Una vita, tante vite

Salvador Dalì, Metamorfosi di Narciso, 1937

Antonio Scavone

Una vita, tante vite

     Non ho ancora deciso cosa mi abbia dato più fastidio: se il tornare in paese per delle questioni che potevano tranquillamente risolvere i miei genitori, oppure il tempo che inevitabilmente perderò con gli amici e i parenti che ho lasciato ormai da sei anni o, piuttosto, la caccia che amici e parenti mi daranno per scoprire un po’ più da vicino la mia strabiliante capacità di predire il futuro. Forse anche per questo, per sminuire la molestia che questo viaggio imprevisto mi ha procurato, sto tornando con l’autobus: il treno avrebbe sollecitato festosi gruppi di accoglienza sui binari e non sarei uscita indenne dai baci, gli abbracci e le richieste di premonizione o divinazione o chissà che altro. Continua a leggere Una vita, tante vite