Certi poeti insonni

Giovan Battista Mazzucco

Gianmarco Pinciroli

Giovan Battista Mazzucco

Guarda come piano piano
coloro che possiedono qualcosa
che non s’inquadra nell’ordine
prestabilito dal programma
una volta per tutte, guarda
come piano piano diminuiscano
di numero e di peso
e vengano coperti dal rumore
dei servi

Continua a leggere Certi poeti insonni

Don’t forget to remember, Memory

In fondo bastava poco, veramente poco. Ad esempio, che una delle figurine mascherate passasse di qua e dicesse che si era trattato di uno spiacevole equivoco, di una dabbenaggine dovuta unicamente alla fretta o all’imperizia, ma che non c’era nessuna malafede, tanto meno l’intenzione di attribuirsi un lavoro fatto da altri. Oppure, ancora più semplicemente, bastava che l’autore sbadato rettificasse il tiro, aggiungendo nel suo post il link all’articolo originale e il nome del traduttore. Avremmo fatto buon viso a cattivo gioco, in ogni caso. Nessuno infatti pretendeva delle scuse, per le quali c’è bisogno non di una presunta e pataccara aristocrazia delle anime ma di cultura ed etica allo stato nascente, di umiltà e coraggio insieme: tutte doti e qualità che è impossibile trovare in chi ha bisogno di camuffarsi e di recitare la sua effimera parte nell’esangue farsa corale che è diventata la comunicazione in rete, ben nascosto dietro la rassicurante, e illusoria, protezione di una maschera: di chi, alla resa dei conti, non si accorge nemmeno di fingere solo ed esclusivamente con se stesso e con i suoi fantasmi. Non meraviglia affatto, dunque, la scelta della strada più prevedibile, e più vile: cancellare tutto, sbarrare le porte e negare ogni accesso agli estranei: per continuare il gioco al riparo da occhi indiscreti, per conservare e rimirare nello specchio in frantumi di un’unica, inesorabile inesistenza da adepti del nulla, le sedute auto-masturbatorie e auto-assolutorie di una “Society” in tutto omologa ai parametri che definiscono il perfetto esemplare dell’homo zuckerbergiensis. Bene, continuate pure a giocare se ciò contribuisce in qualche modo a farvi sentire ancora in vita: ma non dimenticate di ricordare che non potrete contare su di noi né ora né mai, perché noi siamo da sempre fuori da sti ppagliacciate da replicanti e simulacri senza libertà e senza decoro: noi siamo persone serie, noi appartenimmo â morte.

Don’t forget to remember, Memory