Quaderni di Traduzioni (X)

Quaderni di Traduzioni
X. Ottobre 2011

39__Lora-Totino_-_La_biblioteca_di_Babele

Stefanu Cesari

______________________________
U Minimu Gestu (2011)
______________________________

 

***

8 pensieri riguardo “Quaderni di Traduzioni (X)”

  1. l’avevo già letto qui, ma questo lavoro è molto “corposo”; giocato sul minimo, ossia sull’essenziale, e sulla materia in un noi/voi che trascolora , confondendolo, respiro e tempo; una ricerca personalissima in una lingua che conserva una forza arcaica, da quel che riesco a intravedere dell’originale e che il “traduttore” rende fedele

  2. Grazie, Viola, per la tua sintetica e precisa nota: una poesia “corposa”, quella di Stefanu, dove si inscena, sostanzialmente, un dialogo ininterrotto con la lingua “madre” – l’unico strumento capace di dare un nome e un volto all’assenza.

    Nel tradurre, ho cercato di lasciarmi guidare dal mio sentire profondo, dalle risonanze che si avvertono, distintissime, quando si fissa lo “sguardo” negli spazi che si aprono tra la “forza arcaica”, narrante, della parlata corsa e la sospensione attonita, straniante, riflessiva che il “travaso” nella parlata francese produce.

    Sono testi sui quali sto ancora lavorando, cercando una “forma” che esprima tutte le potenzialità di questo “ascolto”.

    fm

  3. Trovo bellissimo che tutte e tre le versioni del testo, riverberate dalle strazianti immagini di volti, abbiano una loro potenza e una loro discrezione, e possano leggersi in modo autonomo. Questa poesia mi intriga per l’arcaica solennità di scene e rapporti semplici.
    Grazie, come occorre dire quando sfogli una rivista e hai sempre delle belle sorprese. Le ultime che ricordo furono quando leggevo L’Ephèmère, Il Gallo silvestre, In forma di parole.

    m

  4. Grazie, Marco: la poesia più grande è sempre quella che è possibile ricondurre, e ridurre, a un “minimu gestu”.

    Grazie anche per l’accostamento a *quelle* riviste: è un onore. Anche se non fa che accrescere il rimpianto, ma permette anche di avere lo sguardo più lucido e “mantenere la rotta, sapere verso dove”.

    fm

  5. Ti ringrazio davvero molto,Francesco, per avermi fatto conoscere un “detective” di una lingua cosi’ suggestiva e personalissima che hai reso tanto efficacemente. L’aria che circola nei versi è arcaica e misteriosa ma a me sembra anche evocare,in un certo senso, un siciliano fantastico: in fondo le lega idealmente il carattere insulare.Un lavoro che assolutamente va proseguito da un “detective” quale sei tu

  6. Grazie, Lucetta.
    Aspettiamo la pubblicazione del libro di Stefanu e ne riparliamo sicuramente.

    La sua lingua madre è la parlata corsa del sud, della regione di Porto Vecchio.

    fm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.