Letteratura Necessaria – Bologna in lettere

collage 2

Il Festival “Bologna in lettere” non nasce dal nulla. È anzi la diretta e consequenziale prosecuzione di un progetto di aggregazione letteraria denominato “Letteratura Necessaria”, ideato da Enzo Campi e inaugurato a Bologna nel novembre 2011 con l’Azione N° 0. Tutti gli eventi sinora realizzati sono denominati “azioni” e sono numerati progressivamente. Da novembre del 2011 a maggio del 2013 hanno preso vita e forma 35 azioni che hanno toccato diverse località del territorio nazionale (Bologna, Parma, Reggio Emilia, Cesena, Modena, Roma, Capua, Caserta, SassoMarconi, Pesaro, Torino, Milano, Verona, Mantova, ecc.).

Lo scopo del progetto è essenzialmente quello di far CIRCOLARE i libri e le cosiddette “risorse umane” creando dei momenti di aggregazione, scambio e confronto che possano abbattere qualsiasi tipo di divisione ideologica, stilistica, editoriale, di mercato, ecc., mettendo in comunicazione tra loro diverse e svariate realtà che operano nel settore o che sono impegnate in tal senso.

“Letteratura necessaria” è un progetto che vuole rendersi pratico, concreto e tangibile. Si tratta di far sì che la necessità di mettersi in gioco in prima persona diventi l’aspetto preponderante della diffusione della letteratura come atto corporeo, politico e aggregativo.

Il progetto è diviso in varie fasi, tra loro interagenti, e si sviluppa attraverso diverse modalità di veicolazione della “cosa” letteraria. Oltre alle semplici letture, ai reading cosiddetti “regolari”, agli incontri tematici o di approfondimento critico, il progetto mette al lavoro anche eventi ad impronta performativa o con impostazione chiaramente multimediale che variano, di volta in volta, a seconda delle predisposizioni dei singoli autori e della strutturazione degli spazi che ospitano le azioni. Nel corso del tempo, il progetto si è caratterizzato creando delle specifiche modalità di veicolazione, tra cui ricordiamo almeno “Il Baratto” (abbattimento dell’autoreferenzialità, interscambio dei testi, riproposizione di testi e autori “storici” o dimenticati), “Babel” (con letture plurilingue e traduzioni realizzate anche per l’occasione), “Critica differita” (la messa in presenza dell’assente attraverso contributi fonici, visivi o attraverso collegamenti in video-conferenza). Da settembre in poi si concretizzerà anche il progetto denominato “Paraboliche dell’ultimo giorno” dedicato a Emilio Villa (nel 2013 ricorre il decennale della scomparsa e nel 2014 il centennale della nascita), che ha già visto la realizzazione di una serie di step di avvicinamento nel corso delle ultime azioni, con letture, recital, performance e approfondimenti critici, e che culminerà con la realizzazione di un’antologia e con una serie di eventi pensati e realizzati per l’occasione, che coinvolgeranno un nutrito numero di autori, critici, lettori, attori e che toccheranno, nel corso del 2013,  diverse città (Torino, Milano, Monza, Genova, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Verona, Pesaro, Firenze, Roma, Napoli, Caserta). Con l’inizio del 2014 è prevista anche la realizzazione di un’antologia specifica del progetto, con contributi di una parte degli autori finora coinvolti e dei critici che hanno collaborato attivamente alla diffusione e al consolidamento dell’iniziativa, allo scopo precipuo di certificare tangibilmente l’aspetto “fisico” e “concreto” del progetto e per dar voce a tutti quegli autori che si sentono parte del proprio tempo e che sentono il bisogno di riconoscersi, anche e soprattutto, in situazioni tematiche collettive a forte impatto sociale.

Tutto ciò rappresenta il punto di partenza, la base sulla quale si è edificato il progetto di “Bologna in lettere”, ovvero di un Festival, patrocinato dalla Provincia di Bologna, ma interamente autoprodotto, costruito sul volontariato dei gruppi e del comitato organizzativo, e con la collaborazione fattiva dei gestori degli spazi (scuole, librerie, giardini, bar, circoli, locali) che ospiteranno i singoli eventi. Il Festival, per quanto riguarda questa prima edizione, è concentrato in una sola giornata, e si svilupperà come una sorta di maratona non-stop dalle 10.00 alle 23.00, mettendo in opera tutte le modalità di veicolazione sopra elencate, mobilitando tutto il centro storico della città, e cercando di creare condivisione e aggregazione tra gli addetti ai lavori e i fruitori. Per far sì che tutti questi presupposti abbiano una loro verifica pratica, il programma è stato pensato e costruito come una sorta di contenitore ideale ove far confluire diverse e svariate modalità letterarie, artistiche, formali e concettuali. Dall’apertura alle scuole agli aperitivi performativi, dai pranzi letterari con “poeti alla carta” al coinvolgimento fattivo di buona parte delle librerie del centro storico (ognuna  con un evento specifico e tematizzato), dalle “free zone” dei giardini all’aperto fino al connubio tra poesia e musica che avverrà in chiusura di giornata.

Per consolidare l’idea “comunitaria” dell’evento si è pensato di favorire iniziative letterarie collettive. Per queste ragioni, oltre alla caratterizzazione sociale e ideologica di alcuni progetti, nel corso della giornata verranno presentate diverse antologie: “Il ricatto del pane” (Antologia sul mondo del lavoro), “Cuore di preda” (Poesie contro la violenza sulle donne), “100 mila poeti per il cambiamento” (Antologia dell’omonima manifestazione svoltasi a Bologna nel 2012), “Hyle – Selve di Poesia” (trasposizione scritta e visiva dell’omonimo evento svoltosi a Milano nel 2012), “Canto e demolizione” (Antologia di poeti spagnoli contemporanei), il numero 54 della rivista “Le Voci della Luna”, dedicata al sisma e a Roberto Roversi, e via dicendo.

*

Il festival si svilupperà in 21 spazi attivi, con 24 diversi eventi e la partecipazione di circa 150 autori nazionali e internazionali.

Progetto, concertazione e direzione artistica: Enzo Campi.

Gruppi organizzatori: Le Voci della Luna, Letteratura Necessaria, 100 Thousand Poets for Change-Bologna, qudulibri, Associazione ComPari, Collettivo Self Poetry, Memorie dal SottoSuono, Gruppo 77, FuZZ Studio, Gruppo 98 Poesia.

Comitato organizzatore: Pina Piccolo, Marinella Polidori, Patrizia Dughero, Loredana Magazzeni, Sergio Rotino, Vincenzo Bagnoli, Alessandro Dall’Olio, Francesca Del Moro, Alessandro Brusa, Martina Campi, Mario Sboarina, Agnese Leo, Jacopo Ninni, Rita Galbucci, Enea Roversi, Roberta Sireno, Gassid Babilonia, Anna Franceschini, Fabio Fanuzzi, Valentina Gaglione, Chiara Bernini, Vasily Biserov, Enzo Campi.

I luoghi:
Scuola Media Giuseppe Dozza, Via De Carolis 23
Libreria Trame, Via Goito 3
Tedofra Artgallery, Via delle Belle Arti 50
Libreria delle Moline, Via delle Moline 3
Spazio 100300 Café, Via Centotrecento 1/a
Libreria Ubik, Via Irnerio 27
Circolo Arci Guernelli, Via Gandusio 6
Lortica wine garden, Via Mascarella 26
Giardini di S. Leonardo
Trattoria Baraldi, Via del Pratello 40
Circolo Arci La Vereda, Via De’ Poeti 2/f
Arena Orfeonica, Via Broccaindosso 50
Giardini del Guasto
Bar dei Licei, Via Broccaindosso 69
IBS Bookshop, Via Rizzoli 18
Tarcaban Cafè , Via del Pratello 96/f
Giardini Margherita
L’altra Babele, Via Gandusio 10
Vino al Vino, Via S. Stefano 77
Libreria Igor, Via S. Petronio Vecchio 3

*

QUI il programma completo della manifestazione

*

QUI la pagina facebook dell’evento con aggiornamenti in tempo reale

*

QUI la mappa interattiva del Festival

9 pensieri su “Letteratura Necessaria – Bologna in lettere”

    1. nessuna pretesa. ci mancherebbe.
      “necessaria” per chi la reputa tale.
      “necessaria” sta per possibilità di sperimentare o, se preferisci, per sperimentare le varie possibilità.
      “necessaria” sta per poiein, per “fare”, per azioni al lavoro, per opera delle azioni (cfr, drama-ergon), per creare aggregazione e comunicazione, per produrre erranza, e via dicendo.

      grazie del commento!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...