Quaderni delle Officine (XXVII)

Quaderni delle Officine
XXVII. Luglio 2012

quaderno part_ b_n

Giuseppe Zuccarino

______________________________
Il Libro, il mimo, il dono (2012)
______________________________

 

***

Annunci

2 pensieri riguardo “Quaderni delle Officine (XXVII)”

  1. I “bianchi” disseminanti che disseminano “i neri” (gli inchiostri che lasciano i segni) e che, a differenza di questi ultimi che possono “interpretare” un’imitazione ed essere imitati, non subiscono l’imitazione, rimandando a qualcosa che è ma vacante, senza limite,

    “in absentia”,

    come “ i giochi di senso che Derrida coglie” sui testi di Mallarmé, indipendentemente dai “neri” nella testa e nella scrittura di quest’ultimo («Ciò che è potuto accadere nella testa di Mallarmé, nella sua coscienza o nel suo inconscio, qui non ci interessa»)- I “bianchi” dunque provocano“i neri” che vanno così ad accadere e a finire su un foglio, così come, al contrario, la parte mancante della frase (lasciata “ bruscamente a metà”) crea un “ protrarsi all’infinito” della scrittura.

    C’è moltissimo in questo ottimo saggio e certo moltissimo perdo e mi perdo, perciò senz’altro “i bianchi” disseminano anche la mia lettura,
    e tuttavia, a parte l’interessante notazione della modalità che Derrida attua “quando si tratta di interrogare il corpus di un autore” , cioè quella di ritenere che in taluni casi siano i testi cosiddetti minori “a consentire l’apertura di una via d’accesso
    diversa e originale all’opera studiata” e il fatto che in questa interrogazione valga la pena far “lavorare le particelle” disarticolando le parole,
    a parte questo, osservo quanto sia nitido e vivo e capace di esserlo grazie alla bravura di G.Z.
    Ah, giuro ultima cosa, la puntualità del titolo
    che fra l’altro banalmente (e un po’ come mio solito in azzardo :)) mi fa accostare il bianco-nero delle pagine al bianco-nero utilizzato sovente dal trucco e dalla vestizione del mimo (pierrot per es.) e al fatto che del dono non si guarda il nero, il pieno (nn si dovrebbe guardare il contenuto – la bocca del caval donato per intenderci)

    Un grande grazie. dato che è ricchissimo, un grande grazie anche a Francesco!
    ciao

  2. ops. in effetti dire grande grazie perché ricchissimo mi fa apparire interessata :)

    Bon, nella mia dispersione dimenticavo altri passaggi però particolarmente:
    quella del Libro con i capitoli mallarmeani (?) lasciati anonimi, del “libro in gioco” e del “Fuori libro”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.