Repertorio delle voci (XXI)

Manuel Cohen
Giuseppe Rosato

Sabato 5 maggio alle ore 18, nel Teatro Fenaroli della sua città, Lanciano, verranno festeggiati gli ottant’anni di Giuseppe Rosato, il più importante poeta abruzzese vivente. L’autore è nato a Lanciano in provincia di Chieti nel 1932.
Ha pubblicato le raccolte di poesie: La cajola d’ore, Lanciano, Cooperativa Editoriale Tipografica (CET), 1956; Ecche lu fredde, Pescara, Riccitelli, 1986; Ugn’addó, Monterotondo, Grafica Campioli, 1991; L’ùtema lune, Faenza, Mobydick, 2002, pref. Franco Loi; E mó stém’accuscì, Torino, I libri del Quartino, 2003; La vergogna del mondo, San Cesario di Lecce, Pietro Manni Editore, 2003; La ‘ddòre de la neve, Novara, Interlinea Edizioni, 2006, pref. Giovanni Tesio; La distanza, Book editore, Bologna, 2010; La nève, Carabba, Lanciano, 2010; Vedere la neve, Carabba, Lanciano, 2011.
Ha diretto i periodici “Dimensioni” (con Ottaviano Giannangeli e Giammario Sgattoni) e “Questarte”.

[La recensione che segue appare su «Punto. Almanacco della poesia italiana», anno II, n. 2, aprile 2012.]

Giuseppe Rosato, La distanza, Book editore, Bologna 2010; La nève, Carabba, Lanciano, 2010.

Dopo il notevole Lu scure che s’attonne, versi in dialetto abruzzese, 1990-2007 (Raffaelli, 2009), Giuseppe Rosato (1932) nel 2010 da alle stampe contemporaneamente un volume in lingua: La distanza, ed uno in dialetto: La nève. Autore di lungo corso, generoso e versatile, Rosato ha animato la scena letteraria co-dirigendo riviste: «Dimensioni» (1958-1974); «Questarte» (1977-1986); occupandosi inoltre di critica d’arte, co-fondando uno tra i più prestigiosi premi riservati alla poesia neo-dialettale: il Premio Nazionale Lanciano (poi, Mario Sansone) nel 1966. Rosato è oggi uno dei più considerati autori neo-dialettali. Ma va ricordato che è anche scrittore in lingua; il suo esordio avviene con ‘il paterno italiano’, per usare una formula cara a Pasolini, con L’acqua felice (Schwarz, 1957). In una sostanziale diglossia, il nostro ha continuato ad operare, elaborando inoltre svariati testi in prosa. La lingua della Distanza, feriale e domestica, risulta altresì molto curata, ricercata nelle soluzioni e nei neologismi: dislaghi, disveli, dissipa, disavvinta, s’appattuglia, insonora, che attestano di una cultura raffinata, dal lessico lievemente arretrato, di ascendenza o area post-ermetica: parea, nebula, singulto, come pure il ricorso all’anteposizione dell’aggettivo alla maniera aulica: serrata distanza, sonoro lume, alterato sguardo. La distanza, come gran parte dell’opera dell’autore, è contrassegnata da uno stigma di dolente percezione del tempo e della vita: un passato archetipico e autentico da contrapporre al presente dell’inautenticità. Un’amarezza malinconica che è già nell’enunciato programmatico del testo: distanza e separatezza, dalle care ombre della memoria, i trapassati con i quali il dialogo sembra non essersi mai interrotto. La scrittura per il nostro è un gesto che colma la distanza tra essere ed essere stati: torna alla mente, per un tratto di similarità e per una sensibilità affine, la poesia di Tolmino Baldassari, per quel ponte continuamente lanciato tra vivi e morti. Il libro evidenzia alcune delle coordinate fondamentali o motivi cari al nostro: la soavità della pena, l’inquietudine raccolta e sempre composta, l’intensità dei rapporti, la centralità del ricordo («Se la memoria è un luogo, o forse/ un tempo, può essere una sera/ di confluenze, o di invasioni e battere/ alle porte» p.70), la fedeltà alla parola, al suo valore testimoniale: «Di silenzio in silenzio ora s’accampano/ ma non di rado s’aprono un varco/ tra le parole, forzano le chiuse/ del pensiero e dilagano.» (p.20). La neve, come emblema o metafora, ricorre in tutta l’opera dell’autore, basti pensare a un titolo: La ‘ddore de la neve (2006). L’omonima La nève, una plaquette edita dalla storica Carabba di Lanciano, è una suite di 15 testi accompagnati dai disegni del figlio Lucio, e scritta con ogni probabilità contemporaneamente all’ultima sezione de’ La distanza. In entrambi i testi la neve si fa correlativo oggettivo della purezza e del rigore. Parimenti, ha valenza di cronotopo: una regressione all’infanzia, culla memoriale e morale; ma pure alla lingua dell’oralità: nei due libri, laddove il tema è la neve, la parola si espande, si distende, assume tonalità medie, recupera morbidezza di sonorità domestiche, come negli addensamenti di particelle pronominali che attestano il ricorso al parlato: «Dirai nevica, nevica ripeterai/ di stanza in stanza, ma guarda/ come s’è messo a nevicare, o/ sta nevicando, sì, nevica proprio./ Ti devi preparare, farti/ trovare pronto al primo fiocco/ che non uno ne sfugga/ al tuo dirla e ripeterla la neve/ così che sia vera come/ non era più da tanto».

Testi

Tre file
(da: La cajola d’ore)

Ci sta nu file chiare all’orizzonne
ma ‘ccuscì chiare e lente, stammatine,
‘ccuscì bbianche ca pare si cunfonne
ciele e muntagne, senza cchiù cunfine.

Nu file di ricorde, assopr’a quelle,
si sturcine e s’areturcine, strette
a na fenestr’aperte, a n’ora bbelle
di chi sa quande, ch’arenasce ‘m pette.

Nu tette a n’atru tette e a n’atre stenne
nu fume lente che s’unisce e pije
la vie de lu ciele; e va tremenne
pecché è nu file de malincunie.

Tre file
Ci sta in cielo un filo chiaro all’orizzonte / ma così chiaro e lento, stamattina, / così bianco che pare si confondano cielo e montagne, senza più confini. // Un filo del ricordo, sopra a quello, si svolge e si riavvolge, stretto / ad una finestra aperta, a un’ora bella / di chi sa quando, che rinasce in petto. // Un tetto ad un altro tetto e ad un altro stende / un fumo lento che si unisce e piglia / la via del cielo; e va tremando / perché è un filo di malinconia.
(Traduzione di Nicola Fiorentino).

*

(da: L’ùtema lune)

Resentì’ a trezzecàrese lu vetre
a la fenestre a notta fonne e dìrese:
lu sfrusce de la neve! gna pô èsse’?
dope la stellijàte de iersere
chi ce puté penzà’… E a notta fonne
gna le vedisse tutte chelu bbianche
appen’arrét’a la persiane, e méttese
a sta’ a sentì’ ca lu relogge sône
pe chi sa quala cchiù ore de notte.
Chelu sône quarchiate, chelu sône
che se fa resentì’ ma come quande
già se n’avesse ite a lu sprufonne.

Risentire scuotersi il vetro / alla finestra, a notte fonda, / e dirsi: il fruscio della neve! come può essere? / dopo la stelleggiata di ieri sera / chi poteva pensarci… E a notte fonda / come se lo vedessi tutto quel bianco / appena dietro le persiane, e mettersi / a stare a sentire che l’orologio suoni / per chissà più quale ora di notte. / Quel suono ottuso, quel suono / che si fa risentire ma come se / già se ne fosse andato a inabissarsi.
(Traduzione dell’autore)

La ‘ddòre de la neve [1]

Ma che vo nengue’ cchiù, dope natale
Capedanne e la pasqua ‘pefanìje
Le ‘mmèrne se nn’è ite, e se da marze
Te pu ‘spettà ne revulture, quanta
Po durà? Na nenguiccijàte, n’onze
De bbianche na matine e già nu vente
Sbarejèje le nuvele e lu ciele
S’a-àpre. Quesse è tutte. Vide a cché
Mo s’è redòtte na ‘mmernate, tante
A ‘spettàrele e po’ nijènte. Gne
St’uteme tempe cionche che te lande
Ugne jorne nu pese ‘m-pètte, nnòdee
Che ‘n s’asciòje, vulìje de nen si
Che ccòse, vetre che s’appànne e tu
Che ce sti ritte ‘m-bacce, a ucchie apìrte.

Ma che vuol più nevicare, dopo natale / capodanno a la pasqua epifania / l’inverno se n’è andato, e sa da marzo / ti puoi attendere unarivoltura, quanto / può durare? Una nevischiata, un’oncia / di bianco una mattina e già un vento / fa svariare le nuvole e il cielo / si apre.. Questo è tutto. Vedi a che / s’è ridotta adesso un’invernata, tanto / ad attenderla e poi niente. Come / quest’ultimo tempo mutilo che ti lascia / ogni giorno un peso sul petto, nodo / che non si scioglie, voglia di non sai / che cosa, vetro che s’apanna e tu / che in piedi ci stai in faccia, a occhi aperti.

La ‘ddòre de la neve [2]

Nu spròvele de neve, che gne quande
Se vulè fa’ ‘ssentì’ t’à-resbejate
A notta fonne (e tu gne a na chiamàte
Si ìte a guardà’ ‘rrète a la persiane ),
te ve ‘spuppà’ le piante – te vo dice’ –
e le sacce ca tutte a-n’ome penze
sole ca è primavere.
Ma tu, almene tu me so’ penzàte
Ca me vulìve dice’ addìje, addìje
Pe’ na l’ùtema vote…
Nu spròvele de neve, ch’a duràte
Scì e no mezz’ore. I’, ‘mbacci-a lu vetre,
lu core a pizze le so’ viste a ìrsene.

Una spolverata di neve, che come / se ti si volesse far sentire t’ha svegliato / a notte fonda (e tu come ad una chaimata / sei andato a gurdare dietro la persiana), / viene a darti il saluto: è marzo, / già le piante germogliano – ti vuole dire – / e lo so che tutti pensano / solo ch’è primavera: / ma tu, almeno tu ho creduto / che mi volessi dire addio, addio / per un’ultima volta… / Una spolverata di neve, ch’è durata / sì e no mezz’ora. Io, la faccia sul vetro, / con il cuore a pezzi l’ho vista andarsene.

La ‘ddòre de la neve [3]

Le rènele, le rènele… Na bbòtte
‘m-pette a vedé’ ch’a-remenùte, a dìrete
ca la staggiòne ch’òme dice bbèlle
à già ‘rrevate. A nu mumente tutte
quelle che t’avé fatte cumpagnìe
pe’ na mmernàte, ciele chiuse e bbianche,
foche de fuculare e guarda’ fore
ugne tante a vedé’ se vulé nengue’,
duvente cose che se n’a-repàrle
chi sa quande. N’ha da passà de tempe.
E chi s’a-fide cchiù a vussà’ le jurne
De la coste de magge, e po’ l’estate,
lu sole che nen cale maje, lu calle,
la luce che s’a-àpre e se spalanche
sopr’s tutte la terre com’a dice’:
ma ne le vide quant’è bbèlle, e tu
l’hi da landà… Le rènele, le rènele
gna fa a sapé’ che ccose te se porte…

Le rondini, le rondini… Un colpo / al cuore vedere che sono tornate, a dirti / che la stagione che dicono bella / è già arrivata. In un momento tutto / ciò che ti aveva fatto compagnia / durante l’inverno, cielo chiuso e bianco, / fuoco di camino e guardar fuori / ogni tanto per vedere se volesse nevicare, / diventano cose di cui si riparlerà / chissà quando. Ne dovrà passare di tempo. / E chi ce la fa più a spingere i giorni / della salita di maggio, e poi l’estate, / il sole che non tramonta mai, il caldo, / la luce che si apre e si spalanca / sopra tutta la terra come a dire: / ma non lo vedi quant’è bella, e tu / la devi lasciare… Le rondin, le rondini / come fanno a sapere che cosa ti si portano via.

La ‘ddòre de la neve [4]

Nen ce sta cchiù nesciùne, s’è sciambàte
Case e quartère, l’angele de ddìje
Ha segnate le porte a une a une
E chi nen ce s’è morte se n’è ite.
Fa paure ssu passe c’aresòne
a-bbàlle pe’ le ruve:
gna t’è menùte ‘mmènte? T’arevùte
a vedé’ chi ce sta, chi te ve ‘pprèsse:
ma chi po èsse, se ‘n ce sta nesciùne?
Chi te vulesse arevedé’ ‘n po ‘pri’
Cchiù la fenestre e nen te cchiù la voce
Chi te chiamé da llòche sopre.
E tu
Gna ce pu mette’ mane a reppiccià’
Na sperelle de vite
‘mmèzz’a tutte sta morte…

Non c’è più nessuno, si sono vuotati / case e quartiere, l’angelo di dio / ha segnato le porte ad una ad una / e chi non ci è morto se n’è andato. / Fa paura codesto passo che risuona / giù per i vicoli: / come t’è venuto in mente ? Ti volti / per vedere chi c’è, chi ti viene dietro: / ma chi può essere, se non c’è nessuno? / Chi vorrebbe rivederti non può più aprire / la finestra e non ha più la voce / chi ti chiamava da lassù. / E tu / come puoi metterci mano a riaccendere / un lumicino di vita / in mezzo a tutta questa morte…

(I testi di Giuseppe Rosato sono tratti da qui…)

***

Annunci

7 pensieri riguardo “Repertorio delle voci (XXI)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.