Fontana Parađiśe

Pier Franco Uliana

“A volte la voce viene da chissà quale corpo arboreo, o anche da fontane di stillicidio celate dal sottobosco, per tentare un qualche colloquio che non sia solo chiasso d’ombra. È voce di selva che per sentieri impervi, i sentieri percorsi e perduti dal linguaggio errante, si fa canto d’uccelli in volo, di quelli che sbandano alla radura del foglio, sospinti dal facile vento del fiato. La occupano per cantare la vita sotto forma di comèđia, una finzione di senso, tra lo specchio del cielo e il roccolo di foglie in attesa, che significa tanto la rete delle cose quanto l’anello del tempo, senza clamore alcuno. Di là del margine non c’è nient’altro, se non quello che si vede: il bosco che recita in silenzio il ciclo delle stagioni. Ed è il loro un verso vernacolo, almeno fino a quando il muschio di un’altra lingua non abiterà la bocca per rinnovare i nomi e ricoprire definitivamente i vecchi.”

 

Pier Franco Uliana

Fontana Parađiśe

 

Veniunt volucres circumque supraque
(CASTIGLIONE)

 

ALITES

 

Par na fùfigna đel nòme, Fontana
Parađiśe l’é ’n loch de đanazhion
– la pégola đel visch, le maleśgrinfe
đe ośelađor, o ’l morir nte la càpia –,
l’é sé che la met a rìs’cio, l’unbrìa
đe agost la é suta, na arsura đe pólvera
la inmàschera le fùfigne, al salvàrego
đe na goja đe mal che la sà solch de òn,
qua i ośèi i canta al dolor zhènza comèđia
i à nte i òci śbrìndole đe i đieśe celi
che i cuèrđe la gran vizha đel Canséi,
vàrđeli e spècete, e và đo ntel Pian,
dal śòl quei celi capir ti tu pol.

        Per un inganno del nome, Fontana
        Paradise è un luogo di dannazione
        – la pegola del vischio, le malegrinfie
        d’uccellatore, o il morire in gabbia –,
        è sete che mette a rischio, e l’ombra
        d’agosto è asciutta, un’arsura di polvere
        maschera gli inganni, il selvatico
        d’una voglia di male che sa solo d’uomo,
        qui gli uccelli cantano il dolore senza finzione,
        hanno negli occhi brandelli dei dieci cieli
        che coprono la grande selva del Cansiglio,
        guardali e rispècchiati, e scendi alla Piana,
        dal volo quei cieli capire tu puoi.

 

 

Al cel l’é un, l’ośèl al và parò
đe lònch un śòl a na altezha đe mèzh
dal teren, o secondo la ala, o
a stin: quanti i ośèi i é i celi a i òci che i lèzh,
dieśe, e qualunque la sie la stajon,
la ciarèla nte la vizha đe pezh
l’é sènpro ’n sfojo che ’l ròcola co i sòn.

          Il cielo è uno, l’uccello va però
          lungo un volo ad un’altezza media
          da terra, o a seconda dell’ala, o
          per istinto: quanti gli uccelli i cieli all’occhio che legge,
          dieci, e qualunque sia la stagione,
          la radura nel bosco di abeti
          è sempre un foglio che cattura con le reti dei suoni.

 

***

 

Cô le unbrìe le se đesfa e l’òcio ’l zhigna
squaśi a zhercar l’ùltemo fil de luśe
par inpirarlo par un bus de uśèla
cusita đa ingaśiar i śbrach del cel,
ècoli, i mesajeri đel scur òrbo,
òrbi pura lori, i nòtoi che i śòla
qua e là nte ’n bal che l’é la sanità
đe l’ària, sote ’l govo đe la luna,
nte na cantađa zhènzha gnanca vozhe,
đa sentir cusì i color đe la nòt.

          Quando le ombre si disfano e l’occhio si stringe
          quasi a cercare l’ultimo filo di luce
          per infilarlo per una cruna d’ago
          così da trapuntare gli squarci del cielo,
          eccoli, i messaggeri del buio pesto,
          ciechi anche loro, i pipistrelli che volano
          qua e là in un ballo che è la salute
          dell’aria, sotto l’uovo della luna,
          in una canzone senza voce,
          da sentire così i colori della notte.

 

La và đo la caneta đe mercùrio
pura a la vèrta nte i loghi a postèrno
đel bosch e đa là ’l vien l’ucar đel zhus,
urbs, urbs… al par che ’l dis ntel so latin,
sora le rame quei đoi spèci đai
l’é i so òci che i ciapa la lus de stele,
al cascarà fa s’ciantis ntra le solve
che le ruma la ciarèla đel sfojo,
ndove l’é scrit le fùfigne đe fàja
che le vol farse verità đe altezha.

          Scende la colonnina di mercurio
          anche a primavera nei luoghi a bacìo
          del bosco e da lì giunge il verso del gufo,
          urbs, urbs… sembra dire nel suo idioma,
          sopra le rame quei due specchi gialli
          sono i suoi due occhi che catturano luce di stelle,
          cadrà come lampo tra le talpe
          che grufolano la radura del foglio,
          dove è scritto l’inganno di faggiòla
          che vuole farsi verità d’altezza.

 

Quel bosch là su al respira ’n cel de amor,
l’é nòt che lo inbarlùma un ruśignòl
co na cantađa che no se la vet,
pò al capona a l’àtemo đel s’ciarir
nte ’n śòl pena sora ’l gation de i ran,
e al primo sol al fà nif del silènzhio,
ntel ròcol de la đornađa ’l coa ’n govo
đe fùfigna: la vozhe che la vol
dir đel dolzhor nte na ređe đe sòn
zhènzha mostrar la s’ciòśola đel vìver.

          Quel bosco lassù respira un cielo d’amore,
          sono notti che lo abbaglia un usignolo
          con un invisibile canto,
          poi copula nell’attimo dell’alba
          in un volo appena sopra l’intrico dei rami,
          e al primo sole fa nido del silenzio,
          nel roccolo del giorno cova un uovo
          dell’inganno: la voce che vuole
          dire della felicità in una rete di suoni
          senza mostrare il guscio del vivere.

 

Đoi spegazh de ale l’é l’ùgnol spotàcio
che se vet ntel cel de ’n sol bonorivo,
no l’é pròpio gnesun significato
par la lòđola đe andar là su in cao
se nò quel de scrìver la goja đe vìver
nte na maniera che la sie salvàrega,
gnanca la se asa cascar đo đeśbant
fin drento ’l nif, ma par peśo đe pónder,
par quela stesa fòrzha che la pende
đrento la tèra le rađìs del bosch.

          Due freghi di ali sono il singolo sgorbio
          che si vede nel cielo d’un sole mattiniero,
          non c’è proprio alcun significato
          per l’allodola nel salire lassù in cima
          se non quello di scrivere la voglia di vivere
          in una maniera che sia selvatica,
          né si lascia cadere per caso
          fin dentro al nido, ma per peso di deporre,
          per quella stessa forza che sospinge
          dentro la terra le radici del bosco.

 

Hèi, forzhèi, che sé là nte la ciarèla
đe nef a rađegar, col sangue che
al ve śgionfa le vene e onge a s’cioparle,
par ver l’amor ve preparé a la guèra,
đel furiośo gation de balegađe
e mace no ’l restarà pròprio gnent,
a le prime scotaròle đe marzh
tut al se śvanpirà, o al pi al se farà
na fina rojèla đe lat par le tàje
đe i àrboi fin su a le fojete đe la ponta.

          Hei, galli forcello, che siete là sulla radura
          di neve a litigare, col sangue che
          vi gonfia le vene e speroni a scoppiarle,
          per avere l’amore vi parate alla guerra,
          del furioso groviglio d’impronte
          e macchie sulla neve non resterà proprio niente,
          alle prime caldane di marzo
          tutto svampirà, o al più si farà
          un sottile rigagnolo di linfa per il tronco
          degli alberi fino ai cimoli della punta.

 

Le panegase a s’ciap le se cor đrio
co ’n śòl fat a grop da ’n àrbol a l’altro,
pura nte le barufe le śbulifa
cantađe liđierete e matuzhèle,
a l’é ’n còro đe amor cusìta lìba-
ro che l’ùltema l’à come la prima
nte sta ora qua đe fan, de la matina
bianca đe luśe e nef, drento ’l cortile
le se buta a becolar ògne frégola
che i àsa cascar i conpagni đe clase.

          I passeri a stormi s’inseguono
          con un volo aggroppato da un albero all’altro,
          anche nelle baruffe sfavillano
          canti leggeri e pazzerelli,
          sono un coro d’amore così libe-
          ro che l’ultimo ha come il primo
          in quest’ora di fame, della mattina
          bianca di luce e neve, dentro il cortile
          si buttano a beccolare ogni briciola
          che lasciano cadere i compagni di classe.

 

La moreta la varđa ’n cel de nèola,
al gation de i ran l’é l’istes de l’ànema
e ’l troi đe la schirata l’é cusita
stort che no ’l mena đa gnesuna banda,
lora la tas, la é đo đe la soa furse,
o spaśemađa đa zhèrti pensieri,
la scolta la tónbola đel tènp, de i jozh
da le foje… pò al bèch no ’l varà pi sé,
cô i òci i metarà in ciaro tut al sèns
de ’n cel che ’l s’intèra par đeśgatiarse.

          La passera scopaiola contempla un cielo di nebbia,
          l’intrico dei rami è quello stesso dell’anima
          e il sentiero dello scoiattolo è così
          storto che non conduce da nessuna parte,
          allora tace, è giù di morale forse,
          o spaventata da certe preoccupazioni,
          ascolta il cadere del tempo, lo stillicidio
          dalle foglie… poi il suo becco non avrà più sete,
          quando gli occhi chiariranno tutto il senso
          di un cielo che s’interra per sbrogliarsi.

 

Là su, s’ciapađe đe zhìlighe: fise
stele nere đel dì, pòtoi đe scur
a tòrzhio par un cel in lu stes fis,
fisi òci đe seren che i varđa in bas,
nte ’n orìvo che l’é zhènzha reguarđi,
a fisar la ciarèla đe la vizha,
sto sfojo qua ndove l’é mat al śòl
e mata la vartora che la mena
a tère đe gnesun, a la valađa
zhènzha pi stele a bruśar nte na fiama.

          Lassù, stormi di rondini: fitte
          stelle nere del giorno, polle di tenebra
          a zonzo per un cielo in se stesso fisso,
          fitti occhi di sereno che guardano in basso,
          in un orizzonte che è senza riguardi,
          a fissare la radura del bosco,
          questo foglio dove è folle il volo
          e folle il varco che conduce
          a terre di nessuno, alla vallata
          senza più stelle a bruciare in una fiamma.

 

Đe sora đe l’orìvo đe la vizha
l’é đe cristal al cel, e ’l nef cusita
bianch che a varđarlo ’l véđer al s’ciantisa,
la pernis la ghe pasa zhènzha asar
un stris, fa cherobin – la carabina
đel braconier no la trà fin là su,
se no ’l tira vènt, là solch al silènzhio
al và in levìna –: la ghe đà ela ’n sèns
al meođì, che đe sora l’inbarluma
par scònder sote al scur òrbo đe vita.

          Al di sopra del limite della vizza
          è di cristallo il cielo, e la neve così
          bianca che a guardarla la vista folgora,
          la pernice vi passa senza lasciare
          un segno, simile a cherubino – la carabina
          del bracconiere non spara fino a lassù,
          se non tira vento, colà solo il silenzio
          slavina –: un senso dà lei
          al mezzogiorno, che di sopra acceca
          per nascondere sotto la tenebra di vita.

 

(L’inbrunis, al cel l’é zheà đe ros…
Da la vizha maciađa đà đe unbrìa
vien fòra na s’ciapađa đe ośèi, masa
scuri par cognóserli, i ciapa anda
a raśènt de le rame đe i faghèr,
i par na ròśa par ària, đe bòt
pò i và ’nte ’l cel che squaśi no i se vet
e i se met a forzhèla contra ’l zhércol
del sol, ndé vali zhènzha pi rađis?
a intivar la vartora đe la luśe?)

          (Imbrunisce, il cielo è velato di rosso…
          Dal bosco macchiato già d’ombra
          esce uno stormo di uccelli, troppo
          scuri per riconoscerli, prendono l’abbrivio
          radenti le rame dei faggi,
          sembrano una rosa sospesa, all’improvviso
          poi salgono nel cielo che quasi non si vedono
          e si dispongono a forcella contro il cerchio
          del sole, dove vanno senza più radici?
          ad indovinare il varco della luce?)

 

Al calar đel sol l’inpinzha le cròđe,
squaśi ferme fiame nte ’n cel de fogo
– qua đo intant la cres la lama đe unbrìa
ntra poch al tornarà a śolar al nòtol,
che ośèl no l’é gnanca nte la śolađa –
e sora quel larìn solche ’n Ośèl
no le se stuśarà le bronzhe đe i òci
cuèrti đa la fulisca đe la nòt,
al primo venteśèl de la matina
al la sufiarà via, e l’é đe nof fogo.

          Il tramonto accende le crode,
          quasi immobili fiamme in un cielo di fuoco –
          mentre quaggiù cresce lo stagno d’ombra,
          tra poco tornerà a volare il pipistrello,
          che uccello non è neanche nel volo –
          e sopra quel focolare solo un’aquila,
          non si spegneranno le braci degli occhi
          coperti dalla fuliggine della notte,
          la prima brezza mattutina
          la soffierà via, ed è di nuovo fuoco.

 

 

______________________________

Pier Franco Uliana, Fontana Parađiśe
Vittorio Veneto (TV), Dario De Bastiani Editore, 2011

______________________________

 

L’immagine che compare nel post, e sulla copertina del libro di Pier Franco Uliana, è tratta da un’edizione (1750 ca.) dei “Baccanali” (1722) di Girolamo Baruffaldi.

 

***

6 pensieri su “Fontana Parađiśe”

  1. Ritrovo qui, caro Pier Franco, l’ariosa bellezza di “Amor de osèi”, ma ancor più intrisa di azzurro e di creste, di voli e del candore abbagliante dei nevai. leggerti è sempre un’esperienza stupenda. Lo sai, l’ho già detto: sei un poeta di cui non ci si può non innamorare.
    Ma è un’opera già pubblicata?
    Ti abbraccio, fraternamente. Con affetto e profonda stima, Fabio

  2. Caro Franco,
    certo non finisci mai di stupirmi. La tua bravura è ormai riconosciuta. Sarà perché sono scritte nel dialetto veneto, caro a noi autori di queste parlate, ma trovo veramente speciale la tua capacità di esprimerti con voli di alta quota parlando della natura e di tutti i suoi miracoli nel linguaggio di casa nostra. Complimenti.
    Nico B.

  3. Penso che Pier Franco Uliana sia un poeta eccellente, uno dei pochissimi autori di chiara “matrice dantesca” rintracciabili nella produzione italiana degli ultimi tempi.
    Ed è tale, al di là delle etichette, non in forza del medium linguistico in cui si esprime, quanto piuttosto per la rigorosa corrispondenza tra progetto poetico e “modus dicendi”.
    Nel passaggio dalla “radura” al “bosco” e dal bosco alla radura – termini emblematici del suo “esperire” il mondo e sostanza vivente di un attraversamento che non è solo fisicità riportabile alla familiarità dei luoghi e alla consuetudine con le “voci” attraverso le quali il paesaggio si rivela – molto di ciò che lo sguardo raccoglie andrebbe perduto, trascolorato e disperso nell’incessante moto metamorfico con cui la natura, inafferrabile, si esprime.
    C’è bisogno, allora, di una lingua che non riproduca semplicemente il dato (riprodurrebbe soltanto la sua “impossibilità-a-fare-essere”, il rumore di fondo del “meccanismo” e non il ritmo della sua incessante “creazione di forme”, cioè di mondo), una lingua che sia aurorale, sorgiva, capace di “ricreare” l’alfabeto della prima voce, fondendosi con il suono delle cose al loro primo apparire, assorbendone la grammatica e le cadenze fino a diventare tutt’uno con esse.
    In questo senso, il “dialetto” tracima dall’alveo della sua statica e rituale disposizione a rappresentare l’esistente e si fa lingua universale, magmatica matrice poiètica – senza altra finalità che dirsi pronunciando il nome (il suono) originario degli enti.

    fm

  4. Ringrazio i fratelli di lingua Franzin e Bertoncello, cui mi legano anche vincoli di stima e d’affetto.

    @fm
    L’acume che non può che discendere da una pratica poetica condotta con una disciplina di metodo e di mente davvero sorprendenti per rigore e intensità critica, con cui hai commentato i miei testi confermano la tua capacità di riconoscere, di là del velo retorico, la rete ‘rizomatica’ (per usare un’espressione che ti è cara) delle relazioni profonde fra reale e lingua. In poche parole hai disvelato la ricerca ansiosa (per niente romantica, né epica) cui mi costringe l’esperienza, anche dolorosa, del bosco, “L’ordine delle cose umane procedette: che prima furono le selve …” (GB Vico): in un mondo dove la ‘radura’ tende a colonizzare tutto, anche l’inconscio, col reale pericolo della desertificazione anestetica, smarrirsi ancora nell’ingens sylva non è una regressione, piuttosto è un ‘ricorso’, in una nuova temperie che tenta di riparametrare globale e locale. Ed io lo ‘faccio’ con il dialetto che altro non è se non lingua.
    Grazie Francesco

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...