l’insonnia della superficie.
– Il ‘reale’ è una presupposizione incompleta, un antecedente che non si può portare a compimento. Assorto nel possibile, non ha volontà di esistere, in poesia.
– Inconcludente pretesa di vedere tramite il testo. Il testo è opaco: non serve a vedere, può solamente essere veduto.
– Non teniamo con noi lo stesso onore della poesia, e non parliamo la stessa lingua. La poesia è la salvezza erotica delle cose: le conosce come non-finite e ne prosegue il desiderio. Non potrà mai sapere, il desiderio.
– Né esperienza del mondo né esperienza del linguaggio preesistono alla loro relazione. Allora, perché il sentore di un reciproco abbandono? Che nasca da inesperienza, la poesia?
– Poesia è questo intervallo fra noi e le cose. Potremo mai riunirci? Non restare al di qua, fermi nella penosa somiglianza, e non al di là, nell’astrazione povera, ove in solitudine s’impara il frutto autoriflessivo del linguaggio.
– La mancanza di vero paragone tra mondo e linguaggio, e l’incerta proporzione di presenza assenza, incomprensione e oblío, avvíano a quell’opera estranea che è la poesia. Essa distoglie da sé il velo del comprendere – chiede un affetto passivo, un pensiero ricettivo, e desideri imparati rispondendo.
– Poesia non sarà l’atto di raccogliere il mondo come soccorritori del senso o adulatori del linguaggio, ma il culto senza scopo d’una soverchia figura e l’esperienza di una fedeltà: quella di un Dire che non vorrà mai lasciare il suo Taciturno amante. Poesia è agire inoltre, oltre quel che si riesce a pensare.

(Nanni Cagnone, dall’Exordium, pg. XIII-XIV)

 

Æschilus, Agamemnon
Cura e introduzione di Nanni Cagnone
Racconto per figure di Mimmo Paladino
Modena, Galleria Mazzoli, 2010

 

 

ΑΙΣXYΛOΥ ΑΓΑΜΕΜΝΩΝ
ÆSCHYLI AGAMEMNON

 

[Φύλαξ]

Θεοὺς μὲν αἰτῶ τῶνδ’ ἀπαλλαγὴν πόνων,
φρουρᾶς ἐτείας μῆκος, ἣν κοιμώμενος
στέγαις Ἀτρειδῶν ἄγκαθεν, κυνὸς δίκην,
ἄστρων κάτοιδα νυκτέρων ὁμήγυριν,
καὶ τοὺς φέροντας χεῖμα καὶ θέρος βροτοῖς
λαμπροὺς δυνάστας, ἐμπρέποντας αἰθέρι
ἀστέρας, ὅταν φθίνωσιν, ἀντολάς τε τῶν.
καὶ νῦν φυλάσσω λαμπάδος τὸ σύμβολον,
αὐγὴν πυρὸς φέρουσαν ἐκ Τροίας φάτιν
ἁλώσιμόν τε βάξιν· ὧδε γὰρ κρατεῖ
γυναικὸς ἀνδρόβουλον ἐλπίζον κέαρ.
εὖτ’ ἂν δὲ νυκτίπλαγκτον ἔνδροσόν τ’ ἔχω
εὐνὴν ὀνείροις οὐκ ἐπισκοπουμένην
ἐμήν· φόβος γὰρ ἀνθ’ ὕπνου παραστατεῖ
τὸ μὴ βεβαίως βλέφαρα συμβαλεῖν ὕπνῳ·
ὅταν δ’ ἀείδειν ἢ μινύρεσθαι δοκῶ,
ὕπνου τόδ’ ἀντίμολπον ἐντέμνων ἄκος,
κλαίω τότ’ οἴκου τοῦδε συμφορὰν στένων
οὐχ ὡς τὰ πρόσθ’ ἄριστα διαπονουμένου.
νῦν δ’ εὐτυχὴς γένοιτ’ ἀπαλλαγὴ πόνων
εὐαγγέλου φανέντος ὀρφναίου πυρός.

ὦ χαῖρε λαμπτήρ, νυκτὸς ἡμερήσιον
φάος πιφαύσκων καὶ χορῶν κατάστασιν
πολλῶν ἐν Ἄργει, τῆσδε συμφορᾶς χάριν.
ἰοὺ ἰού.
Ἀγαμέμνονος γυναικὶ σημαίνω τορῶς
εὐνῆς ἐπαντείλασαν ὡς τάχος δόμοις
ὀλολυγμὸν εὐφημοῦντα τῇδε λαμπάδι
ἐπορθιάζειν, εἴπερ Ἰλίου πόλις
ἑάλωκεν, ὡς ὁ φρυκτὸς ἀγγέλλων πρέπει·
αὐτός τ’ ἔγωγε φροίμιον χορεύσομαι.
τὰ δεσποτῶν γὰρ εὖ πεσόντα θήσομαι
τρὶς ἓξ βαλούσης τῆσδέ μοι φρυκτωρίας.
γένοιτο δ’ οὖν μολόντος εὐφιλῆ χέρα
ἄνακτος οἴκων τῇδε βαστάσαι χερί.
τὰ δ’ ἄλλα σιγῶ· βοῦς ἐπὶ γλώσσῃ μέγας
βέβηκεν· οἶκος δ’ αὐτός, εἰ φθογγὴν λάβοι,
σαφέστατ’ ἂν λέξειεν· ὡς ἑκὼν ἐγὼ
μαθοῦσιν αὐδῶ κοὐ μαθοῦσι λήθομαι.

[Custos]

Chiedo scampo agli dèi da queste pene,
guardia d’un anno in desta giacitura, quasi
cane sui gomiti, sulla casa degli Atrídi,
che so bene il notturno adunarsi delle stelle
e quando si levano fulgide potenze
quando declinano, astri in ètere eccelsi
ch’estate inverno arrecano ai mortali.
E ora attento alla torcia, al suo segnale,
sfolgorío di fuoco se porta voci da Tróia,
notizie di conquista – cosí,
in sua aspettazione, dispone
cuor di donna virile in suo volere.
E quando notterrante rugiadoso
evitato dai sogni ho mio giaciglio,
invece che sonno, paura – accanto –
che fermamente le palpebre
si uniscano nel sonno; e quando
mi viene da cantare, o canticchiare,
stillando un risonante farmaco al sonno,
compiango la sorte di questa casa,
non governata, come prima, ottimamente.
Ma ora fortuna, separarsi dalle pene
per lieto annuncio di fuoco dall’oscuro.

Oh benvenuto lume, che di notte
luce del giorno fai vedere,
e molti cori in Árgos, disposti a danza
per il favore della sorte. Ié! Ié!
Alla sposa d’Agamémnon faccio segno
chiaramente, ché si levi subito dal letto
e per questa torcia nella casa alzi la voce
– un grido di trionfo –,
se davvero è presa la città d’Ílion,
come risalto di fuoco va annunciando.
Mio il preludio alla danza, e poiché
caduti bene i dadi dei miei signori,
farà ‘tre sei’ per me questo segno di fuoco.
Ebbene, che la diletta mano
del ritornante signore della casa
io possa reggere con mano.
Quanto al resto, taccio: grande bue
sta sopra la lingua. Avesse voce,
la casa stessa direbbe assai chiaramente;
da parte mia, parlerò volentieri
per quelli che sanno, ma smemorato
per quelli che non sanno.

 

[Χορός]

δέκατον μὲν ἔτος τόδ’ ἐπεὶ Πριάμου
μέγας ἀντίδικος,
Μενέλαος ἄναξ ἠδ’ Ἀγαμέμνων,
διθρόνου Διόθεν καὶ δισκήπτρου
τιμῆς ὀχυρὸν ζεῦγος Ἀτρειδᾶν,
στόλον Ἀργείων χιλιοναύτην
τῆσδ’ ἀπὸ χώρας
ἦραν, στρατιῶτιν ἀρωγήν,
μέγαν ἐκ θυμοῦ κλάζοντες Ἄρη,
τρόπον αἰγυπιῶν οἵτ’ ἐκπατίοις
ἄλγεσι παίδων ὕπατοι λεχέων
στροφοδινοῦνται
πτερύγων ἐρετμοῖσιν ἐρεσσόμενοι,
δεμνιοτήρη
πόνον ὀρταλίχων ὀλέσαντες·
ὕπατος δ’ ἀίων ἤ τις Ἀπόλλων
ἢ Πὰν ἢ Ζεὺς οἰωνόθροον
γόον ὀξυβόαν τῶνδε μετοίκων
ὑστερόποινον
πέμπει παραβᾶσιν Ἐρινύν.
οὕτω δ’ Ἀτρέως παῖδας ὁ κρείσσων
ἐπ’ Ἀλεξάνδρῳ πέμπει ξένιος
Ζεὺς πολυάνορος ἀμφὶ γυναικός,
πολλὰ παλαίσματα καὶ γυιοβαρῆ,
γόνατος κονίαισιν ἐρειδομένου
διακναιομένης τ’ ἐν προτελείοις
κάμακος, θήσων Δαναοῖσιν
Τρωσί θ’ ὁμοίως. ἔστι δ’ ὅπῃ νῦν
ἔστι· τελεῖται δ’ ἐς τὸ πεπρωμένον·
οὔθ’ ὑποκαίων οὔτ’ ἐπιλείβων
οὔτε δακρύων ἀπύρων ἱερῶν
ὀργὰς ἀτενεῖς παραθέλξει.
ἡμεῖς δ’ ἀτίται σαρκὶ παλαιᾷ
τῆς τότ’ ἀρωγῆς ὑπολειφθέντες
μίμνομεν ἰσχὺν
ἰσόπαιδα νέμοντες ἐπὶ σκήπτροις·
ὅ τε γὰρ νεαρὸς μυελὸς στέρνων
ἐντὸς ἀνᾴσσων
ἰσόπρεσβυς, Ἄρης δ’ οὐκ ἔνι χώρᾳ,
τό θ’ ὑπεργήρων φυλλάδος ἤδη
κατακαρφομένης τρίποδας μὲν ὁδοὺς
στείχει, παιδὸς δ’ οὐδὲν ἀρείων
ὄναρ ἡμερόφαντον ἀλαίνει.
σὺ δέ, Τυνδάρεω
θύγατερ, βασίλεια Κλυταιμήστρα,
τί χρέος; τί νέον; τί δ’ ἐπαισθομένη,
τίνος ἀγγελίας
πειθοῖ περίπεμπτα θυοσκεῖς;
πάντων δὲ θεῶν τῶν ἀστυνόμων,
ὑπάτων, χθονίων,
τῶν τ’ οὐρανίων τῶν τ’ ἀγοραίων,
βωμοὶ δώροισι φλέγονται·
ἄλλη δ’ ἄλλοθεν οὐρανομήκης
λαμπὰς ἀνίσχει,
φαρμασσομένη χρίματος ἁγνοῦ
μαλακαῖς ἀδόλοισι παρηγορίαις,
πελάνῳ μυχόθεν βασιλείῳ.
τούτων λέξασ’ ὅ τι καὶ δυνατὸν
καὶ θέμις αἴνει,
παιών τε γενοῦ τῆσδε μερίμνης,
ἣ νῦν τοτὲ μὲν κακόφρων τελέθει,
τοτὲ δ’ ἐκ θυσιῶν ἀγανά φαίνουσ’
ἐλπὶς ἀμύνει φροντίδ’ ἄπληστον
τὴν θυμοβόρον φρένα λύπης.

[Chorus]

Decimo anno, ormai, da quando
la grande controparte di Príamos
– re Menélaos con Agamémnon,
forte paio d’Atrídi, per volere di Zéus
onore di due scettri due troni –
mosse da qui una flotta di mille navi
d’Argivi, ricorso in armi,
grande dall’animo gridando Áres,
come avvoltoi sviati dal dolore per i figli,
storditamente roteanti alti sul nido
a vogare con i remi delle ali,
per la gravosa perduta cura
del nido degl’implumi. Ma
altissimo uno – Apóllon, Pán o Zéus –,
udendo per grida d’uccelli
l’acuto lamento di questi meteci,
guida sui violatori l’Erinýs, poi punitrice.
Tuttavia il piú potente, Zéus ospitale,
manda contro Aléxandros i figli d’Atréus;
per una donna dai molti uomini,
imporrà ai Dànai come ai Troiani
un gran lottare che grava le membra,
premere di ginocchia nella polvere
quando nel primo rito si spezzano le lance.
Le cose, ora, sono quel che sono—
esaudiscono ciò ch’è destinato;
né libazioni né pianti né lamenti
calmeranno la scalmanata collera
di sacrifici senza fuoco. Ma noi,
carne vecchia che non può pagare,
tralasciati da quel soccorso—ecco
rimasti indietro: con lo stesso vigore
dei fanciulli, ritti su bastoni. Invero,
il giovane midollo ch’entro il petto regna
è come il vecchio (non vi ha posto, Áres);
e la tarda età, fogliame inaridito,
muove su tre piedi per la via
errando non piú salda d’un fanciullo,
quale sogno che di giorno appare.
Ma tu, figlia di Tyndáreos, Klytaiméstra
regina: che novità, quali cose?
Persuasa da qual udito annuncio
mandasti intorno arúspici?
Di tutti gli dèi che vegliano sulla pólis
(tutti, superni e ctonii, dell’agorá
e del cielo) sono ardenti d’offerte
gli altari; di qua di là, alte fino al cielo,
torce eccitate da dolci genuine esortazioni
d’olio puro, libazione dai penetrali
della reggia. Dicendo di queste cose
quel che possibile e lecito consentono,
fatti risanatrice, ché ora
mia ansietà si fa angosciosa, e ora,
dei sacrifici per il dolce lúcere,
speranza storna l’avido di pena,
divorante assillo che nel cuore rode.

 

______________________________
I due disegni di Mimmo Paladino per l’Agamemnon di Nanni Cagnone sono tratti dal blog di Flaminio Gualdoni.
______________________________

 

 

***

18 pensieri riguardo “Æschylus, Agamemnon”

  1. per ora, solo la mia grandissima gioia nel trovare questo post! e , fiuuu, che post!
    ciao.
    (scusa i troppi esclamativi, ma quando ci vogliono ci vogliono :))

  2. Un lavoro straordinario su un classico per molti aspetti *inavvicinabile* (Hölderlin docet) – preceduto da un saggio che è, contemporaneamente, un viaggio memoriale, un trattato di poetica e una lectio magistralis di traduttologia.

    In attesa del prossimo libro di versi di un autentico maestro della poesia italiana dell’ultimo mezzo secolo.

    Un saluto a tutti.

    fm

  3. Bentornato, Francesco, per il libro di un autore immenso, tradotto da un grande poeta, e che ho la gioia di possedere.
    Tutti i miei migliori auguri a te.
    Marco

  4. Attendevo con ansia e molta speranza la tua rentrée, carissimo Francesco, e lo hai fatto alla grande con uno dei massimi autori di tutti i tempi e con uno dei grandi dell’ultimo mezzo secolo, come tu lo definisci.
    GRAZIE!!!
    affettuosi AUGURI
    lucetta

  5. post molto importante e saluto, qui, Mimmo Paladino sperando di rivederlo quanto prima…. per l’autore, Nanni Cagnone, i miei complimenti e ho letto il Suo intervento su Villa che mi riserbo di commentare.. avrei piacere a conoscerLa meglio..
    roberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.