Parabol(ich)e dell’ultimo giorno (II)

Emilio Villa, Sibylla Silvae

Nel 2013 ricorre il primo decennale dalla scomparsa di Emilio Villa (1914 –2003). Il collettivo di “Letteratura Necessaria” intende ricordare le opere di Emilio Villa attraverso una serie di iniziative che prenderanno vita e forma nei reading realizzati dal vivo e nella divulgazione (o nella riproposizione), in rete, di scritti e contributi critici e storiografici. Il progetto, denominato “Parabol(ich)e dell’ultimo giorno”, si è consolidato dal vivo con una serie di passi di avvicinamento, attraverso letture, recital e riflessioni critiche. Da settembre in poi il progetto prevede l’organizzazione di una serie di eventi che toccheranno le principali città italiane e la realizzazione di un’antologia con contributi critici e scritti “dedicati” curata da Enzo Campi.

L’antologia, che comprende anche una selezione di testi di Emilio Villa, sarà edita da Fabrizio Bianchi per Dot.Com Press – Le Voci della Luna (uscita prevista 15 settembre 2013) e comprende contributi di:

Daniele Bellomi,  Dome Bulfaro, Giovanni Campi, Biagio Cepollaro, Tiziana Cera Rosco, Andrea Cortellessa, Enrico De Lea, Gerardo de Stefano,  Marco Ercolani, Flavio Ermini, Ivan Fassio, Rita F.  Florit, Giovanna Frene, Gian Paolo Guerini, Gian Ruggero Manzoni, Francesco Marotta, Giorgio Moio, Silvia Molesini, Renata Morresi, Giulia Niccolai, Jacopo Ninni, Michele Ortore, Fabio Pedone, Daniele Poletti, Davide Racca, Daniele Ventre, Lello Voce, Giuseppe Zuccarino, Enzo Campi

Tra reading, performance, conferenze, videoproiezioni, seminari, installazioni, mostre, il progetto si svilupperà lungo tutto l’arco del 2014 (anno del centenario della nascita di Villa) e prevede il coinvolgimento, a vario titolo, di circa un centinaio di autori e artisti.

***

Primi eventi:

Anteprima Nazionale

Nell’ambito delle iniziative di Poesiafestival 13 – Unione Terre di Castelli
Sezione “Assonanze”
Domenica 22 settembre 2013
Biblioteca di Castelfranco Emilia (MO), Piazza della Liberazione 5 – ore 11.00

con:

Dome Bulfaro, Tiziana Cera Rosco, Martina Campi, Mario Sboarina,
Gian Paolo Guerini, Jacopo Ninni, Enzo Campi

*

Prima Nazionale

Nell’ambito delle iniziative della rassegna
Tu se sai dire, dillo (2013, II edizione) curata da Biagio Cepollaro
Galleria Ostrakon, Via Pastrengo 15, Milano

Venerdì 27 settembre ore 18.30

Presentazione del volume antologico
con:

Biagio Cepollaro, Fabrizio Bianchi, Enzo Campi

Venerdì 27 settembre ore 21.00

Omaggi creativi e critici ad Emilio Villa
con:

Enrico De Lea, Francesco Marotta, Jacopo Ninni,
Daniele Bellomi, Francesco Forlani, Dome Bulfaro, 
Tiziana Cera Rosco, Biagio Cepollaro, Enzo Campi

Sabato 28 settembre ore 18.30

“Villa visivo”
La me ga scrito III

video-reading di Dome Bulfaro
Da Le mûra di t;éb;è ai Trous

recital multimediale con:
Martina Campi, Francesca Del Moro, Mario Sboarina, Enzo Campi

Sabato 28 settembre ore 21.00

Frames e Poiesis III  (rassegna di video poesia)
a cura di Emanuele Magri e Biagio Cepollaro

Il programma della rassegna Tu se sai dire dillo
comprende inoltre

Mercoledì 2 ottobre
Laboratorio 1 Aprile, via Nicola d’Apulia 12
ore 17.30
Mentre il pianeta ruota.

Inaugurazione mostra di pittura di Biagio Cepollaro

ore 19.00
Conversazione su Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia, Il cammino
comune delle scienze e delle arti. A cura di Antonio Sparzani
Conversazione con l’autore.

ore 21.00
Conversazione su La fabbrica dell’uomo indebitato.
Saggio sulla condizione neoliberista di Maurizio Lazzarato
A cura di Giorgio Mascitelli e Pino Tripodi

Giovedì 3 ottobre

Libreria popolare di Via Tadino, via Tadino 18
ore 18.30
Giuliano Mesa e Biagio Cepollaro: una piccola fabbrica
A cura di Luigi Metropoli.

Biagio Cepollaro legge Giuliano Mesa

Sono stati invitati: Giusi Drago, Francesco Forlani, Paolo Giovannetti,
Andrea Inglese, Teresa Marino, Giorgio Mascitelli,
Davide Racca, Luigi Severi e Paolo Zublena

ore 21.00

Andrea Inglese performance con musicista Stefano delle Monache
Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato

***

Annunci

3 pensieri riguardo “Parabol(ich)e dell’ultimo giorno (II)”

  1. è una lama d’assenza che ci unisce

    Emilio Villa

    Consegna alla Sibylla il tuo oracolo non scritto,
    fa che l’Enigma resti inattuale e inappagato,
    procedi inesistente lungo la demarcazione orale
    perché dell’Uno non resti il Tutto, ma un Responso.

    E se di frenesia s’è nutrito il Labirinto avido
    dopo il pasto di specchi e d’onniscienze, immacolata
    è la rivolta d’un oggetto che nega alla bianca pagina
    d’essere simile alla sua distruzione inascoltata.

    Il mio Testamento fu ed è un Dedalo dove Pizie e Arpie
    reclamano dagli Ordini la mia dissipazione, e il Canto
    d’una parola che crocefissa manca un fine non spiegato
    o assenta il Fondamento che la genera e la nega sussistente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.