Il domatore di canzoni

Vincenzo Mastropirro

La lingua di Vincenzo Mastropirro

So viste accide le murte, questa ridondanza semantica rende bene il valore della poesia dialettale di Vincenzo Mastropirro. Sènza facce sìenze/ sènza sanghe/ sènza recurde/ sènza vausce/ sènza nudde// Nudde meninne mèi (senza faccia senza/ senza sangue/ senza ricordi/ senza voce/ senza niente// Niente bambino mio). Libera tanto dalla “globalizzazione dei linguaggi poetici”, quanto dalla “specializzazione” delle lingue nazionali, il linguaggio poetico si dispiega nel vuoto pneumatico della libertà. La poesia dialettale, infatti, non è appesantita dalle questioni ideologiche del Secolo Breve, né risente delle velleità sperimentali di tanta poesia moderna in italiano. Si presenta con i tratti di un Passato, senza tempo e senza spazio. Invade la zona franca della lingua parlata, ma con una più spiccata forza di rappresentazione.
Nan è importande/ cume te giudechene l’alte/ ma cume te giudeche tiue.// Mò u timbe/ è devendòte etìerne/ e trattène u fridde de na panchina vacande (Non è importante/ come ti giudicano gli altri/ ma come ti giudichi tu.// Ora il tempo/ è diventato eterno/ e trattiene il freddo di una panchina vuota). Critici molto attenti a spiegarne l’attuale fortuna la collocano nella dignitosa regione dell’antimoderno. Ed invece di postmoderno si dovrebbe parlare, nel suo essere sospesa nell’aria del linguaggio puro, priva delle zavorre di ogni struttura, potente nella sua capacità di stabilire un legame univoco tra significante e significato, assolutamente priva di qualsiasi altro rimando se non quello del loro ricchissimo dialogo. U timbe è miute. M’appartène./ Ne parle cu calme. Apre u quadìerne/ e lèsce de taiche, de niue, de tutte chire senza spèranze.// Dècide de mangiàmme re parole cchjù amòre pe po’ scquetò fuche (Il tempo è muto. Mi appartiene./ Ne parlo con calma./ Apro il quaderno e leggo di te, di noi, di tutti quelli che disperano.// Decido di ingoiare le parole più amare per poi sputare fuoco).
Anche la poesia dialettale di Mastropirro riesce a collocarsi fuori dal tempo reale e a staccarsi da un luogo definito, plastica e metafisica, ri-crea segni e contenuti archetipi, insieme arcaici e “bambini”. Essa possiede lo stesso spessore icastico delle maschere apotropaiche che ancora oggi adornano muri e balconi della nostra Puglia petrosa. Queste non svolgono più l’originaria funzione di esorcizzare demoni e allontanare energie negative; non separano più il mondo dei vivi da quello dei morti, ma riconducono la nostra liquida quotidianità dentro il seno denso della memoria e della tradizione. La lingua “ruvese” riallaccia la vita alle sue fonti energetiche originarie, con ironia e commozione, lontano da intenti etnografici o diletti popolareschi. Oscilla, al minimo, tra la forza del grammelot, e, nei punti più alti, la potenza di una neo-lingua.
Vincenzo Mastropirro è un domatore di canzoni (U domatore de canzòne). Prima di essere poeta, egli è un musicista. Ecco perché i suoi versi poetici andrebbero ascoltati, e senza bisogno di traduzione. Se ne coglierebbe subito la prima qualità, l’essere tridimensionali, sonori, appunto. E’ dunque una poesia plurisensoriale, prima e al di là di ogni riflessione linguistica e semantica sull’uso del dialetto. Acchessèi nasce/ u sune de l’aneme./ M’assòlve pe chere ca so/ e nan dèiche ‘cchjù nudde./ U gedizìe spètte a viue (Così nasce/ il suono dell’anima./ Mi assolvo per quel che sono/ e non dico più niente./ Il giudizio spetta a voi). (Pasquale Vitagliano)

Il mio dialetto

Scrivo poesie in dialetto perché mi è capitato.
Sono un musicista che ama molto la poesia soprattutto quella contemporanea.
Ho esordito nella scrittura da “adulto” e, quasi in punta di piedi, ho provato a dare un senso ai miei pensieri, in maniera parossistica posso dire che “camminavo Nudosceno”.
“Nudosceno” pubblicato da LietoColle nel 2007 appunto, è stato ed è tutt’ora il mio impegno personale per abbattere molte delle ipocrisie, convenzioni e banalità che affiorano troppo spesso nel nostro Vivere. Un mettersi a nudo al di là delle falsità della nostra società che talvolta brucia, sovrascrive, cancella, rimuove l’ideale della Poesia stessa.
Quasi contemporaneamente scrivevo versi in dialetto di Ruvo di Puglia, il mio paese in provincia di Bari, e sentivo scrivendo che le immagini e il versificare era più immediato, più diretto, più forte. Mi sono detto: “è straordinario che la mia lingua mi faccia dire così tante cose in pochi versi, con parole precise e uniche nel loro significato”. Così ho continuato a scrivere in Ruvese scoprendo che se da una parte il dialetto lo avevo nel sangue dall’altra acquisirne la consapevolezza mi ha portato a rivolgermi alla poesia dialettale con maggiore interesse.
Il dialetto per quanto mi riguarda è qualcosa di “concreto” è fatto di immagini immediate, che si susseguono in modo più deciso, più colorato di quando scrivo in italiano. Pensiero non solo mio, ma condiviso dai grandi maestri della letteratura italiana, basti pensare a Verga e il suo siciliano, ma anche Svevo e con il triestino, Tozzi il suo toscano popolare, e ancora Pavese, Scotellaro, Pasolini e tanti altri. Ne traggo quindi che il valore della poesia in dialetto è certamente un potente arricchimento culturale, e parlo a livello generale. È la “forza” che sfocia nella lingua parlata, con tutta l’irruenza di una rapida che diventa cascata dentro l’energia, il turbine e la forza del proprio rapporto con le cose.
Vorrei chiudere questo mio breve inciso con le parole del poeta lucano Albino Pierro: “Quello di Tursi, il mio paese in provincia di Matera, era una delle tante parlate destinate a scomparire. Ho dovuto cercare il modo di fissare sulla carta i suoni della mia gente.” Ora basta cambiare Tursi con Ruvo di Puglia e “u sciuche è fatte…” il gioco è fatto!! Naturalmente considerando la distanza che corre tra il grande Poeta lucano e il… poemusico che sono e amo definirmi. (Vincenzo Mastropirro)

U DOMATORE DE CANZÒNE
(IL DOMATORE DI CANZONI)

Tratto da:
AA. VV., Guardando per terra
Voci della poesia contemporanea in dialetto
A cura di Piero Marelli
Faloppio (CO), LietoColle Libri, 2011

(Poesie inedite nel dialetto parlato
a Ruvo di Puglia, in provincia di Bari)

Note per la lettura
La e senza accento si legge alla francese cioè muta.
La e congiunzione si legge.
Le è con gli accenti si leggono.
Il dittongo ìé si legge così com’è.

Nan’ so brave cume a taiche.

M’acchje ogn’e dèi
ind’ a nu locole zezziuse e nan’ sacce pelzò
nan’ sacce usò la scàupe e u brescekòne cume fè tiue.

Revatte a sgrassò le piatte
ma nan’ le sacce lavò.

Ténghe re mone ciuònghe
nan’ sacce trattenèi le piatte
ma sacce ròmbe le tammurre cu tande de chèra foghe
fin’a fatte zembò u core
cu ‘na museca potìénde,‘na museche c’affùonne.

Non sono bravo quanto te.
Mi sorprendo ogni giorno / in un locale sporco e non so pulire / non so usare la scopa e lo spazzolone come fai tu. // Mi sorprendo a lavare i piatti / ma non li so lavare. // Ho le mani monche / non so trattenere i piatti / ma so rompere i tamburi con tanta di quella foga / fino a farti esplodere il cuore / con una musica tonante, una musica che affonda.

*

Re mélodì sospèse
de le vère musiciste
ònne la possebeletò
de candò au massime
pe fò ‘mbazzì la ‘ggìénde
fin’a fatte arrezzò re carne.

Acchessèi nasce
u sune de l’aneme.

M’assòlve pe chère ca sò
e nan dèiche ‘cchjù nudde.

U gedizìe spètte a viue.

Le melodie sospese / dei veri musicisti / hanno la possibilità / di cantare al massimo / per far impazzire la gente / fino a provocare la pelle d’oca. // Così nasce / il suono dell’anima. // Mi assolvo per quel che sono / e non dico più niente. // Il giudizio spetta a voi.

m’innammoro e faccio l’amore

Sckèife
Fazze sckèife
Te fazze sckèife?

nan créde
è cume manesciò
re mille fìémene ca nan so mè avìute

la délusiòne stè assàlìute ind’u timbe
pe chère ca sacce è tròppe picche

e allore cande rèire e abbàlle
pe scurdamme chère ca velaje ìésse e nan so mè stote.

m’innammoro e faccio l’amore
Ribrezzo / Faccio ribrezzo / Ti faccio ribrezzo? // no davvero / è come manipolare / le mille donne che non ho mai avuto // la delusione consiste solo nel tempo / per quanto ne so è troppo breve // e allora canto rido e ballo / per dimenticare quello che volevo essere e non sono mai stato.

*

U corse du piacère
è lunghe fin-a-dà
ma s’arrotondàisce e bàste.

Ce scuvrèime qualch-è-càuse
sùbete acchiòme l’uteletò
nan’ se scìétte nudde

cume cu le purce

difatte u zampòne è ‘bbune
tande quande u fìéghete.

U natòle mène, u sapene tutte
nu pèse sope u sùomeche.

Il corso del piacere / è lungo fin là / ma si arrotonda e basta. // Se si scopre qualcosa / subito intravediamo l’utile / non si butta via nulla // come con i maiali // infatti lo zampone è buono / tanto quanto il fegato. // Il natale meno, lo sanno tutti / un peso sullo stomaco.

*

U timbe è miute. M’appartène.
Ne parle cu calme. Apre u quadìérne
e lèsce de tàiche, de niue, de tutte chire senza spérànze.

Décìde de mangiàmme re parole cchjù amòre pe po’ scquetò fuche.

Le fatte, spisse, nan’ sò acchessì cume pàrene
ma me castràisce e a-re mìéghje code ‘ndìérre
sbatte cume nu cunighje pazze
e sacce ca nan’ pozze cchjù parlò.

Il tempo è muto. Mi appartiene / Ne parlo con calma. Apro il quaderno / e leggo di te, di noi, di tutti quelli che disperano. // Decido di ingoiare le parole più amare per poi sputare fuoco. // I fatti, spesso, non sono così come sembrano / ma mi castro e al momento migliore cado a terra / sbatto come un coniglio pazzo / e so che non posso più parlare.

*

Vultete e nan’ guardò.

Vò, scappe lendòne
e arrive addò vu tiue senz’arrénnete mè
arrecurdete però, scappe sìembe sénza fermatte.

Nan’ è importànde
cume te giudechene l’alte
ma cume te giudeche tiue.

Mò u timbe
è devendòte etìérne
e trattène u fridde de na panchina vacànde.

Voltati e non guardare. // Vai, corri lontano / e arriva dove vuoi senza arrenderti mai / rammenta, corri sempre senza fermarti mai. // Non è importante / come ti giudicano gli altri / ma come ti giudichi tu. // Ora il tempo / è diventato eterno / e trattiene il freddo di una panchina vuota.

*

Si pratecòte
la vèi de-l’immaginazine
cangéllànne la gestìzie.

Destèine bastarde!

Giuste nan’ so
ma tènghe u deritte de sapaje
scavote tande, scuvirte nudde.

Hai praticato / la via dell’immaginazione / cancellando la giustizia. // Destino bastardo! // Giusto non sono / ma ho diritto di sapere / scavato tanto, scovato niente.

*

So viste accide le murte
u bisture taghje e còpe
nan’ si tiue ca te si capòte la vèite
nesciune te velàje e si veniute

mo stè ‘ddà ca dè
‘nanze au camese bianche dè

la camere è vacande
tutt’atturne nudde
nesciune e nudde sì
nesciune sì

sènza naume sì
sènza vèite

ci t’arròbbe la carne
lasse u sulche
affunne e sènza tracce

t’ùonne sfréggiòte cu tagghje

sènza facce sìénze
sènza sanghe
sènza recurde
sènza vàusce
sènza nudde

Nudde, meninne mèi

Ho visto uccidere i morti / il bisturi taglia e sceglie / non sei tu che hai scelto la vita / nessuno ti voleva e sei venuto // ora sei lì che offri / davanti al camice bianco offri // la stanza è vuota / tutt’intorno niente / nessuno e niente sei / nessuno sei // senza nome sei / senza vita // chi ti ruba la carne / lascia il solco / profondo e senza traccia // ti hanno sfregiato col taglio / senza faccia senza / senza sangue / senza ricordi / senza voce / senza niente // Niente, bambino mio

Testi inediti

U zappatàure ca sckìute ind-u palme
appartène au Sud, terre de Scotellare
è l’umede ca smezzecuàisce u delaure de la zappe
ca nan esiste ‘cchìue

ma avaia stò
cume avaia cambò u Poète
scappòte cu-nu-nudde dalla terra d’origene
oramaie sparescìute sotte u accumele de le penzìre siue.

Il contadino che sputa nel palmo / appartiene al Sud, terra di Scotellaro / è l’umido che attenua il dolore della zappa / che più non esiste // ma avrebbe dovuto esserci / come avrebbe dovuto vivere il Poeta / strappato in fretta dalla terra d’origine / ormai inghiottito sotto il cumulo dei suoi pensieri.

*

a Gino Tarricone

So canesciute
‘nu ùomene ca ere cume ‘nu meninne
e ‘nu meninne ca ere cume ‘nu ùomene.

De parlò naz-ne parlaie
ma sendàie tutte-e-tutte
sènza do mè gedizie.

Te guardàie e pegghiaie appunde
pe po’ presendatte u cunde

e quanne nan-ne petaie cchiue
faciaie ‘na fotografèie e deciaie:
“acchiaminde bbune e statte citte”.

a Gino Tarricone
Ho conosciuto /un uomo che era come un bambino / e un bambino che era come un uomo. // Di parlare non se ne parlava / ma sentiva tutto e tutti / senza dare mai giudizi. // Ti guardava e prendeva appunti / per poi presentarti il conto // e quando non ne poteva più / faceva una fotografia e diceva: / ”guarda bene e statti zitto”.

__________________________
Vincenzo Mastropirro è di Ruvo di Puglia (Ba), nato nel 1960, vive a Bitonto (Ba), affonda nelle contraddizioni della vita e le traduce in musica e poesia da un osservatorio molto speciale….’ddo ‘bbasce ovvero il Sud.

Flautista, compositore, autore di poesie, didatta, personalità eclettica e poliedrica, ha collaborato con i poeti Alda Merini, Vittorino Curci e Anna Maria Farabbi componendo musiche su loro liriche, così che “… lavorando con la parola ho finito per scriverla”.
Ha suonato per importanti teatri e sale concertistiche in Italia e all’estero ed ha inciso diversi CD col Trio Giuliani, Mastropirro Ermitage Ensemble e altre formazioni cimentandosi con un repertorio che va dal classico al contemporaneo, dalla contaminazione all’improvvisazione.

Per la poesia ha pubblicato:
Nudosceno, Faloppio (CO), LietoColle Libri, 2007.
Tretippe e Martidde (questo e quest’altro), nel dialetto di Ruvo, Roma, Perrone lab, 2009.
– AA.VV., Pugliamondo, Edizioni Accademia terra d’Otranto – Neobar, 2010.

Ha vinto alcuni premi letterari nazionali e compare in varie antologie, riviste e blog letterari.

Per musica e poesia ha pubblicato:
MASTROPIRRO ERMITAGE ENSEMBLE

*1999 BALLATE su liriche di Alda Merini (CD – PHOENIX CLASSICS)
*2003 MATER DOLOROSA (CD – EMMESSEGI)
*2007 DOPO MOLTO DI TE con liriche di Giampiero Gelmi (CD – LIETOCOLLE)
*2007 SONGS su liriche di Vittorino Curci (CD – TERRE SOMMERSE)
*2010 LA BAMBINA CIECA E LA ROSA SONORA (Libro/CD/DVD – LIETOCOLLE)

Sito internet www.vincenzomastropirro.it
__________________________

***

Annunci

18 pensieri riguardo “Il domatore di canzoni”

  1. gioiosa e amara, la poesia di Vincenzo arriva sempre con una grande carica prorompente – tra cent’anni a Ruvo gli dedicheranno scuole e piazze ;-)

  2. ringrazio Francesco che ancora una volta mi ha dato spazio sul suo blog letterario con il libro collettivo Guardando per terra a cura di Marelli (vi ricordo che al libro è anche allegato un CD li letture di tutti gli autori e musiche curate da me in una Sinfonia di suoni e parole avvolgente.
    …poi dico ad Abele di non esagerare e che al massimo mi sarà dedicato il sottoscala del condominio di casa mia (che tra l’altro è casa singola) abbraccio

  3. poemusico o musipoeta, Vincenzo si offre sempre limpido e denso in entrambe le arti, e chi lo avvicina non può che sentire le note di umanità e schiettezza che trasmette nella sua lingua sorgiva , così come nella sua musica. un affettuoso saluto,
    annamaria ferramosca

  4. annamaria la mia “doppia circolazione sanguigna” (come anni fa disse di me anna maria farabbi) mi permette di fare musica e poesia. ora tu mi dici “schietto limpido denso e pieno di umanità” quindi solo grazie
    abbraccio
    v

  5. Non sappiamo dell’equilibrio che corre tra zuccherino e frusta, ma la bravura di un domatore sta nei risultati che ottiene con le proprie bestie. Un testo per punire un pensiero un’altro per addolcirlo un altro ancora per dire: “silenzio! Ascolta me adesso!”. Personalmente ammiro molto chiunque riesca a calarsi in realtà differenti, segno dell’evidenza versatile del proprio “io”…

  6. Interessante anche il titolo!! Dominatore dell’indomabile: la parola! (o suono che sia). Colui che doma, ciò che è nato per essere libero! Vincenzo…se ci riesci….eccome se ti intitoleranno scuole e piazze!!! Molto belle queste ultime, davvero!!

  7. Una curiosità: ma la foto è stata scelta ad hoc oppure è un caso puramente dicotomico?????!!!!!!! Il DOMATORE e la MOLLETTA: l’arte eletta che sfida il più insignificante degli “attrezzi” di noi faccendiere!! Ovviamente è una piccola provocazione che vale solo far sorridere gli amici :-)

    Serena

  8. @serena anche la MOLLETTA addomestica i panni stesi al vento fino a farli asciugare per poi ritirarli in buon ordine.
    il Domatore di canzoni cerca di addomesticare parole e suoni per l’arena di anime inquiete.
    ci provo almeno
    v

  9. Delle poesie di Vincenzo Mastropirro, scritte nella lingua di “attanème” (mio padre), il dialetto di Ruvo di Puglia, mi piace esplorare il fondale di “schmeichl un trern”, sorrisi e lacrime – e l’yiddish mi viene in soccorso qui – davanti al quale si esibisce l’esistenza.
    Come nel binomio yiddish, sorrisi e lacrime sono inseparabili, anzi la risata fragorosa affianca, con un’armonia paradossale, il rimpianto, la tristezza per l’assenza, l’amara constatazione di una perdita senza ritorno. Un saluto riconoscente.

  10. L’aspra bellezza della poesia sanguigna di Vincenzo Mastropirro è un dono autentico e raro nel panorama della poesia italiana, qui mente, ventre e mano, in perfetta coerenza espressiva e esplosiva suonano la sinfonia del foglio bianco, allineandosi. Luce onirica di passi, passaggi “sud-ati”, accensioni viscerali di bestemmie santissime, i versi sono personaggi di confine che entrano in parola come in una piazza strapiena di folle folli dove per un attimo un incanto…

  11. Bella..”LA MOLLETTA “…. Che addomestica i panni….
    si evitano le pieghe…
    Se si potesse mettere anche all’anima…quelle sono più difficili da stirare.

  12. visto la “molletta” ?! genera anche il commento sul commento!! Insomma Vincenzo, forse non ti è abbastanza chiaro ma: puoi scriviere cosa ti pare, quando ti pare, come ti pare…tanto noi, ti seguiamo ovunque!!! Se voui…possiamo addirittura stenderci noi sopra a quel filo… prima che secchiamo al sole, speriamo che qualcuno ci distenda!! ahahaha…..Adesso basta, anzi mi dispiace, con la MOLLETTA ho distolto l’attenzione dalla tua poesia! Che sciocchezze a parte…è veramente degna di nota!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.