Pret’ ianch’ (Pietre bianche)

Salvatore Pagliuca

Un diario di guerra del padre ritrovato – dopo molti anni – dal figlio Nicola. Pagine che descrivono la cattura in Grecia dei soldati italiani dopo l’armistizio dell’8 settembre da parte dell’esercito tedesco, il viaggio di deportazione nel lager polacco di Auschwitz e l’esperienza di un contadino meridionale nel luogo del dolore assoluto. Dialogando con suo padre da un’enorme distanza temporale, Nicola ripercorre la storia del dopoguerra e di un rapporto padre-figlio che è lo specchio di un’Italia normale, fatta di sacrifici e di speranze, di gioie e dolori, di morte e vita e di quello che sta in mezzo.

 

Salvatore Pagliuca, Pret’ ianch’ (Pietre bianche)
Poemetto teatrale a due voci
Versione inglese di Nicoletta De Cillis
Edizione con supporto CD-audio dell’opera
Lavello (PZ), 2010

 

Settembr’ a Petrochori è com’ a l’Italij.
Rr’ stess’ fich’ pren’, rr’ stess’ pret’ ianch’,
ll’ femmin’ cu l’uocchj ra maronn’.
A li ott’ na voc’ ndò lu puort’ c’ ric’
r’ Badoglj, r’ rrè e reggin’ ca lassin’ l’Italij,
c’abbolan’ luntan’ cu nu cavagghj ianch’.

Settembre a Petrochori è come in Italia. / Gli stessi fichi maturi, le stesse pietre bianche, / le donne con gli occhi da madonna. / L’otto (settembre) nel porto si diffonde la voce / su Badoglio, del re e della regina che lasciano l’Italia, / che volano lontano con un cavallo bianco.

 

Papà ca t’ chiamavv’ tat’.
Ca c’ eè lassàt’ sul’ ndò stu ngravuòglj:
tu ieriv’ com’ a nu rrè e nuj muschigghj.
Mò vech’ st’ parol’ toj r’ uerr’ scritt’
intr’ a nu cuaderniegghj nìur’
e attuorn’ russ’ com’ a lu sangh’.
L’ eè scritt’ ‘ngrecij che eè canusciùt’
sul’ p’ lu front’, l’ eè scritt’ ndò nu taliàn’ cacagliùs’.
Mò, ij –li sturij àut’- nun sacc’ legg’
rr’ parol’ r’ lu vient’ e manch’ fà nu nnest’
r’ mela mulungell’ cu nu perast’.

Papà che ti chiamavi tat’. / Che ci hai lasciati soli in quest’imbroglio: / tu eri come un re e noi moscerini. / Ora leggo queste parole tue di guerra scritte / in un quadernuccio con copertina nera / e il taglio dei foglietti rosso come il sangue. / Le hai scritte in Grecia che hai conosciuto / solo per le armi, le hai scritte nel tuo italiano balbettante. / Ora, io laureato in Letteratura Antica, non riesco a leggere / le parole del vento e neppure innestare / la mela melongella su di un perastro.

 

‘Pezzient’ votafacc’’ fac’ nu maresciall’
-na facc’ r’ trebbilij, roj scianch’ com’ pertich’-.
Lassàm’ nterr’ fucil’ e baionett’, cu tutt’
li penzier’ p’ l’Italij.
Pašcal’ Cardelicchj r’ Rionèr’ finij r’ chiang’
p’ Luciett’ ca stij facenn’ nott’. Sett’ ott’ bott’
r’ nu uagliòn’ russulill’ r’ Berlin’ senza mustazz’
e ruman’ mpizzicat’ mpiett’ a na rezz’,
ndò l’uocchj rr’ cosc’ ianch’ r’ Luciett’.

‘Straccioni traditori’ inveisce un maresciallo / -una faccia terribile, due gambe come pertiche-. / Buttiamo a terra fucili e baionette, con tutti / i pensieri per l’Italia. / Pasquale Cardelicchio di Rionero finì di piangere / per Lucietta all’imbrunire. Sette otto colpi / di un ragazzone rossiccio di Berlino senza baffi / e resta incollato sulla rete della recinzione, / negli occhi le cosce bianche di Lucietta.

 

Napol’ è nu piacer’ a magg’.
La luc’ r’ lu sol’ s’ squartiesc’ intr’ a lu mar’,
rr’ signurin’ a passià, rr’ carruzzegghj,
rr’ morr’ r’ cristian’ a frišc’ intr’ a rr’ vij.
M’ vir’ r’ arruà p’ lu canciegghj, t’ vech’
dret’ a nu fenestron’ –ncim’-, tuorn’ tuorn’
li mur’ scuzzucàt’ r’ lu spetal’ Cardarelli.
Ra lu fangott’ cacc’ na pezz’ r’ furmagg’ r’ Casal’,
ruj purtuàl’ accattàt’ a la stazzion’,
noc’ e nucegghj r’ l’uort’ r’ z’ Felic’.
Na vocch’ nzerràt’, m’ addummann’ cu l’uocchj:
‘èè fatt’ l’esam’? Staj p’ finì?’
Tat’! Staj p’ finì sta croc’ ca t’ purtast’ ra lu Belg’
p’ scavutà cravùn’ ra terr’ r’ nisciun’, ij stach’
sturiann’ rr’ storij toj r’ uerr’,
na uerr’ pers’ e vint’ ra ‘taliàn’.

Napoli è una meraviglia a maggio. / La luce del sole si frantuma nel mare, / le ragazze che passeggiano, le carrozzelle, / la calca di persone a friggere nelle strade. / Mi vedi attraversare il cancello, ti vedo / dietro a un finestrone –sopra-, tutt’intorno / i muri scalcinati dell’ospedale Cardarelli. / Dal fagotto estraggo una forma di pecorino di Casale, / due arance comprate alla stazione ferroviaria, / noce e nocelle dell’orto di zio Felice. / Una bocca serrata, mi domandi con gli occhi: / ’hai fatto l’esame? Stai per laurearti?’ / Papà! Sei alla fine di questo calvario che ti portasti dal Belgio / per scavare carboni da terre di nessuno, io sto / studiando le storie tue di guerra, / una guerra persa e vinta da italiano.

 

Nzerràt’ com’ purciegghj ndò na tradott’
penzàm’ r’ turnà talian’.
L’ Italij staj a l’ ata part’ r’ Patrass’:
si faj nu frišch’ risponn’ l’onn’ cu na
canzon’ assaj luntan’ r’ bastimient’,
l’onn’ ca ven’ e abbàll’
cu nu piglj e lass’ com’ r’ quadriglj.
Vucchj lu tren’ cu tutt’ li sentimient’,
subbàtt’ li cristian’, rr’ zenzel’ mbastàt’ r’ suror’,
la secca ngann’, l’addòr’ acizz’ r’ pisciat’.

Insaccati come porcellini in una tradotta militare / pensiamo di tornare italiani. / L’Italia sta dall’altra parte di Patrasso: / se fai un fischio risponde l’onda / con una canzone assai lontana di bastimenti / l’onda che viene e balla / con un prendere e lasciare come di quadriglia. / Urla il treno con tutta la sua foga, / sbatte i corpi, gli stracci impastati di sudore, / la sete in gola, l’odore acido di orina.

 

M’ vien’ nsuonn’ a vot’ quann’
m’addorm’ accìs’. Na vot’ -nuj nnanz’
a nu munerij- t’appresentast’ cu
na camisa lasch’ affurtucàt’, li
cauzùn’ cu la chiech’ e na mascagn’ ra
uagliòn’ com’ si, p’ quacch’ femmenòn’,
t’ n’ fuss’ scapulàt’ a l’Argentin’
e fuss’ turnat’ tann’, ropp’ nu
munn’ r’ ann’ cu nuj sul’ a lu paìs’:
t’ faciett’ lu mussòn’ e t’ la scuagliast’
senza t’ vutà. Auzatom’ la matin’
m’ venienevv’ amment’ quann’ m’
truvatt’ a chiang’ intr’ a lu specchj.

A volte ti sogno quando / sfinito m’addormento. Una volta –noi davanti / ad un falò- ti presentasti con / una camicia larga rimboccata, i / calzoni con la piega e una mascagna da / ragazzo come se, per qualche bella donna, / fossi fuggito in Argentina / e fossi tornato allora, dopo / tanti anni con noi soli nella casa: / ti guardai in cagnesco e ti dileguasti / senza voltarti. Alzatomi la mattina / ti ricordai quando mi / scoprii a piangere dentro lo specchio.

 

Nu strizzicà r’ fren’, s’ cang’
a Thessaloniki lu tren’.n
S’assàl’ a un’ a un’, rr’ mman’ auzàt’,
rr’ šcuppètt’ c’ amminazzan’ mazzàt’.
Ra na cancègghj la nott’ mozzich’
rr’ carn’, ndozzan’ li penzier’
sop’ a na nach’ r’ vettur’ ca murfutièsc’
e sonn’ nu lunzùl’ ianch’.

Uno scriccholare di freni, si cambia / il treno a Thessaloniki. / Si sale uno alla volta, le mani alzate, / i fucili che minacciano mazzate. / Da un’inferriata la notte morde / i corpi, urtano i pensieri / sopra una culla di carrozza che brontola / e sogna un lenzuolo bianco.

 

At’ stazzion’ appriess’, at’ scelam’.
Lu cunt’ r’ li iuorn’ è pers’, pers’
è la cap’. ‘È lunnerì? Rummenich’?’
‘Iam’ vers’ lu viern’, ric’ Giuann’
Fascigliòn’ ca n’ sapij r’ terr’
e r’ staggiùn’ uardann’ auciegghj.
Lassat’ Bratislava –nu ciel’ a chiumm-
rurmìm’ mbizziccat’ un’ cu l’at’
mbont’ a nu scatafunn’, figliùl’
accinnicat’ a mong’ la menn’ r’
la nott’. S’ strech’ a lu pastran’
Cenzin’ Carneval’ r’ Patièrn’
e, nzapurùt’ ra lu suonn’, fac’
‘mancarràj assaj a Saliern’ o
sim’ già a lu scal’ r’ Buccin’?’.

Altre stazioni dopo, altre gelate. / Il conto dei giorni è perso, persa / è la testa. ‘È lunedì Domenica?’ / ‘Andiamo verso l’inverno’, dice Giovanni / Fasciglione esperto di terre / e di stagioni guardando uccelli. / Lasciata Bratislava –un cielo plumbeo- / dormiamo incollati uno all’altro / sul ciglio di un abisso, figlioli / intenti a mungere la mammella / della notte. Si strofina al pastrano / Vincenzo Carnevale di Paterno / e, insaporito dal sonno, fa / ‘mancherà molto a Salerno o / siamo già a Buccino Scalo?’.

 

Anghjapp’ lu dulor’ stringenn’ fort’
rr’ cupert’. Quann’ t’ sient’ meglj,
rr’ mman’ s’ fann’ man’ man’ mogghj,
s’ enghjon’ r’ sangh’ rr’ ven’ ca
m’ sfiziaj a carcà -quann’ m’ pigliavv’
mbrazz’- p’ t’ sent’ lu tup tup intr’
e, a uocchj chius’ e strimilent’,
aspettà lu tich tich sott’ r’ ascegghj.

Afferri il dolore stringendo forte / le coperte. Quando ti senti meglio, / le mani si fanno rapidamente molli, / si riempiono di sangue le vene che / mi piaceva premere –quando mi prendevi / in braccio- per sentirti il flusso interiore / e, a occhi chiusi e rabbrividiti, / aspettare il solletico sotto le ascelle.

 

Luntan’ s’affaccj a la cancegghj nu
cacciafùm’ stran’ –cchiù aut’ r’ na cas’-.
Cchiù nnant’ s’allùm’ nu palazz’ r’ matùn’
e tuorn’ tuorn’ na rezz’ a spin’ a croc’
ndò s’ nech’ e affonn’ lu binarj.
La vorij alesc’ polv’, fuliscin’
ca mbich’ r’ nu cunt’ r’ li cunt’
l’erv’, li filic’, la nev’ e ogn’ cos’.

Lontano si inquadra nell’inferriata uno / strano comignolo –più alto di una casa-. / Più avanti si scorge un palazzo di mattoni / e intorno una rete spinata / dove annega e sprofonda il binario. / La borea alita polvere, fuliggine / che sporca di un racconto dei racconti / l’erba, le felci, la neve ed ogni cosa.

 

Lu tren’ vaj chian’ chian’, s’ ferm’,
s’ abbij ancor’, fren’, quas’ ca r’ trasì
s’ appaurass’. Oswiecim s’ legg’ gruoss’
ncim’ a na pertich’ r’ fierr’.
‘P’ l’ anim’ ru lu pruhatorij, nu
poch’ r’acqu’’ e na taccherriàt’ mmuss’
m’ fac’ abberè tutt’ rr’ stegghj.
Curcuàt’ ndò nu liett’ a mbastapàn’
-assapurann’ lu sangh’ r’ li rient’-
cu n’ onghij sengh’ sop’ a nu tavulazz’
‘li riciannov’ a ottovr’ ru
lu quarantatrè’.

Il treno va piano piano, si ferma, / riparte ancora, frena, come se di entrare /avesse paura. Oswiecim si legge in grande / su un’asta metallica. / ‘Per le anime del purgatorio, un / po’ d’acqua’ e una bastonata in bocca / mi fa vedere tutte le stelle. / Disteso in un letto a forma di madia / -assaporando il sangue dei denti-/ con un’unghia traccio su un tavolaccio / ‘il diciannove di ottobre/ del quarantatrè’.

 

Mò mamm’ vol’ nu ritratt’
r’ Michel’, Michel’ suj, p’ lu prehà
meglj quann’ s’ cang’ l’acqu’
r’ ll’ ros’, nu ritratt’ r’ tat’
bellofatt’ ‘mahar’ quigghj
ca fac’ lu brinnis’ a li spos’’.
Scurcoglj intr’ a la cassc’ r’ ll’ cart’,
a nu lat’ la šcatul’ r’ scarp’
cu la post’ ra lu Belg’, rr’ bust’
appilàt’ cu lu spagh’ com’ nu
sausucchiègghj : ncim’, la prim’
è l’ utim’ arraggiunàt’ cu mammà.
‘N’ ata staggion’ e m’ arritich’, ch’ annà
stà meglj’ niput’ e figlj. Ra quacch’
iuorn’ numm’ sent’ mich’ buon’.
Na rubbulezz’. Nu picch’ r’ sangh’
ra la vocch’’. T’ trov’ cu li spos’:
lu ritratt’ vaj accunzàt’ –tagliat’
sott’- ca m’ vech’ ij r’ cap’ ca t’
uard’ mmocch’ e t’ tich’ nu piezz’
r’ cauzon’ p’ avè la parta mij
cu li cchiù gruoss’.

Adesso mamma cerca una foto / di Michele, il suo Michele, per pregarlo / meglio quando si cambia l’acqua / delle rose, un ritratto di papà / venuto bene ‘magari quello / quando fa il brindisi agli sposi’. / Indago nella cassa delle carte, / a un lato la scatola di scarpe / con la corrispondenza dal Belgio, le buste / impilate con lo spago come un / salsicciotto: sopra, la prima / è l’ultima conversazione con mamma. / ‘Un’altra estate e torno a casa, perché dovranno / stare meglio nipoti e figli. Da qualche / giorno non mi sento proprio bene. / Una debolezza. Un po’ di sangue / dalla bocca’. Ti trovo con gli sposi: / la foto va migliorata –tagliata/ sotto- che mi vedo io con la testa che ti / guardo in bocca e ti tiro un lembo / dei pantaloni per avere la mia parte / con gli adulti.

 

Nicol’ mò tenarraj sei mis’.
Fatt’ r’ press’ p’ na licenz’
r’ tre iuorn’. Lu benerich’,
ten’ appetit’. Ricin’ c’ assùch’
menn’ com’ a n’ ainiciegghj,
ca è ciuott’ ciuott’, è tutt’ sangh’
e latt’. Ricin’ ca m’assummèglj.

Nicola ora avrà sei mesi. / Fatto in fretta per una licenza / di tre giorni. Lo benedico, è di buon appetito. Dicono che asciuga / mammelle come un agnellino, / che è grassottello, è tutto sangue / e latte. Dicono che mi somiglia.

 

Ngarràm’ a uocchj quegghja parlat’,
quigghju ‘zu frunz’ raspent’ ca vol’
ric’ chi ven’ a ess’ lu padretern’ e
chi p’ semp’ addà chjecà la cap’.
‘Men’! Mettitiv’ a fil’ a fil’!
Luuativ’ st’ zenzel’ ra nguogghj!’
Sim’ allanùr’, sul’, cu rr’ mman’
nnant’ a rr’ vrehogn’ com’ intr’
a quigghju cuadr’ gruoss’, accèr’ a
lu santissim’ a la chiesamadr’:
rannàt’ accimentat’ ra riavil’
scatenat’.

Indoviniamo a senso quella lingua, / quello ‘zu frunz’ pungente che vuole / dire chi è il padreterno e / chi per sempre deve inchinarsi. / ‘Avanti! Disponetevi a diverse file! / Toglietevi questi stracci di dosso!’ / Siamo nudi, soli, con le mani / davanti al ventre come dentro / a quell’affresco, di fronte / alla cappella del Santissimo Sacramento della Cattedrale: / dannati torturati da diavoli / scatenati.

 

Lu mierich’ mov’ la cap’,
t’ raj nu buffuttiegghj nfacc’,
‘z’ Michè è tutt’ a post’’ fac’
e m’ piglj p’ nu vrazz’ p’ passià
for’ ‘mancarràj nu iuorn n’or’
na settiman’, nunnàgg’ che v’ fà’.
T’ port’ mpier’ cu nu liett’
cu rr’ rot’, sacc’ ca pienz’
a nu carr’ r’ cravùn’ a cchiù
r’ cient’ metr’ sott’.
T’acconz’ bell’ bell’ a lu seril’
-nu rrè ngarrozz’- ‘ammasunam’
a tard’ a tard’, -t’ fazz’- amma
fà nu gir’ aunìt’, a sul’ a sul’ na
iurnàta san’: lu mar’ r’ Saliern’,
la pizz’ r’ Surrient’ cu quigghju
vin’ ianch’, frišch’, com’ s’ chiam’?…’
‘Rr’ lacrim’ r’ crist’’ m’ faj cu na
mezza risategghj scunzulàta mmocch’.

Il medico muove la testa, / ti dà uno scappellotto in faccia, / ‘signor Michele è tutto a posto’ fa / e mi prende per un braccio per passeggiare / fuori ‘mancherà un giorno un’ora / una settimana, non vi posso far nulla’. / Ti porto giù con un letto / mobile, so che pensi / a un carro di carboni a più / di cento metri di profondità. / Ti sistemo per bene al sedile / -un re in carrozza- ‘rientriamo a casa / tardissimo, -ti faccio- dobbiamo / fare un giro insieme, noi due soli una / intera giornata: il mare di Salerno, / la pizza di Sorrento con quel / vino bianco, fresco, come si chiama?… ‘ / ‘Lacrima Christi’ mi fai con un / mezzo sorriso sconsolato in bocca.

 

 

Iuorn’ p’ iuorn’ mbaràm’ a ruuntà
animal’, li ciuccj r’ fatìjha
r’ mbres’ scanusciùt’, li senz’
art’ ncatenat’ a na rot’ ca tuorn’
tuorn’ aggìr’ a nu penzier’:
ru fien’ r’ musèr’.

Giorno per giorno impariamo a diventare / animali, gli asini da soma / di imprese sconosciute, i senza / arte incatenati ad una ruota che intorno / intorno gira ad un pensiero: / il fieno di stasera.

 

 

…mantien’ mman’, ancor’
n’atu picch’… … … ….
nun chiur’ l’uocchj, tat’

***

Annunci

12 pensieri riguardo “Pret’ ianch’ (Pietre bianche)”

  1. Francesco,è un privilegio non da poco poter guardare ( e condividere ) a eventi così sanguinosi con il linguaggio della quotidianità.
    Oso dire di una normalità affettiva ed emozionale che conflitti e crudeltà sembrano , a volte, averci strappato da dosso.
    Affondo in questo spaccato di vita che ci restituisce la grande storia e la piccola come un miracolo che può ripetersi solo a certe condizioni.
    Mio marito ( si chiama Nicola per la cronaca)aveva un progetto simile, ma questa è un’altra storia..
    Posso sapere chi ha condotto la traduzione in italiano?
    Annoto che il dialetto del paese dove abbiamo scelto di vivere è molto simile a quello che leggo ( e parlato da mia suocera novantenne da sempre, ossia mi è familiare da tempo).
    Per la cronaca, si tratta di un lacerto che appartenne alla Lucania antica ed ad un parte del Principato Citeriore.
    Solo in nome di questo lasciami dubitare della traduzione del termine “tat’ “( nello specifico di ” Papà ca t’ chiamavv’ tat’ “).
    E,forse, non solo di quello. Chiedo venia se appaio tignosa, Francesco.
    Rimane certo il polimorfismo linguistico di questo Cilento, per carità, un territorio che, come Rohlfs ( visitò l’area) ebbe modo di studiare, presenta un connotato ; da qui si generò la divisione dei dialetti dell’area in due gruppi, e se quelli settentrionali si rivelano più vicini al modello napoletano, quelli meridionali rientrano nei fenomeni linguistici dell’ estremo sud.
    Credo si possa dire lo stesso della parlata potentina ( correggimi se erro).
    Rileggo ed annoto altri ed eventuali dubbi.
    Grazie intanto!

  2. Cara Marzia, il dialetto di Pagliuca è quello di Muro Lucano (l’immagine del paese in testa al post non è lì a caso); il fatto cha nasca da una radice che lo accomuna ad altre parlate limitrofe, non significa che di quelle debba possedere per forza lessico, struttura e cadenza, o rimandare ad un “immaginario” comune. Nel paese dove sono nato, bastava spostarsi verso l’estremità settentrionale e ci si trovava catapultati in un altro (cinquecento metri, non di più, li dividono): era, ed è, un altro universo “linguistico”…

    Sulla “traduzione” in italiano. E’ un falso problema, secondo me: qui non si tratta di mettere in versi e di traslare da una “lingua” all’altra, ma semplicemente di dare conto, a chi quel dialetto non mastica, del “contenuto” delle liriche – riproducendone, se possibile, e senza adattamenti di sorta, la “matrice” (anche di ordine affettivo) a cui esse rimandano. Nell’esempio che tu fai, “decontestualizzandolo”, le parole (in corsivo, non a caso) sono riferibili all’universo di un bambino: l’adulto che scopre il diario, si trova catapultato – con un procedimento tutto leopardiano – all’interno del tempo storico della sua infanzia: un tempo che il poeta ha la capacità di far rivivere esattamente nelle coordinate (anche lessicali e latamente espressive) dell’infanzia. Quella che tu chiami “traduzione” (che è dello stesso autore), non può che riprodurre “anche” questa scelta.

    Comunque, e non volermene, sono argomenti abbastanza secondari, che non sfiorano, se non tangenzialmente, la sostanza di un libro meraviglioso che, fosse venuto da un’altra area linguistica – magari di quelle maggiormente sotto i riflettori anche di questo blog – avrebbe fatto gridare al “capolavoro”. E questo, ovverosia la marginalizzazione e l’oblio di alcune aree di produzione artistica, è un altro problema, non da poco, sul quale conto di ritornare magari più tardi, appena ho un po’ di tempo a disposizione.

    Grazie comunque del tuo intervento.

    fm

  3. Grazie, Francesco.

    Dici bene, è un libro veramente splendido, di una bellezza austera, commovente e lancinante, che si trascina tutte le voci della civiltà contadina – un brivido lungo diecimila anni.

    Appena riesco a contattare Pagliuca, devo chiedergli come fare a procurarsi il libro, perché mi piacerebbe davvero che fossero in molti a leggerlo e a farlo circolare. La lettura dell’autore, nel cd allegato al libro, lascia letteralmente senza fiato, rivelando, nel contempo, l’infinita varietà di suoni e di modulazioni che questa lingua, all’apparenza rocciosa, contiene nel suo scrigno.

    Devo la sua scoperta, come quella di tante altre voci, a colui che considero l’Alan Lomax della poesia dialettale italiana: Manuel Cohen. Un ricercatore e uno studioso che sta facendo un lavoro immenso di salvaguardia di un patrimonio incredibile che altrimenti passerebbe del tutto inosservato e andrebbe perduto per sempre – con tutto il suo carico di gemme, talune davvero stupefacenti. Dalla Sicilia all’area emiliano-romagnola, dalla Campania alle Marche al Triveneto: senza confini e steccati, in nome della poesia, di cui è un critico sapiente, rigoroso e puntuale. Ma oggi vanno altri “riti” e altri “miti”, e gli studiosi seri – autentici, autonomi, senza padrini e consorterie – trovano sempre meno spazio.

    ***

    A me la lettura di questi testi riesce naturale, vista anche la “vicinanza” di cui parlava Marzia, ma lascio qualche indicazione per agevolare in qualche modo la fruizione di tutti.

    Ad esempio:

    – il segno indica la presenza di vocali mute finali;
    – la lettera š corrisponde a una s con un suono misto palatale-gutturale;
    – alcune parole contengono vocali interne di dimensioni ridotte (che la formattazione di wordpress purtroppo appiattisce e uniforma) – semimute.

    Ad esempio, nel secondo testo, al terzo verso, la “i” interna di “ieriv è semimuta; così come la “e” di “perast'” del verso finale.

    fm

  4. Una scrittura così scarna e così poetica non può non commuovere. Un bellissimo dialogo, un incontro a distanza da due persone legate da un affetto tanto profondo quanto schivo. La sofferenza che, purificata, diventa autentica poesia. Viene da far silenzio per poter riflettere meglio.
    Grazie.
    Piera

  5. molto colpita anch’io da questo attraversamento del padre in figlio del male e del dolore, della vita e della morte, attraversamento colmo (anche e soprattutto di vita), non ripiegato.
    “pietre bianche”che trascendono la nota biografica personale (anche se la comprendono intensamente e pienamente), rimanendo al contempo quotidiane, ancorate, molto terrene (per es. si declinano in cavallo alato, cosce, lenzuolo, la vitalità di un agnellino,…)

    Ho letto la traduzione, ma molto attirata dai suoni, dall’originale

    grazie!

  6. caro francesco marotta grazie per lo spazio che hai dato a questo mio libricino. grazie a marzia, a francesco t., a piera e margherita per le loro letture.
    Credo che la marginalità territoriale/culturale di alcuni luoghi non sia sempre una cosa negativa. Io sono abituato a vedere il mondo con la lente d’ingrandimento più che con il binocolo, anche nella mia professione ufficiale di archeologo. Nel nostro campo, anche, si sta attraversando una pericolosa fase regressiva in cui la ricerca punta (in mancanza di risorse) a risultati immediati, che possano piacere ai più, agli sponsor, alla promozione, e, dunque, si ha l’impressione che gli antichi facessero solo splendide residenze, città, oggetti d’arte e poco sappiamo del quotidiano della storia, delle piccole storie di cui sono pieni i nostri depositi. Si Marzia la storia è fatta di tante piccole storie, di affetti, di emozioni, di impalpabili impronte che pure, a volte, si possono leggere se ti apposti in un unico luogo per giorni, mesi, anni…
    Mi sono riappropriato -con grande fatica- di una lingua vietatami dai miei genitori negli anni del boom economico. E ora so che essa è per me lente d’ingrandimento, binocolo e cannocchiale.
    salvatore p.

  7. Grazie a te, Salvatore, con la speranza di averti ancora ospite, graditissimo, di queste pagine.

    Solo un dovuto chiarimento.
    Sicuramente lo sguardo dai margini è quello che meglio permette (il “cannocchiale”, la “lente d’ingrandimento”) una visione d’insieme – sono pienamente d’accordo, visto che poi, in definitiva, è sostanzialmente la mia “pratica”. La marginalità di cui parlavo, quindi, ha ben poco in comune con la suddetta “visione” – anzi, è proprio quell’insieme di coordinate politiche e politico-culturali che costringono al silenzio quello sguardo.

    Un caro saluto.

    fm

    p.s.

    Come è possibile procurarsi il tuo libro per chi volesse averlo?

Rispondi a francescomarotta Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.