Un’altra Praga (X)

Sergio Corduas
Francesco Jappelli

Quello di Francesco Jappelli e Sergio Corduas è un percorso inedito, un viaggio non solo fotografico, in una Praga “né magica, né tragica”, ma “altra” dagli stereotipi di una certa retorica letteraria e dall’immaginario collettivo che gravitano da sempre intorno a questa città. 31 immagini scattate tra il 1983 e il 1988 che rivelano una Praga come spazio urbano quasi completamente svuotato dall’elemento umano. Scorci di strade solitarie, edifici decadenti ma integri nella loro antica regalità, inquadrature in bianco e nero, quasi radiografie, dell’anima complessa di una città assorta sotto un cielo onnipresente e diafano. I testi di Corduas [scritti tra il 2009 e il 2010 – ndr], affiancati alle immagini, analizzano con conoscenza profonda e particolare sensibilità quanto la pellicola non può dire, contribuendo a rendere più viva l’interpretazione originale di “un’altra Praga”.

Sergio Corduas / Francesco Jappelli
Un’altra Praga (Jiná Praha)
Milano, Edizioni Spazio 81, 2010

 

Castello, Zlatá ulička

     Nel Vicolo, artigiani e alchimisti (per questo l’oro), rintanati dentro il Castello ma come esiliati fuori, case da nanetti, da microghetto, oggi sgargiante di colori, stesi però in pieno stalinismo dal grande Trnka.

     Rodolfo II, Trnka e lo stalinismo??? Già, così pare dal 1952 al postmoderno.

     Naturalmente, dicono, “anche qui Kafka”. (Comune cognome che tradotto è Francesco Tàccola.) Da 10 o 12 lustri, folle in esilarante delirio commercial-mediatico, che si finge estetico.

     “Ulička” vuol dire viuzza, vicolo, quindi strettezza. Jappelli l’ha ricostituito largo, fermo e vuoto. (A Venezia sarebbe una “Calle larga San qualcosa”.) I colori non ci sono, la signora con ombrello è un’addetta, una lavoratrice (termine oggi ovunque tabù) ma il suo vero inconsapevole fine è demitizzare.

     Io amo molto i falsi. La Zlatá ulička è per me uno straordinario falso. Lo prenderei con una ruspa per metterlo dentro un museo, meglio se fuori d’Europa.

     Esiste un contrappasso del Vicolo? Sì, è Nový svět, Il mondo nuovo.

(2009)

 

Palazzina reale estiva della Regina Anna

     (Sono sicuro… Era forse il ’53. Sotto quei portici d’amor leggero. Qui e non altrove i due si parlarono così …)

Chi ti ha deriso? –

“Non ricordo più.”

Chi ti ha gridato? –

Non rammento.”

Chi ha domandato di te? –

“Se lo sapessi”

Chi ti ha parlato? –

“Non ne ho idea.”

Chi ti ha mormorato? –

“E’ difficile dire.”

Chi ha taciuto con te? –

Lei!

     (Sono sicuro, era il 1953. il primo o il secondo era Vladimír Holan, l’altro non so. Lei? La stiamo guardando – e nel suo padiglione praghese – E’ l’agognata Nike, la Vittoria, sia pure in forma di giovine che brandisce. “No! E’ La belle dame sans merci!”, disse il poeta)

2009 (Holan 1952-54, trad. 1980)

***

Annunci

3 pensieri riguardo “Un’altra Praga (X)”

  1. La prima foto è splendida!

    Seppure Kafka sia un autore poco descrittivo (pregio enorme), è sempre un paesaggio onirico, statico all’inverosimile a venir fuori, come vomitato, sull’inchiostro. Seppure onirico, quindi, si capisce bene che Kafka guarda sempre di giorno, e risogna sempre di notte, un’altra Praga che non ha visto solo lui, diecimila volte stravolta e imbambolata, ma è un’altra Praga.
    La prima foto rende bene, secondo me, la materia grezza del kafkiano e rende completezza (e giustizia) ad una città stilizzata fin troppo e retoricamente per entrare dentro le cartoline.

    visto che amate le foto, un gran blog di foto che forse conoscete:
    fantomatik75.blogspot.com

    ciao

  2. cosa dire ancora di Praga che già non si sappia? E come fotografarla e mostrarcela in modo diverso? Solo gli artisti possono ancora e sempre “dire” cose nuove su miti vecchi, su luoghi grondanti letteratura. Qui non c’è solo una Praga onirica-sarebbe troppo semplice- ma una Praga veramente “altra” un’altra realtà di Praga che scopriamo grazie a questi due autori.
    E ancora grazie
    lf.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.