Ecco 21

Valter Lauri

Valter Lauri

Ci sono generazioni intere di poeti che si affacciano, che ridetermineranno il canone della scrittura – alcuni di certo a buon diritto perché ne saranno capaci -, che si vedono dedicate antologie sugli anni ’60, ’70, ’80. E’ giusto che sia così, è nell’ordine naturale delle cose, va bene. A volte però ci si imbatte per caso in qualche pensionato che, dopo una vita intera passata a fare altro, sente il bisogno di scrivere. All’inizio sono pensieri sì carini, ma che fanno quasi sorridere e si accettano perché chi li ha messi giù ha acquisito quantomeno il diritto di essere ascoltato. Dopo un anno ti accorgi che le cose diventano serie, c’è una ricerca che procede, una consapevolezza espressiva che matura.

Dopo due o tre rimani sbigottito, perché pochissimi tra quelli anagraficamente giovani cresceranno così velocemente, avranno tanta voglia di mettersi in gioco. E pensi che invece qui c’è tanto da imparare, anche se a questa generazione non verranno dedicate antologie, e anche se fosse Valter Lauri, classe ’44, probabilmente ne sarebbe escluso proprio perché nella vita ha fatto altro. Peccato, perché non sempre serve scrivere tanto e a lungo, anzi a volte basta una sola poesia.(ft)

Ecco il naso è al centro del viso

Io sono il mio regno
sono un parente mai nato
uno sguardo che ad est
è già finito con il confine
ad ovest limitato dall’orizzonte.
A volte non sento il cielo
sulla testa, solo altra terra,
altra acqua che scorre.
Concordo con me stesso
che questo non è un mondo
di Settembre, ma piuttosto
una sotto stagione da inventare,
una libellula da imitare,
un militare da spogliare,
lasciarlo scalzo e disarmato.
Io sono questo mondo infame
con le lacrime che non fanno storia,
una lampadina spenta,
ci vorrebbe una bicicletta che non si sgonfi
o delle scarpe con le ruote
per evitare chi mi insegue.
Faccio fatica ad essere coerente
con la mia penna, con il foglio,
con quello che scrivo, quello che penso.
Per fortuna di notte non dormo,
ho dolori senza aver commesso niente.
Per fortuna sono sereno… quasi
come una fetta di pane raffermo,
come una bandiera rossa
che non sventola più,
ma che sta in paziente attesa.

27/09/2013

Per saperne di più sull’autore
e per leggere altri suoi testi.

 

***

8 pensieri riguardo “Ecco 21”

  1. Ci sono generazioni intere di poeti che si affacciano, di quelli che non escono mai da Milano, di quelli che stanno sull’Adriatico, di quelli che non escono mai di casa, non ridetermineranno il canone della scrittura, perché sono tristi, timidi abatini. Preferisco Valter Lauri che nella vita ha fatto altro, e sa cosa vuol dire.

  2. Bei versi. E bella l’immagine dell’uomo anziano (maturo, si dice?) aggrappato al tronco d’albero.
    Quanto alle antologie, lasciamo stare. Per fortuna tutti si muore.
    g.s.

  3. W chi nella vita ha fatto altro. Trovo questo testo forte, fortificante, privo di difetti, con tutti quei difetti che un testo deve mantenere.
    Saluti e grazie,
    Giampaolo

  4. Forse chi non frequenta troppo la poesia, può scrivere una poesia dalle immagini nuove. Concordo con Alessandro: “Per scrivere bisogna fare altro”: solo così la scrittura ti arriva alla gola come necessaria.
    M

  5. E’ l’autenticità la differenza. Il motore sentimentale che non è contaminato dal letterario. La vita di un uomo che circola fluida attraverso le sue parole. Durante la mia breve esperienza nella redazione di una rivista di poesia mi sono passati tra le mani testi di questa bellezza semplice che mi hanno riscattato da tante spatafiate retoriche e pretenziose. L’autore qui ci regala qualcosa di umano e vero, anche se quella tentazione moralistica (come dice giustamente Guglielmin) tira la giacca un pò dalla parte di una epifania ideologica che, però, visti i tempi, ci potrebbe stare alla grande.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.