La morte del corniciaio

la-vecchia-stanza-di-pietra-con-cornici-in-legno-in-stile-vittoriano

Andrea Pomella

La morte del corniciaio

Sulla serranda è scritto “Chiuso per lutto”. Torno a casa camminando mano nella mano con mio figlio. Svoltiamo l’angolo e c’è il portiere che confabula con una signora: “Ci ho parlato stamattina, non è morto di vecchiaia”. Il portiere ci tiene a precisarlo, non è la vecchiaia che ha ucciso il corniciaio, è un’altra cosa, anche se aveva ottant’anni e passa, non si può dare un indirizzo generico alla morte. O sarà che anche il portiere si avvia ineluttabilmente a quell’età che magari muori all’improvviso e la gente dice che sei morto di vecchiaia perché non ha la pazienza di trovare una causa alla tua morte, cosicché la vecchiaia, essendo di per sé una cosa già tanto brutta, la si rende colpevole di ogni nefandezza. Continua a leggere La morte del corniciaio

Annunci