Repertorio delle voci (XXVII)

Marilena Renda, Ruggine, 2012

Manuel Cohen
Marilena Renda

Nel grande cretto, tra Ethos
ed Epos, quasi un’allegoria.

    

Di Marilena Renda, leggiamo finalmente per intero l’articolato poemetto Ruggine, un testo dalla lunga gestazione, già apparso in rete nel 2009, rappresentato a teatro, e qui proposto in una stesura ulteriormente rivista in cui si è sistematicamente provveduto a uniformare il tutto, a renderlo continuum, narrazione quanto più possibile coerente e organica: è probabilmente in ragione di ciò che l’autrice ha eliminato quegli inserti nell’idioma di Erice, che ci era stato possibile leggere precedentemente.

Continua a leggere Repertorio delle voci (XXVII)

Annunci