2 pensieri riguardo “Quaderni delle Officine (XLII)”

  1. Splendidi questi schedari di Luigi. Ogni tema potrebbe essere oggetto di un arcipelago di saggi, e invece viene trattato con leggerezza da acquerello. L’ininterrotta riflessione di Sasso sui modi dell’arte, di cui sono testimone come suo amico e lettore dei suoi libri, emerge da questi Schedari con ancora maggiore naturalezza, proprio perché la brevità consente una lettura ancora più efficace. Si tratta di una forma di “saggismo per variazioni”, che con gentilezza conduce lettore e scrittore verso l’ineluttabile dissolversi. Consiglio la lettura e la rilettura di questi testi come piccolo conforto in questi anni di piattezza.

  2. Questi agilissimi ma profondi saggi di Luigi Sasso sono preziosissimi per me e hanno il pregio di esortarti e rinfrancarti; essi hanno una densità cristallina luminescente e si snodano in una forma colloquiale sincera.
    Se i saggi fossero scritti così non verrebbero mai a noia perchè si fanno ascolto e parola, dialogo e compiacimento per la generosità delle riflessioni offerte.
    Molte grazie a Luigi Sasso, a F.M, a Marco Ercolani e saluti cari a tutti, Gaetano dall’Irpinia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.