I fiori del male

Charles Baudelaire

Charles Baudelaire
Francesca Del Moro

Sono passati cinque anni da quando ho terminato la mia traduzione dei Fiori del male, ultimo atto del dottorato di ricerca in Scienza della Traduzione. Solo ora, riprendendola in mano per apportare gli ultimi ritocchi, mi sono resa conto di quanto questo lavoro abbia influenzato la mia poesia. Di quanto la voce di Baudelaire continui a suggerirmi le parole. Eppure ho da tempo smesso di passare le notti a combattere con le rime e le misure dei versi, ad arrabbiarmi contro qualche parola capricciosa, o con qualche bellissima espressione cui non riuscivo proprio a rendere giustizia nella traduzione italiana. Quei “Fiori malaticci”, le immagini delicate o potenti, i racconti epici o quotidiani, il linguaggio dolce o aspro, le scene grandiose o raccapriccianti che si alternano nel “libro” di Baudelaire, sono rimasti piantati dentro di me. Continua a leggere I fiori del male

Annunci