A stragi da Purtedda

Ignazio Buttitta

A stragi da Purtedda

Nni lu Chianu da Purtedda
chiusu nmenzu a dui muntagni
c’è na petra supra l’erba
pi ricordu a li cumpagni.

All’additta nni sta petra
a lu tempu di li Fasci
un apostulu parrava
pi lu beni di cu nasci. (*)

E di tannu sinu ad ora
a Purtedda da Jnestra
quannu veni u Primu Maggiu
c’è u populu e fa festa.

Giulianu lu sapía
ch’era a festa di li poviri
na jurnata tuttasuli
doppu tantu tempu a chiòviri.

Cu ballava, cu cantava,
cu accordava li canzuni;
e li tavuli cunzati
di niciddi e di tirruni.

Zitu e zita cu la manu
nni la manu cu li caddi;
zitu e zita chi caminanu
e si strícanu li spaddi.

Ogni asta di bannera
era zappa vrazzu e manu,
e la terra siminata
era furnu pani e granu.

La speranza di un dumani
chi fa u munnu na famigghia
la vidíanu vicinu
e cuntavanu li mugghia.

L’oraturi di ddu jornu
era Jàpicu Schirò,
dissi, Viva U Primu Maggiu!
e la lingua ci siccò.

Di lu Muntu La Pizzuta
Giulianu e la so banna
non lintaru di sparari
e la straggi fu cunnanna.

A tappitu ed a vintagghiu
mitragghiavanu la genti
comu fàuci ca mètinu
cu li vampi nni li denti.

Scappa a fudda, spavintata,
nni lu chianu e grida, aiutu!,
e currennu jsa i vrazza
pi difisa comu scutu.

E li matri cu lu ciatu,
cu lu ciatu senza ciatu:
figghiu miu! e corpu e vrazza
comu ghiòmmaru aggrappatu.

Pi discriviri la scena
ci vurrissi un rumanzeri:
sta chitarra un sapi chiànciri,
mmalidittu stu misteri!

Doppu un quartu di ddu nfernu:
(vita morti e passioni)
li briganti si nni jeru
senza chiú munizioni.

Supra i preti e supra u sangu
ammazzati a tradimentu
arristaru vinti poviri
e firuti chiú di centu.

Supra i petri e nmenzu u sangu
figghi e matri addinucchiati
cu li lacrimi li facci
ci lavavanu a vasati.

Epifania Barbato
a lu figghiu mortu nterra
ci dicia: “A li poviri,
paru cca ci fannu guerra!”.

Margherita, la Clisceri,
ch’era dda cu cincu figghi
arristò ammazzata nterra,
e nno ventri u sestu figghiu.

Cu ddu jornu fu a Purtedda,
cu ci va doppu tant’anni,
vidi i morti caminari
caminari senza gammi.

Vivi ancora, ancora vivi;
e na vuci ncelu e nterra,
e na vuci ncelu e nterra:
oh giustizia, quannu arrivi?!

Maggio 1947

__________________________
Nota

(*) Era Nicola Barbato, presidente dei Fasci dei lavoratori siciliani (1892-1894).
__________________________

[Nella piana di Portella / chiusa in mezzo a due montagne / c’è una pietra sopra l’erba / per ricordo a noi compagni. // Alto sopra questa pietra / (era l’epoca dei Fasci) / un apostolo parlava / per il bene di chi nasce. // E da allora sino ad oggi / a Portella della Ginestra / quando viene il Primo Maggio / c’è il popolo e fa festa. // Giuliano lo sapeva / ch’era la festa dei poveri / una giornata tuttasole / dopo tanto tempo a piovere. // Chi cantava, chi ballava, / chi accordava le canzoni; / e sui banchi ben esposti / le nocciole ed il torrone. // Fidanzati con la mano /nella mano con i calli; / fidanzati che camminano / e si strusciano le spalle. // Ogni asta di bandiera / era zappa braccio e mano, / e la terra seminata / era forno pane e grano. // La speranza di un domani / che fa il mondo una famiglia / la vedevano vicina / e contavano le miglia. // L’oratore di quel giorno / era Giacomo Schirò; / disse: Viva Il Primo Maggio! / e la lingua gli seccò. // Su dal Monte La Pizzuta / Giuliano e la sua banda / seguitarono a sparare / e la strage fu condanna. // A tappeto ed a ventaglio / mitragliavano la gente / come falci messe a mietere / con le fiamme fra i denti. // Scappa la folla, spaventata, / nella pianura e grida, aiuto! / e fuggendo alza le braccia / per difesa come scudo. // E le madri con il fiato, / con il fiato senza fiato: / figlio mio! e corpo e braccia / un gomitolo annodato. // Per descrivere la scena / ci vorrebbe un romanziere: / questa chitarra non sa piangere, / maledetto il mio mestiere! // Durò un quarto quell’inferno: / (vita morte e passione) / poi i briganti se ne andarono / senza più munizioni. // Sulle pietre e sopra il sangue / ammazzati a tradimento / son rimasti venti poveri / e feriti più di cento. // Sulle pietre e in mezzo al sangue / figli e madri inginocchiati / con le lacrime le facce / gli lavavano baciandoli. // Epifania Barbato / al figliuolo morto in terra / gli diceva: “Ai poveri, / pure qui ci fanno guerra!” // Margherita, la Clisceri / ch’era lì con cinque figli / è rimasta morta a terra / e nel ventre il sesto figlio. // Chi quel giorno fu a Portella, / chi ci va dopo tant’anni, / vede i morti camminare / camminare senza gambe. // vivi ancora, ancora vivi; / e una voce in cielo e in terra, / e una voce in cielo e in terra: / oh giustizia, quando arrivi?!]

[Tratto da: Ignazio Buttitta, Pietre nere. Poesie 1980-1982, con un intervento di Gianfranco Contini, Milano, Feltrinelli, 1983.]

***

Annunci

17 pensieri riguardo “A stragi da Purtedda”

  1. Portella della ginestra, 1947. sembra mille anni luce fa, quando il comunismo in sicilia animava le braccia della mia gente. Capirono subito che era da “estirpare” e non si posero scrupolo alcuno. Giuliano fu la pedina, il resto è strage di stato allo stato. da allora siamo terra bruciata.

  2. Quale miglior testo per ricordare il Primo Maggio? Desidero segnalare che su YOUTUBE alla voce Taberna Mylaensis è possibile ascoltare questo testo mirabilmente musicato. GRAZIE Francesco e Buon Primo Maggio a tutti, Marco Scalabrino.

  3. Grazie per questo post: non so dirvi com’era piena la piazza di Avola e quanto era grande il silenzio quando Buttitta diceva questa e altre sue poesie.

    Buon 1° maggio a tutti!

  4. Ignazio Buttitta lo ascoltai dal vivo all’Università di Palermo nella primavera del 1976. Facevo il servizio militare. Fu una folgorazione. Straordinario poeta cantastorie.
    Grazie Francesco. Questo post l’ho rilanciato suil mio blog.

  5. Vi ringrazio. Un grazie particolare a Salvatore che ha ritenuto di riprendere il post sul suo blog.

    Un caro saluto resistente a tutti.

    fm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.