Un’eternità al NeoBar


“la lingua assorbe tempo
dai pori del respiro,
l’infanzia
fa cenni di luce
da cieli di rimpianto
che ora svaniscono, ora
si impigliano alle fronde,
nel grido di chi sbaglia strada
e senza il dono dell’orma
va nel giorno”

Da un’eternità passeggera” nella lettura di Abele Longo, che presenta una selezione di testi tratti dall’opera nel suo pregevole sito Neobar. Un grazie di cuore ad Abele per la sua attenzione e un invito a tutti i lettori della Dimora a visitare la sua splendida officina, dove poesia, musica e arte intrecciano i loro percorsi e si trasformano in materiali resistenti.

6 pensieri su “Un’eternità al NeoBar”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...