Ntra lèngua e bosch

Pier Franco Uliana

Ntra lèngua e bosch (*)
(Tra lingua e bosco)

I

Parlar solche đe bosch no vol dir tàśer
đel mondo, se intendest come ciarèla,
ché la léngua selier nò đe le caśe
ma la salvàrega, l’é uśar na uśèla
che l’ingàśia le foje al fià, la feris
i lavri par far créser l’àrbol de la
paròla, o ’ndar đo in fondo a la rađis
de l’eśistènzha a đarghe n’antra vozh,
de òn, a tut quel che in zhilènzhio ’l patis
nàsita e mòrt, salvarghe almanco ’n jozh
de vita, quela che la se fà đur
legno, śgatiar al débol fil del bòzhol
e ntel vèrs dret de ciarèla riđurlo.

        Parlare solo di bosco non significa tacere
        del mondo, se intenso come radura,
        ché la lingua scegliere non delle case
        ma la selvatica, è usare un ago
        che cuce le foglie al fiato, ferisce
        le labbra per far crescere l’albero
        della parola, o scendere al fondo della radice
        dell’esistenza a dare un’altra voce,
        umana, a tutto ciò che in silenzio patisce
        nascita e morte, salvarne almeno un goccio
        di vita, quella che si fa duro
        legno, dipanare il debole filo del bozzolo
        e nel verso dritto di radura ridurlo.

 

II

Àbite la me léngua đa forèsto
e đel talian forèsto son paeśan,
stae nte l’orivo e no sò qual de i đoi
al sie ’l bosch e la ciarèla, le legne
quele đa bruśar o đa tajar, a mi
sto orivo l’é come na preśon, sèmpro
al de qua, o đe le śbare đel bosch
o đel bus de ciarèla che ’l me spia,
parò co pòrte sènpro spalancađe,
đa non saver mai la đirezhion justa,
đapartut qualcheđun che ’l me corèje,
a condanarme, fa na bèstia ’ndar
su e do par al troi – ùgnol – de đoe léngue.

        Abito la mia lingua da forestiero
        e dell’italiano forestiero sono paesano,
        sto sul limitare e non so quale dei due
        sia il bosco e la radura, la legna
        quella da bruciare o da tagliare, a me
        questo limitare è come una prigione, sempre
        al di qua, o delle sbarre del bosco
        o dello spioncino di radura che mi spia,
        però con porte sempre spalancate,
        da non sapere mai la direzione giusta,
        ovunque qualcuno che mi corregge,
        a condannarmi, come una bestia andare
        su e giù per il sentiero – singolo – di due lingue.

 

III

No ò fat altro che scanpar đal bosch,
vèrs na ciarèla, inmaginađa come
posìbil, che la fuse un cavar via
la màschera a la me maniera đe èser,
èco parché no me son lontanà
mai đal bosch, parò se ghe core incontra
no son bòn de rivar đe èserghe đrento,
uśando le paròle đel bosch come
le fuse ròbe (àrboi foje rađis ran…),
pensée đe vìver in pien la ciarèla
e invezhe ò sepolì la vozh ntel sfojo,
ciarèla zhèrto vizhina ma quan
destante đal salvàrego đe l’ànema.

        Non ho fatto altro che fuggire il bosco,
        verso una radura, immaginata come
        possibile, che fosse un togliere
        la maschera al mio modo di essere,
        ecco perché non mi sono allontanato
        mai dal bosco, però se gli corro incontro
        non sono capace di raggiungerlo dentro,
        usando le parole del bosco come
        fossero cose (alberi foglie radici rami…),
        pensavo di abitare appieno la radura
        e invece ho sepolto la voce nel foglio,
        radura di certo vicina ma quanto
        distante dal selvatico dell’anima.

 

IV

No satu inmaginar un zhèrto vìver?,
quel de chi che ’l vive solche par scrìver
in ślanbròt, che ’l se fana a cior su e
zhercar anca le pómole pi tórseghe
e a l’é inscartòzha par na vèrta che
no la vien: và đe lonch le franbolère
cô ’l vènt a le đespója tute nuđe,
se ti tu à ncora i òci đe l’istà,
varđa ’l frànbol no ciot su, l’à đovést
frugar, par đarse ’n s’ciant de zhiéra, tut
al sol pi s’cèt de i ùltemi đe setènbre:
a lo śbrìndola ’l bèch de panegasa,
la lo sputa la boca đel boceta.

        Non sai immaginare un certo vivere?,
        quello di chi vive solo per scrivere
        in vernacolo, che si affanna a raccogliere e
        assaggiare anche le bacche più tossiche
        e le ripone in un cartoccio per una primavera che
        non verrà: va’ lungo i (cespugli dei) lamponi
        quando il vento li mette a nudo,
        se avrai ancora gli occhi dell’estate,
        osserva il lampone acerbo non raccolto, ha dovuto
        consumare, per darsi un po’ di colorito, tutto
        il sole più schietto degli ultimi giorni di settembre:
        lo lacera il becco del passero,
        lo sputa la bocca del bambino.

 

V

I òci đel cel che le foje le ghe fà
đa zhéje, i zhigna che i par squaśi ’n invito
đe tośeta, se tu ghe varđa đrento
tu sà che tu pol pèrđerte in un gen
de vene, ma anca trovar al cao
đel lat in cao a la vizha revesađa,
al riđuzhar, quan bèl!, de la ciarèla
co i so fioret che i par đentin de lat
e l’orivo che ’l promet baśi đe unbrìa,
qua ndé ’l finis al valon de Val Òrch (**)
la vozhe la se fà pi ciara, e s’cèta
la paròla, e la léngua finalmènte
bàter la pol ndove ’l dialèt no ’l jol.

        Gli occhi del cielo cui le foglie fanno
        da ciglia, ammiccano che sembrano quasi un invito
        di ragazzina, se ci guardi dentro
        sai che puoi perderti in un gomitolo
        di vene, ma anche ritrovare
        la panna in fondo alla selva rovesciata,
        il sorridere, quanto bello!, della radura
        con i suoi fiorellini che sembrano dentini da latte
        e il limitare che promette baci d’ombra,
        qui dove finisce il vallone di Val Orco
        la voce si fa più limpida, e schietta
        la parola, e la lingua finalmente
        battere può dove il dialetto non duole.

 

______________________________
(*) I testi sono scritti nel dialetto del Bosco del Cansiglio
(Province di BL-PN-TV).

(**) Toponimo, però qui rimanda anche all’Orco
della mitologia greco-romana.

_______________
Nota ortografica

zh, đ: rappresentano i suoni interdentali, rispettivamente assimilabili agli inglesi th di thanks e th di this.
s’c: unione di s sorda e c dolce.
: s sonora.
e, o: riportano sempre l’accento grave per la pronuncia aperta; l’accento acuto solo laddove il vocabolo non è piano, o è piano uscente in consonante.
______________________________

***

5 pensieri riguardo “Ntra lèngua e bosch”

  1. Stupendo questo poemetto, come sempre, come Pier Franco sa. Qui ancora più notevole per il discorso sul bilinguismo che ognuno di noi si porta dietro/dentro. La chiusa poi è geniale.
    Con affetto. FF

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.